Italiane a New York: ecco dove iniziare a fare networking

New York Italian Women è espressamente rivolto alle donne trasferite dall'Italia nella metropoli Usa. La fondatrice, Ivana Lo Stimolo, vi è arrivata nel 2011

Quando si è stranieri in una città straniera può essere difficile orientarsi e soprattutto conoscere persone e stringere amicizie. Per le donne italiane trasferite a NYC però esiste, su Facebook, una soluzione che si chiama New York Italian Women, gruppo grazie al quale si può socializzare, condividere esperienze ed ottenere informazioni. Non è certo l'unico pensato per gli italiani nella metropoli (ci sono per esempio il sito iNewYork che ha l'intento di italianizzare la metropoli americana o il gruppo su Facebook che unisce gli italiani a NY - networking Group - e che "ha lo scopo di rispondere e aiutare tutti gli italiani che vengono in vacanza o a studiare o che desiderano trasferirsi in Usa"). New York Italian Women è espressamente rivolto alle donne italiane trasferite a NYC. La fondatrice, Ivana Lo Stimolo, vi è arrivata nel 2011: è milanese e sposata con Greg, americano da cui ha avuto tre figli. Dopo gli studi al Buffalo University e una lunga esperienza nel mondo della pubblicità ha lavorato per la Brown Harris Stevens, una delle più note agenzie immobiliari di Manhattan. Da qualche mese dirige Nystep, agenzia specializzata in consulenza per chi arriva a vivere e lavorare negli Stati Uniti.

Come e quando è nato il gruppo?
Il tutto è iniziato qualche mese dopo il mio trasferimento a New York, 6 anni fa. Da subito ho sentito il bisogno di mettermi in contatto con donne italiane per confrontarmi e, grazie alla loro esperienza, orientarmi in una città che avevo visitato solo come turista. Viverci e soprattutto conviverci è tutta un’altra cosa! Nyc è un mondo tanto bello quanto difficile, tanto generoso quanto avido, che ti mette di fronte a sfide ogni giorno, ma che alla fine sa ripagarti di ogni sforzo e donarti un calore e una tranquillità sconosciute anche alla nostra amata Italia.

Quanti iscritti ha il gruppo? Quali sono le condizioni per accedervi?
Siamo ormai quasi 500, e per farne parte occorre la cittadinanza italiana, vivere qui o avere intenzione di farlo ed ovviamente essere di, come si dice, “madre lingua”. Sono particolarmente selettiva su questi criteri perché è importante si abbia la stessa base di partenza. Ricevo molte richieste di persone interessate a trasferirsi a NYC ma, ripeto, il nostro gruppo è destinato a chi è già qui oppure è in arrivo: alcuni membri sono in città da più di 30 anni! Il bello di questo gruppo è proprio la sua eterogeneità: dalle ventenni appena arrivate in città, entusiaste e piene di energia e curiosità, alle signore più avanti con l’età (anche settantenni) ma non per questo meno attive nella comunità. Ci sono tantissime professioniste nel mondo della comunicazione e ristorazione, avvocati, accountant, artigiane, scrittrici, personal trainer, promoter così come appassionate di teatro, danza, yoga, tutte con la voglia di condividere interessi e passioni. Sono in tante a occuparsi di gallerie d’arte, o organizzazione di eventi, offrendoci l’occasione di partecipare alla vita sociale cittadina. Tra loro il CIMA, Centre of Italian Modern Art ai cui eventi parteciperemo, insieme ad associazioni di volontariato legate alle problematiche femminili.

In quante gestite il network?
Al momento mi aiutano Silvia Vaillati, milanese come me, consulente aziendale, e Francesca Agresta, romana ed event planner. Francesca è preziosa per cercare i luoghi per i nostri eventi e Silvia, una delle prime a far parte del gruppo, mi aiuta nell’approvazione e nel benvenuto delle nuove partecipanti. Sicuramente ci saranno ulteriori new entry che incrementeranno il numero degli iscritti alla nostra newsletter e contribuiranno a gestire le promozioni e gli sconti riservati ai nostri membri. Nell’ambito del nostro gruppo ho conosciuto persone fantastiche poi diventate mie amiche e con cui sono nate collaborazioni lavorative straordinarie. L’approccio da parte nostra è più istintivo, espansivo, di pelle...mentre le statunitensi sono più riservate e individualiste, sul modello della società anglosassone; ma basta saperle coinvolgere ed il gioco è fatto! Ovviamente ci sono casi di donne il cui l’inserimento nel meccanismo non è così automatico. E qui entriamo in ballo noi cercando di coinvolgere persone a cui piaccia “condividere” a prescindere da dove provengano.

Dopo l’elezione di Trump come si prospetta negli Usa l'accoglienza degli stranieri? New York è una città davvero multiculturale, ed offre così tanto che ci si può perdere. Molte donne professioniste di successo in Italia si sono trasferite, come è successo a me, al seguito dei propri mariti ed in mondo così complesso si sono trovate spaesate. Comunicare con persone che vivono la stessa esperienza è un vero sollievo. Trump è un’incognita per tutti, ma credo sia necessario aspettare e vedere cosa succederà dopo i primi 60-90 giorni di presidenza. Immagino che per chi, come me, lavora nel settore immobiliare ci saranno cambiamenti; ed ancor di più, per gli immigrati, sarà importante rivolgersi a professionisti aggiornati su tutte le novità normative.

Cosa viene in particolare proposto all’interno del gruppo?
Abbiamo tanta voglia di frequentarci per cui organizziamo opening di qualsiasi tipo, dai vernissage agli incontri informativi, dagli spettacoli agli aperitivi in casa di qualcuna delle associate. C’è anche chi si impegna a cercare e trovare sistemazioni per vacanze o soggiorni temporanei, oppure dà una mano a districarsi tra i cavilli della burocrazia statunitense. Il bello è che ogni occasione è buona per fare networking, scambiarsi consigli, esperienze, contatti e consulenze preziose. Sono nate collaborazioni: ad esempio Paola, una wedding planner che da tempo lavora in città ha finalmente trovato una hair stylist per i servizi matrimoniali proprio durante uno dei nostri incontri...oppure Krisztina, una ragazza italiana che è stata sponsorizzata da una scuola di New York come insegnante e con i crediti accumulati negli anni ha ottenuto l’approvazione per la Visa ad entrare ed esercitare la sua professione negli Stati Uniti d'America seguendo i consigli delle altre socie su come muoversi tra i cavilli della burocrazia.

Dal gruppo Facebook è nata una collaborazione che ora è una vera e propria attività per Lei, l’agenzia NyStep. Ce ne vuole parlare?
Il concetto di dare consulenza a chi arriva negli Usa mi ha spinta, grazie anche alle persone che ho conosciuto, ad aprire l’agenzia Nystep, costola della LAfirstep, con sede a Los Angeles. Qualche tempo fa un amico in comune mi ha messo in contatto con Paola Maria Savoia, che a Los Angeles guida un gruppo simile al mio. Anche lei ha faticato tantissimo a trovare le persone e l’avvocato giusto che sapessero portare avanti la sua pratica d’immigrazione, e proprio dopo questa dura esperienza ha deciso, anni fa, di creare un'agenzia di servizi in grado di assistere gli italiani che vogliono entrare negli States. E così ho fatto io! Ora collaboro con studi legali specializzati in immigrazione e ciò mi permette di aiutare gli italiani a New York a trovare casa o locali in cui aprire ristoranti.

Altri Servizi

Esplosione a NY, l'attentatore voleva vendicare attacchi contro l'Isis

Negli Stati Uniti da sette anni, il 27enne Akayed Ullah si è ispirato agli atti di terrorismo contro i mercati di Natale in Europa
AP

Irritabile. Arrabiato. Scontento. Viene descritto così il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%
AP

I repubblicani della Camera e del Senato hanno raggiunto un accordo su un testo congiunto per la controversa riforma fiscale voluta dal presidente americano Donald Trump, che, tra le altre cose, riduce l'aliquota per le imprese dal 35 al 21%. A rendere possibile l'accordo, un testo da 500 pagine e 1.500 miliardi di dollari, è stato il via libera di due senatori che finora avevano espresso riserve, Marco Rubio e Bob Corker. Il testo prevede anche l'abolizione del cosiddetto "individual mandate", ovvero l'obbligo di assicurazione sanitaria per tutti previsto dall'Obamacare.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24

Dopo Hollywood, la Silicon Valley e Capitol Hill anche il mondo della ristorazione è stato colpito dallo scandalo di molestie sessuali. Quattro donne hanno accusato Mario Batali, uno degli chef più celebri di New York; famoso per i suoi capelli rossi e le Crocs arancioni ai piedi, è il cuoco che ha cucinato l'ultima cena di stato alla Casa Bianca dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ed è uno dei soci di minoranza di Eataly USA, la mecca americana del cibo Made in Italy. Al di fuori degli Stati Uniti, il nome del 51enne Batali non è associato a quello della controllante Eataly, gruppo italiano fondato da Oscar Farinetti (che ne è l'azionista di maggioranza). Il cuoco non ha mai ricoperto alcun ruolo operativo nella galassia Eataly.

Apple compra Shazam, la app per riconoscere le canzoni

Il valore della transazione non è stato svelato

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme: Apple acquista Shazam, la app per riconoscere le canzoni.

Elezioni in Alabama: vince il candidato democratico, sconfitta per Trump

Doug Jones ha avuto la meglio su Roy Moore, che aveva il sostegno del presidente Usa nonostante sia stato accusato di molestie sessuali. Al Senato la maggioranza del Gop si assottiglia
AP

In uno Stato fortemente repubblicano, l'Alabama, un candidato democratico ha vinto le elezioni speciali pensate per eleggere il senatore che andrà a sostituire al Congresso Usa il posto lasciato vuoto da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia. E' la prima volta dal 1992 che un democratico è stato eletto al Senato dallo Stato del Sud.

Usa Today attacca Trump: "Inadatto a pulire i bagni" di Obama

Ma anche a lucidare le scarpe di George W Bush. Per il quotidiano, il presidente ha un carattere "straordinariamente terribile" che ha fatto insinuazioni sessiste fuori luogo

Donald Trump si è sentito più volte dire che era inadatto alla presidenza degli Stati Uniti. Durante la campagna elettorale dello scorso anno, sia il presidente americano Barack Obama sia la candidata democratica alle elezioni Hillary Clinton lo avevano ripetuto in tutte le salse. Oltre un anno dopo la vittoria shock del miliardario di New York, è un quotidiano ampiamente diffuso in Usa a rispolverare quel concetto ma in termini decisamente pesanti.

iStock

Exxon Mobil cede al pressing degli investitori, che da tempo chiedono più trasparenza sugli effetti del cambiamento climatico e delle rispettive regolamentazioni sulle attività del colosso petrolifero americano.

Riforma fiscale: democratici chiedono al Gop posticipo del voto finale

Vogliono che si aspetti l'arrivo al Senato di Doug Jones, che ha vinto alle elezione speciali in Alabama

Forti di una inattesa vittoria alle elezioni speciali di ieri in Alabama, una duplice sconfitta per Donald Trump, i democratici premono affinché il voto finale sulla riforma fiscale messa a punto dai repubblicani che controllano il Congresso sia posticipato. La minoranza a Capitol Hill vuole che si aspetti l'insediamento di Doug Jones, il candidato democratico che ha sconfitto Roy Moore nel cosiddetto Yellowhammer State aggiudicandosi il seggio al Senato Usa lasciato libero da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia.