L'Italia invade Central Park: il 3 giugno corsa per celebrare la Festa della Repubblica

Passo di iscrizioni record per la "Italy Run By Ferrero", prima edizione dell'evento realizzato in partnership con gli organizzatori della celebre maratona di New York. Attesi circa 10mila partecipanti

L'Italia e gli Stati Uniti celebreranno a New York la Festa della Repubblica con la prima edizione della "Italy Run By Ferrero", una corsa di cinque miglia (otto chilometri) organizzata a Central Park il prossimo 3 giugno. L'iniziativa è aperta a grandi e piccoli, italiani e non; è realizzata in partnership con la New York Road Runners (Nyrr), la non profit a cui fa capo la celebre maratona annuale di New York City, e il consolato italiano a New York guidato da Francesco Genuardi, "orgoglioso di potere trasformare un sogno in realtà" organizzando una corsa che "ancora una volta segna l'amicizia tra l'Italia e la città di New York".

Nel corso di una conferenza avvenuta ieri sera al Consolato italiano, Genuardi si è detto "impaziente di vedere Central Park tingersi dei colori della nostra bandiera e siamo felici di commemorare la Festa della Repubblica [che cade il 2 giugno] celebrando lo sport con partner fantastici". Ferrero è lo sponsor ufficiale dell'evento; gli altri includono Fiat Chrysler Automobiles, Lavazza, Technogym e Intesa Sanpaolo.

Per Sarah Cummins, a capo delle partnership strategiche della Nyrr, la "Italy Run By Ferrero" è una "fantastica aggiunta al calendario" dell'organizzazione. "Siamo felici della nostra partnership crescente con Ferrero e il consolato italiano e siamo impazienti di portare un pezzo della Festa della Repubblica a Central Park", ha aggiunto in una nota.

Circa 10.000 persone correranno nel polmone verde della città. A dimostrare la grande attesa per l'evento sportivo è il passo record con cui le persone si stanno iscrivendo. Il Ceo di Nyrr, Michael Capiraso, ha detto in conferenza che la velocità delle iscrizioni "è senza precedenti", riprova di quanto quello del 3 giugno sarà un "evento speciale" a cui "da tempo stiamo lavorando". Definendosi "entusiasta, felice e onorato" di partecipare alla messa a punto dell'evento, Capiraso ha spiegato di avere tenuto fede a una promessa fatto a suo nonno, che negli anni '20 del secolo scorso lasciò l'Italia per trasferirsi in Usa e che gli disse: "Fai in modo di avere una corsa tricolore a Central Park". Considerato tra le 50 persone più influenti nel mondo della corsa, il numero uno di Nyrr ha poi sottolineato il forte legame tra gli italiani e la corsa: "A seconda dell'anno, la popolazione italiana [alla maratona] è la prima o la seconda".

Peter Ciaccia, presidente di Nyrr e direttore della TCS New York City Marathon Race (questo il nome della maratona annuale di novembre) ha iniziato il suo discorso sforzandosi di parlare in italiano: "Questa è una serata speciale in cui celebriamo un nuovo evento di partnership", ha dichiarato. Figlio di un barbiere e di una parrucchiera arrivati in Usa dal Sud d'Italia - a cui in varie interviste alla stampa americana ha attribuito il merito per essere considerato il membro dello staff della Road Runners meglio vestito - Ciaccia crede che la corsa a Central Park sia un modo "per celebrare la grande cultura italiana".

George Hirsch, l'83enne presidente del board della Nyrr che completò la sua prima maratona newyorchese in due ore e 49 minuti, si è detto "sicuro" che la "Italy Run By Ferrero" sarà un "evento stupendo. Non è un segreto che sono un fan di questa iniziativa". Hirsch, che in passato è stato editore della rivista "Runner’s World" e anche direttore editoriale di "Men’s Health", ha aggiunto: "Non conosco italiani che non amino New York e non conosco newyorchesi che non amino l'Italia. La corsa è la dimostrazione di questo love affair".

Aldo Uva, direttore operativo e innovazione di Ferrero, ha partecipato alla presentazione dell'evento fatta al consolato italiano attraverso un collegamento video. Lui ha spiegato che il gruppo di Alba - protagonista in Usa di una serie di acquisizioni tra cui le barrette di cioccolato Crunch e Butterfinger (cedute da Nestlé) e le caramelle Ferrara - "ha una lunga storia nel sostegno di eventi e programmi che promuovono uno stile di vita attivo, motivo per cui siamo felici di essere partner della New York Road Runners nel suo evento inaugurale per celebrare l'Italia a New York. Uva, definito da Hirsch un "amico e bravo corridore", sarà uno dei partecipanti tra cui ci saranno anche 500 bambini.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Vertice Nato, Trump: sull’energia la Germania è “prigioniera” della Russia. Poi assicura: "Rapporto eccezionale" con Berlino

Bilaterale tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, per provare a dissipare le tensioni
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha assicurato di avere "dei rapporti molto buoni" con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante il summit della Nato, a Bruxelles. Trump aveva attaccato la Germania, questa mattina, affermando che Berlino "è prigioniera" della Russia e non contribuisce sufficientemente agli sforzi militari della Nato. Merkel aveva risposto che la Germania prende le sue decisioni in modo "indipendente".

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".