Italia, arriva il primo downgrade

Parla Fergus McCormick, analista dell'agenzia di rating canadese indipendente DBRS

Moody's e Fitch avevano avvertito: ci prepariamo a bocciare l'Italia. L'agenzia di rating indipendente DBRS è passata ai fatti, firmando il primo downgrade della terza economia del Vecchio Continente da quando le elezioni politiche del 24 e 25 febbraio si sono rivelate inconcludenti tanto da gettare nello sconforto gli investitori. E pone le condizioni per un'altra sforbiciata. "Le finanze pubbliche sono deboli, il debito non fa che crescere, la produttività è al palo, la partecipazione al mercato del lavoro è molto bassa", ha spiegato ad America24 Fergus McCormick, analista di DBRS.

L'agenzia di rating, con sede a Toronto (Canada) e uffici a New York, Chicago e Londra, ha bruciato sul tempo le cosiddette 'tre sorelle' portando il rating sulla capacità dell'Italia di rispettare i propri impegni con i creditori a A (low) da A con outlook negativo. Tra due giorni un report dettagliato dovrebbe essere accessibile a tutti gli investitori interessati. Nel frattempo DBRS ha spiegato le sue scelte, snobbate - almeno per ora - dal mercato probabilmente perché non famosa quanto Moody's, Fitch e S&P (l'unica per altro a credere che l'Italia resterà sulla retta via), che rispettivamente hanno un rating pari a Baa2, A- e BBB+ con outlook negativi.

Non è detto però che la sua decisione sia da sottovalutare. Lo ha dimostrato Egan-Jones, un'altra agenzia di rating minore ma diventata famosa in tutto il mondo per essere stata la prima a decretare un downgrade degli Stati Uniti. Era il 16 luglio 2011. Il mese dopo S&P fece altrettanto in scia allo stallo sull'innalzamento del debito pubblico. E fu panico sui mercati.

La revisione del rating sull'Italia da parte di DBRS è dovuta "all'incertezza politica" del Belpaese, fattore "che chiama in causa la capacità del governo di dare il via libera a riforme strutturali necessarie per sostenere nel lungo termine la produttività", ha aggiunto McCormick. Il giudizio, sostiene l'agenzia indipendente, riflette anche "l'effetto della recessione sul rapporto tra il debito italiano e il Prodotto interno lordo, salito al 127% nel 2012". Valore, quest'ultimo, considerato alto  e destinato a superare il 128% del Pil nel periodo 2013-2014. In pratica, per DBRS il profilo di credito dell'Italia si è "visibilmente deteriorato" e la situazione in corso potrebbe tradursi in un "ritardo nella stabilizzazione del debito". Non solo. La necessità del Paese di rifinanziare il proprio debito (a fine 2013, ricorda DBRS, servono 270 miliardi di dollari, pari al 17% del Pil), rende l'Italia "altamente sensibile a cambiamenti nell'umore del mercato esponendola a costi più alti per rifinanziare il proprio debito".

Secondo l'agenzia di rating, i "negoziati per formare un governo nuovo saranno probabilmente prolungati". La direzione delle politiche economiche tricolori, inoltre, è in dubbio così come l'insediamento di un nuovo governo. Ma anche qualora le parti dovessero trovare un accordo individuando la futura guida del Paese, DBRS crede che il governo stesso "potrebbe non ricevere un mandato sufficientemente forte per promuovere la crescita e mantenere l'implementazione delle riforme e allo stesso tempo continuare gli sforzi di consolidamento fiscale".

Certo è che la Penisola deve fare i conti con "problemi strutturali", ha aggiunto McCormick, "tra cui bassi investimenti in ricerca e sviluppo ed educazione, che insieme a una crescita economica risicata da 20 anni non fa altro che indebolire ulteriormente la competitività".

Con il senno di poi, si può dire che la seppur sconosciuta agenzia di rating ci aveva visto lungo quando un anno fa circa - quando il governo tecnico di Mario Monti guidava da tre mesi il Paese - aveva fotografato in un rapporto dettagliato lo status quo e gli scenari dell'Italia. Le cinque sfide allora individuate ancora valgono: il debito pubblico cresce, le finanze dello Stato si indeboliscono, il settore finanziario è sotto pressione, le crescita economica resta sotto la media europea ma soprattutto l'instabilità politica regna sovrana. "L'Italia soffre di un sistema partitico frammentato e di interessi radicati", aveva scritto DBRS. "Divisioni profonde e differenze ideologiche tra gli attori politici domestici", aveva garantito l'agenzia di rating canadese, potrebbe protrarre l'instabilità politica.

Pur apprezzando l'insediamento di Monti alla presidenza del Consiglio, DBRS aveva anche anticipato ciò su cui gli elettori italiani hanno - non a caso - dimostrato il loro scontento proprio con la chiamata alle urne di due settimane fa, snobbando lo stesso Monti e premiando il movimento populista di Beppe Grillo: stringere in modo significativo la cinghia fiscale ha avuto un impatto dannoso sulla crescita dell'economia tricolore non solo nel 2012 ma anche nel 2013 - altro anno di recessione garantita. E infatti DBRS aveva anticipato che "il supporto a misure di austerità sarà messo alla prova alla luce di una disoccupazione in aumento".

Con la sua bocciatura, DBRS fa riferimento ai punti di forza dell'Italia già messi in evidenza in passato. Inanzitutto l'Italia, ha spiegato McCormick, "ha il più basso rapporto debito-Pil tra i privati nell'Eurozona" mentre il debito del settore privato è "gestibile". Inoltre, la Penisola può beneficiare dell'essere membro dell'Area Euro proprio mentre lo stesso Grillo sostiene che l'euro è qualcosa che l'Italia non "si può più permettere" (cosa su cui si sono concentrati anche gli analisti di JP Morgan nello studio intitolato "A crash course in Grillonomics"), promettendo un referendum proprio sulla membership all'Eurozona. Insomma, DBRS crede che il fondo salva stati ESM e la Banca centrale europea siano sempre pronti a intervenire fornendo supporto finanziario, se l'Italia ne avrà bisogno. Insomma, il governatore Mario Draghi continuerà a comprare titoli di Stati tricolore se i rendimenti dovesse tornare alle stelle. Il punto preoccupante, sostiene DBRS, è che "un clima politico non definito unitamente alla fatica considerevole data dall'austerità aumentano ulteriormente l'incertezza sulla capacità del governo di negoziare condizioni stringenti per il supporto europeo".

L'unica salvezza, anche per evitare un ulteriore bocciatura? Secondo DBRS è "la formazione di un governo con una maggioranza parlamentare impegnata ad adottare quelle misure di politica fiscale ed economica tanto necessarie per stabilizzare i ratio del debito e rinvigorire il potenziale di crescita economica del Paese nel medio termine".

Altri Servizi

Wall Street, permangono i timori sui rapporti commerciali tra gli Usa e la Cina

Il Dow Jones ha chiuso in negativo le ultime quattro sedute
iStock

Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Tutti, o quasi, contro il presidente Donald Trump. Importanti figure del partito repubblicano si sono unite ai democratici nel chiedere all'amministrazione statunitense di porre fine alla politica della 'tolleranza zero', che sta dividendo i bambini dai genitori con cui hanno attraversato il confine tra Stati Uniti e Messico senza un visto. Più complessa, invece la posizione assunta dalla first lady Melania Trump, che ha fatto sapere, tramite la sua portavoce, di "credere nel bisogno di un Paese che segua tutte le leggi, ma anche un Paese che governi col cuore"; non ha, però, criticato il marito Donald, come affermato da molti giornalisti, anzi: si è unita a lui nel chiedere che repubblicani e democratici lavorino insieme per risolvere la situazione.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, promulgherà la legge sull'immigrazione che il Congresso deciderà di approvare tra le due in discussione; lo ha riferito la Casa Bianca, nonostante Trump, poche ore prima, avesse espresso in tv la sua contrarietà alle proposte di legge che saranno votate nei prossimi giorni alla Camera e che hanno l'obiettivo di trovare anche una soluzione per i Dreamers, ovvero gli immigrati arrivati da bambini, senza documenti, protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Trump (ma lo stop è bloccato in tribunale).

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Europa e Usa insieme per discutere del piano di pace in Medio Oriente di Trump

Londra sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle potenze europee (e arabe) e gli uomini del presidente Usa che si occupano del dossier, ovvero Kushner e Greenblatt, che nei prossimi giorni saranno in Israele, Egitto e Arabia Saudita
iStock

In attesa del piano di pace per il Medio Oriente della Casa Bianca, il Regno Unito sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle principali potenze europee e arabe con il 'peace team' del presidente statunitense Donald Trump, guidato dal genero Jared Kushner e da Jason Greenblatt. A scriverlo è il giornalista israeliano Barak Ravid, collaboratore del sito Axios.

Russiagate, il WP rivela incontro tra Roger Stone e un russo

Il consigliere di lungo corso di Trump ha incontrato Henry Greenberg che gli aveva promesso materiale scottante su Hillary Clinton
©AP

Nuove rivelazioni sul Russiagate. Roger Stone, consigliere informale di Donald Trump e suo confidente di lunga data, ha infatti rilasciato un’intervista al Washington Post nella quale ha ammesso di aver incontrato nel maggio 2016 un emigrato russo che gli avrebbe promesso informazioni "compromettenti" sull’allora candidata democratica Hillary Clinton.

Apple annuncia partnership sui contenuti con Oprah Winfrey

La regina dei talk show americana creerà "programmi originali"
AP

Apple unisce le forze con Oprah Winfrey creando una partnership per la produzione di programmi per un nuovo servizio di video su abbonamento. L'accordo con la regina dei talk show americani è la dimostrazione di come il produttore dell'iPhone punti sempre di più sui contenuti. Winfrey - che ha dato una spinta al titolo Weight Watchers da quando ne è diventata socia e testimonial - creerà "programmi originali che abbracciano la sua capacità senza eguali di connettere varie audience in giro per il mondo", ha spiegato Apple.

Usa 2018: si voterà anche per dividere la California in tre Stati

Gli elettori dello Stato, al momento, bocciano la proposta, secondo l'ultimo sondaggio

Alle elezioni statunitensi di metà mandato a novembre, i californiani dovranno anche decidere se dividere la California in tre Stati. La campagna referendaria 'Cal-3' ha infatti consegnato alle autorità quasi 420.000 firme valide, più di quelle necessarie per sottoporre il quesito alle elezioni.

Fmi mette in guardia gli Usa e cita il rischio di recessione

L'istituto guidato da Christine Lagarde ha ottime prospettive nel breve termine per l'America ma le politiche commerciali e fiscali non convincono. E nel 2023 stime di crescita del Pil pari alla metà di quella della Casa Bianca

Il Fondo monetario internazionale ha lanciato un avvertimento all'amministrazione Trump spingendosi a citare il rischio di una possibile recessione tra quelli individuati. La causa scatenante potrebbe essere la sua politica fiscale prociclicia. E le misure commerciali non fanno che peggiorare il quadro. Non a caso l'istituto di Washington ha presentato stime di cresciuta più conservative di quelle della Casa Bianca nel lungo termine. Con il venire meno, dal 2020, dell'effetto positivo dato dagli stimoli fiscali Usa, la crescita americana secondo il Fondo rallenterà a un +1,4% nel 2023 contro il +1,8% previsto dalla Federal Reserve e la promessa di Trump di un +3%.