Italia: Fmi peggiora stime su deficit e debito, più tasse su patrimoni e immobili

L'istituto di Washington consiglia una riduzione ulteriore del cuneo fiscale. Anche grazie al nostro Paese, stop all'austerità nelle economie avanzate e politica fiscale espansiva in Eurozona nel 2017

Peggiorando le stime su deficit e debito negli anni a venire, il Fondo monetario internazionale preme affinché l'Italia riduca ulteriormente il cuneo fiscale e ricorra a tasse su patrimoni e immobili (il governo Renzi aveva eliminato l'Imu sulla prima casa). Il nostro Paese viene citato dall'istituto di Washington tra quelli che hanno contribuito a mettere fine all'austerità nelle economie avanzate. E grazie anche all'Italia, la politica fiscale nell'Eurozona per il 2017 dovrebbe rimanere espansiva. Inoltre, dice il Fondo, le elezioni in Francia e Germania e magari anche nella nostra nazione potrebbero cambiare il quadro fiscale, ancora alle prese con rischi elevati a causa soprattutto dell'incertezza legata alla politica economica della nuova amministrazione Usa.

C'è spazio per ridurre ulteriormente il cuneo fiscale
Nel Fiscal Monitor, rapporto pubblicato oggi nell'ambito dei lavori primaverili in corso a Washington, si legge che "in Francia e in Italia c'è spazio per un ulteriore riduzione del cuneo fiscale per migliorare gli incentivi al lavoro". In generale, il Fondo spiega che nelle economie avanzate con una popolazione in calo come Italia, Germania e Giappone "un uso più intenso delle politiche attive del mercato del lavoro e misure mirate di spesa per gruppi specifici di lavoratori come donne e migranti" potrebbe essere positivo. Come esempio viene citata una maggiore assistenza all'infanzia.

Migliorare e usare di più tasse su patrimoni e immobili
Secondo il Fondo, in molti Paesi tra cui Italia, Irlanda e Olanda "c'è spazio affinché si possa fare un uso maggiore e si possa migliorare la messa a punto delle tasse su patrimoni e immobili oltre che sui redditi". Secondo il Fondo, "le tasse basate sul valore degli immobili non sono soltanto fonti efficienti di entrate ma sono anche progressive dal momento che generalmente la ricchezza si concentra nelle famiglie ad alto reddito". Il Fondo sostiene che l'Italia "dovrebbe razionalizzare le sue spese fiscali relativamente ampie, ampliare la base imponibile e creare un sistema moderni di tasse immobiliari".

Austerità finita nel 2016 grazie a Italia, Spagna e Usa
Nel nostro Paese migliorare mix di politiche pro-crescita Se nelle economie avanzate l'austerità è finita è merito soprattutto di Italia, Spagna e Stati Uniti. E' quanto emerge dal Fiscal Monitor. In esso si legge che "le economie avanzate hanno allentato la loro posizione fiscale di un quinto di un punto percentuale del Pil nel 2016, mettendo fine a un trend di un consolidamento fiscale graduale. I Paesi che hanno principalmente contribuito a quel cambiamento sono stati Italia, Spagna e Stati Uniti e, in misura minore, Canada e Germania". Il rapporto tra debito e Pil nelle economie avanzate è salito di circa il 2% nel 2016, spiega il Fondo, raggiungendo il 107,6% del Pil e si prevede che resti elevato e relativamente piatto nel medio termine (diversamente dalle stime del Fiscal Monitor dell'aprile 2016 che presupponevano un declino costante e moderato). A spiegare l'allentamento fiscale è il "sostegno alla ripresa in un contesto di incertezze accentuate in merito alle prospettive economiche", recita il documento secondo cui "i Paesi in cui la crescita di breve termine e l'occupazione sono stati fattori cruciali includono Italia, Spagna e Usa". Prendendo in considerazione una prospettiva di lungo termine, "vale la pena sottolineare che la politica fiscale è diventata gradualmente anticiclica nelle economie avanzate negli ultimi 20 anni". In Italia, conclude il Fondo, "un aggiustamento fiscale uniforme insieme a una composizione migliore del mix di politiche pro-crescita nel breve termine continueranno a sostenere la ripresa aumentando la credibilità dell'aggiustamento" fiscale.

Fmi peggiora stime su debito/Pil dal 2017 al 2021
Dopo avere chiuso il 2016 al 132,6%, il debito pubblico in rapporto al Pil raggiungerà quest'anno in Italia il 132,8% per poi scendere al 131,6% nel 2018 e continuare gradualmente al ribasso fino al 2022. E' quanto emerge dalle tabelle del Fiscal Monitor. Da esso si evince che se per l'anno scorso c'è stato un miglioramento dello 0,4% rispetto alle stime contenute nel Fiscal Monitor di un anno fa, per il 2017 c'è stato un peggioramento dell'1,1% e per il 2018 del 2,1%. L'istituto guidato da Christine Lagarde stima per il 2019 un dato al 129,4% (più alto rispetto al 126,8% previsto nell'aprile 2016), per il 2020 al 126,8% (la stima era al 124,2% lo scorso anno), per il 2021 al 124,1% del Pil (dal 121,6%) e per il 2022 - ultimo anno disponibile nella nuova tabella - al 121,3%. Per il 2016, tra le economie avanzate ad avere fatto peggio dell'Italia secondo il Fondo è stato ancora una volta il Giappone con un debito/Pil al 239,2% seguito di nuovo dalla Grecia (181,3%). A fare leggermente meglio del nostro Paese c'è stato nuovamente il Portogallo (130,3%). Nel 2017 il debito/Pil a Tokyo è atteso invariato sull'anno precedente (meglio dei calcoli di un anno fa per un dato al 250,9%) e a Lisbona al 128,6% (dal 127,3% stimato 12 mesi fa).

Fmi peggiora stime defict/Pil, pareggio slitta di due anni al 2022
Il Fondo monetario internazionale ha peggiorato le sue stime sul rapporto tra il deficit e il Pil in Italia dal 2017 fino al 2021. E' quanto emerge da un confronto delle tabelle del Fiscal Monitor. Come già anticipato nel World Economic Outlook diffuso ieri, il deficit/Pil nell'anno in corso dovrebbe attestarsi al 2,4%, come visto nel 2016. Nel 2018 il dato è atteso all'1,4%. Il punto è che un anno fa il Fondo si aspettava per l'anno in corso un deficit/Pil più basso dello 0,8% e per il prossimo più contenuto dello 0,9%. Il dato del 2016 è risultato invece migliore dello 0,3% rispetto ai calcoli di 12 mesi fa. Diversamende dal Weo, il Fiscal Monitor fornisce le differenze con i calcoli passati e anche le previsioni anche per gli anni dal 2019 al 2021 e non solo per il 2022 (quando già ieri si sapeva che ci sarebbe stato un pareggio di bilancio). Dal Fiscal Monitor odierno si apprende che il pareggio è slittato di due anni rispetto alle previsioni dell'aprile 2016, quando l'Fmi prevedeva il raggiungimento di un pareggio nel 2020 e un suo mantenimento nel 2021. Per il 2019 è atteso un deficit/Pil allo 0,7% e non più allo 0,2%; per il 2020 il dato è previsto allo 0,2% e per il 2021 allo 0,1%.

Fmi posticipa dal 2018 al 2021 il pareggio strutturale di bilancio
Il Fondo monetario internazionale posticipa dal 2018 al 2021 un pareggio strutturale di bilancio per l'Italia. Se un anno fa l'istituto di Washington prevedeva a partire dal 2018 un pareggio strutturale, ora l'Fmi si aspetta un deficit dello 0,9% per quell'anno e un pareggio solo a partire dal nel 2021 (le stime si fermano al 2022). Nella tabella dedicata al "General Government Cyclically Adjusted Balance" - definizione usata dall'Fmi per indicare il bilancio del governo corretto per il ciclo economico, che include misure una tantum - si legge che per quest'anno è stimato un deficit strutturale pari all'1,6% del Pil, il doppio rispetto ai calcoli di 12 mesi fa, dopo un dato pari a un -1,2% nel 2016 (lo 0,2% in meno delle previsioni dell'aprile 2016). Il dato dovrebbe scendere a un -0,3% nel 2019. L'anno successivo è atteso un -0,1%.

Altri Servizi

Il gran finale di Cassini, dopo 13 anni si schianta su Saturno

Lanciato nel 1997, il progetto della Nasa in collaborazione con l'Esa e l'Italia ci ha fatto capire come funziona il sistema di Saturno e studiare la luna Encelado su cui ci potrebbero essere le condizioni per la vita
AP

Dopo averci raccontato Saturno e le sue lune per 13 anni, facendoci scoprire che Encelado potrebbe sostenere la vita, Cassini ha finito il suo viaggio. Oggi alle 12.30, ora italiana, la sonda si è schiantata sul pianeta entrando nell'atmosfera a una velocità di 120.000 chilometri all'ora. L'intero processo è durato pochi minuti: Cassini ha preso fuoco dopo essere entrato in contatto con l'atmosfera di Saturno e poi è sparito all'interno delle nubi presenti sul pianeta. L'ultimo segnale è arrivato in una stazione australiana alle 13.55, sempre facendo riferimento all'ora italiana, visto che le comunicazioni hanno un ritardo di un'ora e mezza, data la distanza di almeno 1,3 miliardi di chilometri.

Oracle: conti sopra le stime grazie al cloud ma l'outlook delude

Il Ceo Mark Hurd: cresciamo più rapidamente di Salesforce. Prima un record poi -4,5% nel dopo-mercato
AP

Il titolo Oracle ha raggiunto ieri nuovi record nel dopo mercato a Wall Street sulla scia di conti superiori alle stime. Ma poi ha perso quota a causa di guidance deludenti fornite durante una call.

Mercoledì è il giorno del Fed. Ma non è atteso un rialzo dei tassi

L'attenzione è tutta dedicata all'inflazione e al taglio del budget da 4.500 miliardi di dollari

Questa settimana, oltre all'apertura della settantaduesima assemblea generale dell'Onu, ci sarà l'incontro dei governatori della Federal Reserve. Mercoledì non è atteso alcun rialzo dei tassi, visto che la banca centrale americana vuole procedere con il terzo e ultimo taglio più avanti, entro la fine del 2017. Gli investitori guarderanno soprattutto a come la Fed parlerà di inflazione e all'inizio del programma di taglio del budget che negli ultimi anni ha raggiunto 4.500 miliardi di dollari.

La Nba entra nell'era digitale: un chip nelle divise in vendita per connettere i fan alle squadre

Una rivoluzione nella fruizione della pallacanestro, che sposta anche i confini della privacy: la Nike otterrà una mole di informazioni sui clienti senza precedenti

Le immagini prepartita, la playlist del campione preferito, le azioni salienti al termine dell'incontro. Tutto grazie alle nuove divise delle squadre della Nba, da quest'anno prodotte da Nike, che ha preso il posto di Adidas (con un contratto di otto anni).

Il 65% della Florida senza elettricità ma Irma fa meno paura, Dow sopra i 22mila punti

Si stimano costi inferiori legati all'uragano. Per Moody's spaziano dai 150 ai 200 miliardi di dollari includendo anche Harvey
AP

Per la prima volta dal 16 agosto, il Dow Jones Industrial Average ha chiuso una seduta a Wall Street sopra la soglia dei 22mila punti e l'S&P 500 ha messo a segno il suo 31esimo record del 2017. E' successo all'indomani dell'arrivo dell'uragano Irma in Florida, dove oltre 6,5 milioni di persone sono rimaste senza elettrocità; questo significa che il 65% dello Stato è al buio.

La Corte Suprema sta con Trump, stop (per ora) a ingresso di rifugiati

Terzo intervento ad interim del massimo organo giudiziario americano in vista di una decisone sulla costituzionalità del travel ban. Intanto pressing della Casa Bianca per ridurre sotto 50mila il numero di rifugiati da ammettere nei prossimi 12 mesi
AP

Il massimo organo giudiziario americano si è schierato a favore di Donald Trump, impedendo a molti rifugiati di mettere piede negli Stati Uniti. Il tutto mentre la Casa Bianca, ha rivelato il New York Times, spinge per abbbassare al di sotto di 50mila il numero di rifugiati da accogliere nel corso del prossimo anno fiscale, il minimo da almeno 1980.

Wall Street, timori per il nuovo missile nordcoreano

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Russiagate, proposto a Trump un accordo con Assange?

L'ipotesi sostenuta dal Wall Street Journal. Il piano sarebbe stato presentato da un deputato repubblicano al capo di gabinetto della Casa Bianca
Ap

Il perdono per Julian Assange in cambio di un aiuto a Donald Trump sul cosiddetto Russiagate. Sarebbe questa, in sostanza, la proposta presentata dal deputato repubblicano Dana Rohrabacher alla Casa Bianca, in una telefonata con il capo di gabinetto, John Kelly. Il deputato avrebbe proposto un "accordo" - parola pronunciata durante la conversazione - che prevederebbe, da parte di Assange, la consegna delle prove sull'estraneità della Russia nella diffusione delle e-mail di esponenti del partito democratico, pubblicate da WikiLeaks durante la campagna elettorale, che danneggiò la candidatura di Hillary Clinton. A scriverlo è il Wall Street Journal, che cita una fonte vicina alla presidenza. Importante anche ricordare che, in passato, il quotidiano ha pubblicato editoriali a favore di una extraordinary rendition, un'azione illegale e segreta per catturare Assange e portarlo negli Stati Uniti.

Irma perde potenza: non è più un uragano, ma una tempesta tropicale

I morti accertati, al momento, sono 32, di cui cinque in Florida
Ap

Gli Stati Uniti potrebbero chiudere la loro ambasciata a Cuba

Lo ha detto il segretario di Stato Usa, Rex Tillerson. L'annuncio dopo i casi di perdita dell'udito da parte di alcuni diplomatici americani all'Avana

Il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, ha detto che gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di chiudere la loro ambasciata a Cuba. Un cambiamento di prospettive importante dopo la storica apertura voluta da Barack Obama nel 2015, che è anche una risposta diretta a un giallo che resta senza spiegazioni e su cui Washington ha aperto una indagine: 21 funzionari Usa impiegati all'Avana hanno avuto seri problemi di salute a causa di un misterioso dispositivo che avrebbe creato - in alcuni casi - danni irreversibili al loro udito.