Jack Johnson, il pugilato e una grazia che Obama non vuole concedere

Il primo campione dei pesi massimi di colore fu condannato per relazioni amorose "improprie", ovvero con donne bianche. Nel 2009, il Congresso approvò una risoluzione, ma il presidente non concesse il 'perdono'. Oggi il Congresso ci riprova

Da schiavo a campione mondiale, simbolo dell'orgoglio razziale e icona del Black Power. Jack Johnson ha segnato un'epoca, per il pugilato e la comunità afroamericana, diventando il primo atleta di colore a conquistare il titolo dei pesi massimi (1908), cento anni prima dell'elezione di Barack Obama alla presidenza degli Stati Uniti. Ma la sua storia è anche quella di un uomo condannato a un anno di carcere per aver avuto relazioni amorose con donne bianche, che scontò dopo una fuga all'estero. Oggi, alcuni parlamentari chiedono al presidente Barack Obama di concedergli la grazia, come atto simbolico prer riconoscere l'ingiustizia di una pena inflitta per motivi razziali.

A spingere, di nuovo, per un atto del presidente sono i senatori Harry Reid, leader della maggioranza democratica, e il repubblicano John McCain, insieme ai deputati Peter King (repubblicano) e William "Mo" Cowan (democratico). "Jack Johnson fu un atleta leggendario, capace di definire un'era della boxe americana e di alzare l'asticella per tutti gli atleti americani" ha detto Reid. "La memoria di Johnson è stata ingiustamente macchiata da una condanna inflitta per motivi razziali" ha aggiunto, spiegando che è il momento di rendere giustizia al pugile. Una risoluzione per la grazia era già stata approvata da entrambe le Camere del Congresso nel 2009, ma Obama non fece nulla. Il dipartimento di Giustizia dichiarò che la sua politica non era quella di prendere in considerazione richieste per la grazia postuma.

 

Johnson nacque nel 1878 a Galveston, in Texas - e con poca fantasia soprannominato il gigante di Galveston - da genitori molto poveri, ex schiavi. Lasciò da bambino la scuola, per cominciare a lavorare come portuario. Iniziò la sua carriera nella boxe come sparring partner e nelle battle royal, i combattimenti tra neri per un pubblico di bianchi. Il debutto da professionista lo fece nel 1897; dopo decine di incontri - e vittorie - contro avversari bianchi e afroamericani, nel 1903 conquistò il titolo mondiale dei pesi massimi 'di colore' (World Colored Heavyweight Champ).
Per diventare campione del mondo dei pesi massimi dovette aspettare diversi anni: l'allora detentore del titolo, James Jeffries, si rifiutò di combattere contro di lui. Il 26 dicembre 1908 - sei anni dopo la conquista del primo titolo mondiale da parte di un afroamericano, Joe Gans, nella categoria dei pesi leggeri - sconfisse il canadese Tommy Burns in un incontro organizzato a Sydney, in Australia. Poi, nel 1910, ci fu il "combattimento del secolo" con Jeffries, che si era ritirato da imbattuto, ma che decise di tornare sul ring su pressione dei media e della società, per difendere l'orgoglio bianco. Johnson, però, dominò l'incontro. Il film-documentario della sfida - che fu seguita da rivolte e scontri in tutto il Paese - fu a lungo vietato negli Stati Uniti; ora, è conservato al National Film Registry dalla biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.


Johnson, poi, si attirò le critiche anche di una parte della comunità afroamericana e degli altri pugili di colore, perché fino al 1913 si rifiutò, a sua volta, di combattere contro atleti neri: gli incontri con i bianchi erano pagati molto di più. Poi, nel 1915, perse il titolo contro Jess Willard, cowboy del Kansas. 

Tre anni prima, era stato arrestato per violazione della "Legge Mann", che vietava di "portare donne da uno Stato all'altro" per "propositi immorali": dopo le accuse formulate per la sua relazione con Lucille Cameron - poi diventata sua moglie - che si rifiutò di collaborare, Johnson finì in carcere per la deposizione di Belle Schreiber, condannato da una giuria composta solo da bianchi, nonostante la presunta infrazione fosse stata commessa prima dell'entrata in vigore della legge. Johnson cercò di evitare la prigione lasciando gli Stati Uniti, fuggendo - insieme a Lucille Cameron -  a Montreal, in Canada, prima di partire per la Francia. Per sette anni, la coppia visse in esilio in Europa, Sudamerica e Messico; poi, nel 1920, Johnson decise di costituirsi agli agenti federali al confine messicano. Dopo l'anno in carcere tornò a combattere, senza ottenere grandi risultati: Johnson, campione 'moderno', onnipresente sulla stampa, stile di vita e arroganza da star - come poi Muhammad Ali - aveva solo bisogno di soldi per mantenersi. Morì il 10 giugno 1946 in un incidente automobilistico avvenuto presso Franklinton, in North Carolina, all'età di 68 anni.  

Nel 1971 il celebre jazzista Miles Davis gli dedicò l'album A Tribute to Jack Johnson, colonna sonora dell'omonimo documentario. L'anno prima, la sua storia ispirò il il film 'Per salire più in basso' (The Great White Hope), con James Earl Jones nella parte di Johnson.

Altri Servizi

Mueller: nessuna collusione con la Russia. Trump esulta

Prove insufficienti per dimostrare il contrario ma il procuratore speciale non esclude che il presidente abbia ostacolato il corso della giustizia. E' il segretario alla Giustizia a determinare che non ha commesso alcun crimine

Tra la campagna di Donald Trump e la Russia non c'è stata collusione. E' questa la conclusione a cui è giunto Robert Mueller, il procuratore speciale che venerdì 22 marzo aveva concluso dopo 22 mesi la sua inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Se lui non si è sentito di escludere che Trump abbia ostacolato il corso della giustizia, è stato il segretario della Giustizia ad avere deciso che su questo il 45esimo presidente non si è macchiato di alcun crimine. E così la Casa Bianca ha subito festeggiato sostenendo che il leader Usa è stato "totalmente" assolto. 

Wall Street corre con i tech guidati da Apple

Incertezze sui negoziati Usa-Cina. Si digeriscono i segnali misti giunti dalla Fed
iStock

Fca: Elkann aperto a un merger (FT)

Il produttore italo-americano di auto avrebbe avuto contatti non solo con la francese Peugeot ma anche con gruppi cinesi e coreani
Fca

Il presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, sarebbe disposto a riaprire il capitolo dei merger. L'erede della famiglia Agnelli, azionista principale del produttore italo-americano di auto, vorrebbe diluire la partecipazione di Exor, la cassaforte di famiglia, in Fca se il gruppo unirà le forze con un'azienda rivale. E' il Financial Times a scriverlo, due giorni dopo indiscrezioni del Wall Street Journal secondo cui all'inizio del 2019 il francese PSA Group, che controlla il marchio Peugeot, aveva contatto Fca per un merger che avrebbe creato un gruppo da 45 miliardi di di dollari; stando al Wsj, proprio gli Agnelli sarebbero stati contrari.

Shutterstock

A febbraio, il deficit di bilancio negli Stati Uniti ha raggiunto un record superando quello di sette anni fa. E' il risultato di un aumento delle spese federali e di un calo delle entrate garantite dalle tasse versate da persone e aziende. Ciò riflette la politica fiscale espansiva voluta dall'amministrazione Trump, che prima del Natale 2017 approvò la maggiore riforma fiscale (con taglio delle aliquote) dagli anni '80.

Apple punta sui servizi con video, notizie e carta di credito

Oprah Winfrey, Steven Spielberg, J.J. Abrams e Jennifer Aniston tra le personalità reclutate per produrre contenuti orginali

Quasi tre mesi dopo avere annunciato un raro taglio delle stime sui ricavi, colpa della debolezza del suo iPhone, Apple punta sui servizi. Dal Steve Jobs Theatre a Cupertino, in California, il Ceo Tim Cook ha lanciato un nuovo servizio di notizie, un nuovo sistema di pagamento con carta di credito, un servizio di abbonamento per videogiochi, una app per l'Apple TV e TV+, il tanto atteso servizio di video in streaming su abbonamento. Con contenuti originali, il colosso tech sfida Netflix, Amazon ma anche Walt Disney.

Levi Strauss torna in borsa e fa il botto

Per un giorno il Nyse fa uno strappo alla regola e consente l'uso dei jeans ai trader che popolano il floor del Nyse

Ritorno in borsa con il botto per Levi Strauss. Il titolo del produttore di jeans -  già quotato nel 1971 e poi delistato nel 1984 - ha iniziato gli scambi a 22,22 dollari, in rialzo del 30,7% sul prezzo di collocamento fissato il giorno precedente a 17 dollari. Già quello era stato un segnale della forte domanda degli investitori, visto che la forchetta precedentemente indicata era pari a 14-16 dollari. La sua prima giornata di scambi è finita in aumento di quasi il 32% a 22,41 dollari.

Russiagate: il rapporto di Mueller resta (almeno per ora) top secret

Trump stranamente silenzioso. I suoi supporter pronti a festeggiare l'assenza di nuove incriminazioni. I Dem premono per la pubblicazione del documento
Da sinistra, Robert Mueller e Adam Schiff AP

Non prima di domenica. Il contenuto del rapporto consegnato venerdì 22 marzo da Robert Mueller al segretario alla Giustizia resterà top secret almeno per un altro giorno.

Enron: dopo la truffa, l'ex Ceo lascia il carcere e ci riprova

Secondo fonti del Wall Street Journal, Jeffrey Skilling sta discutendo con ex colleghi una nuova impresa nel settore energetico
AP

Dopo oltre 12 anni di carcere, l'uomo al centro di uno dei più grandi scandali della storia aziendale americana intende tornare a mettere piede nel settore in cui è diventato simbolo di una bancarotta fraudolenta: quello energetico. L'ex Ceo di Enron, Jeffrey Skilling, ha lasciato la prigione dopo essere stato incriminato nel 2006 per frode, cospirazione e insider trading. E' sotto la sua guida che Enron è fallita nel giro di pochi mesi nel 2001 a causa di pratiche contabili tutt'altro che lecite che hanno messo fine alla società di revisione Arthur Andersen.