L'Iran ci ripensa: i lottatori statunitensi potranno partecipare alla Coppa del Mondo

Teheran aveva deciso di rispondere al divieto di Trump con la stessa moneta; poi, il ripensamento, per mostrare l'accoglienza iraniana e musulmana, ma anche per la sospensione del 'Muslim Ban'
Ap

L'Iran ha deciso di permettere l'ingresso nella Repubblica islamica agli atleti statunitensi di lotta libera, che potranno quindi partecipare alla Coppa del mondo, in programma il 16 e 17 febbraio a Kermanshah, nella parte occidentale del Paese.

Il ministro degli Esteri, Mohammad Javad Zarif, ha scritto su Twitter che "i visti saranno concessi", al contrario di quanto affermato la scorsa settimana. Nei giorni scorsi, un gruppo di 72 professori della prestigiosa Università Sharif di Teheran aveva esortato il governo a lasciar entrare in Iran i lottatori statunitensi, per non agire allo steso modo "vergognoso" degli Stati Uniti e mostrare l'accoglienza iraniana e musulmana.

L'Iran, inizialmente, aveva deciso di rispondere all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump, che per 90 giorni ha vietato l'ingresso negli Stati Uniti dei cittadini di sette Stati, tra cui l'Iran, con un divieto per i lottatori statunitensi. Poi, il ripensamento, determinato anche dalla sospensione del 'Muslim Ban' decisa da un giudice.

La lotta è molto popolare in Iran e la squadra statunitense ha combattuto nel Paese a partire dalla Takhti Cup del 1998, dopo un'assenza di quasi 20 anni, a causa delle difficili relazioni diplomatiche tra Teheran e Washington. Secondo i media statunitensi, dal 1998 i lottatori statunitensi hanno gareggiato in Iran per 15 volte, mentre gli iraniani hanno partecipato a 16 competizioni negli Stati Uniti a partire dagli anni '90.

La federazione statunitense non era stata molto ottimista sulla partecipazione della sua squadra, composta da 13 atleti, due allenatori e da altri membri dello staff, e anche il tentativo della United World Wrestling, la federazione internazionale, era sembrato inutile. La federazione aveva espresso il desiderio di vedere gli atleti statunitensi in Iran, visto che "la cooperazione tra le federazioni di questi due Paesi è diventata un punto di riferimento per il nostro sport. I lottatori di queste nazioni hanno sempre mostrato il più alto livello di sportività e le loro sincere interazioni sono diventate sinonimo della capacità del nostro sport di trascendere la politica". Le ultime tre edizioni della Coppa del Mondo di lotta libera maschile sono state disputate a Los Angeles, negli Stati Uniti: a vincere è sempre stata la squadra iraniana.

Altri Servizi

Usa: il segretario al Tesoro brinda al dollaro forte

Per Mnuchin, intervistato dal Wall Street Journal, è il segno della fiducia nell'economia americana. Il presidente Trump aveva detto che il biglietto verde è "troppo forte"
Wikimedia Commons

Nella sua prima intervista da quando è diventato segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin ha detto che un dollaro forte è il segno della fiducia nell'economia Usa. Le sue parole contrastano con quelle del presidente Donald Trump, che aveva detto che la divisa Usa è "troppo forte".

Amministrazione Trump "molto delusa" per l'estradizione di de Sousa

L'ex agente della Cia condannata per il rapimento di Abu Omar sarà consegnata dal Portogallo all'Italia, dove deve scontare una pena di 4 anni. Sarebbe la prima a 'pagare' per il programma delle 'extraordinary renditions' degli Stati Uniti

L'amministrazione Trump è "profondamente delusa" per l'imminente estradizione di Sabrina de Sousa, l'ex agente della Cia condannata dal Tribunale di Milano per il rapimento di Abu Omar, che sarà consegnata dal Portogallo alle autorità italiane nei prossimi giorni.

La Fed segnala un rialzo dei tassi "relativamente presto"

Una stretta a marzo resta possibile. Incertezza legata ai cambiamenti della politica fiscale di Trump. Lanciato un avvertimento: gli stimoli e i tagli alle tasse promessi "potrebbero non materializzarsi"

Forse un rialzo dei tassi nella riunione di marzo non ci sarà ma di sicuro verrà preso in considerazione. E' questo il messaggio che emerge dai verbali pubblicati oggi dalla Federal Reserve e relativi al meeting del 31 gennaio e primo febbraio scorsi. Allora molti membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale americano dissero che potrebbe essere "appropriato" aumentare di nuovo il costo del denaro "relativamente presto". Cosa ciò significhi non è dato sapere ma chiaramente la Fed vuole preparare il mercato una possibile stretta futura.

Tiffany: l'italiano Trapani entra nel cda

L'ex Ceo di Bulgari aiuterà nella ricerca del nuovo amministratore delegato della catena americana di gioiellerie

La catena di gioiellerie Tiffany ha siglato un accordo con l'investitore attivista Jana Partners in base al quale aggiungerà tre direttori indipendenti nel suo consiglio di amministrazione, che sarà composto da 13 persone e non più 10. Tra di loro, non più tardi dei sei marzo prossimo ci sarà anche l'italiano Francesco Trapani, ex Ceo di Bulgari.

Scoperti sette pianeti simili alla Terra

Ruotano introno alla stella TRAPPIST-1 e sono abbastanza vicini al nostro sistema solare. Potrebbero ospitare acqua allo stato liquido e forse anche la vita

La scoperta di oggi della NASA non solo ci dà la possibilità di sognare, ma potrebbe essere l'inizio di uno studio per capire se esiste la vita all'esterno della Terra. L'agenzia spaziale americana ha annunciato che un team internazionale di scienziati ha scoperto un sistema di sette pianeti rocciosi, di dimensioni simili alla Terra che ruotano attorno a una stella nana, TRAPPIST-1.

Sono passati 51anni dalla morte di Malcolm X

L'attivista per i diritti degli afroamericani fu assassinato il 21 febbraio 1965 a New York

Cinquantuno anni fa, il 21 febbraio 1965, moriva uno dei più importanti leader per i diritti degli afroamericani e i diritti umani in genere che il ventesimo secolo ricordi: Malcolm X. L'attivista fu assassinato durante un comizio a Manhattan all'età di 39 anni, con sette colpi di pistola, dai membri dell'associazione della quale era un tempo portavoce: la Nation of Islam.

Nel Giorno dei presidenti, previste manifestazioni contro Trump

Originariamente, con il Presidents' Day si commemorava la nascita di George Washington; poi Nixon la trasformò nella festa di tutti i presidenti

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, ha naturalmente usato il suo mezzo preferito, Twitter, per augurare agli americani di passare una bella giornata, ribadendo poi il suo slogan elettorale: "Felice Giorno dei Presidenti. Make America Great Again!".

Washington Post, nuovo slogan anti-Trump sul sito: "La democrazia muore nell'oscurità"

La scritta è apparsa sotto il nome della testata. Per Steve Bannon, il superconsigliere del presidente, invece, "l'oscurità è una cosa buona"
AP

"La democrazia muore nell'oscurità". Da ieri sera, questa scritta appare, in corsivo, sotto il nome della testata della versione online del Washington Post, che porta a un ulteriore livello lo scontro con Donald Trump. Per Steve Bannon, il superconsigliere del presidente degli Stati Uniti, invece, "l'oscurità è una cosa buona".

Un ‘President Day’ di polemiche

L'America festeggia il compleanno di George Washington e i suoi successori, ma i critici dell'attuale presidente hanno scelto proprio questo giorno per manifestare. Lo slogan: "Not My President Day" A breve sarà reso noto anche il decreto immigrazione bis

In America, come ogni ogni terzo lunedì di Febbraio, è President Day. Si celebra infatti il compleanno di George Washington e contemporaneamente il 'Giorno dei presidenti', in onore di tutti i suoi successori. Gli Stati Uniti si fermano, con uffici, banche e mercati che oggi resteranno chiusi. Quest’anno questa festa americana assume però anche una sfumatura polemica, con gli attivisti di sinistra e i detrattori di Donald Trump pronti a manifestare nelle strade di tutte le principali città al coro di ‘Not my President Day’: non è il nostro presidente.

Trump sceglie McMaster come nuovo consigliere per la sicurezza nazionale

Segue Michael Flynn, dimessosi su richiesta del presidente Usa dopo 24 giorni dall'incarico. Il suo successore è considerato uno stratega di punta dell'esercito

Il presidente americano Donald Trump ha scelto uno stratega militare per diventare il suo nuovo consigliere per la sicurezza nazionale al posto di Michael Flynn, costretto a dimettersi dall'incarico dopo 24 giorni per avere fuorviato il vice Mike Pence sulla natura delle conversazioni avute con l'ambasciatore russo in Usa.