Italia e NYC celebrano la Festa della Repubblica correndo a Central Park

Nel parco della metropoli americana c'è stata la prima edizione della Italy Run by Ferrero: quasi 8mila persone hanno percorso 8 Km per promuovere lo stile di vita sano in onore del nostro Paese

Per un giorno, l'Italia ha letteralmente invaso Central Park. E lo ha fatto per celebrare la Festa della Repubblica e per promuovere uno stile di vita sano. Oltre 10.000 corridori, italiani e no, si sono iscritti per presentarsi ai nastri di partenza nel polmone verde di New York City e partecipare alla prima edizione di Italy Run by Ferrero, una corsa di cinque miglia (otto chilometri). Quasi in 8.000 sono arrivati al traguardo. Anche per i più piccoli, 500 dai due ai 10 anni, c'è stata l'occasione di correre su una distanza simbolica ma non meno entusiasmante.

Frutto di due anni circa di preparativi, l'iniziativa è stata realizzata in partnership con la New York Road Runners (Nyrr), la non profit a cui fa capo la celebre maratona annuale di New York City di novembre, e il consolato italiano a New York guidato da Francesco Genuardi con l'aiuto del main sponsor Ferrero (l'azienda di Alba famosa anche in Usa per la Nutella e i Tic Tac) oltre ad Alitalia, Colavita, Fiat Chrysler Automobiles, Intesa Sanpaolo, Lavazza e Technogym.

A rappresentare l'Italia c'è stato di nuovo un ambasciatore sportivo speciale: Leonardo Cenci, perugino che nonostante un tumore ai polmoni al quarto stadio non ha mai smesso di correre. Dopo avere partecipato alla maratona di New York del 2017, è tornato nella metropoli americana per correre di nuovo ed "essere ambasciatore-portabandiera di un messaggio di speranza in occasione di una festa importantissima come quella della Repubblica italiana in una città in cui la comunità italiana è davvero molto popolata". Accompagnato dalla sua dottoressa, che ha debuttato nella corsa proprio alla Italy Run by Ferrero, Cenci ci ha spiegato "come lo sport, l'attività motoria e una sano stile di vita possano aiutare a prevenire particolari patologie con un entusiamo ed energia che ti fa veramente apprezzare la vita ed essere grato di quello che hai senza andare a cercare chissà cosa".

Anche il nostro ambasciatore in Usa, Armando Varricchio, ha sottolineato il motivo per cui così tanti partner hanno lavorato insieme all'iniziativa: "Pensiamo che sia importante promuovere l'amore per la città, per lo sport e uno stile di vita..tutte le buone qualità che rendono la vita così importante e così italiana". Salito sul palco di fronte a una marea di corridori accompagnati da amici e parenti, il diplomatico in giacca e camicia (ma senza cravatta) ha ironizzato: "Sono stato molto veloce questa mattina. Ho avuto il tempo di andare a casa, docciarmi e tornare qui". E ha aggiunto: "Che modo incredibile di celebrare la Festa della Repubblica italiana. Come sappiamo, New York City parla italiano, pensa italiano. Da oggi, NYC corre italiano". A correre per le nostre istituzioni c'erano il console Genuardi e le sue vice Isabella Pierotto e Chiara Saulle. "L'Italia conquista New York con amicizia, con simpatia, con un sorriso", ci ha spiegato Varricchio.

Aldo Uva, direttore operativo e innovazione di Ferrero, ci ha detto che la corsa a Central Park "rappresenta quello che vogliamo trasmettere: uno stile di vita bilanciato, che mette insieme nutrizione e il piacere di mangiare ma anche movimento e sport. E' anche la dimostrazione che l'impegno di un'azienda deve andare al di là dei prodotti e deve promuovere uno stile di vita sano. Oggi, l'avere avuto oltre 10mila runners qui a Central Park e in più 500 bambini che hanno fatto questa gara, testimonia che c'è tanta voglia di muoversi, di abbracciare uno stile di vita diverso". Uva, uno abituato a correre, ha sottolineato come gli ultimi due anni siano stati "di grande impegno perché non è semplice organizzare un evento così. E' stato difficile ma poi quando si lavora in team, l'Italia fa dei miracoli, fa delle cose bellissime. Oggi abbiamo avuto qui NGO, il settore privato, le istituzioni, il Consolato, il supporto dell'Ambasciata...e tutto questo ha creato un giorno indimenticabile". Gli abbiamo chiesto quanto costi organizzare un evento di questo tipo. "Molto meno di quello che si possa pensare. Il ritorno dal punto di vista dell'immagine è molto alto. Sono investimenti che vanno al di sotto dei 50mila dollari, quindi sono abbastanza limitati ma l'impegno delle persone che lo devono organizzare è notevole".

Per il console generale, Genuardi, "è stato un giorno eccezionale per l'Italia a New York. Voglio sottolineare soprattutto l'enorme gioco di squadra e di sforzo congiunto che c'è dietro all'organizzazione di una giornata come questa. E' da quasi due anni che stiamo organizzando questo momento ed è il frutto di una bellissima passione collettiva di NY e dell'Italia per lo sport, il benessere, la qualità della vita. Lo abbiamo fatto con gioia e con grande intensità insieme a tutte le imprese che ci hanno sponsorizzato ma soprattutto lo abbiamo fatto insieme a tutti gli italiani di New York e a tutti quelli che a NY si ritrovano in nome della passione e dell'amore verso l'Italia. Credo siano tantissimi e la dimostrazione sta nella folla enorme: 10mila corridori e forse 20mila persone venute a Central Park a festeggiare la Festa della Repubblica". Dopo avere percorso le cinque miglia di corsa e in attesa di sua figlia al traguardo del percorso per i più piccoli, il console ha aggiunto: "Ogni tanto, anzi spesso, fa bene togliersi la cravatta. Questo è un consolato dinamico che vuole essere in mezzo alla gente e che vuole anche propagandare la qualità della vita italiana. Quindi dobbiamo correre per forza".

Laura, italiana da otto anni a New York, si è detta soddisfatta. Sulle note di Adriano Celentano e della sua "L'Italiano", lei ha detto: "E' bellissimo. Poi c'è la musica italiana. Una celebrazione della Festa della Repubblica. Sono contenta che l'abbiano fatta [la corsa] per la prima volta dopo tanti altri eventi per altri Paesi. E' poi c'è un sacco di gente italiana qui oggi".

Un americano, anche lui corridore, ha reputato l'evento "bellissimo perché unisce le persone con una corsa per respirare un po' di cultura italiana. E poi essere attivi è così importante".

"Sono molto contenta e voglio andare in Italia", ha aggiunto una ispanica in coda per fare una foto con sfondo sul Colosseo di Roma nello stand di Ferrero, dove venivano distribuiti Nutella e i confetti Tic Tac in versione gomma da masticare.

Lunghe code anche nello stand di Alitalia, dove venivano offerti sconti del 15% per volare nel nostro Paese, e in quello di Lavazza, dove venivano distribuite confezioni mini di caffè. Insomma, è vero che gli italiani impazziscono per New York ma è anche vero che i newyorchesi amano l'Italia. Un motivo in più per sentirsi orgogliosi di celebrare insieme la Festa della Repubblica italiana.

Leonardo Cenci
Altri Servizi

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Spese per la Difesa, Trump contro gli alleati Nato a due giorni dal summit

Il presidente Usa: "Spendiamo molto più degli altri, non è accettabile". Il vertice a Bruxelles l'11 e 12 luglio
Ap

"Gli Stati Uniti stanno spendendo per la Nato molto più di qualsiasi altro Paese. Questo non è giusto, non è accettabile. Anche se questi Paesi stanno aumentando i loro contributi da quando sono entrato in carica, devono fare molto di più. La Germania è all'1%, gli Stati Uniti al 4%, e dalla Nato trae molto più vantaggio l'Europa, rispetto agli Stati Uniti. Secondo alcuni resoconti, gli Stati Uniti stanno pagando il 90% [delle spese] della Nato, con molti Paesi per nulla vicini all'impegno del 2%. In più, l'Unione europea ha un surplus commerciale di 151 milioni di dollari [in realtà, 151 miliardi di dollari, ndr] con gli Stati Uniti, con grandi barriere commerciali sui prodotti statunitensi. No! ". Lo ha scritto oggi, su Twitter, il presidente statunitense, Donald Trump, che incontrerà gli alleati della Nato al vertice di Bruxelles dell'11-12 luglio.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".