Jack Johnson, il pugilato e una grazia che Obama non vuole concedere

Il primo campione dei pesi massimi di colore fu condannato per relazioni amorose "improprie", ovvero con donne bianche. Nel 2009, il Congresso approvò una risoluzione, ma il presidente non concesse il 'perdono'. Oggi il Congresso ci riprova

Da schiavo a campione mondiale, simbolo dell'orgoglio razziale e icona del Black Power. Jack Johnson ha segnato un'epoca, per il pugilato e la comunità afroamericana, diventando il primo atleta di colore a conquistare il titolo dei pesi massimi (1908), cento anni prima dell'elezione di Barack Obama alla presidenza degli Stati Uniti. Ma la sua storia è anche quella di un uomo condannato a un anno di carcere per aver avuto relazioni amorose con donne bianche, che scontò dopo una fuga all'estero. Oggi, alcuni parlamentari chiedono al presidente Barack Obama di concedergli la grazia, come atto simbolico prer riconoscere l'ingiustizia di una pena inflitta per motivi razziali.

A spingere, di nuovo, per un atto del presidente sono i senatori Harry Reid, leader della maggioranza democratica, e il repubblicano John McCain, insieme ai deputati Peter King (repubblicano) e William "Mo" Cowan (democratico). "Jack Johnson fu un atleta leggendario, capace di definire un'era della boxe americana e di alzare l'asticella per tutti gli atleti americani" ha detto Reid. "La memoria di Johnson è stata ingiustamente macchiata da una condanna inflitta per motivi razziali" ha aggiunto, spiegando che è il momento di rendere giustizia al pugile. Una risoluzione per la grazia era già stata approvata da entrambe le Camere del Congresso nel 2009, ma Obama non fece nulla. Il dipartimento di Giustizia dichiarò che la sua politica non era quella di prendere in considerazione richieste per la grazia postuma.

 

Johnson nacque nel 1878 a Galveston, in Texas - e con poca fantasia soprannominato il gigante di Galveston - da genitori molto poveri, ex schiavi. Lasciò da bambino la scuola, per cominciare a lavorare come portuario. Iniziò la sua carriera nella boxe come sparring partner e nelle battle royal, i combattimenti tra neri per un pubblico di bianchi. Il debutto da professionista lo fece nel 1897; dopo decine di incontri - e vittorie - contro avversari bianchi e afroamericani, nel 1903 conquistò il titolo mondiale dei pesi massimi 'di colore' (World Colored Heavyweight Champ).
Per diventare campione del mondo dei pesi massimi dovette aspettare diversi anni: l'allora detentore del titolo, James Jeffries, si rifiutò di combattere contro di lui. Il 26 dicembre 1908 - sei anni dopo la conquista del primo titolo mondiale da parte di un afroamericano, Joe Gans, nella categoria dei pesi leggeri - sconfisse il canadese Tommy Burns in un incontro organizzato a Sydney, in Australia. Poi, nel 1910, ci fu il "combattimento del secolo" con Jeffries, che si era ritirato da imbattuto, ma che decise di tornare sul ring su pressione dei media e della società, per difendere l'orgoglio bianco. Johnson, però, dominò l'incontro. Il film-documentario della sfida - che fu seguita da rivolte e scontri in tutto il Paese - fu a lungo vietato negli Stati Uniti; ora, è conservato al National Film Registry dalla biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.


Johnson, poi, si attirò le critiche anche di una parte della comunità afroamericana e degli altri pugili di colore, perché fino al 1913 si rifiutò, a sua volta, di combattere contro atleti neri: gli incontri con i bianchi erano pagati molto di più. Poi, nel 1915, perse il titolo contro Jess Willard, cowboy del Kansas. 

Tre anni prima, era stato arrestato per violazione della "Legge Mann", che vietava di "portare donne da uno Stato all'altro" per "propositi immorali": dopo le accuse formulate per la sua relazione con Lucille Cameron - poi diventata sua moglie - che si rifiutò di collaborare, Johnson finì in carcere per la deposizione di Belle Schreiber, condannato da una giuria composta solo da bianchi, nonostante la presunta infrazione fosse stata commessa prima dell'entrata in vigore della legge. Johnson cercò di evitare la prigione lasciando gli Stati Uniti, fuggendo - insieme a Lucille Cameron -  a Montreal, in Canada, prima di partire per la Francia. Per sette anni, la coppia visse in esilio in Europa, Sudamerica e Messico; poi, nel 1920, Johnson decise di costituirsi agli agenti federali al confine messicano. Dopo l'anno in carcere tornò a combattere, senza ottenere grandi risultati: Johnson, campione 'moderno', onnipresente sulla stampa, stile di vita e arroganza da star - come poi Muhammad Ali - aveva solo bisogno di soldi per mantenersi. Morì il 10 giugno 1946 in un incidente automobilistico avvenuto presso Franklinton, in North Carolina, all'età di 68 anni.  

Nel 1971 il celebre jazzista Miles Davis gli dedicò l'album A Tribute to Jack Johnson, colonna sonora dell'omonimo documentario. L'anno prima, la sua storia ispirò il il film 'Per salire più in basso' (The Great White Hope), con James Earl Jones nella parte di Johnson.

Altri Servizi

Wall Street, occhi su trimestrali e Fmi

Attesi i conti di Wells Fargo e Bank of America
AP

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

Trump, altro colpo all'Obamacare: taglia i fondi per le polizze ai poveri

Annunciato ore dopo la firma di un ordine esecutivo sulla sanità, con cui il presidente ha compiuto il primo passo per smantellare la riforma del predecessore

L'amministrazione Trump, con un annuncio arrivato in serata, ha reso noto di aver deciso di porre fine ai fondi per le compagnie assicurative, che li usavano per poter offrire polizze sanitarie a costi molto ridotti ai più poveri sui mercati creati dall'Obamacare. Ore prima, il presidente Donald Trump aveva firmato un ordine esecutivo con cui apriva la strada a un ritorno ad alcune vecchie regole, compiendo il primo passo verso lo smantellamento della riforma di Obama, vista l'incapacità del Congresso, a maggioranza repubblicana, di riuscirci.

Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa
AP

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

Trump, primo passo verso l'abrogazione dell'Obamacare: ora meno regole per le polizze assicurative

Il presidente ha firmato un ordine esecutivo, con cui apre la strada a un ritorno a vecchie regole. Ora dopo, annunciato lo stop ai sussidi che hanno permesso alle persone a basso reddito di avere una copertura
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato un ordine esecutivo riguardante la sanità, "per promuovere la scelta e la competizione nell'assistenza sanitaria", con cui riduce gli standard imposti dall'Obamacare alle piccole imprese. Ore dopo la Casa Bianca ha annunciato che il governo non fornirà più sussidi alle compagnie assicurative che hanno permesso a persone a basso reddito di ottenere una copertura medica grazie alla riforma sanitaria di Barack Obama approvata dal Congresso nel 2010.

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Bank of America: utile sale e batte le stime, ma fatturato delude con il trading

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading.
AP

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading. 

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP

Stephen Paddock, l'autore della peggiore sparatoria nella storia moderna Usa, ha sparato a una guardia sei minuti prima di aprire il fuoco sulla folla riunitasi il primo ottobre scorso a Las Vegas per un concerto. La guardia stava reagendo a un allarme scattato e che segnalava che una porta era rimasta aperta sullo stesso piano dell'albergo dove si trovava la stanza di Paddock. Lo ha spiegato in conferenza stampa lo sceriffo Joseph Lombardo. E' lui ad avere fornito una nuova tempistica di quella serata tragica nella quale si esclude ancora il coinvolgimento di un secondo killer così come un legame con organizzazioni terroristiche internazionali.