Jeff Bezos accusa editore amico di Trump di "estorsione e ricatto"

Il Ceo di Amazon e proprietario del Washington Post: il National Enquirer vuole pubblicare sms e immagini esplicite tra me e la nuova fidanzata. Insinua "motivi politici" dietro alle minacce (in salsa saudita)

E' esplosa pubblicamente una guerra tra l'uomo più ricco al mondo (Jeff Bezos) e l'editore del più grande tabloid degli Stati Uniti che del presidente americano Donald Trump è un amico stretto. Il Ceo di Amazon e proprietario del Washington Post, i cui articoli hanno spesso fatto infuriare l'inquilino della Casa Bianca, ha accusato il tabloid National Enquirer e la sua controllante, American Media Inc (AMI), di "estorsione e ricatto".

Ad annunciarlo è stato lo stesso Bezos pubblicando un post sul sito Medium. In esso, colui che all'inizio del 2019 aveva comunicato al mondo intero il divorzio amichevole dalla moglie MacKenzie dopo 25 anni di matrimonio, ha spiegato che il tabloid ha minacciato di pubblicare immagini esplicite e messaggi scambiati tra lui e la sua nuova fidanzata, Lauren Sanchez. Solo a due condizioni il tabloid non avrebbe diffuso quelle informazioni: Bezos doveva fermare gli investigatori da lui arruolati per capire come il National Enquirer le aveva ottenute e doveva negare pubblicamente che AMI avesse agito sotto "il condizionamento di forze politiche". Si tenga presente che il numero uno di AMI, David Pecker, non solo pubblicò storie favorevoli all'amico Trump nel corso della campagna elettorale del 2016 ma di fatto contribuì a comprare il silenzio dell'ex porno star Stormy Daniels e di una ex modella che per il tabloid aveva scritto una storia mai pubblicata (presumibilmente per proteggere Trump dalla cattiva pubblicità prima delle elezioni). L'intrigo si infittisce alla luce dell'accordo raggiunto con la Giustizia Usa che ha scampato il gruppo media da una incriminazione per avere comprato il silenzio della modella.

Bezos ha scelto di portare il caso allo scoperto e di farlo includendo la corrispondenza tra lui e alcuni manager di American Media Inc, che dettavano le condizioni per impedire la pubblicazione degli sms e delle foto esplicite.

"Piuttosto che arrendermi all'estorsione e al ricatto, ho deciso di pubblicare esattamente quello che mi hanno spedito, nonostante il costo personale e l'imbarazzo che causano", ha scritto Bezos, la cui fortuna è stimata in 160 miliardi di dollari. "Qualsiasi imbarazzo personale che AMI potrebbe causare a me, viene meno perché c'è una questione ben più importante in gioco. Se io, nella mia posizione, non posso resistere a questo tipo di estorsione, quante persone possono farlo?", ha continuato. Il Ceo di Amazon ha ovviamente detto di "non volere che le sue immagini personali siano pubblicate, ma non voglio nemmeno partecipare alle loro pratiche di ricatti, ai favori e agli attacchi politici, alla corruzione. Preferisco farmi avanti e vedere cosa succede".

Bezos, che di Amazon è il più grande azionista con una quota del 16%, ha anche suggerito che ad avere spinto il National Enquirer a trovare informazioni compromettenti su di lui potrebbe essere stato il modo in cui il Washington Post si è occupato del caso di Jamal Khashoggi, il giornalista saudita in auto esilio in Usa ucciso nella sede consolare del suo Paese in Turchia all'inizio dello scorso ottobre. "Per ragioni ancora da comprendere meglio, la chiave saudita sembra avere toccato un nervo particolarmente sensibile".

Intanto il New York Times sostiene che il leader di fatto a Riad, il principe erede al trono Mohammed bin Salman, nel settembre 2017 disse a una persona a lui vicina che se Khashoggi non avesse smesso di essere critico di Riad, avrebbe usato un "proiettile" contro di lui. Poco dopo Khashoggi iniziò a collaborare con il giornale di Bezos.

Altri Servizi

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Wall Street rimbalza con il settore retail

Le minute della Fed: rotta tassi non è predefinita
AP

Fed, Trump: Powell come un giocatore di golf incapace di tirare in buca

Conto alla rovescia per il discorso del governatore a Jackson Hole
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, è tornato ad attaccare la Federal Reserve e il suo governatore, paragonato a un giocatore di golf praticamente incapace di tirare in buca. In un tweet Trump ha scritto: "Le cose vanno alla grande con la Cina e altri accordi commerciali. L'unico problema è Jay Powell, e la Fed. E' come un giocatore di golf che incapace di realizzare un putt, non ha tatto. [Ci sarebbe] una netta crescita in Usa se facesse la cosa giusta, un grande taglio [dei tassi] ma non contiamo su di lui. Fino ad ora si è sbagliato e ci ha deluso".

Trump dà dei "pazzi" ai gruppi auto contrari a norme meno stringenti

Ford Motor, Volkswagen of America, Honda e BMW si sono già schierate con la California. Per il NYT, anche Mercedes-Benz potrebbe unirsi a loro e forse un altro gruppo tra Toyota, Fiat Chrysler e General Motors

Il presidente americano, Donald Trump, critica i produttori di auto contrari all'allentamento regolatorio da lui pianificato. "La mia proposta alle aziende d'auto politicamente corrette abbasserebbe il prezzo medio di un veicolo per i consumatori di oltre 3.000 dollari, e allo stesso tempo renderebbe le vetture molto più sicure. I motori funzionerebbero in modo migliore. Ci sarebbe un impatto molto limitato sull'ambiente! Executive pazzi!".

I ragazzi di Parkland presentano un piano per il controllo delle armi

L'obiettivo è influenzare il dibattito in vista delle elezioni e spingere i giovani ad andare a votare

Governo Usa: detenzione "illimitata" per i bambini irregolari

Washington ha presentato le norme che dovrebbero sostituire l'accordo Flores, che negli ultimi 22 anni ha protetto i minorenni
AP

Per i Ceo d'America, garantire valore ai soci non è più la sola priorità

Più attenzione a consumatori, dipendenti, fornitori e comunità. Dimon: "Il sogno americano è vivo ma si sta logorando"
Wikimedia Commons