John Kelly renderà la Casa Bianca meno caotica e più disciplinata. Ma durerà?

Il nuovo capo di Gabinetto è chiamato a prendere in mano le redini della West Wing, che negli ultimi sei mesi, da quando Trump si è insediato alla Casa Bianca, è stata travolta da divisioni e disorganizzazione. Ma qualcuno già pensa che non resisterà

Nei giorni scorsi il presidente americano Donald Trump ha avuto una riunione con alcuni consiglieri sulla Cina. Durante le discussioni i toni sono diventati accesi e il disaccordo evidente: a quel punto è intervenuto il nuovo capo di Gabinetto John Kelly ha chiesto alle due persone più infervorate di uscire e di tornare solo quando avessero risolto le divergenze. Questo ha consentito alla riunione di proseguire.

E' un fatto apparentemente insignificante, ma esemplifica bene perché Kelly, generale in pensione, è stato scelto, ovvero per riorganizzare, rendere meno caotica e più disciplinata la West Wing, che negli ultimi sei mesi, da quando Trump ha giurato e si è insediato alla Casa Bianca, è stata travolta da divisioni e disorganizzazione.

Come raccontano i media americani e le fonti della Casa Bianca, Kelly, nella sua prima settimana, si è subito messo al lavoro per rendere più severi i controlli sui documenti che sono sottoposti alla sua attenzione e più formale la procedura per incontrare il presidente. Questo vale per i consiglieri, anche quelli informali, per i membri del Congresso e per i funzionari di Capitol Hill. Vale anche per la famiglia di Trump, a partire dalla figlia Ivanka e dal genero Jared Kushner, che sono tra i consiglier ufficiali della Casa Bianca e hanno un loro staff.

Tutti devono fare riferimento a Kelly e non devono più parlare direttamente con il presidente, come fa anche Steve Bannon. Ora è diventato inutile attendere fuori dalla porta, sempre aperta, dello Studio Ovale con la speranza di incrociare lo sguardo del presidente e potergli parlare, perché ora quella porta è chiusa.

Per il momento, ai ferrei controlli di Kelly sfugge l'uso che il presidente fa di Twitter, suo principale mezzo di comunicazione: i post del presidente sono meno frequenti, ma continuano ad arrivare. Viceversa, l'ormai ex segretario per la Sicurezza nazionale è riuscito a fare mettere alla porta il controverso responsabile della comunicazione Anthony Scaramucci (rimasto in carica per soli dieci giorni) e ha rassicurato il ministro della Giustizia Jeff Sessions sul fatto che non sta per essere licenziato. "Tutti alla Casa Bianca si rivolgono a lui come "generale". Non sensa un senso di sollievo", ha detto l'ex speaker della Camera Newt Gingrich.

La domanda ora è se e per quanto a lungo questa ritrovata disciplina durerà. Persone vicine al presidente, amici e non, lo descrivono come una persona che sta bene nel caos e non disdegna che ci sia della competizione pubblica tra i suoi consiglieri. Reince Priebus, il predecessore di Kelly, e Sean Spicer, capo della comunicazione della Casa Bianca, hanno resistito in carica sei mesi. "Il problema è che non avrà nessuno con cui parlare e finirà per essere frustrato. Do al generale Kelly quattro mesi", ha detto una fonte che ha spesso modo di parlare con Trump.

Il successo o il fallimento del nuovo chief of staff, secondo molti, saranno la cartina al tornasole della capacità della Casa Bianca di portare avanti la propria agenda economica e politica, che finora non è riuscita a superare lo scoglio di un Congresso diviso, pur essendo a maggioranza repubblicana in entrambe le Camere. Tutto questo in un momento in cui la popolarità di Trump è in costante calo: secondo un sondaggio della Quinnipiac University non è mai stata cos" bassa, complice anche il fatto che il Russiagate, il caos generato dalle presunte interferenze della Russia nelle ultime elezioni presidenziali, non accenna a placarsi, anzi.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.