Italiane a New York: ecco dove iniziare a fare networking

New York Italian Women è espressamente rivolto alle donne trasferite dall'Italia nella metropoli Usa. La fondatrice, Ivana Lo Stimolo, vi è arrivata nel 2011

Quando si è stranieri in una città straniera può essere difficile orientarsi e soprattutto conoscere persone e stringere amicizie. Per le donne italiane trasferite a NYC però esiste, su Facebook, una soluzione che si chiama New York Italian Women, gruppo grazie al quale si può socializzare, condividere esperienze ed ottenere informazioni. Non è certo l'unico pensato per gli italiani nella metropoli (ci sono per esempio il sito iNewYork che ha l'intento di italianizzare la metropoli americana o il gruppo su Facebook che unisce gli italiani a NY - networking Group - e che "ha lo scopo di rispondere e aiutare tutti gli italiani che vengono in vacanza o a studiare o che desiderano trasferirsi in Usa"). New York Italian Women è espressamente rivolto alle donne italiane trasferite a NYC. La fondatrice, Ivana Lo Stimolo, vi è arrivata nel 2011: è milanese e sposata con Greg, americano da cui ha avuto tre figli. Dopo gli studi al Buffalo University e una lunga esperienza nel mondo della pubblicità ha lavorato per la Brown Harris Stevens, una delle più note agenzie immobiliari di Manhattan. Da qualche mese dirige Nystep, agenzia specializzata in consulenza per chi arriva a vivere e lavorare negli Stati Uniti.

Come e quando è nato il gruppo?
Il tutto è iniziato qualche mese dopo il mio trasferimento a New York, 6 anni fa. Da subito ho sentito il bisogno di mettermi in contatto con donne italiane per confrontarmi e, grazie alla loro esperienza, orientarmi in una città che avevo visitato solo come turista. Viverci e soprattutto conviverci è tutta un’altra cosa! Nyc è un mondo tanto bello quanto difficile, tanto generoso quanto avido, che ti mette di fronte a sfide ogni giorno, ma che alla fine sa ripagarti di ogni sforzo e donarti un calore e una tranquillità sconosciute anche alla nostra amata Italia.

Quanti iscritti ha il gruppo? Quali sono le condizioni per accedervi?
Siamo ormai quasi 500, e per farne parte occorre la cittadinanza italiana, vivere qui o avere intenzione di farlo ed ovviamente essere di, come si dice, “madre lingua”. Sono particolarmente selettiva su questi criteri perché è importante si abbia la stessa base di partenza. Ricevo molte richieste di persone interessate a trasferirsi a NYC ma, ripeto, il nostro gruppo è destinato a chi è già qui oppure è in arrivo: alcuni membri sono in città da più di 30 anni! Il bello di questo gruppo è proprio la sua eterogeneità: dalle ventenni appena arrivate in città, entusiaste e piene di energia e curiosità, alle signore più avanti con l’età (anche settantenni) ma non per questo meno attive nella comunità. Ci sono tantissime professioniste nel mondo della comunicazione e ristorazione, avvocati, accountant, artigiane, scrittrici, personal trainer, promoter così come appassionate di teatro, danza, yoga, tutte con la voglia di condividere interessi e passioni. Sono in tante a occuparsi di gallerie d’arte, o organizzazione di eventi, offrendoci l’occasione di partecipare alla vita sociale cittadina. Tra loro il CIMA, Centre of Italian Modern Art ai cui eventi parteciperemo, insieme ad associazioni di volontariato legate alle problematiche femminili.

In quante gestite il network?
Al momento mi aiutano Silvia Vaillati, milanese come me, consulente aziendale, e Francesca Agresta, romana ed event planner. Francesca è preziosa per cercare i luoghi per i nostri eventi e Silvia, una delle prime a far parte del gruppo, mi aiuta nell’approvazione e nel benvenuto delle nuove partecipanti. Sicuramente ci saranno ulteriori new entry che incrementeranno il numero degli iscritti alla nostra newsletter e contribuiranno a gestire le promozioni e gli sconti riservati ai nostri membri. Nell’ambito del nostro gruppo ho conosciuto persone fantastiche poi diventate mie amiche e con cui sono nate collaborazioni lavorative straordinarie. L’approccio da parte nostra è più istintivo, espansivo, di pelle...mentre le statunitensi sono più riservate e individualiste, sul modello della società anglosassone; ma basta saperle coinvolgere ed il gioco è fatto! Ovviamente ci sono casi di donne il cui l’inserimento nel meccanismo non è così automatico. E qui entriamo in ballo noi cercando di coinvolgere persone a cui piaccia “condividere” a prescindere da dove provengano.

Dopo l’elezione di Trump come si prospetta negli Usa l'accoglienza degli stranieri? New York è una città davvero multiculturale, ed offre così tanto che ci si può perdere. Molte donne professioniste di successo in Italia si sono trasferite, come è successo a me, al seguito dei propri mariti ed in mondo così complesso si sono trovate spaesate. Comunicare con persone che vivono la stessa esperienza è un vero sollievo. Trump è un’incognita per tutti, ma credo sia necessario aspettare e vedere cosa succederà dopo i primi 60-90 giorni di presidenza. Immagino che per chi, come me, lavora nel settore immobiliare ci saranno cambiamenti; ed ancor di più, per gli immigrati, sarà importante rivolgersi a professionisti aggiornati su tutte le novità normative.

Cosa viene in particolare proposto all’interno del gruppo?
Abbiamo tanta voglia di frequentarci per cui organizziamo opening di qualsiasi tipo, dai vernissage agli incontri informativi, dagli spettacoli agli aperitivi in casa di qualcuna delle associate. C’è anche chi si impegna a cercare e trovare sistemazioni per vacanze o soggiorni temporanei, oppure dà una mano a districarsi tra i cavilli della burocrazia statunitense. Il bello è che ogni occasione è buona per fare networking, scambiarsi consigli, esperienze, contatti e consulenze preziose. Sono nate collaborazioni: ad esempio Paola, una wedding planner che da tempo lavora in città ha finalmente trovato una hair stylist per i servizi matrimoniali proprio durante uno dei nostri incontri...oppure Krisztina, una ragazza italiana che è stata sponsorizzata da una scuola di New York come insegnante e con i crediti accumulati negli anni ha ottenuto l’approvazione per la Visa ad entrare ed esercitare la sua professione negli Stati Uniti d'America seguendo i consigli delle altre socie su come muoversi tra i cavilli della burocrazia.

Dal gruppo Facebook è nata una collaborazione che ora è una vera e propria attività per Lei, l’agenzia NyStep. Ce ne vuole parlare?
Il concetto di dare consulenza a chi arriva negli Usa mi ha spinta, grazie anche alle persone che ho conosciuto, ad aprire l’agenzia Nystep, costola della LAfirstep, con sede a Los Angeles. Qualche tempo fa un amico in comune mi ha messo in contatto con Paola Maria Savoia, che a Los Angeles guida un gruppo simile al mio. Anche lei ha faticato tantissimo a trovare le persone e l’avvocato giusto che sapessero portare avanti la sua pratica d’immigrazione, e proprio dopo questa dura esperienza ha deciso, anni fa, di creare un'agenzia di servizi in grado di assistere gli italiani che vogliono entrare negli States. E così ho fatto io! Ora collaboro con studi legali specializzati in immigrazione e ciò mi permette di aiutare gli italiani a New York a trovare casa o locali in cui aprire ristoranti.

Altri Servizi

Le cinque peggiori città dove andare a vivere negli Stati Uniti

Il sito 24/7 Wall St. ha preso in considerazione diversi parametri per determinare quali centri urbani sconsigliare: in testa, non ci sono sorprese

La qualità della vita in una città statunitense dipende spesso dal quartiere in cui si vive, visto che povertà e crimine possono spesso essere a pochi isolati dalla prosperità. Ci sono però città con problemi così estesi ed evidenti che riducono la qualità della vita di tutti i residenti.

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Trump pubblica la dichiarazione finanziaria 2016: il suo impero vale 1,4 miliardi di dollari

Il presidente ha incassato 597 milioni di dollari dalle sue aziende, nel periodo tra gennaio 2015 e aprile 2016. La sua dichiarazione dei redditi, però, resta segreta

Donald Trump continua a rifiutarsi di presentare la propria dichiarazione dei redditi, ma ha reso pubbliche le informazioni relative alla sua situazione finanziaria, contenute in un documento di 98 pagine.

Russiagate, dall'ammissione di Trump alle divisioni tra i democratici: i fatti salienti della settimana

Giorni intensi sul versante delle indagini e del lavoro della stampa sulla presunta collusione tra l'attuale amministrazione statunitense e Mosca
AP

Il Washington Post ha riferito (mercoledì 14 giugno) che il procuratore speciale, Robert Mueller, sta indagando sulla possibilità che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, abbia cercato di ostacolare la giustizia, nel caso sulle ingerenze russe nelle elezioni di novembre e i possibili legami tra il suo staff e il Cremlino. Si è trattato, comunque, solo di un evento di una settimana densa di novità su quello che in Italia è stato ormai ribattezzato Russiagate.

Russiagate: anche il numero due del dipartimento di Giustizia potrebbe astenersi

E' un'ipotesi che circola e che riguarda Rod Rosenstein, preso di mira da un tweet di Trump. Una tale mossa seguirebbe quella del suo capo Jeff Sessions
AP

Anche il numero due del dipartimento della Giustizia potrebbe dovere tirarsi fuori dal Russiagate. E' un'ipotesi presa in considerazione dal diretto interessato Rod Rosenstein, l'uomo che ha la parola finale sul procuratore speciale da lui scelto e che sta gestendo l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali Usa e sui possibili contatti tra la campagna Trump e funzionari russi.

L'ordine allo staff di Trump: conservare il materiale utile alle indagini sulla Russia

Per il Nyt, è un'altra prova che l'inchiesta del procuratore speciale, Robert Mueller, si è ampliata

I membri dello staff che ha gestito per Donald Trump il periodo di transizione, quello tra la vittoria alle presidenziali, a novembre, e l'entrata in carica più di due mesi dopo, hanno ricevuto l'ordine di conservare documenti e qualsiasi altro materiale che possa essere utile alle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni. Lo riferisce il New York Times, citando un documento ottenuto.

Gli Usa pronti al ritorno alla Guerra Fredda con Cuba, poi Trump ha scelto una linea moderata

L'amministrazione aveva preso in considerazione la possibilità di un ultimatum sui diritti umani e l'ipotesi di una rottura completa con L'Avana

L'amministrazione Trump aveva preso in considerazione la possibilità di troncare i rapporti con Cuba, scegliendo poi di adottare una linea più morbida, che non precluda i rapporti diplomatici e futuri rapporti economici tra i due Paesi. A scriverlo è The Hill, citando documenti ottenuti in esclusiva.

Fmi: la ripresa dell'Eurozona si rafforza, Italia avanti con le riforme

Secondo l'istituto di Washington il contesto politico "favorevole" rappresenta un'opportunità per rendere ancora più salda l'integrazione tra i Paesi membri. Bce promossa. Scoraggiante la compliance del Patto di stabilità

"Anche se restano debolezze strutturali con radici profonde", la ripresa dell'Eurozona "si sta rafforzando" e ciò - insieme a un contesto politico "favorevole" - rappresenta un'opportunità per rendere ancora più salda l'integrazione tra i Paesi membri. Ma anche se gli sforzi fino ad ora fatti stanno dando frutti, "molto resta da fare sia a livello nazionale sia generale".

Caso Russia, Trump twitta e ammette: "Sono indagato"

Il presidente Usa accusa il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, di guidare la 'caccia alle streghe'
Ap

"Sono [stato messo] sotto indagine per aver licenziato il direttore dell'Fbi (James Comey, ndr) dall'uomo che mi ha detto di licenziare il direttore dll'Fbi (il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, ndr]! Caccia alle streghe". Questo l'ultimo tweet pubblicato dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sta già facendo particolarmente discutere i giornalisti statunitensi, visto che sembra confermare il fatto che sia indagato, come scritto per primo dal Washington Post; sembra inoltre che Rosenstein sia entrato nella lista delle persone da screditare, dopo essere stato l'uomo con cui Trump si era fatto scudo, affermando di aver licenziato Comey su raccomandazione del vicesegretario, salvo poi dichiarare in televisione che lo avrebbe comunque licenziato. Ora, invece, Trump lo considera la persona che guida la "caccia alle streghe".

Amazon compra Whole Foods Market per circa 13,7 mld $ in cash, debito incluso

Whole Foods continuerà a gestire i supermercati con il proprio marchio e l'amministratore delegato John Mackey resterà in carica.
Shutterstock

Amazon si espande nel settore della grande distribuzione tradizionale. Come si legge in una nota, il colosso americano dell'e-commerce ha rilevato la catena di supermercati Whole Foods Markets per 42 dollari per azione, completamente in contanti, nell'ambito di un'operazione valutata circa 13,7 miliardi di dollari, compreso il debito netto del retailer.