Trump incontra Netanyahu. "Per la pace in Medio Oriente non serve la soluzione dei due stati"

Il presidente Usa riceve il primo ministro israeliano alla Casa Bianca e per la prima volta dopo anni mette in dubbio la soluzione sostenuta dagli Stati Uniti. Poi assicura: "Faremo un grande accordo di pace"

Donald Trump e Benjamin Netanyahu sono concordi su tutto, ponendo le basi per una alleanza totale sui temi del terrorismo, della Palestina e dell'Iran. In questo modo il presidente americano ha voluto prendere le distanze dalle politiche di Barack Obama, soprattutto su Teheran e sulla questione Palestinese.

"Uno dei peggiori accordi mai visti è quello con l'Iran. Farò di più per impedire all'Iran di sviluppare un'arma nucleare", ha esordito Trump nella conferenza congiunta con il primo ministro israeliano dalla Casa Bianca, ricordando che le sfide che Israele affronta per la sua sicurezza sono "enormi".

Altro tema centrale è la pace tra Israele e Palestina, che per Trump arriverà "ve lo prometto". In che modo? Trump sostiene che ci sarà un "grande accordo". "Mi piacerebbe una soluzione a due Stati o a uno Stato" e "sarò felice con quello che piacerà a israeliani e palestinesi" ha detto Trump, durante la conferenza stampa congiunta con il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu. Un importante cambiamento per la politica americana che da anni parla della soluzione dei due stati come la unica percorribile.

Trump ha detto che una volta pensava che la soluzione a due Stati fosse la più semplice, ma ora non ne è più così sicuro. Il presidente statunitense ha poi detto che preferirebbe che Israele "fermasse la costruzione degli insediamenti per un po'" e che incoraggerà un accordo di pace tra le due parti, ma che entrambe dovranno scendere a compromessi; al negoziato per la pace in Medio Oriente potrebbero partecipare molti Paesi, ha aggiunto Trump.

Secondo il presidente, gli israeliani dovranno mostrare un po' di flessibilità, mentre i palestinesi dovranno sbarazzarsi "dell'odio" che insegnano ai ragazzi sin dai primi anni di vita. Sullo spostamento dell'ambasciata a Gerusalemme, Trump ha poi aggiunto: "Mi piacerebbe che succedesse, seguiamo questa possibilità con grande attenzione". In tutto questo c'è anche un attacco all'Onu che per Trump ha trattato in modo ingiusto Israele. "Non accettiamo le azioni a senso unico contro Israele da parte dell'Onu", ha aggiunto il presidente.

Poi è arrivata la risposta di Netanyahu che oltre a confermare totalmente le parole di Trump ha aggiunto: "La Palestina deve riconoscere lo stato degli ebrei, ma per ora i pre-requisiti per arrivare a una pace sono stati negati dalla Palestina. Questo è l'elemento del conflitto, ma questa condizione deve cambiare, voglio che cambi". In questo senso Netanyahu ha voluto anche parlare personalmente del suo rapporto con Trump e con la sua famiglia, che conosce da anni. "Trump è fortemente impegnato per la sicurezza di Israele ed è amico del nostro stato".

Altri Servizi

Gli Usa celebrano il Giorno del ringraziamento, mangiando tacchino

Ecco perché ogni presidente di turno, da Lincoln a Trump, ha graziato un esemplare dell'animale.
Official White House Photo / Andrea Hanks

Nel giorno del ringraziamento gli americani (animalisti esclusi) mangiano il tacchino.

La Fed segnala una stretta a dicembre ma l'inflazione preoccupa

C'è chi teme anche la creazione di "squilibri" finanziari dovuti al rally dei prezzi delle varie asset class. Un loro cambio di rotta repentino lederebbe l'economia. Taglio delle tasse visto come più probabile

L'ex medico della nazionale Usa di ginnastica si è dichiarato colpevole di abusi sessuali

Larry Nassar ha ammesso per la prima volta gli abusi su sette ragazzine; ad accusarlo, però, sono più di 130 ex pazienti, tra cui tre campionesse olimpiche

L'assassinio di JFK 54 anni fa. Ecco come reagì Wall Street

Tutto iniziò con un rumor. Poi il selloff. Il New York Stock Exchange chiuse in anticipo. Seduta da panico. Dow Jones -2,9%

Wall Street digerisce i verbali del Fomc

Prevista una stretta a dicembre. Investitori alla finestra alla vigilia del Giorno del ringraziamento
AP

Hacker contro Uber: rubati dati di 57 milioni di utenti

Per Bloomberg il gruppo avrebbe pagato riscatto da 100.000 dollari per far cancellare i dati ai pirati

Disney: la mente creativa di Pixar si prende sei mesi, commessi "passi falsi"

John Lasseter chiede scusa. Donne costrette a voltare la faccia e a ricorrere a stratagemmi per evitare baci e palpeggiamenti
AP

HP perde quota dopo i conti ma le vendite di PC vanno bene

Deludono gli utili annuali, calati a 2,5 miliardi di dollari. Il gruppo ha alzato le stime per l'esercizio 2018

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny