Trump incontra Netanyahu. "Per la pace in Medio Oriente non serve la soluzione dei due stati"

Il presidente Usa riceve il primo ministro israeliano alla Casa Bianca e per la prima volta dopo anni mette in dubbio la soluzione sostenuta dagli Stati Uniti. Poi assicura: "Faremo un grande accordo di pace"

Donald Trump e Benjamin Netanyahu sono concordi su tutto, ponendo le basi per una alleanza totale sui temi del terrorismo, della Palestina e dell'Iran. In questo modo il presidente americano ha voluto prendere le distanze dalle politiche di Barack Obama, soprattutto su Teheran e sulla questione Palestinese.

"Uno dei peggiori accordi mai visti è quello con l'Iran. Farò di più per impedire all'Iran di sviluppare un'arma nucleare", ha esordito Trump nella conferenza congiunta con il primo ministro israeliano dalla Casa Bianca, ricordando che le sfide che Israele affronta per la sua sicurezza sono "enormi".

Altro tema centrale è la pace tra Israele e Palestina, che per Trump arriverà "ve lo prometto". In che modo? Trump sostiene che ci sarà un "grande accordo". "Mi piacerebbe una soluzione a due Stati o a uno Stato" e "sarò felice con quello che piacerà a israeliani e palestinesi" ha detto Trump, durante la conferenza stampa congiunta con il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu. Un importante cambiamento per la politica americana che da anni parla della soluzione dei due stati come la unica percorribile.

Trump ha detto che una volta pensava che la soluzione a due Stati fosse la più semplice, ma ora non ne è più così sicuro. Il presidente statunitense ha poi detto che preferirebbe che Israele "fermasse la costruzione degli insediamenti per un po'" e che incoraggerà un accordo di pace tra le due parti, ma che entrambe dovranno scendere a compromessi; al negoziato per la pace in Medio Oriente potrebbero partecipare molti Paesi, ha aggiunto Trump.

Secondo il presidente, gli israeliani dovranno mostrare un po' di flessibilità, mentre i palestinesi dovranno sbarazzarsi "dell'odio" che insegnano ai ragazzi sin dai primi anni di vita. Sullo spostamento dell'ambasciata a Gerusalemme, Trump ha poi aggiunto: "Mi piacerebbe che succedesse, seguiamo questa possibilità con grande attenzione". In tutto questo c'è anche un attacco all'Onu che per Trump ha trattato in modo ingiusto Israele. "Non accettiamo le azioni a senso unico contro Israele da parte dell'Onu", ha aggiunto il presidente.

Poi è arrivata la risposta di Netanyahu che oltre a confermare totalmente le parole di Trump ha aggiunto: "La Palestina deve riconoscere lo stato degli ebrei, ma per ora i pre-requisiti per arrivare a una pace sono stati negati dalla Palestina. Questo è l'elemento del conflitto, ma questa condizione deve cambiare, voglio che cambi". In questo senso Netanyahu ha voluto anche parlare personalmente del suo rapporto con Trump e con la sua famiglia, che conosce da anni. "Trump è fortemente impegnato per la sicurezza di Israele ed è amico del nostro stato".

Altri Servizi

Alphabet: i conti tengono nonostante la fuga degli inserzionisti da YouTube

Utili in rialzo del 29% nel primo trimestre e ricavi in aumento del 22%. Il cost-per-clickè sceso del 21% sui siti Google
Shutterstock

Alphabet ha chiuso il suo primo trimestre fiscale con utili per 5,43 miliardi, in rialzo dai 4,2 miliardi dello stesso periodo del 2016 (+29%). Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono passati a 7,73 dollari da 6,02 dollari ma gli analisti si aspettavano quota 7,39 dollari. I ricavi sono aumentati del 22% a 24,75 miliardi, oltre le attese per 24,22 miliardi.

Amazon: nel primo trimestre, utili e ricavi cresciuti più delle stime

La divisione di cloud computing continua a premiare. Svelate per la prima volta le vendite associate alla logistica. Nuovo record per il titolo del gruppo
AP

Amazon ha chiuso il primo trimestre del 2017 con utili saliti annualmente del 41% e ricavi in aumento del 23% superando le stime degli analisti.

Trump promette taglio tasse corporate al 15%, resta nodo coperture. Mnuchin: riforma storica

Si rispolvera la teoria che l'economista Arthur Laffer aveva delineato nel 1974: i tagli delle tasse si "pagheranno" da soli con la crescita economica innescata dalla riduzione fiscale.

La tanto attesa proposta di Donald Trump sulla riforma fiscale americana sarà presentata oggi, attorno alle 19.30 italiane. Qualche dettaglio, confermato per altro dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin durante un evento a Washington, si sa già: il presidente proporrà un alleggerimento della tassazione dei profitti generati all'estero e una riduzione dell'aliquota corporate dal 35 al 15%, un taglio maggiore di quello al 28% ipotizzato, senza successo, da Barack Obama e di quello al 25% suggerito dai repubblicani nel 2014.

United: i bonus diventano legati all'esperienza dei passeggeri

Il Ceo non assumerà automaticamente il ruolo di presidente del cda nel 2018, come previsto. La compagnia aerea si riorganizza dopo le polemiche legate al passeggero prelevato violentemente da un aereo in overbooking
United

Bonus dei dipendenti legati all'esperienza dei passeggeri e niente promozione automatica dell'amministratore delegato. Sono queste le principali modifiche organizzative decise da United Airlines, la compagnia aerea travolta dalle polemiche dopo che la polizia aeroportuale di Chicago aveva prelevato di peso un passeggero da un aereo in overbooking della compagnia. Il risultato? L'uomo ultra sessantenne ha perso due denti, ha subito una concussione oltre a una frattura del naso. L'azienda ha rimborsato tutti i passeggeri di quel volo e ha dato il via a un'inchiesta interna.

Trump svela la "maggiore riforma fiscale dal 1986", ma mancano i dettagli

Proposto un taglio dell'aliquota aziendale al 15% dal 35%. Raddoppiato il livello di redditi non tassati per le famiglie. Eliminata la tassa di successione. Obiettivo: spingere crescita (per coprire le entrate che veranno a mancare)

Donald Trump l'ha definita "grandiosa". Il suo consigliere economico la considera "un'opportunità che capita una volta per generazione". Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l'occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare "migliaia di miliardi di dollari" di utili parcheggiati all'estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la "maggiore dal 1986" non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole s" promuovere "uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa" ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Dal muro con il Messico alla riforma fiscale: i primi 100 giorni di Trump

Un periodo trascorso tra promesse, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni. Tra i momenti più importanti, il record del Dow Jones, la bocciatura della riforma sanitaria alla Camera, gli screzi con gli alleati della Nato, i missili lanciati in Siria

O'Sullivan a Trump: senza Europa, niente America Great Again

L'ambasciatore Ue negli Stati Uniti, da New York, critica il focus dell'amministrazione Usa sugli accordi bilaterali e sui deficit commerciali. Il presidente americano non è cheerleader dell'integrazione Ue ma ha bisogno di Vecchio Continente prospero