Jack Johnson, il pugilato e una grazia che Obama non vuole concedere

Il primo campione dei pesi massimi di colore fu condannato per relazioni amorose "improprie", ovvero con donne bianche. Nel 2009, il Congresso approvò una risoluzione, ma il presidente non concesse il 'perdono'. Oggi il Congresso ci riprova

Da schiavo a campione mondiale, simbolo dell'orgoglio razziale e icona del Black Power. Jack Johnson ha segnato un'epoca, per il pugilato e la comunità afroamericana, diventando il primo atleta di colore a conquistare il titolo dei pesi massimi (1908), cento anni prima dell'elezione di Barack Obama alla presidenza degli Stati Uniti. Ma la sua storia è anche quella di un uomo condannato a un anno di carcere per aver avuto relazioni amorose con donne bianche, che scontò dopo una fuga all'estero. Oggi, alcuni parlamentari chiedono al presidente Barack Obama di concedergli la grazia, come atto simbolico prer riconoscere l'ingiustizia di una pena inflitta per motivi razziali.

A spingere, di nuovo, per un atto del presidente sono i senatori Harry Reid, leader della maggioranza democratica, e il repubblicano John McCain, insieme ai deputati Peter King (repubblicano) e William "Mo" Cowan (democratico). "Jack Johnson fu un atleta leggendario, capace di definire un'era della boxe americana e di alzare l'asticella per tutti gli atleti americani" ha detto Reid. "La memoria di Johnson è stata ingiustamente macchiata da una condanna inflitta per motivi razziali" ha aggiunto, spiegando che è il momento di rendere giustizia al pugile. Una risoluzione per la grazia era già stata approvata da entrambe le Camere del Congresso nel 2009, ma Obama non fece nulla. Il dipartimento di Giustizia dichiarò che la sua politica non era quella di prendere in considerazione richieste per la grazia postuma.

 

Johnson nacque nel 1878 a Galveston, in Texas - e con poca fantasia soprannominato il gigante di Galveston - da genitori molto poveri, ex schiavi. Lasciò da bambino la scuola, per cominciare a lavorare come portuario. Iniziò la sua carriera nella boxe come sparring partner e nelle battle royal, i combattimenti tra neri per un pubblico di bianchi. Il debutto da professionista lo fece nel 1897; dopo decine di incontri - e vittorie - contro avversari bianchi e afroamericani, nel 1903 conquistò il titolo mondiale dei pesi massimi 'di colore' (World Colored Heavyweight Champ).
Per diventare campione del mondo dei pesi massimi dovette aspettare diversi anni: l'allora detentore del titolo, James Jeffries, si rifiutò di combattere contro di lui. Il 26 dicembre 1908 - sei anni dopo la conquista del primo titolo mondiale da parte di un afroamericano, Joe Gans, nella categoria dei pesi leggeri - sconfisse il canadese Tommy Burns in un incontro organizzato a Sydney, in Australia. Poi, nel 1910, ci fu il "combattimento del secolo" con Jeffries, che si era ritirato da imbattuto, ma che decise di tornare sul ring su pressione dei media e della società, per difendere l'orgoglio bianco. Johnson, però, dominò l'incontro. Il film-documentario della sfida - che fu seguita da rivolte e scontri in tutto il Paese - fu a lungo vietato negli Stati Uniti; ora, è conservato al National Film Registry dalla biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.


Johnson, poi, si attirò le critiche anche di una parte della comunità afroamericana e degli altri pugili di colore, perché fino al 1913 si rifiutò, a sua volta, di combattere contro atleti neri: gli incontri con i bianchi erano pagati molto di più. Poi, nel 1915, perse il titolo contro Jess Willard, cowboy del Kansas. 

Tre anni prima, era stato arrestato per violazione della "Legge Mann", che vietava di "portare donne da uno Stato all'altro" per "propositi immorali": dopo le accuse formulate per la sua relazione con Lucille Cameron - poi diventata sua moglie - che si rifiutò di collaborare, Johnson finì in carcere per la deposizione di Belle Schreiber, condannato da una giuria composta solo da bianchi, nonostante la presunta infrazione fosse stata commessa prima dell'entrata in vigore della legge. Johnson cercò di evitare la prigione lasciando gli Stati Uniti, fuggendo - insieme a Lucille Cameron -  a Montreal, in Canada, prima di partire per la Francia. Per sette anni, la coppia visse in esilio in Europa, Sudamerica e Messico; poi, nel 1920, Johnson decise di costituirsi agli agenti federali al confine messicano. Dopo l'anno in carcere tornò a combattere, senza ottenere grandi risultati: Johnson, campione 'moderno', onnipresente sulla stampa, stile di vita e arroganza da star - come poi Muhammad Ali - aveva solo bisogno di soldi per mantenersi. Morì il 10 giugno 1946 in un incidente automobilistico avvenuto presso Franklinton, in North Carolina, all'età di 68 anni.  

Nel 1971 il celebre jazzista Miles Davis gli dedicò l'album A Tribute to Jack Johnson, colonna sonora dell'omonimo documentario. L'anno prima, la sua storia ispirò il il film 'Per salire più in basso' (The Great White Hope), con James Earl Jones nella parte di Johnson.

Altri Servizi

La settimana economica e politica in America

Lunedì ci sarà l'attesissimo incontro alla Casa Bianca tra Donald Trump e alcuni amministratore della Silicon Valley. E poi ci sono i dati sulle case e ancora i discorsi di due presidenti della Fed
AP

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi a assumere funzionari per le posizioni più strategiche (ne abbiamo parlato qui), lunedì ci sarà un appuntamento fondamentale. Alla Casa Bianca infatti si incontreranno gli amministratori delegati delle aziende tecnologiche che per la seconda volta cercheranno di discutere con il presidente americano le politiche che potrebbe adottare nei prossimi mesi.

Scontro tra navi in Giappone, morti sette militari americani

Una nave cargo filippina ha travolto la USS Fitzgerald. I membri della Marina stavano dormendo

Una scontro con una nave da carico ha distrutto la cabina del capitano di un cacciatorpediniere americano provocando sette morti. I marinai stavano dormendo per questo non hanno avuto il tempo per salvarsi. È successo in Giappone dove la nave cargo ACX Crystal, battente bandiera filippina, ha travolto la Uss Fitzgerald. 

Nessuno vuole lavorare per l'amministrazione Trump

Il risultato è che in quasi cinque mesi di governo ci sono ancora centinaia di posti vacanti e a Washington si vive in un senso di immobilità
AP

Le tante minacce legali e politiche che pendono sullla presidenza di Donald Trump hanno reso ancora più difficile per la Casa Bianca trovare persone disposte a entrare nella squadra di governo. Il licenziamento dell'ex direttore dell'Fbi, il ritorno dello spettro del coinvolgimento russo nelle elezioni hanno reso ancora  più difficile assumere persone, secondo quanto hanno detto al Washington Post ex funzionari federali, attivisti del partito, lobbisti e candidati che i funzionari di Trump hanno cercato di reclutare.

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

La Fed alza i tassi nonostante inflazione debole

Per la prima volta dal 2008 sono sopra l'1%. Continua ad aspettarsi una terza stretta dopo quelle di marzo e giugno. Sorprende il tono neutro dell'istituzione, che ha descritto il piano per iniziare a ridurre il suo bilancio
AP

La Federal Reserve intende continuare la normalizzazione della sua politica monitaria, iniziata nel dicembre 2015. Come ampiamente atteso, la banca centrale Usa ha alzato i tassi di 25 punti base all'1-1,25% e per la prima volta in un comunicato diffuso successivamente a una sua riunione ha detto che quest'anno inizierà a ridurre "in modo graduale e prevedibile" la dimensione del suo bilancio. E' la prima volta dal 2008 che il costo del denaro negli Stati Uniti risulta sopra l'1%; nel dicembre di quell'anno raggiunse i minimi storici pari allo 0-0,25% sulla scia della peggiore crisi dagli anni '30 del secolo scorso.

Usa: la mente degli attentati a Parigi e Bruxelles può colpire di nuovo in Europa

Oussama Atar entra nella blacklist dei terroristi; secondo Washington, ha creato una rete per realizzare altri attacchi

II dipartimento di Stato americano ha annunciato di aver inserito nella sua blacklist di terroristi tre leader dell'Isis, tra cui uno dei principali organizzatori dell'attentato a Parigi del novembre 2015 e di quello a Bruxelles del marzo 2016.

Afghanistan, la Casa Bianca non ha una strategia chiara

Donald Trump ha dato pieni poteri al Pentagono che vorrebbe inviare 3.000-5.000 nuovi militari nel Paese
AP

Quando il presidente americano Donald Trump ha preso la sua prima più grande decisione sulla guerra in Afghanistan, non ha fatto alcun annuncio televisivo della Casa Bianca o un discorso a West Point. Invece ha fatto comunicare la svolta al Pentagono, che in un pomeriggio ha pubblicato un comunicato stampa firmato da James Mattis: il segretario alla Difesa ha annunciato di avere l'autorità di inviare migliaia di soldati nel Paese, dopo che gli Stati Uniti sono in guerra da 16 anni e hanno di stanza 8.800 soldati in totale.

Caso Russia, Trump twitta e ammette: "Sono indagato"

Il presidente Usa accusa il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, di guidare la 'caccia alle streghe'
Ap

"Sono [stato messo] sotto indagine per aver licenziato il direttore dell'Fbi (James Comey, ndr) dall'uomo che mi ha detto di licenziare il direttore dll'Fbi (il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, ndr]! Caccia alle streghe". Questo l'ultimo tweet pubblicato dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sta già facendo particolarmente discutere i giornalisti statunitensi, visto che sembra confermare il fatto che sia indagato, come scritto per primo dal Washington Post; sembra inoltre che Rosenstein sia entrato nella lista delle persone da screditare, dopo essere stato l'uomo con cui Trump si era fatto scudo, affermando di aver licenziato Comey su raccomandazione del vicesegretario, salvo poi dichiarare in televisione che lo avrebbe comunque licenziato. Ora, invece, Trump lo considera la persona che guida la "caccia alle streghe".

Grecia riceve nuova linfa dai partner Ue, Fmi non sborsa denaro (per ora)

L'istituto di Washington adotta una procedura usata negli anni '80 in 19 casi. Atene è la prima economia avanzata a godere di questa procedura. Lagarde: proporremo un piano precauzionale di 2 miliardi di dollari
iStock

La Grecia diventa la prima economia avanzata per la quale il Fondo monetario internazionale ha rispolverato una procedura usata soprattutto negli anni '80 per un totale di 19 volte: si tratta dell'approvazione "di principio" a un programma di aiuto nell'ambito del quale però qualsiasi finanziamento da parte dell'istituto di Washington è "strettamente legato" all'implementazione futura da parte dei creditori di Atene di una ristrutturazione del debito.

Le nuove sanzioni Usa contro la Russia bocciate da Germania e Austria

Per i due Paesi, "si rischia il peggioramento dei rapporti tra Usa ed Europa". Le sanzioni potrebbero colpire le aziende europee che lavorano con Gazprom per il gasdotto Nord Stream 2. "Questa faccenda non riguarda gli Usa"

Germania e Austria hanno criticato le nuove sanzioni contro la Russia approvate oggi dal Senato statunitense. In un comunicato congiunto, il cancelliere austriaco, Christian Kern, e il ministro degli Esteri tedesco, Sigmar Gabriel, hanno dichiarato che è importante per Europa e Stati Uniti formare un fronte unito sulla questione ucraina, dove i separatisti filorussi combattono contro le forze governative dal 2014.