Jack Johnson, il pugilato e una grazia che Obama non vuole concedere

Il primo campione dei pesi massimi di colore fu condannato per relazioni amorose "improprie", ovvero con donne bianche. Nel 2009, il Congresso approvò una risoluzione, ma il presidente non concesse il 'perdono'. Oggi il Congresso ci riprova

Da schiavo a campione mondiale, simbolo dell'orgoglio razziale e icona del Black Power. Jack Johnson ha segnato un'epoca, per il pugilato e la comunità afroamericana, diventando il primo atleta di colore a conquistare il titolo dei pesi massimi (1908), cento anni prima dell'elezione di Barack Obama alla presidenza degli Stati Uniti. Ma la sua storia è anche quella di un uomo condannato a un anno di carcere per aver avuto relazioni amorose con donne bianche, che scontò dopo una fuga all'estero. Oggi, alcuni parlamentari chiedono al presidente Barack Obama di concedergli la grazia, come atto simbolico prer riconoscere l'ingiustizia di una pena inflitta per motivi razziali.

A spingere, di nuovo, per un atto del presidente sono i senatori Harry Reid, leader della maggioranza democratica, e il repubblicano John McCain, insieme ai deputati Peter King (repubblicano) e William "Mo" Cowan (democratico). "Jack Johnson fu un atleta leggendario, capace di definire un'era della boxe americana e di alzare l'asticella per tutti gli atleti americani" ha detto Reid. "La memoria di Johnson è stata ingiustamente macchiata da una condanna inflitta per motivi razziali" ha aggiunto, spiegando che è il momento di rendere giustizia al pugile. Una risoluzione per la grazia era già stata approvata da entrambe le Camere del Congresso nel 2009, ma Obama non fece nulla. Il dipartimento di Giustizia dichiarò che la sua politica non era quella di prendere in considerazione richieste per la grazia postuma.

 

Johnson nacque nel 1878 a Galveston, in Texas - e con poca fantasia soprannominato il gigante di Galveston - da genitori molto poveri, ex schiavi. Lasciò da bambino la scuola, per cominciare a lavorare come portuario. Iniziò la sua carriera nella boxe come sparring partner e nelle battle royal, i combattimenti tra neri per un pubblico di bianchi. Il debutto da professionista lo fece nel 1897; dopo decine di incontri - e vittorie - contro avversari bianchi e afroamericani, nel 1903 conquistò il titolo mondiale dei pesi massimi 'di colore' (World Colored Heavyweight Champ).
Per diventare campione del mondo dei pesi massimi dovette aspettare diversi anni: l'allora detentore del titolo, James Jeffries, si rifiutò di combattere contro di lui. Il 26 dicembre 1908 - sei anni dopo la conquista del primo titolo mondiale da parte di un afroamericano, Joe Gans, nella categoria dei pesi leggeri - sconfisse il canadese Tommy Burns in un incontro organizzato a Sydney, in Australia. Poi, nel 1910, ci fu il "combattimento del secolo" con Jeffries, che si era ritirato da imbattuto, ma che decise di tornare sul ring su pressione dei media e della società, per difendere l'orgoglio bianco. Johnson, però, dominò l'incontro. Il film-documentario della sfida - che fu seguita da rivolte e scontri in tutto il Paese - fu a lungo vietato negli Stati Uniti; ora, è conservato al National Film Registry dalla biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.


Johnson, poi, si attirò le critiche anche di una parte della comunità afroamericana e degli altri pugili di colore, perché fino al 1913 si rifiutò, a sua volta, di combattere contro atleti neri: gli incontri con i bianchi erano pagati molto di più. Poi, nel 1915, perse il titolo contro Jess Willard, cowboy del Kansas. 

Tre anni prima, era stato arrestato per violazione della "Legge Mann", che vietava di "portare donne da uno Stato all'altro" per "propositi immorali": dopo le accuse formulate per la sua relazione con Lucille Cameron - poi diventata sua moglie - che si rifiutò di collaborare, Johnson finì in carcere per la deposizione di Belle Schreiber, condannato da una giuria composta solo da bianchi, nonostante la presunta infrazione fosse stata commessa prima dell'entrata in vigore della legge. Johnson cercò di evitare la prigione lasciando gli Stati Uniti, fuggendo - insieme a Lucille Cameron -  a Montreal, in Canada, prima di partire per la Francia. Per sette anni, la coppia visse in esilio in Europa, Sudamerica e Messico; poi, nel 1920, Johnson decise di costituirsi agli agenti federali al confine messicano. Dopo l'anno in carcere tornò a combattere, senza ottenere grandi risultati: Johnson, campione 'moderno', onnipresente sulla stampa, stile di vita e arroganza da star - come poi Muhammad Ali - aveva solo bisogno di soldi per mantenersi. Morì il 10 giugno 1946 in un incidente automobilistico avvenuto presso Franklinton, in North Carolina, all'età di 68 anni.  

Nel 1971 il celebre jazzista Miles Davis gli dedicò l'album A Tribute to Jack Johnson, colonna sonora dell'omonimo documentario. L'anno prima, la sua storia ispirò il il film 'Per salire più in basso' (The Great White Hope), con James Earl Jones nella parte di Johnson.

Altri Servizi

Nia Franklin, prima Miss America senza sfilata in bikini

Afroamericana, 24 anni, cantante d'opera. La rivoluzione al concorso decisa dopo uno scandalo interno e la nascita del movimento #MeToo contro le violenze sulle donne
Ap

Nia Imani Franklin è la prima Miss America a essere stata incoronata senza aver dovuto indossare un costume da bagno. La ragazza afroamericana, 24 anni, che ha partecipato alla competizione ad Atlantic City come Miss New York, ha detto in conferenza stampa di essere contenta di non aver dovuto indossare un costume da bagno e di apprezzare il cambiamento deciso per il concorso, nato 97 anni fa.

Popolazione Usa nata all'estero a livelli record dal 1910

Primato in termini percentuali: ora è il 13,7%; negli ultimi anni, in forte aumento l'arrivo di asiatici, dopo decenni di grandi flussi migratori dall'America Latina; cento anni fa, invece, arrivavano soprattutto europei (tanti italiani)
AP

La popolazione statunitense nata all'estero ha raggiunto il suo massimo livello percentuale dal 1910, secondo i dati governativi resi pubblici oggi. Rispetto al recente passato, le persone vengono di più dall'Asia e hanno una laurea. La popolazione nata all'estero, nel 2017, era il 13,7%, ovvero 44,5 milioni di persone, contro il 13,5% del 2016.

Trump "probabilmente" annucia domani dazi per 200 miliardi di dollari contro la Cina

Sarebbero del 10% anziché del 25% ma potrebbero aumentare a seconda di come andranno le trattative con Pechino. Il vicepremier cinese a Washington il 27 e 28 settembre
Ap

Già lunedì il presidente americano, Donald Trump, dovrebbe annunciare nuovi dazi contro importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari. Anche il Wall Street Journal e poi Reuters confermano dunque le indiscrezioni di Bloomberg che venerdì 14 settembre avevano fatto invertire rotta agli indici americani.

Florence: almeno 11 morti e un milione di persone senza elettricità

Trump firma dichiarazione di disastro in North Carolina; visiterà le zone colpite la settimana prossima. Atteso fino a un metro di precipitazioni
ap

Aveva toccato terra alle 7:15 (ora locale, le 13:15 in Italia) di venerdì vicino a Wrightsville Beach, in North Carolina, negli Stati Uniti, colpendo lo Stato con piogge e venti forti. Dopo una decina di ore, l'uragano Florence era diventato una tempesta tropicale ancora devastante che di sabato mattina si è mossa "lentamente" nella parte orientale del South Carolina provocando "allagamenti catastrofici" in tutti e due gli Stati con piogge fino a un metro.

Bannon difende Salvini e Orbán: si stanno riprendendo la sovranità dei loro Paesi

L'ex stratega di ultra destra di Donald Trump: cercano di rendere migliori le loro nazioni

Stanno cercando di "riprendersi la sovranità dei loro Paesi". Per questo vanno lodati. Steve Bannon, l'ex stratega di ultra destra del presidente americano, Donald Trump, difende Matteo Salvini e Viktor Orbán, due uomini accumunati da una politica durissima in tema di migrazione. 

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

Le piogge torrenziali di Florence inondano le Caroline

L'uragano si è indebolito a depressione tropicale ma le precipitazioni non si fermano. Raggiunti fino a 80 cm di pioggia. Strade impraticabili. Rischio frane. Almeno 13 morti
AP

Prima uragano. Poi tempesta tropicale. Ora depressione tropicale. Florence, che ha toccato terra venerdì scorso in North Carolina, ha cambiato status ma non per questa è meno devastante. Almeno 13 sono le morti associate a questo disastro naturale che sta versando piogge senza precedenti, spingendo i livelli dei fiumi a nuovi massimi e che, arrivato ieri in South Carolina, si spinge ora verso la parte sudoccidentale della Virginia. Agli allagamenti si teme il rischio di frane mortali. Come se non bastasse in North e South Carolina potrebbero arrivare questa notte dei tornado.

L'uragano Florence sarà "devastante". Trump a chi si trova nelle Caroline, "andatevene"

I governatori chiedono alla popolazione di fuggire, ma non tutti lo faranno. La tempesta arriverà sulla costa giovedì notte
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, e il leader della protezione civile americana hanno lanciato dalla Casa Bianca un messaggio alle persone, oltre un milione, a cui è stato ordinato di lasciare il North e il South Carolina in vista dell'arrivo dell'uragano Florence, atteso giovedì notte: "Andatevene, se ve lo hanno chiesto" perché sarà un evento "devastante". Molti, però, sceglieranno di restare, scrive Usa Today, che ricorda che solo tre Stati, ovvero California, New York e North Carolina, hanno delle leggi sull'evacuazione obbligatoria, con multe fino a mille dollari e una pena carceraria fino a 6 mesi.

Snapchat dice addio a un altro top manager, nuovi minimi storici per il titolo

Imran Khan, da quasi 4 anni direttore strategia del gruppo, dovrebbe lanciare un'azienda propria

Snapchat dice addio a un altro dei manager più vicini al Ceo Evan Spiegel in una fase in cui il titolo della controllante della app viaggia su minimi storici.

AP

Vendite illecite di armi, consegne di carburanti fatte di nascosto, transazioni finanziarie proibite. L'Onu sostiene di avere a disposizione nuove prove che dimostrano come, attraverso le attività citate, la Corea del Nord stia continuando a violare le sanzioni internazionali. Lo scrive il Wall Street Journal citando il contenuto di un nuovo rapporto ancora top secret preparato da un organismo del Palazzo di vetro che monitora la compliance delle sanzioni.