Italia al festival enogastronomico di Los Angeles, dove è partito il road show dell'olio Filippo Berio

Il marchio dell'italiana Salov celebra 150 anni dalla nascita. Il Ceo delle attività nordamericane, Marco de Ceglie: nel 2017 saremo nelle principali sedi istituzionali italiane sul territorio americano per raccontare questa storia imprenditoriale

In occasione della prima edizione del festival enogastronomico LA Food Bowl organizzato dal Los Angeles Times per tutto il mese in corso e in anticipazione della seconda Settimana della cucina italiana nel mondo, l’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles dedica due eventi speciali a uno dei prodotti italiani più apprezzati nel mondo: l’olio extravergine d’oliva.

A rappresentare l’eccellenza italiana è il marchio Filippo Berio, che celebra 150 anni di attività e che ha inaugurato il suo primo Road Show statunitense a Los Angeles il 3 maggio scorso. Fin dalla sua creazione, il brand che l'azienda italiana Salov vende in tutto il mondo ad esclusione dell'Italia (dove invece distribuisce oli a marchio Sagra) ha registrato un successo costante e crescente nel corso degli anni, fino a diventare oggi uno degli oli d’oliva più noti ed utilizzati negli Stati Uniti. Nella prima economia al mondo infatti ha una posizione di leadership condivisa con Bertolli mentre nel Regno Unito è il numero uno indiscusso.

L'Istituto di Los Angeles ha deciso di dedicare a Filippo Berio un evento organizzato per questa sera (notte fonda in Italia). Sono previsti gli interventi del direttore dell'Isituto, Valeria Rumori, e il Console Generale d’Italia Antonio Verde. Interverranno anche il Ceo di Salov North America, Marco de Ceglie, il Ceo di GP Communications North America, Giovanni Pellerito, e il direttore dell’Agenzia ICE di Los Angeles, Florindo Blandolino.

Per l’occasione, Dustin J. Trani, noto chef californiano formatosi anche in Italia e con il Careers Through Culinary Arts Program (C-CAP), illustrerà il processo di produzione dell'olio di oliva, la richezza di gusti e aromi delle sue varietà e il modo migliore per il suo utilizzo.

"Da Los Angeles prende il via un road show istituzionale dedicato ai 150 anni della nascita dell'azienda Filippo Berio", spiega de Ceglie anticipando che "in questo 2017 saremo nelle principali sedi istituzionali italiane presenti sul territorio americano per raccontare e celebrare una storia imprenditoriale come quella della Berio che in 150 anni ha inizialmente creato il mercato dell'olio d'oliva italiano negli Usa e successivamente ha consolidato la sua presenza ed oggi è l'azienda italiana “best selling” nella vendita di olio di oliva nel mercato americano". De Ceglie di è detto "molto felice di rappresentare oggi il nostro Paese in questa importante manifestazione presso la sede dell'Istituto di Cultura Italiana di Los Angeles, come accadde già nel 1893 all'Expo di Chicago dove Berio rappresentò l'Italia e gli fu attribuito anche il premio qualità". Come fatto allora dal fondatore del marchio da cui ha preso il nome, de Ceglie è "onorato" di rappresentare il marchio che fu registrato in Usa nel 1896.

La direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura sottolinea "l’importanza di lanciare questo Road Show proprio all’Istituto, in linea con il percorso del ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale per la promozione integrata del Sistema Italia nel mondo ed in sinergia con tutte le altre componenti, oltre quella più squisitamente culturale, come quella economico-commerciale". Secondo Rumori "l’obiettivo è infatti portare l’eccellenza italiana all’Istituto con un campione imprenditoriale quale Filippo Berio proprio mentre al contempo viene presentato, sempre a Los Angeles, un altro campione italiano, Massimo Bottura, un 'artiere' della cucina italiana per sua stessa definizione".

L’evento che si svolgera questa sera è stato anticipato il 3 maggio scorso da un incontro riservato a un pubblico ristretto di studenti e soci dell’Istituto cui hanno partecipato anche specialisti locali del settore. Sotto la guida del rinomato esperto ed assaggiatore Simon Field - fondatore di Savantes, organizzazione indipendente che promuove l’eccellenza nella produzione dell’olio d’oliva - i partecipanti hanno avuto modo assaporare ed apprezzare pregiate varietà dell’olio Filippo Berio.

Altri Servizi

Wall Street attende i risultati degli stress test

Tra i dati macro, in programma le richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione
AP

Uber, le tappe chiave che hanno portato alle dimissioni di Travis Kalanick

Gestione sessista, molestie, toni infantili e scandali nei quattro mesi che hanno portato al crollo dell'amministratore delegato del gruppo che vale 68 miliardi di dollari. E la quotazione a Wall Street si allontana
AP

Dopo settimane di tensioni e voci sempre più insistenti, ma soprattutto dopo mesi di scandali Travis Kalanick si è dimesso dalla posizione di amministratore delegato di Uber. La conferma è arrivata questa mattina dal gruppo californiano, valutato 68 miliardi di dollari, una cifra che lo rende l'azienda non quotata più ricca della Silicon Valley.

Vertice Usa-Cina a Washington: pressing di Trump sulla Corea del Nord

Dopo il caso dello studente Usa tenuto prigioniero a Pyongyang, voci di nuovi test nucleari da parte del regime di Kim Jong-un. Bombardieri americani volano sulla penisola coreana (per una esercitazione)
AP

La Corea del Nord sarà quasi certamente in cima all'agenda dell'incontro odierno tra rappresentanti di Usa e Cina. Pensato per essere il primo meeting del "dialogo diplomatico e per la sicurezza" voluto lo scorso aprile dal presidente americano Donald Trump e quello cinese Xi Jinping, quello in calendario oggi vedrà Washington spingere su Pechino affinché metta più pressione su Pyongyang.

Si è dimesso Travis Kalanick, l'amministratore delegato di Uber

Kalanick, che ha fondato Uber, aveva già deciso di prendere un'aspettativa indefinita a seguito di un rapporto critico sulla gestione disfunzionale della società
AP

Travis Kalanick si è dimesso come amministratore delegato di Uber, lo ha confermato la società. Le sue dimissioni seguono una serie di scandali presso l'azienda internazionale di gestione di trasporti, tra cui accuse di molestie sessuali e sessismo. Uber è valutata 68 miliardi di dollari, una cifra che la rende l'azienda non quotata più ricca della Silicon Valley.

Come aprire una Corporation: un'introduzione

Focus sul metodo di tassazione e sulle forme societarie statunitensi
Unsplash

Come abbiamo visto nella nostra guida ad aprire una filiale italiana, l’impresa straniera che vuole investire produttivamente negli Stati Uniti e beneficiare al massimo delle opportunità che offre il mercato americano deve muovere una serie di passi ben definiti e avere ben chiare determinate nozioni.

Oracle da record a Wall Street: torna a valere 200 miliardi di dollari

Utili e ricavi sopra le stime per il colosso del software, che raggiunge una capitalizzazione che non toccava dalla bolla tech. E' il primo gruppo di questo genere ad arrivare a un simile traguardo
iStock

Utili e ricavi trimestrali oltre le stime, grazie alle attività cloud. Questo spiega il rally nel dopo mercato a Wall Street del titolo Oracle, arrivato a guadagnare oltre il 10% e spingendosi sopra quota 51 dollari per la prima volta. La capitalizzazione del gruppo fondato da Larry Ellison (nella foto) è così balzata sopra i 200 miliardi di dollari per la prima volta dalla bolla tech di fine anni '90. E' la prima azienda che vende quasi esclusivamente a grandi gruppi e alla pubblica amministrazione ad avere raggiunto un tale valore. E' la dimostrazione di come il mercato inizi a credere nella transizione di Oracle verso il cloud computing.

Wall Street, l'attenzione resta sul petrolio

Ieri, chiusura in calo. Greggio in territorio "orso"
AP

Incontri segreti tra Corea del Nord e Usa per liberare prigionieri e aprire un canale diplomatico

Si sarebbero intensificati con l'elezione di Donald Trump. Poi la notizia delle condizioni del cittadino Usa Otto Warmbier li hanno bloccati
AP

Per più di un anno i diplomatici americani hanno avuto colloqui segreti a Pyongyang e in alcune città europee con negoziatori nucleari della Corea del Nord, nel tentativo di liberare i prigionieri Usa e di stabilire un canale diplomatico per fermare i programmi nucleari e missilistici del Paese.

Ford: la nuova Focus per il mercato Nordamericano arriverà dalla Cina

Cancellato il piano di produrre l'auto in un impianto esistente in Messico. La decisione presa mentre l'amministrazione Trump vuole rinegoziare Nafta

Mentre l'amministrazione Trump si prepara a rinegoziare il Nafta - l'accordo di libero scambio tra Usa, Messico e Canada - Ford ha deciso di puntare sulla Cina piuttosto che sulla nazione dell'America centrale. Dalla seconda economia al mondo arriveranno le auto Focus destinate al mercato nordamericano e successivamente anche dall'Europa. Si comincerà dalla seconda parte del 2019.

Elezioni Congresso Usa: Trump festeggia, democratici demoralizzati

Risultati al di sopra delle aspettative per la minoranza, che non è però riuscita a conquistare nemmeno uno dei quattro seggi alla Camera in mano al Gop e in gioco in queste elezioni speciali
Ap

I democratici hanno ottenuto un risultato molto migliore nelle elezioni speciali per il Congresso in questa primavera di quello ipotizzabile dai più ottimisti solo pochi mesi fa. Alla fine, però, hanno perso in tutti e quattro i distretti che erano in mano ai repubblicani e in cui si è votato, compreso l'atteso sesto distretto della Georgia, in un'elezione fortemente in bilico e che sarà ricordata per essere stata la più cara nella storia della Camera statunitense (oltre 50 milioni di dollari), con molti fondi arrivati da altri Stati del Paese.