L'Iran ci ripensa: i lottatori statunitensi potranno partecipare alla Coppa del Mondo

Teheran aveva deciso di rispondere al divieto di Trump con la stessa moneta; poi, il ripensamento, per mostrare l'accoglienza iraniana e musulmana, ma anche per la sospensione del 'Muslim Ban'
Ap

L'Iran ha deciso di permettere l'ingresso nella Repubblica islamica agli atleti statunitensi di lotta libera, che potranno quindi partecipare alla Coppa del mondo, in programma il 16 e 17 febbraio a Kermanshah, nella parte occidentale del Paese.

Il ministro degli Esteri, Mohammad Javad Zarif, ha scritto su Twitter che "i visti saranno concessi", al contrario di quanto affermato la scorsa settimana. Nei giorni scorsi, un gruppo di 72 professori della prestigiosa Università Sharif di Teheran aveva esortato il governo a lasciar entrare in Iran i lottatori statunitensi, per non agire allo steso modo "vergognoso" degli Stati Uniti e mostrare l'accoglienza iraniana e musulmana.

L'Iran, inizialmente, aveva deciso di rispondere all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump, che per 90 giorni ha vietato l'ingresso negli Stati Uniti dei cittadini di sette Stati, tra cui l'Iran, con un divieto per i lottatori statunitensi. Poi, il ripensamento, determinato anche dalla sospensione del 'Muslim Ban' decisa da un giudice.

La lotta è molto popolare in Iran e la squadra statunitense ha combattuto nel Paese a partire dalla Takhti Cup del 1998, dopo un'assenza di quasi 20 anni, a causa delle difficili relazioni diplomatiche tra Teheran e Washington. Secondo i media statunitensi, dal 1998 i lottatori statunitensi hanno gareggiato in Iran per 15 volte, mentre gli iraniani hanno partecipato a 16 competizioni negli Stati Uniti a partire dagli anni '90.

La federazione statunitense non era stata molto ottimista sulla partecipazione della sua squadra, composta da 13 atleti, due allenatori e da altri membri dello staff, e anche il tentativo della United World Wrestling, la federazione internazionale, era sembrato inutile. La federazione aveva espresso il desiderio di vedere gli atleti statunitensi in Iran, visto che "la cooperazione tra le federazioni di questi due Paesi è diventata un punto di riferimento per il nostro sport. I lottatori di queste nazioni hanno sempre mostrato il più alto livello di sportività e le loro sincere interazioni sono diventate sinonimo della capacità del nostro sport di trascendere la politica". Le ultime tre edizioni della Coppa del Mondo di lotta libera maschile sono state disputate a Los Angeles, negli Stati Uniti: a vincere è sempre stata la squadra iraniana.

Altri Servizi

Gentiloni: costruire una società aperta, no a barriere e muri

Il presidente del consiglio all'assemblea generale Onu parla di cooperazione e dell'esperienza dell'Europa. E poi di Libia, Siria, terrorismo, clima e del fatto che solo uniti si possono affrontare le sfide. Ma su Trump non va all'attacco diretto

La Fed annuncia storica riduzione del bilancio, rialzo tassi rimandato

La normalizzazione inizierà a ottobre. Terza stretta prevista forse a dicembre nonostante i danni provocati dagli uragani
AP

Clinton spiana la strada a Bloomberg e conia termine per il populismo di destra

E' "tribalismo separatista". Il 42esimo presidente americano promuove un'agenda inclusiva durante un evento che ha preso il posto della sua Clinton Global Initiative
Bloomberg

Franca Sozzani continua a ispirare l'impegno sociale

Lanciato un premio in onore della direttrice di Vogue Italia scomparsa nel dicembre 2016. Naomi Campbell, Iman, Beatrice Borromeo e Afef Jnifen, a New York per ricordarla nella settimana Onu unendo moda e solidarietà

Wall Street non teme la normalizzazione della Fed

Chiusura record per Dow e S&P 500
AP

Gentiloni guarda al futuro. La ripresa c'è, ma attenzione ai populismi

Il presidente del Consiglio a New York per l'apertura dell'assemblea generale dell'Onu. All'Europa chiede politiche comuni per i migranti e alla chiusura di Trump risponde con il multilateralismo. Oggi il suo intervento

Gentiloni: anche l'Italia, non solo gli Usa, tutela i propri interessi nazionali

Il presidente del consiglio sottolinea l'approccio multilaterale del nostro Paese. Con l'America, "rapporto di collaborazione strettissima". Fincantieri-Stx? Ottimista
Palazzo Chigi /T. Barchielli

Migranti, Alfano: investire sui Paesi di origine, rapporto più stretto Europa-Africa

Così il ministro degli Esteri da New York, consapevole che per molti politici è una strategia politicamente scomoda nel breve termine
Farnesina

Trump all'Onu: "Prima gli Usa. Pronti a distruggere la Corea del Nord"

Primo intervento al Palazzo di Vetro del 45esimo presidente degli Stati Uniti, che ha attaccato duramente anche l'Iran, uno Stato "canaglia"