Italia, Dbrs avverte: stabilità prossimo governo a rischio, non escluse nuove elezioni

L'agenzia canadese conferma il rating BBB (High) e l'outlook stabile. La ripresa continua. Debito pubblico e Npl ancora alti. Dalla chiamata alle urne del 4 marzo non si aspetta un vincitore. Ipotizza coalizione guidata da M5S

Il consolidamento fiscale procede e una ripresa economica più forte controbilancia le sfide future legate all'alto debito pubblico, agli "ancora elevati livelli" di crediti deteriorati e all'incertezza politica. E' questa la fotografia scattata da Dbrs, che ha lasciato il rating a BBB (alto) con outlook stabile sul nostro Paese. L'agenzia canadese ha avvertito: dalle elezioni del prossimo 4 marzo "difficilmente emergerà un vincitore chiaro". Di conseguenza, un "parlamento appeso" a equilibri incerti "potrebbe condizionare la stabilità del prossimo governo e dunque l'agenda di riforme così come il passo del consolidamente fiscale".

Sul piano dei fondamentali, Dbrs sembra tutto sommato fiduciosa. E' sul fronte politico che mostra cautela al punto da "non escludere la possibilità di altre elezioni" dopo quelle di inizio marzo. Non solo. Ipotizza una coalizione di governo capitanata dal Movimento 5 Stelle, anche se la probabilità che ciò si verifichi è giudicata "bassa".

Il quadro economico-finanziario
Sul piano economico-finanziario, stimando che il 2017 si sia chiuso per l'Italia con una espansione dell'1,5%, l'agenzia di rating calcola che nel 2018 ci sarà un passo di crescita "simile"; in entrambe i casi, le previsioni sono in linea a quelle del governo. Per l'anno appena iniziato, "gli investimenti, sostenuti da un'espansione degli incentivi fiscali, potrebbero fare da traino", ha scritto Dbrs nel suo rapporto non mancando di ricordare che l'Italia "resta tra i Paesi con le peggiori performance di crescita in Europa soprattutto per via delle ancora deboli dinamiche della produttività" ma anche per via di "bassi investimenti nell'istruzione, nella ricerca e sviluppo, di una competitività debole e di bassi tassi di occupazione".

A suo favore, il nostro Paese ha un settore manifatturiero "che è il secondo più grande in Europa e che sta consentendo all'Italia di godere della ripresa ciclica". C'è anche il debito del settore privato: è "solido" ed è "uno dei più bassi tra le economie avanzate, cosa che mitiga il rischio alla stabilità finanziaria". Inoltre, dopo un anno in cui "i rischi sistemici nel sistema bancario sono calati", Dbrs si aspetta ulteriori cessioni di non performing loan (Npl); questi ultimi restano tuttavia elevati al punto da "condizionare la capacità del settore di agire come intermediario finanziario a sostegno dell'economia".

Il rischio politico
Per Dbrs, a questo punto il rischio in Italia è soprattutto politico: Dbrs ha osservato "un aumento dell'incertezza" su questo fronte a partire dal referendum costituzionale del dicembre 2016, che costrinse alle dimissioni l'allora presidente del Consiglio Matteo Renzi. Dopo la chiamata alle urne di inizio marzo, ha spiegato Dbrs, "se i sondaggi si riveleranno corretti, nessuna coalizione o partito sarà in grado di assicurarsi una maggioranza schiacciante in ambo le aule" del Parlamento. Secondo Dbrs, "una grande coalizione composta da partiti tradizionali provenienti da blocci diversi, magari con il sostegno diretto o indiretto di partiti piccoli, potrebbe essere l'esito più probabile". Ma anche una coalizione simile, hanno avvertito gli esperti canadesi, "potrebbe avere una maggioranza sottile e non è chiaro che portata potrebbe avere sul fronte delle riforme strutturali e del consolidamento fiscale".

Se invece gli italiani finiranno di nuovo alle urne, Dbrs si aspetta che Paolo Gentiloni sia "temporaneamente rinominato ma resta da vedere se la sua squadra di governo sarà in grado di fare progressi ulteriori con le riforme". E in merito allo scenario improbabile di una "coalizione di governo capitanata dal M5S e formata da altri partiti non tradizionali", Dbrs solleva dubbi sulla posizione fiscale dell'Italia "anche se recentemente la linea [dei pentastellati] contro l'Unione europea e l'euro si è moderata". Giorni fa il candidato premier M5S Luigi di Maio, dal salotto di Bruno Vespa, aveva detto: "Io non credo sia più il momento per l'Italia di uscire dall'euro perché l'asse franco-tedesco non è più così forte, e spero di non arrivare al referendum sull'euro che comunque per me sarebbe una estrema ratio".

In conclusione, Dbrs crede che fino a quando la ripresa economica continuerà insieme a un consolidamento fiscale, "l'incertezza politica dovrebbe pesare meno sulla tenuta creditizia" dell'Italia. Come a dire, chiunque finisca a capo del prossimo governo, porti avanti i progressi fatti fino ad ora. Altrimenti, con un debito pubblico alto e una crescita economica strutturale bassa, saremo esposti a shock avversi. Di nuovo.

Altri Servizi

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Caso Khashoggi: aumenta il pressing sull'Arabia Saudita, Trump chiede alla Turchia i file audio "se esistono"

Il presidente dice di non coprire Riad ma ne esalta gli acquisti di armi Usa. Pompeo difende l'inchiesta "completa" di Riad ma gli uomini parte del commando che avrebbe ucciso il giornalista sembrano vicinissimi a Mbs. Lagarde diserta la Davos nel deserto

Gli Stati Uniti non intendono coprire le eventuali responsabilità che l'Arabia Saudita ha nella scomparsa di Jamal Khashoggi, il giornalista saudita di cui si sono perse le tracce dal 2 ottobre scorso quando entrò nel consolato del suo Paese a Istanbul (Turchia). E' il presidente americano Donald Trump a dire che "niente affatto", lui non intende chiudere un occhio sul caso pur di salvare la relazione con un "alleato molto importante" che per altro è un "incredibile" acquirente di armi e "altre cose" americane.

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Wall Street rimbalza dopo due giorni di sell-off

Gli utili di Jpm e Citi hanno battuto le stime. Rendimenti del Treasury a 10 anni verso settimana in calo. Yellen difende Powell da Trump
iStock

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Caso Khashoggi: monta il pressing su Trump, che punta a salvare la relazione con il "tossico" Mbs

Così il senatore repubblicano Lindsey Graham ha definito il principe erede al trono dell'Arabia Saudita.