Italia: Fmi peggiora stime su deficit e debito, più tasse su patrimoni e immobili

L'istituto di Washington consiglia una riduzione ulteriore del cuneo fiscale. Anche grazie al nostro Paese, stop all'austerità nelle economie avanzate e politica fiscale espansiva in Eurozona nel 2017

Peggiorando le stime su deficit e debito negli anni a venire, il Fondo monetario internazionale preme affinché l'Italia riduca ulteriormente il cuneo fiscale e ricorra a tasse su patrimoni e immobili (il governo Renzi aveva eliminato l'Imu sulla prima casa). Il nostro Paese viene citato dall'istituto di Washington tra quelli che hanno contribuito a mettere fine all'austerità nelle economie avanzate. E grazie anche all'Italia, la politica fiscale nell'Eurozona per il 2017 dovrebbe rimanere espansiva. Inoltre, dice il Fondo, le elezioni in Francia e Germania e magari anche nella nostra nazione potrebbero cambiare il quadro fiscale, ancora alle prese con rischi elevati a causa soprattutto dell'incertezza legata alla politica economica della nuova amministrazione Usa.

C'è spazio per ridurre ulteriormente il cuneo fiscale
Nel Fiscal Monitor, rapporto pubblicato oggi nell'ambito dei lavori primaverili in corso a Washington, si legge che "in Francia e in Italia c'è spazio per un ulteriore riduzione del cuneo fiscale per migliorare gli incentivi al lavoro". In generale, il Fondo spiega che nelle economie avanzate con una popolazione in calo come Italia, Germania e Giappone "un uso più intenso delle politiche attive del mercato del lavoro e misure mirate di spesa per gruppi specifici di lavoratori come donne e migranti" potrebbe essere positivo. Come esempio viene citata una maggiore assistenza all'infanzia.

Migliorare e usare di più tasse su patrimoni e immobili
Secondo il Fondo, in molti Paesi tra cui Italia, Irlanda e Olanda "c'è spazio affinché si possa fare un uso maggiore e si possa migliorare la messa a punto delle tasse su patrimoni e immobili oltre che sui redditi". Secondo il Fondo, "le tasse basate sul valore degli immobili non sono soltanto fonti efficienti di entrate ma sono anche progressive dal momento che generalmente la ricchezza si concentra nelle famiglie ad alto reddito". Il Fondo sostiene che l'Italia "dovrebbe razionalizzare le sue spese fiscali relativamente ampie, ampliare la base imponibile e creare un sistema moderni di tasse immobiliari".

Austerità finita nel 2016 grazie a Italia, Spagna e Usa
Nel nostro Paese migliorare mix di politiche pro-crescita Se nelle economie avanzate l'austerità è finita è merito soprattutto di Italia, Spagna e Stati Uniti. E' quanto emerge dal Fiscal Monitor. In esso si legge che "le economie avanzate hanno allentato la loro posizione fiscale di un quinto di un punto percentuale del Pil nel 2016, mettendo fine a un trend di un consolidamento fiscale graduale. I Paesi che hanno principalmente contribuito a quel cambiamento sono stati Italia, Spagna e Stati Uniti e, in misura minore, Canada e Germania". Il rapporto tra debito e Pil nelle economie avanzate è salito di circa il 2% nel 2016, spiega il Fondo, raggiungendo il 107,6% del Pil e si prevede che resti elevato e relativamente piatto nel medio termine (diversamente dalle stime del Fiscal Monitor dell'aprile 2016 che presupponevano un declino costante e moderato). A spiegare l'allentamento fiscale è il "sostegno alla ripresa in un contesto di incertezze accentuate in merito alle prospettive economiche", recita il documento secondo cui "i Paesi in cui la crescita di breve termine e l'occupazione sono stati fattori cruciali includono Italia, Spagna e Usa". Prendendo in considerazione una prospettiva di lungo termine, "vale la pena sottolineare che la politica fiscale è diventata gradualmente anticiclica nelle economie avanzate negli ultimi 20 anni". In Italia, conclude il Fondo, "un aggiustamento fiscale uniforme insieme a una composizione migliore del mix di politiche pro-crescita nel breve termine continueranno a sostenere la ripresa aumentando la credibilità dell'aggiustamento" fiscale.

Fmi peggiora stime su debito/Pil dal 2017 al 2021
Dopo avere chiuso il 2016 al 132,6%, il debito pubblico in rapporto al Pil raggiungerà quest'anno in Italia il 132,8% per poi scendere al 131,6% nel 2018 e continuare gradualmente al ribasso fino al 2022. E' quanto emerge dalle tabelle del Fiscal Monitor. Da esso si evince che se per l'anno scorso c'è stato un miglioramento dello 0,4% rispetto alle stime contenute nel Fiscal Monitor di un anno fa, per il 2017 c'è stato un peggioramento dell'1,1% e per il 2018 del 2,1%. L'istituto guidato da Christine Lagarde stima per il 2019 un dato al 129,4% (più alto rispetto al 126,8% previsto nell'aprile 2016), per il 2020 al 126,8% (la stima era al 124,2% lo scorso anno), per il 2021 al 124,1% del Pil (dal 121,6%) e per il 2022 - ultimo anno disponibile nella nuova tabella - al 121,3%. Per il 2016, tra le economie avanzate ad avere fatto peggio dell'Italia secondo il Fondo è stato ancora una volta il Giappone con un debito/Pil al 239,2% seguito di nuovo dalla Grecia (181,3%). A fare leggermente meglio del nostro Paese c'è stato nuovamente il Portogallo (130,3%). Nel 2017 il debito/Pil a Tokyo è atteso invariato sull'anno precedente (meglio dei calcoli di un anno fa per un dato al 250,9%) e a Lisbona al 128,6% (dal 127,3% stimato 12 mesi fa).

Fmi peggiora stime defict/Pil, pareggio slitta di due anni al 2022
Il Fondo monetario internazionale ha peggiorato le sue stime sul rapporto tra il deficit e il Pil in Italia dal 2017 fino al 2021. E' quanto emerge da un confronto delle tabelle del Fiscal Monitor. Come già anticipato nel World Economic Outlook diffuso ieri, il deficit/Pil nell'anno in corso dovrebbe attestarsi al 2,4%, come visto nel 2016. Nel 2018 il dato è atteso all'1,4%. Il punto è che un anno fa il Fondo si aspettava per l'anno in corso un deficit/Pil più basso dello 0,8% e per il prossimo più contenuto dello 0,9%. Il dato del 2016 è risultato invece migliore dello 0,3% rispetto ai calcoli di 12 mesi fa. Diversamende dal Weo, il Fiscal Monitor fornisce le differenze con i calcoli passati e anche le previsioni anche per gli anni dal 2019 al 2021 e non solo per il 2022 (quando già ieri si sapeva che ci sarebbe stato un pareggio di bilancio). Dal Fiscal Monitor odierno si apprende che il pareggio è slittato di due anni rispetto alle previsioni dell'aprile 2016, quando l'Fmi prevedeva il raggiungimento di un pareggio nel 2020 e un suo mantenimento nel 2021. Per il 2019 è atteso un deficit/Pil allo 0,7% e non più allo 0,2%; per il 2020 il dato è previsto allo 0,2% e per il 2021 allo 0,1%.

Fmi posticipa dal 2018 al 2021 il pareggio strutturale di bilancio
Il Fondo monetario internazionale posticipa dal 2018 al 2021 un pareggio strutturale di bilancio per l'Italia. Se un anno fa l'istituto di Washington prevedeva a partire dal 2018 un pareggio strutturale, ora l'Fmi si aspetta un deficit dello 0,9% per quell'anno e un pareggio solo a partire dal nel 2021 (le stime si fermano al 2022). Nella tabella dedicata al "General Government Cyclically Adjusted Balance" - definizione usata dall'Fmi per indicare il bilancio del governo corretto per il ciclo economico, che include misure una tantum - si legge che per quest'anno è stimato un deficit strutturale pari all'1,6% del Pil, il doppio rispetto ai calcoli di 12 mesi fa, dopo un dato pari a un -1,2% nel 2016 (lo 0,2% in meno delle previsioni dell'aprile 2016). Il dato dovrebbe scendere a un -0,3% nel 2019. L'anno successivo è atteso un -0,1%.

Altri Servizi

Usa pronti a guerra preventiva contro Nord Corea. McMaster: è un'opzione

Il consigliere per la sicurezza nazionale H.R. McMaster ha commentato il fatto che Pyongyang il mese scorso ha condotto due test sul lancio di missili balistici a lungo raggio.

Per contrastare la minaccia nucleare posta dalla Corea del Nord, gli Stati Uniti sono pronti a valutare tutte le opzioni, compresa quella di una guerra preventiva. Lo ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale H.R. McMaster, commentando il fatto che Pyongyang il mese scorso ha condotto due test sul lancio di missili balistici a lungo raggio.

Per fare cassa, il Governo Trump pensa di eliminare sgravi per proprietari casa

Nonostante la promessa di proteggerli fatta lo scorso aprile dal presidente. A farne le spese sarebbe anche il settore immobiliare a cui Trump, almeno in parte, deve la vittoria alle presidenziali dello scorso anno.
AP

Con l'intento di trovare modi per finanziare il suo piano per tagliare le tasse a persone e aziende, il governo Trump sta valutando se eliminare uno sgravio fiscale molto diffuso tra i proprietari di casa. E questo, nonostante la promessa di proteggerli fatta lo scorso aprile dal presidente americano.

Onu, Consiglio di sicurezza approva sanzioni contro la Corea del Nord

Votazione unanime dei 15 membri per colpire l’export di Pyongyang. Trump ringrazia Cina e Russia

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato all’unanimità nuove pesante sanzioni contro la Corea del Nord per i due test missilistici di luglio. I 15 stati membri hanno infatti votato per l’adozione di una risoluzione proposta dagli Stati Uniti che colpirà con decisione Pyongyang ed in particolar modo il suo export, privando il paese di un miliardo di dollari di introiti.

Fox News, sospeso il conduttore Eric Bolling

È accusato di aver inviato immagini inopportune ad alcune colleghe

Fox News ha sospeso Eric Bolling, conduttore del programma pomeridiano su Fox News "The Specialists" e "Cashin' In" su Fox Business Network nonché autore del libro "Wake up America". La sospensione, come riporta il Wall Street Journal, arriva in seguito ad un’indagine interna che vede protagonista lo stesso presentatore, accusato di aver inviato fotografie inopportune ad alcune colleghe.

Google difende diversità di genere dopo circolazione memo contro le donne

Il documento scritto da un dipendente sembra insinuare che la ragione per cui nel gruppo ci sono più uomini che donne come ingegneri è che i primi sono più adatti per quella funzione
Danielle Brown

Il nuovo vice presidente della diversità e dell’inclusione di Google, Danielle Brown, ha risposto alle critiche ricevute per quello che è già stato soprannominato "il manifesto anti diversità", un documento scritto da un ingegnere senior di Mountain View che critica le iniziative della società finalizzate ad aumentare la diversità di genere e razza.

John Kelly renderà la Casa Bianca meno caotica e più disciplinata. Ma durerà?

Il nuovo capo di Gabinetto è chiamato a prendere in mano le redini della West Wing, che negli ultimi sei mesi, da quando Trump si è insediato alla Casa Bianca, è stata travolta da divisioni e disorganizzazione. Ma qualcuno già pensa che non resisterà
AP

Nei giorni scorsi il presidente americano Donald Trump ha avuto una riunione con alcuni consiglieri sulla Cina. Durante le discussioni i toni sono diventati accesi e il disaccordo evidente: a quel punto è intervenuto il nuovo capo di Gabinetto John Kelly ha chiesto alle due persone più infervorate di uscire e di tornare solo quando avessero risolto le divergenze. Questo ha consentito alla riunione di proseguire.

Illinois, il compleanno di Obama diventa festa di Stato

Il 4 agosto verrà festeggiato come il Barack Obama Day
Ap

L’ex presidente americano, Barack Obama, ha ricevuto un regalo speciale per il suo 56esimo compleanno, compiuto lo scorso 4 agosto. Lo stato dell’Illinois, di cui Obama è stato senatore dal 2005 al 2008 ha infatti diventare il giorno del suo compleanno una festa dello stato: il Barack Obama Day.

California, in arrivo la città della cannabis

American Green Inc. ha comprato Nipton piccolo borgo vicino al confine col Nevada per farlo diventare La Mecca dell’erba

Se tra qualche anno doveste andare in California per farvi un giro nel deserto, non stupitevi se per caso doveste imbattervi in questo cartello: "Benvenuti a Nipton, La Mecca della marijuana". Non è uno scherzo ma un’ipotesi reale visto che l’intera cittadina, sperduta nel deserto californiano ai confini col Nevada, è stata acquistata da American Green Inc., azienda americana con sede in Arizona specializzata proprio nella cannabis.

Il vero problema delle auto elettriche? Le stazioni per caricarle

L’obiettivo di Tesla è quello di vendere 430.000 autovetture entro la fine del 2018, ma non si hanno dettagli su dove potranno essere ricaricate. Un problema comune anche per gli altri produttori

Siamo davanti all’alba di quella che può essere definita l’era dell’auto elettrica. Tutte le prove portano in quella direzione. Almeno così sembra. Da Tesla che ha finalmente presentato la sua auto compatta, la Model 3 Sedan, alle road map degli altri produttori che promettono di immettere sul mercato i propri modelli elettrici entro tre o cinque anni.

Usa2020, prende forma la campagna ombra dei repubblicani

Mentre i dubbi su Trump crescono e il caos regna sovrano a Washington, c’è chi già si prepara alla prossima corsa elettorale

Donald Trump ha da poco festeggiato i primi sei mesi di presidenza e mentre la sua amministrazione vive giorni tutt’altro che tranquilli, alcuni repubblicani sembrano aver iniziato una vera campagna ombra verso Usa 2020. Almeno secondo il New York Times che dedica un lungo articolo ai movimenti che alcuni potenziali candidati a succedere a Trump stanno portando avanti nelle ultime settimane.