Italia, Dbrs avverte: stabilità prossimo governo a rischio, non escluse nuove elezioni

L'agenzia canadese conferma il rating BBB (High) e l'outlook stabile. La ripresa continua. Debito pubblico e Npl ancora alti. Dalla chiamata alle urne del 4 marzo non si aspetta un vincitore. Ipotizza coalizione guidata da M5S

Il consolidamento fiscale procede e una ripresa economica più forte controbilancia le sfide future legate all'alto debito pubblico, agli "ancora elevati livelli" di crediti deteriorati e all'incertezza politica. E' questa la fotografia scattata da Dbrs, che ha lasciato il rating a BBB (alto) con outlook stabile sul nostro Paese. L'agenzia canadese ha avvertito: dalle elezioni del prossimo 4 marzo "difficilmente emergerà un vincitore chiaro". Di conseguenza, un "parlamento appeso" a equilibri incerti "potrebbe condizionare la stabilità del prossimo governo e dunque l'agenda di riforme così come il passo del consolidamente fiscale".

Sul piano dei fondamentali, Dbrs sembra tutto sommato fiduciosa. E' sul fronte politico che mostra cautela al punto da "non escludere la possibilità di altre elezioni" dopo quelle di inizio marzo. Non solo. Ipotizza una coalizione di governo capitanata dal Movimento 5 Stelle, anche se la probabilità che ciò si verifichi è giudicata "bassa".

Il quadro economico-finanziario
Sul piano economico-finanziario, stimando che il 2017 si sia chiuso per l'Italia con una espansione dell'1,5%, l'agenzia di rating calcola che nel 2018 ci sarà un passo di crescita "simile"; in entrambe i casi, le previsioni sono in linea a quelle del governo. Per l'anno appena iniziato, "gli investimenti, sostenuti da un'espansione degli incentivi fiscali, potrebbero fare da traino", ha scritto Dbrs nel suo rapporto non mancando di ricordare che l'Italia "resta tra i Paesi con le peggiori performance di crescita in Europa soprattutto per via delle ancora deboli dinamiche della produttività" ma anche per via di "bassi investimenti nell'istruzione, nella ricerca e sviluppo, di una competitività debole e di bassi tassi di occupazione".

A suo favore, il nostro Paese ha un settore manifatturiero "che è il secondo più grande in Europa e che sta consentendo all'Italia di godere della ripresa ciclica". C'è anche il debito del settore privato: è "solido" ed è "uno dei più bassi tra le economie avanzate, cosa che mitiga il rischio alla stabilità finanziaria". Inoltre, dopo un anno in cui "i rischi sistemici nel sistema bancario sono calati", Dbrs si aspetta ulteriori cessioni di non performing loan (Npl); questi ultimi restano tuttavia elevati al punto da "condizionare la capacità del settore di agire come intermediario finanziario a sostegno dell'economia".

Il rischio politico
Per Dbrs, a questo punto il rischio in Italia è soprattutto politico: Dbrs ha osservato "un aumento dell'incertezza" su questo fronte a partire dal referendum costituzionale del dicembre 2016, che costrinse alle dimissioni l'allora presidente del Consiglio Matteo Renzi. Dopo la chiamata alle urne di inizio marzo, ha spiegato Dbrs, "se i sondaggi si riveleranno corretti, nessuna coalizione o partito sarà in grado di assicurarsi una maggioranza schiacciante in ambo le aule" del Parlamento. Secondo Dbrs, "una grande coalizione composta da partiti tradizionali provenienti da blocci diversi, magari con il sostegno diretto o indiretto di partiti piccoli, potrebbe essere l'esito più probabile". Ma anche una coalizione simile, hanno avvertito gli esperti canadesi, "potrebbe avere una maggioranza sottile e non è chiaro che portata potrebbe avere sul fronte delle riforme strutturali e del consolidamento fiscale".

Se invece gli italiani finiranno di nuovo alle urne, Dbrs si aspetta che Paolo Gentiloni sia "temporaneamente rinominato ma resta da vedere se la sua squadra di governo sarà in grado di fare progressi ulteriori con le riforme". E in merito allo scenario improbabile di una "coalizione di governo capitanata dal M5S e formata da altri partiti non tradizionali", Dbrs solleva dubbi sulla posizione fiscale dell'Italia "anche se recentemente la linea [dei pentastellati] contro l'Unione europea e l'euro si è moderata". Giorni fa il candidato premier M5S Luigi di Maio, dal salotto di Bruno Vespa, aveva detto: "Io non credo sia più il momento per l'Italia di uscire dall'euro perché l'asse franco-tedesco non è più così forte, e spero di non arrivare al referendum sull'euro che comunque per me sarebbe una estrema ratio".

In conclusione, Dbrs crede che fino a quando la ripresa economica continuerà insieme a un consolidamento fiscale, "l'incertezza politica dovrebbe pesare meno sulla tenuta creditizia" dell'Italia. Come a dire, chiunque finisca a capo del prossimo governo, porti avanti i progressi fatti fino ad ora. Altrimenti, con un debito pubblico alto e una crescita economica strutturale bassa, saremo esposti a shock avversi. Di nuovo.

Altri Servizi

Wall Street: continuano le tensioni commerciali. Focus su Fca

Titolo del gruppo auto sotto pressione dopo il cambio ai vertici dovuto a gravi problemi di salute che hanno colpito Marchionne
AP

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga Donald Trump Vs Hillary Clinton sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. Secondo l’ex candidata democratica non ci sono dubbi sulla questione: "È stato un enorme cyber attacco al nostro sistema elettorale, e ha avuto successo". La Clinton, intervenuta sabato pomeriggio all’OzyFest, un festival di incontri e di musica a Central Park, lo definisce ancora. "Un attacco al cuore della nostra democrazia. Il grande mistero è perché il nostro presidente non abbia parlato (nel meeting di Helsinki con Putin, ndr) in favore del suo Paese".

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Il Pentagono ha annunciato che fornirà 200 milioni di dollari in aiuti per la sicurezza all'Ucraina. Il finanziamento è già stato approvato e coincide con una serie di riforme approvate da Kiev per rendere più moderna la difesa. La decisione di Washington irriterà la Russia, che pochi giorni fa aveva dichiarato di essere pronta a lavorare con il dipartimento della Difesa statunitense su una serie di tematiche sulla sicurezza, dopo il vertice tra i presidenti Donald Trump e Vladimir Putin.

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi