JPMorgan batte le stime nel secondo trimestre, bene investment e commercial banking

Soddisfazione da parte dell'amministratore delegato Jamie Dimon: "Abbiamo continuato a registrare risultati molto solidi, in un contesto economico globale stabile o in miglioramento".
AP

Secondo trimestre sopra le stime per JPMorgan Chase, prima delle grandi banche americane a pubblicare i conti, anticipando di un'ora circa Citigroup e Wells Fargo. A fare da traino le attività di commercial e investment banking.

La banca newyorkese ha chiuso i tre mesi a giugno con profitti netti per 7,029 miliardi di dollari, 1,82 dollari per azione, il 13% in più dai 6,2 miliardi, 1,55 dollari per azione, dello stesso periodo dell'anno scorso. Gli analisti attendevano 1,58 dollari per azione. Il fatturato è salito del 5% a 26,405 miliardi di dollari (managed revenue, il giro d'affari netto è stato di 25,5 miliardi), anche in questo caso meglio dei 24,96 miliardi previsti.

Soddisfazione da parte dell'amministratore delegato Jamie Dimon: "Abbiamo continuato a registrare risultati molto solidi, in un contesto economico globale stabile o in miglioramento. I consumi restano in buona salute, come mostra la buona performance delle attività di consumer e community banking", ha detto.

Come si legge nella nota della società, il fatturato della divisione di consumer banking si è attestato a 11,41 miliardi di dollari, quello dell'area commercial banking a 2,09 miliardi, quello dell'investment banking a 8,89 miliardi.

Il ritorno sul capitale, misura chiave della redditività della banca, si è attestato al 12%, il massimo in cinque trimestri (era all'11% nel primo trimestre e al 10% un anno fa).

Gli accantonamenti per possibile perdite legate al credito sono calati a 1,2 miliardi di dollari, contro gli 1,4 miliardi dello stesso periodo dell'anno scorso e meno degli 1,34 miliardi attesi dagli analisti. Le spese generali si sono attestate a 14,5 miliardi di dollari, in aumento del 6%, a causa dell'assenza di alcuni benefit legali avuti nel precedente trimestre.

Altri Servizi

Zuckerberg al Congresso Usa, Wall Street lo promuove

Seduta migliore dall'aprile 2016 per il titolo Facebook. Apre a un servizio a pagamento. Esclude che il social media sia un monopolio. Usa parole concilianti sui regolatori Ue. Con i russi, una "corsa agli armamenti"
AP

Il Ceo di Facebook ha superato - per ora - la prova con il suo debutto al Congresso Usa. Wall Street ha premiato il titolo del social network mentre Mark Zuckerberg per la prima volta si metteva a disposizione dei legislatori americani, che non hanno comunque escluso una stretta regolatoria e che lo hanno messo sotto torchio per gettare luce su come il gruppo tutela la privacy dei suoi utenti dopo lo scandalo di Cambridge Analytica.

Descalzi (Eni): nessun rischio politico dall'Italia, "mare molto agitato" nel mondo

Il Ceo del gruppo petrolifero parla da New York, dove ha presentato agli investitori il piano al 2021. Esclude guerra dei dazi tra Usa e Cina e socio potenziale in Messico ma giudica possibile un barile a 80 dollari
Eni

Il rischio politico in Italia? Per Eni non c'è. Il fronte geopolitico internazionale? Come "un mare molto agitato". La guerra commerciale tra Cina e Usa? "Solo titoli", una soluzione verrà trovata. Il barile a 80 dollari? "Possibile" ma i prezzi sono nelle mani di Opec e Russia. Un socio potenziale in Messico? No. Claudio Descalzi non si è limitato a parlare del piano strategico 2018-2021 di Eni.

In un'analisi su come e quanto i prezzi delle case si muovono in tandem tra i vari Paesi e tra le principali città nel mondo, il Fondo monetario internazionale lancia un avvertimento ai legislatori e ai governi: non possono ignorare quella "synchronicity", sincronia, avente una doppia valenza: da un lato, un aumento dei prezzi delle case su scala globale potrebbe essere positivo, visto che sin dallo scoppio della crisi quell'aumento è sinonimo di una ripresa dell'economia; dall'altro potrebbe essere anche il risultato di condizioni finanziarie globali che influenzano le dinamiche dei prezzi e dei mercati immobiliari residenziali diffondendo shock economici e finanziari locali su scala globale. D'altra parte, osserva l'Fmi, i recenti incrementi dei prezzi si sono verificati in un contesto caratterizzato da una politica monetaria accomodante nelle economie avanzate, "sollevando lo spettro dell'instabilità finanziaria nel caso in cui le condizioni finanziarie dovessero cambiare rotta e simultaneamente portare a un declino dei prezzi".

21st Century Fox tra gruppi perquisiti da Commissione Ue, sospetto cartello sui diritti sportivi

Bruxelles: non significa che siano colpevoli. L'azienda di Rupert Murdoch sta "cooperando pienamente"
iStock

Gli inquirenti antitrust della Commissione europea hanno effettuato perquisizioni in varie aziende per un sospetto cartello sui diritti sportivi e sulla distribuzione di contenuti sportivi; tra di loro ci sono stati anche alcuni uffici londinesi dell'americana 21st Century Fox.

L'Agenzia Ice e Veronafiere portano al Vinitaly una delegazione dei rappresentanti dei principali monopoli provinciali canadesi, i Liquor Control Board che controllano tutti gli aspetti dell’importazione, della distribuzione e della vendita al dettaglio delle bevande alcoliche, che avviene in negozi gestiti dagli stessi enti. I monopoli sono totalmente indipendenti e sono tra i principali importatori di vini e liquori al mondo.

Fmi: allocazione rischiosa del credito aziendale minaccia la stabilità finanziaria

L'istituto consiglia supervisione bancaria "più indipendente", standard più solidi della governance, politiche macroprudenziali. I legislatori monitorino

Il Fondo monetario internazionale sostiene che un'allocazione del credito più rischiosa da parte delle aziende "è una fonte indipendente di una vulnerabilità che potrebbe minacciare la stabilità finanziaria". Perché se i rischi aumentano, la crescita del Pil è minacciata e salgono le probabilità di una crisi bancaria. Per questo i policymaker e i supervisori sono invitati a "prestare particolare attenzione alla sua evoluzione".

Pressing dei democratici (e di Kelly) su Trump: siluri Pruitt

In 64 deputati hanno scritto una lettera. Anche secondo il capo di gabinetto della Casa Bianca, il capo dell'Agenzia per la protezione ambientale dovrebbe dimettersi

Aumenta la pressione sul presidente americano affinché cacci il controverso numero uno dell'Agenzia per la protezione ambientale americana, l'Epa. In una lettera, 64 deputati democratici hanno chiesto a Donald Trump di togliere l'incarico affidato a Scott Pruitt. La missiva va ad aggiungersi a quanto detto dal capo di gabinetto della Casa Bianca al leader Usa la settimana scorsa: secondo il Wall Street Journal, John Kelly ha spiegato che Pruitt dovrebbe dimettersi.

"L'aumento della longevità è uno dei successi più notevoli della storia umana. Eppure potrebbe avere conseguenze macroeconomiche serie con un declino della crescita della popolazione". Con queste parole, il Fondo monetario internazionale mette in guardia le economie avanzate: perché l'invecchiamento della popolazione solleva preoccupazioni sulla disponibilità di persone nelle condizioni di lavorare e dunque sul potenziale di crescita di un Paese e sulla sostenibilità del suo sistema di assistenza sociale.

Con gli stimoli fiscali di Trump, deficit Usa tornerà sopra i mille miliardi di dollari

Succederà dal 2020. Prima volta dal 2012. Effetto di breve termine sul Pil: +3,3% nel 2018 ma poi tornerà ai trend post-recessione di crescita modesta. Yellen avverte
Shutterstock

La riforma fiscale approvata in Usa prima di Natale e l'aumento della spesa pubblica (e militare) faranno crescere l'economia statunitense del 3,3% quest'anno ma il debito pubblico entro il 2028 lieviterà raggiungendo una dimensione quasi equivalente a quella del Prodotto interno lordo. Non solo. Dal 2020, il deficit supererà per la prima volta dal 2012 i mille miliardi di dollari. E' questa l'analisi del Congressional Budget Office (Cbo), organismo congressuale indipendente.

Il Fondo monetario internazionale sdogana la globalizzazione, tanto discussa in termini negativi. In uno dei capitoli analitici del suo World Economic Outlook, il rapporto semiannuale redatto in occasione degli Spring Meetings che inizieranno la settimana prossima a Washington, l'istituto guidato da Christine Lagarde sottolinea "il contributo della globalizzazione alla condivisione del potenziale di crescita tra Paesi".