Italia, arriva il primo downgrade

Parla Fergus McCormick, analista dell'agenzia di rating canadese indipendente DBRS

Moody's e Fitch avevano avvertito: ci prepariamo a bocciare l'Italia. L'agenzia di rating indipendente DBRS è passata ai fatti, firmando il primo downgrade della terza economia del Vecchio Continente da quando le elezioni politiche del 24 e 25 febbraio si sono rivelate inconcludenti tanto da gettare nello sconforto gli investitori. E pone le condizioni per un'altra sforbiciata. "Le finanze pubbliche sono deboli, il debito non fa che crescere, la produttività è al palo, la partecipazione al mercato del lavoro è molto bassa", ha spiegato ad America24 Fergus McCormick, analista di DBRS.

L'agenzia di rating, con sede a Toronto (Canada) e uffici a New York, Chicago e Londra, ha bruciato sul tempo le cosiddette 'tre sorelle' portando il rating sulla capacità dell'Italia di rispettare i propri impegni con i creditori a A (low) da A con outlook negativo. Tra due giorni un report dettagliato dovrebbe essere accessibile a tutti gli investitori interessati. Nel frattempo DBRS ha spiegato le sue scelte, snobbate - almeno per ora - dal mercato probabilmente perché non famosa quanto Moody's, Fitch e S&P (l'unica per altro a credere che l'Italia resterà sulla retta via), che rispettivamente hanno un rating pari a Baa2, A- e BBB+ con outlook negativi.

Non è detto però che la sua decisione sia da sottovalutare. Lo ha dimostrato Egan-Jones, un'altra agenzia di rating minore ma diventata famosa in tutto il mondo per essere stata la prima a decretare un downgrade degli Stati Uniti. Era il 16 luglio 2011. Il mese dopo S&P fece altrettanto in scia allo stallo sull'innalzamento del debito pubblico. E fu panico sui mercati.

La revisione del rating sull'Italia da parte di DBRS è dovuta "all'incertezza politica" del Belpaese, fattore "che chiama in causa la capacità del governo di dare il via libera a riforme strutturali necessarie per sostenere nel lungo termine la produttività", ha aggiunto McCormick. Il giudizio, sostiene l'agenzia indipendente, riflette anche "l'effetto della recessione sul rapporto tra il debito italiano e il Prodotto interno lordo, salito al 127% nel 2012". Valore, quest'ultimo, considerato alto  e destinato a superare il 128% del Pil nel periodo 2013-2014. In pratica, per DBRS il profilo di credito dell'Italia si è "visibilmente deteriorato" e la situazione in corso potrebbe tradursi in un "ritardo nella stabilizzazione del debito". Non solo. La necessità del Paese di rifinanziare il proprio debito (a fine 2013, ricorda DBRS, servono 270 miliardi di dollari, pari al 17% del Pil), rende l'Italia "altamente sensibile a cambiamenti nell'umore del mercato esponendola a costi più alti per rifinanziare il proprio debito".

Secondo l'agenzia di rating, i "negoziati per formare un governo nuovo saranno probabilmente prolungati". La direzione delle politiche economiche tricolori, inoltre, è in dubbio così come l'insediamento di un nuovo governo. Ma anche qualora le parti dovessero trovare un accordo individuando la futura guida del Paese, DBRS crede che il governo stesso "potrebbe non ricevere un mandato sufficientemente forte per promuovere la crescita e mantenere l'implementazione delle riforme e allo stesso tempo continuare gli sforzi di consolidamento fiscale".

Certo è che la Penisola deve fare i conti con "problemi strutturali", ha aggiunto McCormick, "tra cui bassi investimenti in ricerca e sviluppo ed educazione, che insieme a una crescita economica risicata da 20 anni non fa altro che indebolire ulteriormente la competitività".

Con il senno di poi, si può dire che la seppur sconosciuta agenzia di rating ci aveva visto lungo quando un anno fa circa - quando il governo tecnico di Mario Monti guidava da tre mesi il Paese - aveva fotografato in un rapporto dettagliato lo status quo e gli scenari dell'Italia. Le cinque sfide allora individuate ancora valgono: il debito pubblico cresce, le finanze dello Stato si indeboliscono, il settore finanziario è sotto pressione, le crescita economica resta sotto la media europea ma soprattutto l'instabilità politica regna sovrana. "L'Italia soffre di un sistema partitico frammentato e di interessi radicati", aveva scritto DBRS. "Divisioni profonde e differenze ideologiche tra gli attori politici domestici", aveva garantito l'agenzia di rating canadese, potrebbe protrarre l'instabilità politica.

Pur apprezzando l'insediamento di Monti alla presidenza del Consiglio, DBRS aveva anche anticipato ciò su cui gli elettori italiani hanno - non a caso - dimostrato il loro scontento proprio con la chiamata alle urne di due settimane fa, snobbando lo stesso Monti e premiando il movimento populista di Beppe Grillo: stringere in modo significativo la cinghia fiscale ha avuto un impatto dannoso sulla crescita dell'economia tricolore non solo nel 2012 ma anche nel 2013 - altro anno di recessione garantita. E infatti DBRS aveva anticipato che "il supporto a misure di austerità sarà messo alla prova alla luce di una disoccupazione in aumento".

Con la sua bocciatura, DBRS fa riferimento ai punti di forza dell'Italia già messi in evidenza in passato. Inanzitutto l'Italia, ha spiegato McCormick, "ha il più basso rapporto debito-Pil tra i privati nell'Eurozona" mentre il debito del settore privato è "gestibile". Inoltre, la Penisola può beneficiare dell'essere membro dell'Area Euro proprio mentre lo stesso Grillo sostiene che l'euro è qualcosa che l'Italia non "si può più permettere" (cosa su cui si sono concentrati anche gli analisti di JP Morgan nello studio intitolato "A crash course in Grillonomics"), promettendo un referendum proprio sulla membership all'Eurozona. Insomma, DBRS crede che il fondo salva stati ESM e la Banca centrale europea siano sempre pronti a intervenire fornendo supporto finanziario, se l'Italia ne avrà bisogno. Insomma, il governatore Mario Draghi continuerà a comprare titoli di Stati tricolore se i rendimenti dovesse tornare alle stelle. Il punto preoccupante, sostiene DBRS, è che "un clima politico non definito unitamente alla fatica considerevole data dall'austerità aumentano ulteriormente l'incertezza sulla capacità del governo di negoziare condizioni stringenti per il supporto europeo".

L'unica salvezza, anche per evitare un ulteriore bocciatura? Secondo DBRS è "la formazione di un governo con una maggioranza parlamentare impegnata ad adottare quelle misure di politica fiscale ed economica tanto necessarie per stabilizzare i ratio del debito e rinvigorire il potenziale di crescita economica del Paese nel medio termine".

Altri Servizi

I nazionalisti bianchi d'America amano Bashar al Assad

Ha la stessa visione di società "in salute" e "omogenea" che hanno i nazisti negli Stati Uniti
iStock

Nel corso della manifestazione della destra nazionalista e suprematista di Charlottesville, in Virginia, un video di YouTube mostra una delle persone presenti alla dimostrazione con una maglietta con la scritta "Bashar’s Barrel Delivery Co.", in riferimento all'uso di gas da parte del regime siriano di Bashar al Assad contro i suoi oppositori. Nel corso della manifestazione sono stati pronunciati altri slogan in favore di Assad. Il quotidiano online The Intercept racconta come glie stremisti di destra americani siano sostenitori del regime di Damasco.

I resort di Trump sulla rotta dell'uragano Irma

Mar-a-Lago, la "Casa Bianca d'inverno", dovrebbe resistere ai forti venti grazie anche all'uso di pietra italiana nella sua costruzione. Altri tre club a rischio in Florida. Se subirà danni, il presidente potrà accedere a fondi federali

Mentre continua la fuga in Florida in vista dell'arrivo dell'uragano Irma, la "Casa Bianca d'inverno" di Donald Trump ha chiuso i battenti. Il resort Mar-a-Lago, amato dal presidente americano per trascorrevi molti fine settimana al posto di stare al freddo di Washington, si trova in un'area dove a partire da ieri alle 23 italiane l'evacuazione era obbligatoria. Grazie anche alle pietre importate da Genova (Italia) per la costruzione delle pareti esterne, degli archi e di alcuni interni, l'immibile dovrebbe resistere ai forti venti della tempesta ma non sono tuttavia esclusi pesanti danni causati da probabili allagamenti.

Repubblicani su tutte le furie dopo accordo Trump-democratici

Le probabilità di una riforma fiscale entro fine anno calano. Lo speaker alla Camera, Paul Ryan, getta dubbi sull'aliquota al 15% delle aziende promossa dal presidente
AP

"Ci ha fottuto". Questo commento dà l'idea dell'aria che tira dentro il partito repubblicano all'indomani dell'accordo siglato tra Donald Trump e l'opposizione democratica. E' la dimostrazione di come l'ostilità tra il Gop al Congresso e il presidente americano abbia raggiunto nuovi livelli. E c'è chi insinua che ora l'approvazione entro fine anno di una riforma fiscale tanto cara al leader Usa sembri meno probabile. Non solo: non manca chi a Washington si aspetta che nelle elezioni di metà mandato del 2018 i democratici riprendano il controllo della Camera (perso nel 2010). Così facendo Capitol Hill non sarebbe più interamente rosso come lo è dal 2014 ma anche blu (il colore del partito democratico).

Cohn al posto di Yellen? Trump cambia idea

Secondo il Wsj, al presidente non sarebbero piaciute le critice del suo consigliere economico sui suoi commenti sulle violenze di Charlottesville
AP

Difficilmente Donald Trump nominerà Gary Cohn alla guida della Federal Reserve. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui il presidente americano è disposto a prendere in considerazione altri candidati per la poltrona che sarà ricoperta fino al prossimo febbraio da Janet Yellen. Il nome del consigliere economico della Casa Bianca era visto in pole position da quando, in una intervista del 25 luglio scorso, Trump aveva spiegato al giornale finanziario che stava valutando la promozione di Cohn al comando della banca centrale Usa oltre a una conferma della stessa Yellen. Le cose sono cambiate dopo la critica fatta dall'ex presidente di Goldman Sachs al leader Usa in merito alle violenze esplose il 12 agosto scorso a Charlottesville.

Sponsorizzare i probabili perdenti: la strategia vincente di Guinot

La casa francese di cosmetici punta sui tennisti di basso profilo contro le star: così l'esposizione è assicurata per poche decine di migliaia di dollari
A24

Nel 2009, l'allora numero 25 del mondo, lo svedese Robin Soderling, stupì il mondo battendo il numero uno, lo spagnolo Rafael Nadal, al Roland Garros, dove era imbattuto. Nello stesso torneo, tre anni dopo, la francese Virginie Razzano, 111 della classifica Wta, sconfisse la statunitense Serena Williams, una delle più grandi tenniste della storia, al primo turno. Quest'anno, agli Australian Open, l'uzbeko Denis Istomin, 117 del ranking, ha sconfitto l'ex numero uno, il serbo Novak Djokovic.

Fed: il vicepresidente Fischer dà le dimissioni. E avverte Trump

Ha scritto al presidente comunicando la sua decisione e ricordandogli che con i requisiti stringenti imposti dopo la crisi del 2008 il sistema finanziario è più solido. Yellen: gli sono grata, ci mancherà. Istituto centrale verso una rivoluzione
Wikimedia Commons

Intorno al 13 ottobre prossimo, Stanley Fischer non sarà più il vicepresidente della Federal Reserve né membro del suo Board. Lo ha annunciato lui stesso dando le sue dimissioni per motivi personali. Intende stare più vicino alla moglie. Il mandato all'interno del Board della banca centrale del 73enne nominato da Barack Obama il 28 maggio 2014 doveva scadere il 31 gennaio 2020. Il suo mandato da braccio destro di Janet Yellen sarebbe scaduto il 12 giugno 2018. Quello della prima donna alla guida della Fed finirà nel febbraio del prossimo anno. Questo significa che nell'istituto forse più importante al mondo si preannuncia un giro di poltrone non indifferente che chiama in causa la Casa Bianca (le nomine passato dal suo inquilino).

Mondiali in Russia, possibile Siria-Usa nello spareggio qualificazione

Necessario, per gli asiatici, battere prima l'Australia in un doppio confronto, mentre i nordamericani dovrebbero concludere al quarto posto il girone della Concacaf
Ap

È un'ipotesi che continua a farsi spazio, turno dopo turno, ed è la più suggestiva che si possa immaginare per una partita di calcio: Stati Uniti e Siria potrebbero contendersi la qualificazione ai prossimi Mondiali. E se a questo si aggiunge che la Coppa del Mondo si terrà in Russia, il quadro politico-calcistico è davvero completo. Il potenziale narrativo sarebbe senza precedenti, alla luce di una guerra civile che dura da oltre sei anni e che ha coinvolto anche Washington e Mosca, divise sui crimini, e sulla sorte, del presidente Bashar al-Assad, ma faticosamente unite nella lotta contro l'Isis. Come unita, ora, appare la nazionale siriana: alcuni giocatori vi avevano rinunciato in opposizione al presidente, ma sono poi tornati per "dare gioia alla nostra gente", come ha spiegato l'attaccante Omar Al Soma, che ha realizzato l'ultimo gol, quello per il decisivo pareggio contro l'Iran (altro incrocio significativo per il conflitto siriano).

L'uragano Irma spaventa Wall Street

Ieri, chiusura mista. Dati in programma oggi: credito al consumo e scorte di magazzino all'ingrosso
AP

Nessun dubbio, l'uragano Irma "colpirà la Florida" ed è "una minaccia che devasterà gli Usa"

Lo ha detto il capo della Fema, la protezione civile statunitense. Stop ai voli da sabato pomeriggio. Jeb Bush: "C'è sempre chi vuole vincere il premio Darwin"

Il capo della Fema, la protezione civile statunitense, ha detto che non ci sono dubbi, ora, sul fatto che l'uragano Irma colpirà almeno una parte della Florida. "Non è in dubbio il fatto che la Florida sarà colpita; la questione è quanto duramente sarà colpita" ha detto Brock Long, durante una conferenza stampa.

Florida, curatore della casa-museo di Hemingway si rifiuta di lasciare le Key West

Si trova sulle isole a sud di Miami dove l'uragano Irma dovrebbe arrivare entro domenica. la casa fu residenza dello scrittore dal 1931 al 1939

Jacqui Sands, il curatore della casa di Ernest Hemingway alle Key West, si rifiuta di abbandonare l'area, nonostante le isole a sud di Miami saranno tra quelle maggiormente colpite dal passaggio dell'uragano Irma. Sands, 72 anni, ha detto che la casa è un luogo sicuro, "si trova nella zona più sicura delle Key West e per questo motivo non la lascerò". Si tratta della casa, oggi museo, dove lo scrittore visse insieme alla moglie Pauline tra il 1931 e il 1939, prima di trasferirsi a Cuba.