L'Italia invade Central Park: il 3 giugno corsa per celebrare la Festa della Repubblica

Passo di iscrizioni record per la "Italy Run By Ferrero", prima edizione dell'evento realizzato in partnership con gli organizzatori della celebre maratona di New York. Attesi circa 10mila partecipanti

L'Italia e gli Stati Uniti celebreranno a New York la Festa della Repubblica con la prima edizione della "Italy Run By Ferrero", una corsa di cinque miglia (otto chilometri) organizzata a Central Park il prossimo 3 giugno. L'iniziativa è aperta a grandi e piccoli, italiani e non; è realizzata in partnership con la New York Road Runners (Nyrr), la non profit a cui fa capo la celebre maratona annuale di New York City, e il consolato italiano a New York guidato da Francesco Genuardi, "orgoglioso di potere trasformare un sogno in realtà" organizzando una corsa che "ancora una volta segna l'amicizia tra l'Italia e la città di New York".

Nel corso di una conferenza avvenuta ieri sera al Consolato italiano, Genuardi si è detto "impaziente di vedere Central Park tingersi dei colori della nostra bandiera e siamo felici di commemorare la Festa della Repubblica [che cade il 2 giugno] celebrando lo sport con partner fantastici". Ferrero è lo sponsor ufficiale dell'evento; gli altri includono Fiat Chrysler Automobiles, Lavazza, Technogym e Intesa Sanpaolo.

Per Sarah Cummins, a capo delle partnership strategiche della Nyrr, la "Italy Run By Ferrero" è una "fantastica aggiunta al calendario" dell'organizzazione. "Siamo felici della nostra partnership crescente con Ferrero e il consolato italiano e siamo impazienti di portare un pezzo della Festa della Repubblica a Central Park", ha aggiunto in una nota.

Circa 10.000 persone correranno nel polmone verde della città. A dimostrare la grande attesa per l'evento sportivo è il passo record con cui le persone si stanno iscrivendo. Il Ceo di Nyrr, Michael Capiraso, ha detto in conferenza che la velocità delle iscrizioni "è senza precedenti", riprova di quanto quello del 3 giugno sarà un "evento speciale" a cui "da tempo stiamo lavorando". Definendosi "entusiasta, felice e onorato" di partecipare alla messa a punto dell'evento, Capiraso ha spiegato di avere tenuto fede a una promessa fatto a suo nonno, che negli anni '20 del secolo scorso lasciò l'Italia per trasferirsi in Usa e che gli disse: "Fai in modo di avere una corsa tricolore a Central Park". Considerato tra le 50 persone più influenti nel mondo della corsa, il numero uno di Nyrr ha poi sottolineato il forte legame tra gli italiani e la corsa: "A seconda dell'anno, la popolazione italiana [alla maratona] è la prima o la seconda".

Peter Ciaccia, presidente di Nyrr e direttore della TCS New York City Marathon Race (questo il nome della maratona annuale di novembre) ha iniziato il suo discorso sforzandosi di parlare in italiano: "Questa è una serata speciale in cui celebriamo un nuovo evento di partnership", ha dichiarato. Figlio di un barbiere e di una parrucchiera arrivati in Usa dal Sud d'Italia - a cui in varie interviste alla stampa americana ha attribuito il merito per essere considerato il membro dello staff della Road Runners meglio vestito - Ciaccia crede che la corsa a Central Park sia un modo "per celebrare la grande cultura italiana".

George Hirsch, l'83enne presidente del board della Nyrr che completò la sua prima maratona newyorchese in due ore e 49 minuti, si è detto "sicuro" che la "Italy Run By Ferrero" sarà un "evento stupendo. Non è un segreto che sono un fan di questa iniziativa". Hirsch, che in passato è stato editore della rivista "Runner’s World" e anche direttore editoriale di "Men’s Health", ha aggiunto: "Non conosco italiani che non amino New York e non conosco newyorchesi che non amino l'Italia. La corsa è la dimostrazione di questo love affair".

Aldo Uva, direttore operativo e innovazione di Ferrero, ha partecipato alla presentazione dell'evento fatta al consolato italiano attraverso un collegamento video. Lui ha spiegato che il gruppo di Alba - protagonista in Usa di una serie di acquisizioni tra cui le barrette di cioccolato Crunch e Butterfinger (cedute da Nestlé) e le caramelle Ferrara - "ha una lunga storia nel sostegno di eventi e programmi che promuovono uno stile di vita attivo, motivo per cui siamo felici di essere partner della New York Road Runners nel suo evento inaugurale per celebrare l'Italia a New York. Uva, definito da Hirsch un "amico e bravo corridore", sarà uno dei partecipanti tra cui ci saranno anche 500 bambini.

Altri Servizi

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Scelta da Trump per diventare ambasciatrice Onu, Nauert si ritira

La portavoce del dipartimento di Stato, ex conduttrice di Fox News, lascia l'amministrazione dopo due anni. Pompeo: decisione "personale". Lei: è "nell'interesse della mia famiglia". Sarebbe stata messa sotto torchio al Senato per la conferma
U.S. Department of State

La portavoce del dipartimento di Stato nominata a dicembre da Donald Trump per diventare ambasciatrice alle Nazioni Unite, si è ritirata. E dopo due anni, ha lasciato l'amministrazione Usa. Ironia della sorte vuole che a fermare l'ascesa di Heather Nauert al Palazzo di vetro, almeno secondo Bloomberg, sia stato un passo falso commesso in passato: ha arruolato una baby sitter straniera che viveva legalmente negli Stati Uniti ma che non era autorizzata a lavorare. Nell'America del 45esimo presidente americano, in cui la retorica contro gli immigrati è usata per giustificare la costruzione del muro tra Usa e Messico, quella di Nauert è una pecca che politicamente avrebbe creato non poco imbarazzo all'amministrazione Trump. Anche se va detto che Trump ha assunto migranti privi di permesso di soggiorno nei suoi vari campi da golf.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.

I mercati sperano in un accordo Usa-Cina ma "resta ancora molto da fare"

Segnali incoraggianti dopo il sesto round di trattative. Da Pechino, i negoziati si spostano di nuovo a Washington. Trump: "Mai così vicini a un'intesa"

Da Pechino a Washington sono giunti segnali incoraggianti sull'ultimo round, il sesto, di trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Trump attacca Maduro e corteggia il voto latinoamericano

Il presidente Usa alla Florida International University per parlare a due platee: gli espatriati e i generali venezuelani

Il presidente statunitense Donald Trump, durante un discorso in programma a Miami, chiederà a Nicolas Maduro di lasciare il potere in Venezuela. Lo farà parlando a due diversi pubblici: i generali che mantengono alla guida del Paese il presidente non più riconosciuto dagli Stati Uniti e le decine di migliaia di venezuelani espatriati, che potrebbero essere decisivi, in Florida, alle elezioni presidenziali del 2020.