Italiane a New York: ecco dove iniziare a fare networking

New York Italian Women è espressamente rivolto alle donne trasferite dall'Italia nella metropoli Usa. La fondatrice, Ivana Lo Stimolo, vi è arrivata nel 2011

Quando si è stranieri in una città straniera può essere difficile orientarsi e soprattutto conoscere persone e stringere amicizie. Per le donne italiane trasferite a NYC però esiste, su Facebook, una soluzione che si chiama New York Italian Women, gruppo grazie al quale si può socializzare, condividere esperienze ed ottenere informazioni. Non è certo l'unico pensato per gli italiani nella metropoli (ci sono per esempio il sito iNewYork che ha l'intento di italianizzare la metropoli americana o il gruppo su Facebook che unisce gli italiani a NY - networking Group - e che "ha lo scopo di rispondere e aiutare tutti gli italiani che vengono in vacanza o a studiare o che desiderano trasferirsi in Usa"). New York Italian Women è espressamente rivolto alle donne italiane trasferite a NYC. La fondatrice, Ivana Lo Stimolo, vi è arrivata nel 2011: è milanese e sposata con Greg, americano da cui ha avuto tre figli. Dopo gli studi al Buffalo University e una lunga esperienza nel mondo della pubblicità ha lavorato per la Brown Harris Stevens, una delle più note agenzie immobiliari di Manhattan. Da qualche mese dirige Nystep, agenzia specializzata in consulenza per chi arriva a vivere e lavorare negli Stati Uniti.

Come e quando è nato il gruppo?
Il tutto è iniziato qualche mese dopo il mio trasferimento a New York, 6 anni fa. Da subito ho sentito il bisogno di mettermi in contatto con donne italiane per confrontarmi e, grazie alla loro esperienza, orientarmi in una città che avevo visitato solo come turista. Viverci e soprattutto conviverci è tutta un’altra cosa! Nyc è un mondo tanto bello quanto difficile, tanto generoso quanto avido, che ti mette di fronte a sfide ogni giorno, ma che alla fine sa ripagarti di ogni sforzo e donarti un calore e una tranquillità sconosciute anche alla nostra amata Italia.

Quanti iscritti ha il gruppo? Quali sono le condizioni per accedervi?
Siamo ormai quasi 500, e per farne parte occorre la cittadinanza italiana, vivere qui o avere intenzione di farlo ed ovviamente essere di, come si dice, “madre lingua”. Sono particolarmente selettiva su questi criteri perché è importante si abbia la stessa base di partenza. Ricevo molte richieste di persone interessate a trasferirsi a NYC ma, ripeto, il nostro gruppo è destinato a chi è già qui oppure è in arrivo: alcuni membri sono in città da più di 30 anni! Il bello di questo gruppo è proprio la sua eterogeneità: dalle ventenni appena arrivate in città, entusiaste e piene di energia e curiosità, alle signore più avanti con l’età (anche settantenni) ma non per questo meno attive nella comunità. Ci sono tantissime professioniste nel mondo della comunicazione e ristorazione, avvocati, accountant, artigiane, scrittrici, personal trainer, promoter così come appassionate di teatro, danza, yoga, tutte con la voglia di condividere interessi e passioni. Sono in tante a occuparsi di gallerie d’arte, o organizzazione di eventi, offrendoci l’occasione di partecipare alla vita sociale cittadina. Tra loro il CIMA, Centre of Italian Modern Art ai cui eventi parteciperemo, insieme ad associazioni di volontariato legate alle problematiche femminili.

In quante gestite il network?
Al momento mi aiutano Silvia Vaillati, milanese come me, consulente aziendale, e Francesca Agresta, romana ed event planner. Francesca è preziosa per cercare i luoghi per i nostri eventi e Silvia, una delle prime a far parte del gruppo, mi aiuta nell’approvazione e nel benvenuto delle nuove partecipanti. Sicuramente ci saranno ulteriori new entry che incrementeranno il numero degli iscritti alla nostra newsletter e contribuiranno a gestire le promozioni e gli sconti riservati ai nostri membri. Nell’ambito del nostro gruppo ho conosciuto persone fantastiche poi diventate mie amiche e con cui sono nate collaborazioni lavorative straordinarie. L’approccio da parte nostra è più istintivo, espansivo, di pelle...mentre le statunitensi sono più riservate e individualiste, sul modello della società anglosassone; ma basta saperle coinvolgere ed il gioco è fatto! Ovviamente ci sono casi di donne il cui l’inserimento nel meccanismo non è così automatico. E qui entriamo in ballo noi cercando di coinvolgere persone a cui piaccia “condividere” a prescindere da dove provengano.

Dopo l’elezione di Trump come si prospetta negli Usa l'accoglienza degli stranieri? New York è una città davvero multiculturale, ed offre così tanto che ci si può perdere. Molte donne professioniste di successo in Italia si sono trasferite, come è successo a me, al seguito dei propri mariti ed in mondo così complesso si sono trovate spaesate. Comunicare con persone che vivono la stessa esperienza è un vero sollievo. Trump è un’incognita per tutti, ma credo sia necessario aspettare e vedere cosa succederà dopo i primi 60-90 giorni di presidenza. Immagino che per chi, come me, lavora nel settore immobiliare ci saranno cambiamenti; ed ancor di più, per gli immigrati, sarà importante rivolgersi a professionisti aggiornati su tutte le novità normative.

Cosa viene in particolare proposto all’interno del gruppo?
Abbiamo tanta voglia di frequentarci per cui organizziamo opening di qualsiasi tipo, dai vernissage agli incontri informativi, dagli spettacoli agli aperitivi in casa di qualcuna delle associate. C’è anche chi si impegna a cercare e trovare sistemazioni per vacanze o soggiorni temporanei, oppure dà una mano a districarsi tra i cavilli della burocrazia statunitense. Il bello è che ogni occasione è buona per fare networking, scambiarsi consigli, esperienze, contatti e consulenze preziose. Sono nate collaborazioni: ad esempio Paola, una wedding planner che da tempo lavora in città ha finalmente trovato una hair stylist per i servizi matrimoniali proprio durante uno dei nostri incontri...oppure Krisztina, una ragazza italiana che è stata sponsorizzata da una scuola di New York come insegnante e con i crediti accumulati negli anni ha ottenuto l’approvazione per la Visa ad entrare ed esercitare la sua professione negli Stati Uniti d'America seguendo i consigli delle altre socie su come muoversi tra i cavilli della burocrazia.

Dal gruppo Facebook è nata una collaborazione che ora è una vera e propria attività per Lei, l’agenzia NyStep. Ce ne vuole parlare?
Il concetto di dare consulenza a chi arriva negli Usa mi ha spinta, grazie anche alle persone che ho conosciuto, ad aprire l’agenzia Nystep, costola della LAfirstep, con sede a Los Angeles. Qualche tempo fa un amico in comune mi ha messo in contatto con Paola Maria Savoia, che a Los Angeles guida un gruppo simile al mio. Anche lei ha faticato tantissimo a trovare le persone e l’avvocato giusto che sapessero portare avanti la sua pratica d’immigrazione, e proprio dopo questa dura esperienza ha deciso, anni fa, di creare un'agenzia di servizi in grado di assistere gli italiani che vogliono entrare negli States. E così ho fatto io! Ora collaboro con studi legali specializzati in immigrazione e ciò mi permette di aiutare gli italiani a New York a trovare casa o locali in cui aprire ristoranti.

Altri Servizi

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap

"Stiamo combattendo una guerra. È incredibile quello che stiamo facendo [...] Stiamo facendo un grande lavoro, stiamo costruendo degli ospedali in 3-4 giorni. Intorno a Pasqua ci sarà il picco, gli esperti prevedono che ci saranno dei veri progressi entro la fine di aprile". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, che sta parlando a 'Fox and friends' su Fox News a proposito dell'emergenza coronavirus. Trump ha poi detto che il numero di morti "calerà molto" entro il primo giugno.

Wall Street, verso un'altra settimana volatile

Il presidente Trump 'rinuncia' a far ripartire gli Stati Uniti entro Pasqua
AP

Coronavirus, Fauci: "Negli Usa temiamo milioni di casi, potremmo avere tra i 100mila e i 200mila morti"

Il celebre immunologo americano ha parlato alla Cnn dove ha spiegato che la capacità degli Usa di fare test è piuttosto debole
Flickr

Gli Stati Uniti potrebbero, con molta probabilità arrivare ad avere "milioni di casi di coronavirus" mentre il bilancio delle vittime potrebbe addirittura oscillare tra i "100mila e i 200mila morti". A dirlo è Anthony Fauci, l’immunologo americano direttore dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (Niaid) del National Institutes of Health (Nih) nonché uno degli uomini chiave della task force della Casa Bianca contro il coronavirus.

Wall Street verso un ribasso dopo la migliore tre giorni dal 1931

Gli Usa attendono che la Camera approvi il piano di stimoli economici da 2.000 miliardi di dollari
AP

È legge lo storico piano di aiuti da 2.000 miliardi, in Usa oltre 100.000 casi di coronavirus

Venerdì, l'approvazione alla Camera e la firma del presidente Trump. Il numero di malati raddoppiato in 3 giorni
Ap

Il presidente Donald Trump ha promulgato lo storico piano di stimoli economici da oltre 2.000 miliardi di dollari per sostenere famiglie e aziende statunitensi, nel giorno in cui i casi confermati di nuovo coronavirus sono raddoppiati nell'arco di 72 ore, superando le 100.000 unità. In precedenza, era arrivata l'approvazione della Camera con un voto a voce.

Trump e il coronavirus: tra salute pubblica ed economia si gioca il futuro da presidente

'The Donald' preme per far ripartire gli Stati Uniti al più presto, per paura che il crollo dell'economia possa costargli la rielezione. Potrebbe però far aggravare la crisi sanitaria, che non gli sarebbe perdonata dagli americani
General Electric

Quando il senatore Lindsey Graham ha chiamato il presidente Donald Trump, la scorsa domenica, è stato chiaro: se farai ripartire il Paese troppo presto, contro l'avviso degli esperti di salute pubblica, ti saranno addebitate le morti da nuovo coronavirus che seguiranno. Il senatore repubblicano, stretto alleato del presidente, gli ha anche detto che non sarà considerato l'unico responsabile: lo stesso partito repubblicano rischierebbe di essere incolpato di aver messo il commercio e i mercati azionari davanti alla salute degli americani, tra l'altro a pochi mesi dalle elezioni presidenziali. A raccontare la telefonata tra i due, al Washington Post, sono stati tre funzionari della Casa Bianca e un parlamentare repubblicano.

Coronavirus, in California raddoppia in un giorno il numero di pazienti in terapia intensiva

Sono passati da 200 a 410 in meno di 24 ore, lo ha annunciato il governatore Gavin Newsom
Wikipedia

Il numero di pazienti affetti da coronavirus ricoverati in terapia intensiva in California è raddoppiato in meno di 24 ore, passando dai 200 di venerdì a 410 di sabato. A darne notizia è il governatore californiano Gavin Newsom che ha spiegato che anche il numero di pazienti ospedalizzati, risultati positivi al coronavirus, è aumentato del 38,6%, passando dai 746 di venerdì ai 1.034 di sabato.

Coronavirus, oltre 2mila morti negli Stati Uniti. Trump rinuncia alla quarantena per New York

Il presidente americano impone delle limitazioni per provare a contenere i contagi dopo che negli Usa sono più di 120mila i casi
White House /Shealah Craighead

Donald Trump torna sui suoi passi e abbandona l’idea di mettere in quarantena gli stati di New York, New Jersey e Connecticut dopo che nelle ultime ore quest’idea, da lui stesso paventata, aveva riscosso non poche critiche. È lo stesso presidente americano a darne notizia su Twitter: "Su raccomandazione della Task Force Coronavirus della Casa Bianca e dopo essermi consultato con i governatori di New York, New Jersey e Connecticut, ho chiesto di limitare rigorosamente gli spostamenti nell'area, sotto il controllo degli stessi governatori, in consultazione con il Governo federale. Ma non sarà necessaria una quarantena", ha spiegato il tycoon.

Coronavirus, Pelosi attacca Trump: "Il suo negazionismo è costato vite umane"

Attacco della speaker democratica al tycoon durante un’intervista alla Cnn
Ap

La speaker democratica della Camera, Nancy Pelosi, è tornata ad attaccare Donald Trump puntando il dito contro la sua risposta alla pandemia di coronavirus che ha investito il mondo e in particolar modo gli Stati Uniti, primo Paese per contagi dopo aver superato Italia e Cina. "Il suo negazionismo iniziale è stato letale", ha detto Pelosi alla Cnn ospite del programma "State of the Union" aggiungendo che mentre il presidente "temporeggia la gente sta morendo".

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081