Irma rallenta e vira verso Tampa, ma Miami in pericolo. Il governatore Scott: rischio potenzialmente mortale

Complessivamente, secondo gli esperti, Irma potrebbe lasciarsi alle spalle danni per oltre 200 miliardi di dollari, di cui 135 miliardi solo in Florida. Circa 9 milioni di persone potrebbero restare senza energia elettrica. Coprifuoco a Miami.

Irma, ora uragano di categoria 3, ma secondo le previsioni riguadagnerà forza nelle prossime ore (continua a oscillare tra la categoria 4 e 5, la più alta e pericolosa), viaggia verso la Florida e, dopo avere colpito Cuba, si prepara ad arrivare sulle isole Florida Keys nella mattina di domenica, con venti che soffiano a 200 chilometri all'ora, per poi muoversi verso Miami, che potrebbe essere investita solo marginalmente se l'occhio del ciclone si spostasse ulteriormente verso ovest.

Al momento infatti, come ha fatto sapere il National Hurricane Center (Nhc), Irma sta virando e l'occhio del ciclone finirà sopra la città di Tampa e nella zona di Tampa Bay, ma i rischi per Miami restano comunque altissimi. Dopo avere toccato le Florida Keys nella mattina di domenica, arrivare nel pomeriggio a Tampa e quindi andare verso la South Carolina e la Georgia.

L'allerta resta massimo e a Miami è comunque stato dichiarato il coprifuoco dalle 20 di sabato (le 2 di notte di domenica in Italia). Il governatore della Florida, Rick Scott, non ha usato mezzi termini: "Non si sopravvive a questa tempesta, è una situazione potenzialmente mortale. Non aspettate che l'uragano sia arrivato per andare via. Evacuate ora le città, non tra un'ora o stanotte, andate via ora. Le case e le proprietà si ricostruiscono, la vostra famiglia non si sostituisce", ha detto parlando ai giornalisti e ricordando che è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Detto questo, ha spiegato, lo Stato sta facendo tutto il possibile per prepararsi a Irma: "La Florida è resistente, indistruttibile, stiamo uniti e aiutiamoci", ha detto, ricordando che la protezione civile è stata allertata e che si sta facendo il possibile per mettere in sicurezza case, reti elettriche e idriche. Il rischio è che Irma, che ha già provocato 27 vittime nei Caraibi, provochi danni ingenti anche in Florida.

Complessivamente, secondo gli esperti, Irma potrebbe lasciarsi alle spalle danni per oltre 200 miliardi di dollari, di cui 135 miliardi solo in Florida. Per fare un paragone, nel 2005 Katrina aveva provocato devastazione e costi per 165 miliardi. Inoltre, circa 9 milioni di persone, su una popolazione di 20,6 milioni nello Stato, potrebbero restare senza energia elettrica.

L'uragano non è ancora arrivato, ma gli esperti tremano soprattutto per le coltivazioni: si temono danni alla produzione agricola, in particolare quella di pomodori, arance e altre verdure, per 1,2 miliardi di dollari. Sebbene l'economia della Florida sia diversificata, l'agricoltura continua a essere determinante e lo Stato è il secondo maggiore fornitore dei supermercati americani, dopo la California.

Tremano anche le compagnie di assicurazione, visto che secondo le stime di CoreLogic potrebbero essere colpiti 8,5 milioni di abitazioni solo in Florida. Stando ai dati di Air Worldwide, il valore delle proprietà assicurate delle aree costiere della Floria è pari a un totale di circa 3.200 miliardi di dollari. Le compagnie di assicurazione, che già devono fare i conti con le conseguenze dell'urgano Harvey, che ha colpito il Texas il 25 agosto e si è lasciato alle spalle una scia di vittime e danni ingenti, si preparano ora a Irma, uno degli uragani più potenti mai formatisi sull'oceano Atlantico.

Altri Servizi

Wall Street reagisce alla Bce

Il Fondo monetario internazionale tiene una conferenza stampa alle 13 (le 19 in Italia) sull'analisi annuale dell'economia Usa
iStock

General Motors si colora di rosa: una 39enne diventa direttore finanziario

Risponderà al Ceo Mary Barra, la prima donna al volante di un gruppo automobilistico

La Fed alza i tassi, prevede altre due strette nel 2018

Powell: politica accomodante verso la fine, dimostrazione che l'economia Usa sta andando "davvero bene". Dazi di Trump? Per ora solo un rischio non ancora riflesso nei dati macroeconomici

L'economia americana sta andando "molto bene" e l'ennesimo rialzo dei tassi non è altro che la dimostrazione di un tale andamento. Il governatore della Federal Reserve, Jerome Powell, ha spiegato così la decisione della banca centrale statunitense di aumentare il costo del denaro di 25 punti base all'1,75-2%. La stretta, la seconda del 2018, era ampiamente attesa dagli analisti, come lo era anche la revisione al rialzo del numero di quelle previste in tutto l'anno in corso: ora l'istituto centrale se ne aspetta quattro e non più tre come aveva indicato fino a marzo.

Il via libera di un giudice federale americano al merger verticale da 85 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner spiana la strada a una serie di mega merger potenziali. Gli investitori non hanno perso tempo a scommettere su quello che potrebbe succedere, come osservato già ieri dalla performance di certi titoli nell'after-hours a Wall Street successivamente alla decisione del giudice Richard Leon. Ecco cosa sta per succedere.

Usa pronti a fare scattare dazi contro la Cina

Attese ritorsioni da Pechino. Guerra commerciale più vicina

Nel giro di qualche giorno gli Stati Uniti si preparano a imporre dazi del 25% - già preannunciati - su prodotti tecnologici cinesi per 50 miliardi di dollari. Il mese scorso l'amministrazione Trump aveva detto che il 15 giugno, domani, avrebbe diffuso un elenco di articoli importati dalla seconda economia al mondo sui cui verranno imposte tariffe doganali in risposta a quelli che Washington considera continui furti di proprietà intellettuale da parte di Pechino.

Con la sua Boring Company, Musk si aggiudica contratto a Chicago

Costruirà sistema sotterraneo di treni super veloci: dall'aeroporto O'Hare al centro della città in 12 minuti anziché 40
AP

Inizia a concretizzarsi il piano con cui l'irriverente Elon Musk dal 2016 promette di ridurre il traffico cittadino rendendo i trasporti più veloci. La sua Boring Company si è aggiudicata un contratto valutato in centinaia di milioni di dollari per costruire un sistema sotterraneo di treni super veloci volto a trasferire la gente dall'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago al centro della città dell'Illinois. Come annunciato dal sindaco della cosiddetta Windy City, Rahm Emanuel, il progetto non prevede nemmeno un dollaro da parte dei contribuenti essendo finanziato privatamente.

Al via la guerra tra Comcast e Disney per aggiudicarsi gli asset di Fox

La controllante di NBCUniversal offre 65 miliardi di dollari in contanti contro la proposta in azioni da 52,4 miliardi del gruppo guidato da Bob Iger. Murdoch al bivio

La guerra tra Comcast e Walt Disney è ufficialmente iniziata. E Rupert Murdoch studia la situazione.

Usa, Canada e Messico ospiteranno i Mondiali di calcio 2026

Prima volta di una Coppa del mondo in tre Paesi, prima edizione a 48 squadre. Sessanta partite su ottanta si giocheranno negli Stati Uniti
Ap

Gli Stati Uniti, il Canada e il Messico ospiteranno i mondiali di calcio maschile del 2026, i primi a 48 squadre. La candidatura nordamericana ha battuto il Marocco, unico rivale, ottenendo 134 voti contro 65; a votare sono stati, durante il 68esimo Congresso a Mosca, i membri della Fifa, l'organo di governo del calcio mondiale. I mondiali tornano in Nordamerica dopo i campionati organizzati dagli Stati Uniti nel 1994 e dal Messico nel 1970 e nel 1986. Sarà il primo mondiale disputato in tre Paesi.

Il Texas guida il fronte contro il Daca, che non sarà difeso in tribunale dal dipartimento di Giustizia

Prosegue la complessa battaglia sul programma in favore degli immigrati irregolari arrivati negli Stati Uniti da bambini
Immigration and Customs Enforcement

Il dipartimento di Giustizia statunitense non difenderà il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca) in tribunale, dopo che il Texas e altri sei Stati ne hanno sfidato la costituzionalità con una causa depositata lo scorso mese. Secondo il dipartimento, il programma Daca è illegale e rappresenta un aggiramento delle leggi sull'immigrazione.

Trump e Kim a Singapore per il summit, cautela dagli Usa

Il presidente americano cerca di contenere le aspettative dell'incontro che potrebbe essere più simbolico che altro

Prima Kim Jong Un. Poi Donald Trump. Nel giro di qualche ora, il presidente nordcoreano e quello americano sono arrivati a Singapore per un summit potenzialmente storico. Sarà il primo incontro tra un leader nordcoreano e un presidente americano in carica, il primo tra  due leader di due nazioni che sono nemiche da quasi settanta anni.