Italia e NYC celebrano la Festa della Repubblica correndo a Central Park

Nel parco della metropoli americana c'è stata la prima edizione della Italy Run by Ferrero: quasi 8mila persone hanno percorso 8 Km per promuovere lo stile di vita sano in onore del nostro Paese

Per un giorno, l'Italia ha letteralmente invaso Central Park. E lo ha fatto per celebrare la Festa della Repubblica e per promuovere uno stile di vita sano. Oltre 10.000 corridori, italiani e no, si sono iscritti per presentarsi ai nastri di partenza nel polmone verde di New York City e partecipare alla prima edizione di Italy Run by Ferrero, una corsa di cinque miglia (otto chilometri). Quasi in 8.000 sono arrivati al traguardo. Anche per i più piccoli, 500 dai due ai 10 anni, c'è stata l'occasione di correre su una distanza simbolica ma non meno entusiasmante.

Frutto di due anni circa di preparativi, l'iniziativa è stata realizzata in partnership con la New York Road Runners (Nyrr), la non profit a cui fa capo la celebre maratona annuale di New York City di novembre, e il consolato italiano a New York guidato da Francesco Genuardi con l'aiuto del main sponsor Ferrero (l'azienda di Alba famosa anche in Usa per la Nutella e i Tic Tac) oltre ad Alitalia, Colavita, Fiat Chrysler Automobiles, Intesa Sanpaolo, Lavazza e Technogym.

A rappresentare l'Italia c'è stato di nuovo un ambasciatore sportivo speciale: Leonardo Cenci, perugino che nonostante un tumore ai polmoni al quarto stadio non ha mai smesso di correre. Dopo avere partecipato alla maratona di New York del 2017, è tornato nella metropoli americana per correre di nuovo ed "essere ambasciatore-portabandiera di un messaggio di speranza in occasione di una festa importantissima come quella della Repubblica italiana in una città in cui la comunità italiana è davvero molto popolata". Accompagnato dalla sua dottoressa, che ha debuttato nella corsa proprio alla Italy Run by Ferrero, Cenci ci ha spiegato "come lo sport, l'attività motoria e una sano stile di vita possano aiutare a prevenire particolari patologie con un entusiamo ed energia che ti fa veramente apprezzare la vita ed essere grato di quello che hai senza andare a cercare chissà cosa".

Anche il nostro ambasciatore in Usa, Armando Varricchio, ha sottolineato il motivo per cui così tanti partner hanno lavorato insieme all'iniziativa: "Pensiamo che sia importante promuovere l'amore per la città, per lo sport e uno stile di vita..tutte le buone qualità che rendono la vita così importante e così italiana". Salito sul palco di fronte a una marea di corridori accompagnati da amici e parenti, il diplomatico in giacca e camicia (ma senza cravatta) ha ironizzato: "Sono stato molto veloce questa mattina. Ho avuto il tempo di andare a casa, docciarmi e tornare qui". E ha aggiunto: "Che modo incredibile di celebrare la Festa della Repubblica italiana. Come sappiamo, New York City parla italiano, pensa italiano. Da oggi, NYC corre italiano". A correre per le nostre istituzioni c'erano il console Genuardi e le sue vice Isabella Pierotto e Chiara Saulle. "L'Italia conquista New York con amicizia, con simpatia, con un sorriso", ci ha spiegato Varricchio.

Aldo Uva, direttore operativo e innovazione di Ferrero, ci ha detto che la corsa a Central Park "rappresenta quello che vogliamo trasmettere: uno stile di vita bilanciato, che mette insieme nutrizione e il piacere di mangiare ma anche movimento e sport. E' anche la dimostrazione che l'impegno di un'azienda deve andare al di là dei prodotti e deve promuovere uno stile di vita sano. Oggi, l'avere avuto oltre 10mila runners qui a Central Park e in più 500 bambini che hanno fatto questa gara, testimonia che c'è tanta voglia di muoversi, di abbracciare uno stile di vita diverso". Uva, uno abituato a correre, ha sottolineato come gli ultimi due anni siano stati "di grande impegno perché non è semplice organizzare un evento così. E' stato difficile ma poi quando si lavora in team, l'Italia fa dei miracoli, fa delle cose bellissime. Oggi abbiamo avuto qui NGO, il settore privato, le istituzioni, il Consolato, il supporto dell'Ambasciata...e tutto questo ha creato un giorno indimenticabile". Gli abbiamo chiesto quanto costi organizzare un evento di questo tipo. "Molto meno di quello che si possa pensare. Il ritorno dal punto di vista dell'immagine è molto alto. Sono investimenti che vanno al di sotto dei 50mila dollari, quindi sono abbastanza limitati ma l'impegno delle persone che lo devono organizzare è notevole".

Per il console generale, Genuardi, "è stato un giorno eccezionale per l'Italia a New York. Voglio sottolineare soprattutto l'enorme gioco di squadra e di sforzo congiunto che c'è dietro all'organizzazione di una giornata come questa. E' da quasi due anni che stiamo organizzando questo momento ed è il frutto di una bellissima passione collettiva di NY e dell'Italia per lo sport, il benessere, la qualità della vita. Lo abbiamo fatto con gioia e con grande intensità insieme a tutte le imprese che ci hanno sponsorizzato ma soprattutto lo abbiamo fatto insieme a tutti gli italiani di New York e a tutti quelli che a NY si ritrovano in nome della passione e dell'amore verso l'Italia. Credo siano tantissimi e la dimostrazione sta nella folla enorme: 10mila corridori e forse 20mila persone venute a Central Park a festeggiare la Festa della Repubblica". Dopo avere percorso le cinque miglia di corsa e in attesa di sua figlia al traguardo del percorso per i più piccoli, il console ha aggiunto: "Ogni tanto, anzi spesso, fa bene togliersi la cravatta. Questo è un consolato dinamico che vuole essere in mezzo alla gente e che vuole anche propagandare la qualità della vita italiana. Quindi dobbiamo correre per forza".

Laura, italiana da otto anni a New York, si è detta soddisfatta. Sulle note di Adriano Celentano e della sua "L'Italiano", lei ha detto: "E' bellissimo. Poi c'è la musica italiana. Una celebrazione della Festa della Repubblica. Sono contenta che l'abbiano fatta [la corsa] per la prima volta dopo tanti altri eventi per altri Paesi. E' poi c'è un sacco di gente italiana qui oggi".

Un americano, anche lui corridore, ha reputato l'evento "bellissimo perché unisce le persone con una corsa per respirare un po' di cultura italiana. E poi essere attivi è così importante".

"Sono molto contenta e voglio andare in Italia", ha aggiunto una ispanica in coda per fare una foto con sfondo sul Colosseo di Roma nello stand di Ferrero, dove venivano distribuiti Nutella e i confetti Tic Tac in versione gomma da masticare.

Lunghe code anche nello stand di Alitalia, dove venivano offerti sconti del 15% per volare nel nostro Paese, e in quello di Lavazza, dove venivano distribuite confezioni mini di caffè. Insomma, è vero che gli italiani impazziscono per New York ma è anche vero che i newyorchesi amano l'Italia. Un motivo in più per sentirsi orgogliosi di celebrare insieme la Festa della Repubblica italiana.

Leonardo Cenci
Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Russiagate, Media Usa: il viceministro della Giustizia si dimette prima di essere licenziato

Rosenstein ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca
AP

Il vicesegretario alla Giustizia statunitense, Rod Rosenstein, avrebbe presentato verbalmente le proprie dimissioni al capo di gabinetto, John Kelly, prima di essere licenziato dal presidente Donald Trump. Lo rivela Axios, citando una fonte a conoscenza dei fatti. "Si aspetta di essere licenziato" e, per questo, ha intenzione di dimettersi, ha aggiunto la fonte.

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Nel mondo, la gente ricomincia ad avere la fiducia che aveva nell'economia nazionale prima della grande recessione di dieci anni fa; notevoli, soprattutto, i miglioramenti registrati in Germania, Giappone, Russia e Stati Uniti, secondo l'ultimo studio del Pew Research Center. Nel complesso, però, non si può non sottolineare che continua a regnare un forte pessimismo per il futuro e che è molto diffusa la nostalgia per il passato, soprattutto in Europa.

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Le accuse contro il giudice Brett Kavanaugh sono "totalmente politiche". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, parlando dell'uomo da lui nominato per la Corte Suprema, accusato di tentato stupro da una donna e ora anche di molestie da un'altra donna.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock