Uragano Irma, polemica contro le compagnie aeree per i rincari sui voli dalla Florida

Mentre gli Stati Uniti si preparano ad affrontare una delle tempesta più potenti degli ultimi 100 anni, le linee aeree sono finite sotto accusa per il brusco rincaro dei prezzi dei voli in partenza dalla Florida
iStock

L’uragano Irma procede la sua corsa verso la Florida e mentre il tempo per fuggire è ormai finito, con la gente barricata in casa o in uno dei quasi 400 rifugi creati per affrontare la tempesta, sui social continua la polemica contro le linee aeree americane, colpevoli di aver incrementato a dismisura i prezzi dei voli in partenza dal Sunshine State nei giorni scorsi.

Tra coloro che hanno sottolineato il "price gouging" (ovvero il rincaro dei prezzi di beni e servizi ad un livello di gran lunga superiore a quello ritenuto ragionevole, soprattutto in prossimità di calamità naturali) ci sono anche senatori Richard Blumenthal del Connecticut e Edward J. Markey del Massachusetts. I due hanno infatti scritto al Segretario Trasporti, Elaine L. Chao, chiedendole di esaminare tutte le segnalazioni su una possibile speculazione sui prezzi da parte delle compagnie aeree americane a causa di Irma.

A scatenare le prime polemiche è stato un tweet postato da Leigh Dow e diventato virale con oltre 50mila retweet. La donna, alla ricerca di un volo per la figlia di un’amica, ha segnalato il folle rincaro di un volo Delta di sola andata da Miami a Phoenix in partenza mercoledì 6 settembre, passato da 547,50 dollari a oltre 3200 dolalri. Delta, come ha riportato nei giorni scorsi il Washington Post, ha risposto tramite il suo portavoce Trebor Banstetter dicendo che "l’aumento dei prezzi non è stato causato dall’uragano Irma". Eppure non sono state date spiegazioni circa il costo del biglietto segnalato nel tweet di Dow.

Le lamentele dei cittadini della Florida non sono però arrivate solo via social. Come riporta il New York Times infatti da lunedì scorso a venerdì sono state oltre 7.000 le lettere di protesta arrivate all’ufficio del procuratore generale della Florida, Pamela Bondi. Nelle missive non sono stati presi di mira solo gli aumenti dei biglietti aerei ma anche i rincari sui beni di prima necessità come acqua, cibo e benzina.

Per quanto riguarda la lettera spedita al segretario dei Trasporti dai due senatori si legge invece che "le compagnie aeree hanno sì il diritto ad avere un guadagno ragionevole per i servizi offerti in una situazione del genere ed è altrettanto normale aspettarsi un rincaro dei prezzi", ciò che non è ammissibile secondo Blumenthal e Markey è che le stesse compagnie "impongano prezzi esorbitanti approfittando delle paure degli americani che cercano di mettersi in salvo".

A chiedere un intervento al segretario Chao è stato anche Charlie Crist, ex governatore della Florida dal 2007 al 2011 e oggi membro della Camera per lo stesso stato, che in una lettera ha chiesto l’apertura di un’inchiesta sulle compagnie aeree statunitensi.

Si tratta di una situazione che di certo non giova ad un settore che negli ultimi tempi ha dovuto affrontare diverse problematiche, eppure secondo alcuni si tratta di una situazione in linea con le oscillazioni del mercato legate ai volo last minute. "Certo, alcuni prezzi sono molto alti, ma le tariffe 'dell'ultimo minuto' sono spesso più costose", ha scritto George Hobica, fondatore di AirfareWatchdog.com, in una e-mail inviata al giornale di New York. "Non credo che le compagnie aeree sarebbero state talmente spietate o stupide da alzare consapevolmente le tariffe".

Altri Servizi

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Europa e Usa insieme per discutere del piano di pace in Medio Oriente di Trump

Londra sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle potenze europee (e arabe) e gli uomini del presidente Usa che si occupano del dossier, ovvero Kushner e Greenblatt, che nei prossimi giorni saranno in Israele, Egitto e Arabia Saudita
iStock

In attesa del piano di pace per il Medio Oriente della Casa Bianca, il Regno Unito sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle principali potenze europee e arabe con il 'peace team' del presidente statunitense Donald Trump, guidato dal genero Jared Kushner e da Jason Greenblatt. A scriverlo è il giornalista israeliano Barak Ravid, collaboratore del sito Axios.

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia statunitense sul 'caso e-mail' di Hillary Clinton "distrugge totalmente" l'ex direttore dell'Fbi, James Comey. A ribadirlo, su Twitter, è stato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui questo periodo sarà ricordato come "il più buio e pericoloso nella storia americana!".

Wall Street, nuovi timori di guerre commerciali

I dazi di Trump alla Cina pesano sui mercati
iStock

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, promulgherà la legge sull'immigrazione che il Congresso deciderà di approvare tra le due in discussione; lo ha riferito la Casa Bianca, nonostante Trump, poche ore prima, avesse espresso in tv la sua contrarietà alle proposte di legge che saranno votate nei prossimi giorni alla Camera e che hanno l'obiettivo di trovare anche una soluzione per i Dreamers, ovvero gli immigrati arrivati da bambini, senza documenti, protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Trump (ma lo stop è bloccato in tribunale).

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, promulgherà la legge sull'immigrazione che il Congresso deciderà di approvare tra le due in discussione; lo ha riferito la Casa Bianca, nonostante Trump, poche ore prima, avesse espresso in tv la sua contrarietà alle proposte di legge che saranno votate nei prossimi giorni alla Camera e che hanno l'obiettivo di trovare anche una soluzione per i Dreamers, ovvero gli immigrati arrivati da bambini, senza documenti, protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Trump (ma lo stop è bloccato in tribunale).

Al via la guerra tra Comcast e Disney per aggiudicarsi gli asset di Fox

La controllante di NBCUniversal offre 65 miliardi di dollari in contanti contro la proposta in azioni da 52,4 miliardi del gruppo guidato da Bob Iger. Murdoch al bivio

La guerra tra Comcast e Walt Disney è ufficialmente iniziata. E Rupert Murdoch studia la situazione.

La Casa Bianca contro Trudeau

Kudlow: il premier canadese ha "tradito" Trump. Navarro: "ha pugnalato alle spalle il nostro presidente". Usa e Canada sull'orlo di una guerra commerciale

E' scontro diretto tra l'America di Donald Trump e il Canada. Oltre ad avere messo fine all'idillio tra il presidente americano e quello francese, Emmanuel Macron, il G7 canadese ha portato a uno scontro diretto tra Stati Uniti e la nazione guidata da Justin Trudeau. E il rischio è una guerra commerciale tra due Paesi che sono teoricamente alleati e partner.

Usa impongono dazi su 50 miliardi di dollari di importazioni cinesi

Camera di Commercio americana: "Non è il giusto approccio". Pechino promette risposta "immediata" e della stessa portata. Guerra tra le due potenze mondiali sempre più vicina

La guerra commerciale tra Usa e Cina è sempre più vicina. Il presidente americano Donald Trump ha dato il via libera a dazi del 25% contro prodotti tecnologici cinesi per 50 miliardi di dollari e ha messo in guardia la nazione asiatica: eviti di reagire altrimenti Washington farà scattare altre tariffe doganali. Pechino ha ignorato l'avvertimento e ha promesso una risposta "immediata" e di pari portata alla mossa americana. Tutti i "risultati" delle consultazioni che le due nazioni hanno avuto fino ad ora non sono più validi, ha aggiunto il ministero cinese del Commercio.

Fmi mette in guardia gli Usa e cita il rischio di recessione

L'istituto guidato da Christine Lagarde ha ottime prospettive nel breve termine per l'America ma le politiche commerciali e fiscali non convincono. E nel 2023 stime di crescita del Pil pari alla metà di quella della Casa Bianca

Il Fondo monetario internazionale ha lanciato un avvertimento all'amministrazione Trump spingendosi a citare il rischio di una possibile recessione tra quelli individuati. La causa scatenante potrebbe essere la sua politica fiscale prociclicia. E le misure commerciali non fanno che peggiorare il quadro. Non a caso l'istituto di Washington ha presentato stime di cresciuta più conservative di quelle della Casa Bianca nel lungo termine. Con il venire meno, dal 2020, dell'effetto positivo dato dagli stimoli fiscali Usa, la crescita americana secondo il Fondo rallenterà a un +1,4% nel 2023 contro il +1,8% previsto dalla Federal Reserve e la promessa di Trump di un +3%.