Italia: Fmi peggiora stime su deficit e debito, più tasse su patrimoni e immobili

L'istituto di Washington consiglia una riduzione ulteriore del cuneo fiscale. Anche grazie al nostro Paese, stop all'austerità nelle economie avanzate e politica fiscale espansiva in Eurozona nel 2017

Peggiorando le stime su deficit e debito negli anni a venire, il Fondo monetario internazionale preme affinché l'Italia riduca ulteriormente il cuneo fiscale e ricorra a tasse su patrimoni e immobili (il governo Renzi aveva eliminato l'Imu sulla prima casa). Il nostro Paese viene citato dall'istituto di Washington tra quelli che hanno contribuito a mettere fine all'austerità nelle economie avanzate. E grazie anche all'Italia, la politica fiscale nell'Eurozona per il 2017 dovrebbe rimanere espansiva. Inoltre, dice il Fondo, le elezioni in Francia e Germania e magari anche nella nostra nazione potrebbero cambiare il quadro fiscale, ancora alle prese con rischi elevati a causa soprattutto dell'incertezza legata alla politica economica della nuova amministrazione Usa.

C'è spazio per ridurre ulteriormente il cuneo fiscale
Nel Fiscal Monitor, rapporto pubblicato oggi nell'ambito dei lavori primaverili in corso a Washington, si legge che "in Francia e in Italia c'è spazio per un ulteriore riduzione del cuneo fiscale per migliorare gli incentivi al lavoro". In generale, il Fondo spiega che nelle economie avanzate con una popolazione in calo come Italia, Germania e Giappone "un uso più intenso delle politiche attive del mercato del lavoro e misure mirate di spesa per gruppi specifici di lavoratori come donne e migranti" potrebbe essere positivo. Come esempio viene citata una maggiore assistenza all'infanzia.

Migliorare e usare di più tasse su patrimoni e immobili
Secondo il Fondo, in molti Paesi tra cui Italia, Irlanda e Olanda "c'è spazio affinché si possa fare un uso maggiore e si possa migliorare la messa a punto delle tasse su patrimoni e immobili oltre che sui redditi". Secondo il Fondo, "le tasse basate sul valore degli immobili non sono soltanto fonti efficienti di entrate ma sono anche progressive dal momento che generalmente la ricchezza si concentra nelle famiglie ad alto reddito". Il Fondo sostiene che l'Italia "dovrebbe razionalizzare le sue spese fiscali relativamente ampie, ampliare la base imponibile e creare un sistema moderni di tasse immobiliari".

Austerità finita nel 2016 grazie a Italia, Spagna e Usa
Nel nostro Paese migliorare mix di politiche pro-crescita Se nelle economie avanzate l'austerità è finita è merito soprattutto di Italia, Spagna e Stati Uniti. E' quanto emerge dal Fiscal Monitor. In esso si legge che "le economie avanzate hanno allentato la loro posizione fiscale di un quinto di un punto percentuale del Pil nel 2016, mettendo fine a un trend di un consolidamento fiscale graduale. I Paesi che hanno principalmente contribuito a quel cambiamento sono stati Italia, Spagna e Stati Uniti e, in misura minore, Canada e Germania". Il rapporto tra debito e Pil nelle economie avanzate è salito di circa il 2% nel 2016, spiega il Fondo, raggiungendo il 107,6% del Pil e si prevede che resti elevato e relativamente piatto nel medio termine (diversamente dalle stime del Fiscal Monitor dell'aprile 2016 che presupponevano un declino costante e moderato). A spiegare l'allentamento fiscale è il "sostegno alla ripresa in un contesto di incertezze accentuate in merito alle prospettive economiche", recita il documento secondo cui "i Paesi in cui la crescita di breve termine e l'occupazione sono stati fattori cruciali includono Italia, Spagna e Usa". Prendendo in considerazione una prospettiva di lungo termine, "vale la pena sottolineare che la politica fiscale è diventata gradualmente anticiclica nelle economie avanzate negli ultimi 20 anni". In Italia, conclude il Fondo, "un aggiustamento fiscale uniforme insieme a una composizione migliore del mix di politiche pro-crescita nel breve termine continueranno a sostenere la ripresa aumentando la credibilità dell'aggiustamento" fiscale.

Fmi peggiora stime su debito/Pil dal 2017 al 2021
Dopo avere chiuso il 2016 al 132,6%, il debito pubblico in rapporto al Pil raggiungerà quest'anno in Italia il 132,8% per poi scendere al 131,6% nel 2018 e continuare gradualmente al ribasso fino al 2022. E' quanto emerge dalle tabelle del Fiscal Monitor. Da esso si evince che se per l'anno scorso c'è stato un miglioramento dello 0,4% rispetto alle stime contenute nel Fiscal Monitor di un anno fa, per il 2017 c'è stato un peggioramento dell'1,1% e per il 2018 del 2,1%. L'istituto guidato da Christine Lagarde stima per il 2019 un dato al 129,4% (più alto rispetto al 126,8% previsto nell'aprile 2016), per il 2020 al 126,8% (la stima era al 124,2% lo scorso anno), per il 2021 al 124,1% del Pil (dal 121,6%) e per il 2022 - ultimo anno disponibile nella nuova tabella - al 121,3%. Per il 2016, tra le economie avanzate ad avere fatto peggio dell'Italia secondo il Fondo è stato ancora una volta il Giappone con un debito/Pil al 239,2% seguito di nuovo dalla Grecia (181,3%). A fare leggermente meglio del nostro Paese c'è stato nuovamente il Portogallo (130,3%). Nel 2017 il debito/Pil a Tokyo è atteso invariato sull'anno precedente (meglio dei calcoli di un anno fa per un dato al 250,9%) e a Lisbona al 128,6% (dal 127,3% stimato 12 mesi fa).

Fmi peggiora stime defict/Pil, pareggio slitta di due anni al 2022
Il Fondo monetario internazionale ha peggiorato le sue stime sul rapporto tra il deficit e il Pil in Italia dal 2017 fino al 2021. E' quanto emerge da un confronto delle tabelle del Fiscal Monitor. Come già anticipato nel World Economic Outlook diffuso ieri, il deficit/Pil nell'anno in corso dovrebbe attestarsi al 2,4%, come visto nel 2016. Nel 2018 il dato è atteso all'1,4%. Il punto è che un anno fa il Fondo si aspettava per l'anno in corso un deficit/Pil più basso dello 0,8% e per il prossimo più contenuto dello 0,9%. Il dato del 2016 è risultato invece migliore dello 0,3% rispetto ai calcoli di 12 mesi fa. Diversamende dal Weo, il Fiscal Monitor fornisce le differenze con i calcoli passati e anche le previsioni anche per gli anni dal 2019 al 2021 e non solo per il 2022 (quando già ieri si sapeva che ci sarebbe stato un pareggio di bilancio). Dal Fiscal Monitor odierno si apprende che il pareggio è slittato di due anni rispetto alle previsioni dell'aprile 2016, quando l'Fmi prevedeva il raggiungimento di un pareggio nel 2020 e un suo mantenimento nel 2021. Per il 2019 è atteso un deficit/Pil allo 0,7% e non più allo 0,2%; per il 2020 il dato è previsto allo 0,2% e per il 2021 allo 0,1%.

Fmi posticipa dal 2018 al 2021 il pareggio strutturale di bilancio
Il Fondo monetario internazionale posticipa dal 2018 al 2021 un pareggio strutturale di bilancio per l'Italia. Se un anno fa l'istituto di Washington prevedeva a partire dal 2018 un pareggio strutturale, ora l'Fmi si aspetta un deficit dello 0,9% per quell'anno e un pareggio solo a partire dal nel 2021 (le stime si fermano al 2022). Nella tabella dedicata al "General Government Cyclically Adjusted Balance" - definizione usata dall'Fmi per indicare il bilancio del governo corretto per il ciclo economico, che include misure una tantum - si legge che per quest'anno è stimato un deficit strutturale pari all'1,6% del Pil, il doppio rispetto ai calcoli di 12 mesi fa, dopo un dato pari a un -1,2% nel 2016 (lo 0,2% in meno delle previsioni dell'aprile 2016). Il dato dovrebbe scendere a un -0,3% nel 2019. L'anno successivo è atteso un -0,1%.

Altri Servizi

La settimana economica e politica in America

Lunedì ci sarà l'attesissimo incontro alla Casa Bianca tra Donald Trump e alcuni amministratore della Silicon Valley. E poi ci sono i dati sulle case e ancora i discorsi di due presidenti della Fed
AP

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi a assumere funzionari per le posizioni più strategiche (ne abbiamo parlato qui), lunedì ci sarà un appuntamento fondamentale. Alla Casa Bianca infatti si incontreranno gli amministratori delegati delle aziende tecnologiche che per la seconda volta cercheranno di discutere con il presidente americano le politiche che potrebbe adottare nei prossimi mesi.

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Afghanistan, la Casa Bianca non ha una strategia chiara

Donald Trump ha dato pieni poteri al Pentagono che vorrebbe inviare 3.000-5.000 nuovi militari nel Paese
AP

Quando il presidente americano Donald Trump ha preso la sua prima più grande decisione sulla guerra in Afghanistan, non ha fatto alcun annuncio televisivo della Casa Bianca o un discorso a West Point. Invece ha fatto comunicare la svolta al Pentagono, che in un pomeriggio ha pubblicato un comunicato stampa firmato da James Mattis: il segretario alla Difesa ha annunciato di avere l'autorità di inviare migliaia di soldati nel Paese, dopo che gli Stati Uniti sono in guerra da 16 anni e hanno di stanza 8.800 soldati in totale.

Trump ai Ceo della Silicon Valley, aggiorniamo i sistemi informatici obsoleti del governo

Riunione alla Casa Bianca con 18 AD. Il presidente: risparmieremo oltre mille miliardi in 10 anni con la "rivoluzione tech". Kushner: al Pentagono si usano ancora i floppy disk. Cook (Apple): gli Usa siano il governo più moderno al mondo

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi ad assumere funzionari per le posizioni più strategiche, ha avuto un appuntamento attentamente monitorato. Alla Casa Bianca infatti si sono incontrati 18 amministratori delegati di aziende tecnologiche come Amazon, Apple, Ibm, Microsoft e Google con una capitalizzazione complessiva di 3.500 miliardi di dollari. L'obiettivo era quello di gettare le basi per aiutare il presidente Donald Trump a riorganizzare e modernizzare il governo, a prescindere dalle diverse vedute politiche. Questo perché come Barack Obama, Trump crede che Washington continui a essere troppo lenta nell'adattarsi ai cambiamenti dell'era digitale.

È morto il cittadino americano detenuto 17 mesi in Corea del Nord

Otto Warmbier era stato liberato il 13 giugno e si trovava in coma, forse da più di un anno. Pyongyang detiene altri tre cittadini americani

È morto Otto Warmbier, il cittadino americano di 22 anni liberato la settimana scorsa dal regime della Corea del Nord. Si trovava in coma dal marzo del 2016 secondo quando ha fatto sapere il regime di Pyongyang. La famiglia - che ha diffuso la notizia - aveva detto che aveva gravi danni neurologici. Warmbier, 22 anni, era stato liberato la settimana scorsa dopo 17 mesi di detenzione: si trovava in Corea del Nord come turista quando era stato arrestato il 2 gennaio 2016 e poi condannato a 15 anni di lavori forzati per aver cercato di rubare un cartellone della propaganda del regime in un albergo. Il giovane, dopo un processo per direttissima di solo un'ora, era stato condannato con l'accusa di "atto ostile contro lo stato".

Usa, Georgia al voto: spese record per un test su Trump

Elezioni speciali per un seggio alla Camera, attenzione nazionale. Spesi oltre 50 milioni di dollari: una cifra senza precedenti per un seggio a Capitol Hill
Ap

I democratici di tutti gli Stati Uniti attendono con ansia e grandi aspettative il voto previsto domani in Georgia per assegnare il seggio alla Camera del sesto distretto, lasciato libero da Tom Price, diventato segretario alla Salute e ai Servizi umani dell'amministrazione Trump.

Fca: la West Virginia University trova discrepanze in test su emissioni

Monta la pressione sul gruppo, accusato dalle autorità Usa di avere violato gli standard con quasi 104.000 tra Ram e Grand Cherokee. L'azienda: risultati fuorvianti
Chrysler

I ricercatori della West Virginia University - la stessa istituzione che aiutò a scoprire lo scandalo dieselgate che colpì Volkswagen nel settembre 2015 - hanno trovato delle discrepanze nelle emissioni di vetture diesel di Fiat Chrysler Automobiles a seconda che siano misurate su strada o in laboratorio.

Nessuno vuole lavorare per l'amministrazione Trump

Il risultato è che in quasi cinque mesi di governo ci sono ancora centinaia di posti vacanti e a Washington si vive in un senso di immobilità
AP

Le tante minacce legali e politiche che pendono sullla presidenza di Donald Trump hanno reso ancora più difficile per la Casa Bianca trovare persone disposte a entrare nella squadra di governo. Il licenziamento dell'ex direttore dell'Fbi, il ritorno dello spettro del coinvolgimento russo nelle elezioni hanno reso ancora  più difficile assumere persone, secondo quanto hanno detto al Washington Post ex funzionari federali, attivisti del partito, lobbisti e candidati che i funzionari di Trump hanno cercato di reclutare.

Scontro tra navi in Giappone, morti sette militari americani

Una nave cargo filippina ha travolto la USS Fitzgerald. I membri della Marina stavano dormendo

Una scontro con una nave da carico ha distrutto la cabina del capitano di un cacciatorpediniere americano provocando sette morti. I marinai stavano dormendo per questo non hanno avuto il tempo per salvarsi. È successo in Giappone dove la nave cargo ACX Crystal, battente bandiera filippina, ha travolto la Uss Fitzgerald. 

Wall Street da record

Nessun dato macroeconomico in agenda. Il presidente Donald Trump incontra gli amministratori delegati della Silicon Valley
AP