Italia, arriva il primo downgrade

Parla Fergus McCormick, analista dell'agenzia di rating canadese indipendente DBRS

Moody's e Fitch avevano avvertito: ci prepariamo a bocciare l'Italia. L'agenzia di rating indipendente DBRS è passata ai fatti, firmando il primo downgrade della terza economia del Vecchio Continente da quando le elezioni politiche del 24 e 25 febbraio si sono rivelate inconcludenti tanto da gettare nello sconforto gli investitori. E pone le condizioni per un'altra sforbiciata. "Le finanze pubbliche sono deboli, il debito non fa che crescere, la produttività è al palo, la partecipazione al mercato del lavoro è molto bassa", ha spiegato ad America24 Fergus McCormick, analista di DBRS.

L'agenzia di rating, con sede a Toronto (Canada) e uffici a New York, Chicago e Londra, ha bruciato sul tempo le cosiddette 'tre sorelle' portando il rating sulla capacità dell'Italia di rispettare i propri impegni con i creditori a A (low) da A con outlook negativo. Tra due giorni un report dettagliato dovrebbe essere accessibile a tutti gli investitori interessati. Nel frattempo DBRS ha spiegato le sue scelte, snobbate - almeno per ora - dal mercato probabilmente perché non famosa quanto Moody's, Fitch e S&P (l'unica per altro a credere che l'Italia resterà sulla retta via), che rispettivamente hanno un rating pari a Baa2, A- e BBB+ con outlook negativi.

Non è detto però che la sua decisione sia da sottovalutare. Lo ha dimostrato Egan-Jones, un'altra agenzia di rating minore ma diventata famosa in tutto il mondo per essere stata la prima a decretare un downgrade degli Stati Uniti. Era il 16 luglio 2011. Il mese dopo S&P fece altrettanto in scia allo stallo sull'innalzamento del debito pubblico. E fu panico sui mercati.

La revisione del rating sull'Italia da parte di DBRS è dovuta "all'incertezza politica" del Belpaese, fattore "che chiama in causa la capacità del governo di dare il via libera a riforme strutturali necessarie per sostenere nel lungo termine la produttività", ha aggiunto McCormick. Il giudizio, sostiene l'agenzia indipendente, riflette anche "l'effetto della recessione sul rapporto tra il debito italiano e il Prodotto interno lordo, salito al 127% nel 2012". Valore, quest'ultimo, considerato alto  e destinato a superare il 128% del Pil nel periodo 2013-2014. In pratica, per DBRS il profilo di credito dell'Italia si è "visibilmente deteriorato" e la situazione in corso potrebbe tradursi in un "ritardo nella stabilizzazione del debito". Non solo. La necessità del Paese di rifinanziare il proprio debito (a fine 2013, ricorda DBRS, servono 270 miliardi di dollari, pari al 17% del Pil), rende l'Italia "altamente sensibile a cambiamenti nell'umore del mercato esponendola a costi più alti per rifinanziare il proprio debito".

Secondo l'agenzia di rating, i "negoziati per formare un governo nuovo saranno probabilmente prolungati". La direzione delle politiche economiche tricolori, inoltre, è in dubbio così come l'insediamento di un nuovo governo. Ma anche qualora le parti dovessero trovare un accordo individuando la futura guida del Paese, DBRS crede che il governo stesso "potrebbe non ricevere un mandato sufficientemente forte per promuovere la crescita e mantenere l'implementazione delle riforme e allo stesso tempo continuare gli sforzi di consolidamento fiscale".

Certo è che la Penisola deve fare i conti con "problemi strutturali", ha aggiunto McCormick, "tra cui bassi investimenti in ricerca e sviluppo ed educazione, che insieme a una crescita economica risicata da 20 anni non fa altro che indebolire ulteriormente la competitività".

Con il senno di poi, si può dire che la seppur sconosciuta agenzia di rating ci aveva visto lungo quando un anno fa circa - quando il governo tecnico di Mario Monti guidava da tre mesi il Paese - aveva fotografato in un rapporto dettagliato lo status quo e gli scenari dell'Italia. Le cinque sfide allora individuate ancora valgono: il debito pubblico cresce, le finanze dello Stato si indeboliscono, il settore finanziario è sotto pressione, le crescita economica resta sotto la media europea ma soprattutto l'instabilità politica regna sovrana. "L'Italia soffre di un sistema partitico frammentato e di interessi radicati", aveva scritto DBRS. "Divisioni profonde e differenze ideologiche tra gli attori politici domestici", aveva garantito l'agenzia di rating canadese, potrebbe protrarre l'instabilità politica.

Pur apprezzando l'insediamento di Monti alla presidenza del Consiglio, DBRS aveva anche anticipato ciò su cui gli elettori italiani hanno - non a caso - dimostrato il loro scontento proprio con la chiamata alle urne di due settimane fa, snobbando lo stesso Monti e premiando il movimento populista di Beppe Grillo: stringere in modo significativo la cinghia fiscale ha avuto un impatto dannoso sulla crescita dell'economia tricolore non solo nel 2012 ma anche nel 2013 - altro anno di recessione garantita. E infatti DBRS aveva anticipato che "il supporto a misure di austerità sarà messo alla prova alla luce di una disoccupazione in aumento".

Con la sua bocciatura, DBRS fa riferimento ai punti di forza dell'Italia già messi in evidenza in passato. Inanzitutto l'Italia, ha spiegato McCormick, "ha il più basso rapporto debito-Pil tra i privati nell'Eurozona" mentre il debito del settore privato è "gestibile". Inoltre, la Penisola può beneficiare dell'essere membro dell'Area Euro proprio mentre lo stesso Grillo sostiene che l'euro è qualcosa che l'Italia non "si può più permettere" (cosa su cui si sono concentrati anche gli analisti di JP Morgan nello studio intitolato "A crash course in Grillonomics"), promettendo un referendum proprio sulla membership all'Eurozona. Insomma, DBRS crede che il fondo salva stati ESM e la Banca centrale europea siano sempre pronti a intervenire fornendo supporto finanziario, se l'Italia ne avrà bisogno. Insomma, il governatore Mario Draghi continuerà a comprare titoli di Stati tricolore se i rendimenti dovesse tornare alle stelle. Il punto preoccupante, sostiene DBRS, è che "un clima politico non definito unitamente alla fatica considerevole data dall'austerità aumentano ulteriormente l'incertezza sulla capacità del governo di negoziare condizioni stringenti per il supporto europeo".

L'unica salvezza, anche per evitare un ulteriore bocciatura? Secondo DBRS è "la formazione di un governo con una maggioranza parlamentare impegnata ad adottare quelle misure di politica fiscale ed economica tanto necessarie per stabilizzare i ratio del debito e rinvigorire il potenziale di crescita economica del Paese nel medio termine".

Altri Servizi

Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione
Ap

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

In Nevada sono già rimasti senza marijuana legale

La cannabis è in vendita dal primo luglio a scopo ricreativo, ma la domanda supera la produzione
AP

L’aumento della domanda di cannabis in Nevada, diventata legale nello stato a novembre grazie al referendum ma in vendita solo dal primo luglio, ha svuotato gli scaffali dei dispensari e costretto i politici locali ad agire d’urgenza. Il governatore repubblicano dello stato, Brian Sandoval, ha attivato misure d’emergenza la scorsa settimana per aumentare la quantità di prodotto nello stato. Tra mercoledì e giovedì, i legislatori hanno annunciato che avrebbero concesso nuove licenze per la distribuzione della cannabis.

Black Lives Matter compie 4 anni e cambia volto con Trump

Dall'hashtag alle proteste di strada. Il movimento denuncia le violenze verso gli afroamericani
Ap

Quattro anni fa nasceva Black Lives Matter, movimento di protesta con lo scopo di accrescere la consapevolezza sulle discriminazioni razziali nei confronti della minoranza afroamericana negli Stati Uniti. “Il movimento iniziò come un desiderio politico degli afroamericani” si legge sul sito dell’organizzazione. “Negli anni a venire siamo riusciti a combattere insieme, e immaginare e creare un mondo libero dalle discriminazioni razziali, dove ogni afroamericano ha il potere economico, sociale e politico di crescere in salute”.

Russiagate: fu Obama a far entrare l'avvocata russa negli Usa

La donna incontrò Donald Trump Jr., che voleva informazioni compromettenti su Clinton

Fu l'amministrazione Obama a garantire l'accesso negli Stati Uniti, senza visto, all'avvocata russa Natalia Veselnitskaya, che nel giugno del 2016 incontrò a New York il figlio dell'attuale presidente, Donald Trump Jr., che si aspettava di ricevere notizie compromettenti su Hillary Clinton. A rivelarlo è The Hill, secondo cui la segretaria alla Giustizia, Loretta Lynch, permise all'avvocata di entrare negli Stati Uniti "in circostanze straordinarie" dopo che la sua richiesta per un visto era stata bocciata.

Un italiano alla guida di Tiffany, Alessandro Bogliolo nuovo Ceo

Ex numero uno di Diesel, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Cambio al vertice di Tiffany & Co, dopo l'uscita di Frederic Cumenal. Il colosso americano dei gioielli di lusso ha scelto l'italiano Alessandro Bogliolo, ex numero uno di Diesel, come nuovo amministratore delegato, incarico che rivestirà dal prossimo 2 ottobre. Come si legge in una nota, Bogliolo, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

OpenGov, startup collegata a Kushner, ha contatti con la Casa Bianca

Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, l'amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.
AP

La startup OpenGov, legata alla famiglia Kushner, ha avuto accesso a una riunione alla Casa Bianca. Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, il suo amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.

Wall Street guarda alle trimestrali Usa

Attesi i risultati di JpMorgan, Citigroup e Wells Fargo
AP

Raul Castro punta l'indice contro Trump: passi indietro dei rapporti diplomatici

Per il presidente cubano la nuova posizione americana rappresenta un inasprimento dell'embargo contro Cuba, in vigore dal 1962, ed è impregnata di "una retorica vecchia e ostile propria della Guerra Fredda".

Il presidente Donald Trump ha fatto marcia indietro nei rapporti con Cuba rispetto all'apertura del suo predecessore, Barack Obama, questo "è un passo indietro" delle relazioni diplomatiche tra Washington e L'Avana, riavviate due anni fa dopo mezzo secolo di gelo, ovvero dalla rivoluzione castrista del 1959.

Si infittisce la trama del Russiagate: lobbista russo all'incontro tra Donald Jr e legale Mosca

Rinat Akhmetshin è un cittadino russo naturalizzato statunitense che all'epoca stava facendo lobbying contro il Magnitsky Act, le sanzioni imposte dagli Usa alla Russia per combattere le violazioni dei diritti umani nel Paese.
AP

Un lobbista russo-americano, veterano dell'esercito sovietico, avrebbe partecipato all'incontro del giugno 2016 tra Donald Trump Jr., figlio maggiore del presidente degli Stati Uniti, e l'avvocatessa Natalia Veselnitskaya, organizzato da quest'ultima con la promessa di fornire a Trump Jr. materiale compromettente su Hillary Clinton.

Rinat Akhmetshin, questo il suo nome, è un cittadino russo naturalizzato statunitense che all'epoca stava facendo lobbying contro il Magnitsky Act, le sanzioni imposte dagli Usa alla Russia per combattere le violazioni dei diritti umani nel Paese.
Sentito dal Washington Post, Akhmetshin ha dichiarato di aver partecipato all'incontro insieme a diverse altre persone.

JPMorgan batte le stime nel secondo trimestre, bene investment e commercial banking

Soddisfazione da parte dell'amministratore delegato Jamie Dimon: "Abbiamo continuato a registrare risultati molto solidi, in un contesto economico globale stabile o in miglioramento".
AP

Secondo trimestre sopra le stime per JPMorgan Chase, prima delle grandi banche americane a pubblicare i conti, anticipando di un'ora circa Citigroup e Wells Fargo. A fare da traino le attività di commercial e investment banking.