Italia, arriva il primo downgrade

Parla Fergus McCormick, analista dell'agenzia di rating canadese indipendente DBRS

Moody's e Fitch avevano avvertito: ci prepariamo a bocciare l'Italia. L'agenzia di rating indipendente DBRS è passata ai fatti, firmando il primo downgrade della terza economia del Vecchio Continente da quando le elezioni politiche del 24 e 25 febbraio si sono rivelate inconcludenti tanto da gettare nello sconforto gli investitori. E pone le condizioni per un'altra sforbiciata. "Le finanze pubbliche sono deboli, il debito non fa che crescere, la produttività è al palo, la partecipazione al mercato del lavoro è molto bassa", ha spiegato ad America24 Fergus McCormick, analista di DBRS.

L'agenzia di rating, con sede a Toronto (Canada) e uffici a New York, Chicago e Londra, ha bruciato sul tempo le cosiddette 'tre sorelle' portando il rating sulla capacità dell'Italia di rispettare i propri impegni con i creditori a A (low) da A con outlook negativo. Tra due giorni un report dettagliato dovrebbe essere accessibile a tutti gli investitori interessati. Nel frattempo DBRS ha spiegato le sue scelte, snobbate - almeno per ora - dal mercato probabilmente perché non famosa quanto Moody's, Fitch e S&P (l'unica per altro a credere che l'Italia resterà sulla retta via), che rispettivamente hanno un rating pari a Baa2, A- e BBB+ con outlook negativi.

Non è detto però che la sua decisione sia da sottovalutare. Lo ha dimostrato Egan-Jones, un'altra agenzia di rating minore ma diventata famosa in tutto il mondo per essere stata la prima a decretare un downgrade degli Stati Uniti. Era il 16 luglio 2011. Il mese dopo S&P fece altrettanto in scia allo stallo sull'innalzamento del debito pubblico. E fu panico sui mercati.

La revisione del rating sull'Italia da parte di DBRS è dovuta "all'incertezza politica" del Belpaese, fattore "che chiama in causa la capacità del governo di dare il via libera a riforme strutturali necessarie per sostenere nel lungo termine la produttività", ha aggiunto McCormick. Il giudizio, sostiene l'agenzia indipendente, riflette anche "l'effetto della recessione sul rapporto tra il debito italiano e il Prodotto interno lordo, salito al 127% nel 2012". Valore, quest'ultimo, considerato alto  e destinato a superare il 128% del Pil nel periodo 2013-2014. In pratica, per DBRS il profilo di credito dell'Italia si è "visibilmente deteriorato" e la situazione in corso potrebbe tradursi in un "ritardo nella stabilizzazione del debito". Non solo. La necessità del Paese di rifinanziare il proprio debito (a fine 2013, ricorda DBRS, servono 270 miliardi di dollari, pari al 17% del Pil), rende l'Italia "altamente sensibile a cambiamenti nell'umore del mercato esponendola a costi più alti per rifinanziare il proprio debito".

Secondo l'agenzia di rating, i "negoziati per formare un governo nuovo saranno probabilmente prolungati". La direzione delle politiche economiche tricolori, inoltre, è in dubbio così come l'insediamento di un nuovo governo. Ma anche qualora le parti dovessero trovare un accordo individuando la futura guida del Paese, DBRS crede che il governo stesso "potrebbe non ricevere un mandato sufficientemente forte per promuovere la crescita e mantenere l'implementazione delle riforme e allo stesso tempo continuare gli sforzi di consolidamento fiscale".

Certo è che la Penisola deve fare i conti con "problemi strutturali", ha aggiunto McCormick, "tra cui bassi investimenti in ricerca e sviluppo ed educazione, che insieme a una crescita economica risicata da 20 anni non fa altro che indebolire ulteriormente la competitività".

Con il senno di poi, si può dire che la seppur sconosciuta agenzia di rating ci aveva visto lungo quando un anno fa circa - quando il governo tecnico di Mario Monti guidava da tre mesi il Paese - aveva fotografato in un rapporto dettagliato lo status quo e gli scenari dell'Italia. Le cinque sfide allora individuate ancora valgono: il debito pubblico cresce, le finanze dello Stato si indeboliscono, il settore finanziario è sotto pressione, le crescita economica resta sotto la media europea ma soprattutto l'instabilità politica regna sovrana. "L'Italia soffre di un sistema partitico frammentato e di interessi radicati", aveva scritto DBRS. "Divisioni profonde e differenze ideologiche tra gli attori politici domestici", aveva garantito l'agenzia di rating canadese, potrebbe protrarre l'instabilità politica.

Pur apprezzando l'insediamento di Monti alla presidenza del Consiglio, DBRS aveva anche anticipato ciò su cui gli elettori italiani hanno - non a caso - dimostrato il loro scontento proprio con la chiamata alle urne di due settimane fa, snobbando lo stesso Monti e premiando il movimento populista di Beppe Grillo: stringere in modo significativo la cinghia fiscale ha avuto un impatto dannoso sulla crescita dell'economia tricolore non solo nel 2012 ma anche nel 2013 - altro anno di recessione garantita. E infatti DBRS aveva anticipato che "il supporto a misure di austerità sarà messo alla prova alla luce di una disoccupazione in aumento".

Con la sua bocciatura, DBRS fa riferimento ai punti di forza dell'Italia già messi in evidenza in passato. Inanzitutto l'Italia, ha spiegato McCormick, "ha il più basso rapporto debito-Pil tra i privati nell'Eurozona" mentre il debito del settore privato è "gestibile". Inoltre, la Penisola può beneficiare dell'essere membro dell'Area Euro proprio mentre lo stesso Grillo sostiene che l'euro è qualcosa che l'Italia non "si può più permettere" (cosa su cui si sono concentrati anche gli analisti di JP Morgan nello studio intitolato "A crash course in Grillonomics"), promettendo un referendum proprio sulla membership all'Eurozona. Insomma, DBRS crede che il fondo salva stati ESM e la Banca centrale europea siano sempre pronti a intervenire fornendo supporto finanziario, se l'Italia ne avrà bisogno. Insomma, il governatore Mario Draghi continuerà a comprare titoli di Stati tricolore se i rendimenti dovesse tornare alle stelle. Il punto preoccupante, sostiene DBRS, è che "un clima politico non definito unitamente alla fatica considerevole data dall'austerità aumentano ulteriormente l'incertezza sulla capacità del governo di negoziare condizioni stringenti per il supporto europeo".

L'unica salvezza, anche per evitare un ulteriore bocciatura? Secondo DBRS è "la formazione di un governo con una maggioranza parlamentare impegnata ad adottare quelle misure di politica fiscale ed economica tanto necessarie per stabilizzare i ratio del debito e rinvigorire il potenziale di crescita economica del Paese nel medio termine".

Altri Servizi
AP

Non c'erano dubbi ma il 19enne che nel giorno di San Valentino ha aperto il fuoco e ucciso 17 persone nel suo ex liceo in Florida ha ammesso di essere lui l'autore di quella che è stata una delle peggiori sparatorie avvenute dentro un istituto scolastico della storia moderna americana. Dopo essere stato catturato, Nikolas Cruz ha detto agli agenti di polizia di avere "iniziato a sparare agli studenti che vedeva nei corridoi e intorno alla scuola" una volta arrivato sul posto. E' quanto è emerso dal rapporto del suo arresto, pubblicato ieri nel tardo pomeriggio americano.

Wall Street, prosegue il momento positivo

Indici verso la migliore settimana in oltre un anno
iStock

Strage in Florida: Trump ancora una volta non parla di controllo delle armi

Il presidente americano ha proposto maggiore sicurezza nelle scuole e più impegno per la salute mentale dei cittadini americani. L'Fbi era stata avvertita della pericolosità di Cruz nel settembre del 2017

Ancora una volta Donald Trump non fa riferimento a leggi più severe sul controllo delle armi, commentando la strage avvenuta mercoledì in una scuola a Parkland, in Florida, in cui sono morte 17 persone. Il presidente americano ha parlato dell'importanza di nuove misure di sicurezza nelle scuole e dei problemi di salute mentale negli Stati Uniti. Un'ora prima, il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ha seguito la stessa linea, promettendo maggiori controlli, parlando di problemi mentali e infine incolpando le gang. 

Dimon (Jpm) è il banchiere meglio pagato per secondo anno di fila

Nel 2017, compensi per 29,5 milioni (+5%). Per Gorman (Morgan Stanley) +20% a 27 milioni. Per Blankfein (Goldman) +9% a 24 milioni di dollari. Per Corbat (Citigroup) +48% a 23 milioni
Wikimedia Commons

James Dimon, il numero uno di JP Morgan, si è confermato il banchiere meglio pagato a Wall Street per il secondo anno di fila: nel 2017 ha ricevuto compensi per 29,5 milioni di dollari , il 5% in più sul 2016.

Il piano infrastrutturale di Trump

Previsti progetti da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni ma il governo federale ce ne mette solo 200 miliardi. L'amministrazione Usa conta su stati, municipalità e privati
iStock

Lo aveva promesso sin dalla notte della sua vittoria elettorale nel novembre 2016. Oltre un anno dopo, il presidente americano Donald Trump ha finalmente presentato un piano per progetti infrastrutturali da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni, che rischia però di deludere. Il governo federale è pronto a impegnarsi a investire solo 200 miliardi di dollari. Inoltre, l'iniziativa ha di fronte a sé un futuro incerto al Congresso, che deve trovare i fondi per finanziarla e deve legiferare in materia.

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Quello di venerdì è stato il quinto rinvio a giudizio per cittadini o società russe accusate di aver influenzato le elezioni presidenziali americane del 2016. Tuttavia si tratta del primo del procuratore speciale, Robert Mueller, che dal maggio del 2017 sta indagando sul Russiagate e sulle possibili connessioni tra il Cremlino e alcuni membri del comitato elettorale di Donald Trump.

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

Molestie sessuali: Trump crede agli uomini

Il presidente ha ripetutamente empatizzato con chi è stato accusato di violenze. Getta dubbi sul movimento #MeToo e chiede un "giusto processo". Gop nel caos

Che Donald Trump non fosse un femminista, lo aveva detto lui stesso a fine gennaio. Che il 45esimo presidente americano sia convinto di potere fare di tutto alle donne, anche prenderle per i genitali, lo aveva dichiarato lui stesso in un video emerso in piena campagna elettorale, comunque finita in suo favore. Che tenda a schierarsi dalla parte degli uomini, a prescindere dal fatto che siano stati accusati di violenze contro le loro mogli, lo ha fatto capire "augurando il meglio" al segretario di gabinetto costretto a dimettersi imbarazzando una Casa Bianca che sapeva. Che non gli importi delle vittime di potenziali abusi, lo ha confermato su Twitter sabato 10 febbraio esprimendo dubbi sul movimento #MeToo, che invece secondo il suo ex stratega Steve Bannon avanzerà "come il Tea Party, solo in modo molto più grande".

Facebook perde utenti giovani: preferiscono Snapchat

E' quanto emerge da uno studio di eMarketer secondo cui nel 2018, il gruppo guidato da Zuckerberg perderà 2 milioni di iscritti al di sotto dei 25 anni, mentre Snapchat ne attrarrà 1,9 milioni intorno a quell'età.

Facebook sta perdendo giovani utenti, che preferiscono Snapchat. E' quanto emerge da uno studio di eMarketer, secondo cui nel 2018 meno della metà dei ragazzi americani tra i 12 e i 17 anni userà il social network più grande al mondo almeno una volta al mese. La società di ricerca sostiene che il gruppo guidato da Mark Zuckerberg quest'anno perderà 2 milioni di utenti con un'età inferiore ai 25 anni, mentre Snapchat ne attrarrà 1,9 milioni intorno a quell'età. Secondo lo stesso studio, Facebook non potrà più contare su Instagram - altro social network della galassia fb - per "adescare" i giovani utenti. (Instragram nel 2018 acquisirà 1,6 milioni di iscritti tra i 12 e i 24 anni).

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.