Kaepernick senza squadra, gli Stati Uniti si dividono (anche) sul football

La sua protesta contro l'inno, giustificata "dall'oppressione delle minoranze", non piace alla Nfl, un fortino di miliardari bianchi e conservatori. Spike Lee guida la protesta: "Una squadra per Colin o boicottiamo il campionato"

La sua protesta silenziosa, inizialmente, non fu compresa. Poi, una volta raggiunto l'intero Paese, è stata sostenuta o disprezzata, a seconda dei punti di vista. Ora, Colin Kaepernick è senza squadra, boicottato dalla Nfl, una lega di miliardari bianchi e conservatori, ma ha dato inizio a un movimento pacifico di protesta e, per questo, ha vinto. Ne è convinto Josh Levin, direttore editoriale di Slate, che ha dedicato la cover story al giocatore di football americano che, esattamente un anno fa, prese la semplice e radicale decisione di non alzarsi al momento dell'esecuzione di The Star-Spangled Banner, l'inno statunitense, un momento sacro per ogni sportivo, prima di qualsiasi evento nel Paese. 

Per settimane, il suo gesto nelle partite della pre-season non fu notato, oppure non gli fu dato peso. Quando finalmente gli fu chiesto il motivo, spiegò di voler protestare contro la brutalità della polizia, colpevole di numerosi episodi di violenza ai danni della comunità afroamericana, che avevano sollevato le proteste delle associazioni per i diritti civili. Da allora, ha seguito l'esecuzione dell'inno sempre seduto o poggiando un ginocchio a terra.

Nonostante i sedici passaggi da touchdown e soltanto quattro intercetti per i San Francisco 49ers nell'ultima stagione, il quarterback classe 1987 è senza contratto. Già a marzo, era chiaro che i proprietari delle franchigie del campionato non volessero avere nulla a che fare con lui, vista anche la vittoria di Donald Trump alle presidenziali. Bleacher Report scrisse che la gran parte dei decision-makers della lega non sopportava la protesta di Kaepernick e che non voleva in alcun modo difenderla o sostenerla. Trump, parlando in terza persona, disse che "i proprietari della Nfl non vogliono prenderlo (fargli un contratto, ndr) perché non vogliono ricevere un cattivo tweet da Donald Trump".

Kaepernick non può essere comunque descritto come una figura impopolare. Ha ottenuto il plauso dell'ex presidente Barack Obama e di molti giornalisti e fan di football, che hanno reso la sua maglia la più venduta nel negozio online della Nfl. Di certo, è una figura che divide e non può sorprendere che una lega come la Nfl, "un fortino di reazionari", un sistema chiuso e controllato da miliardari bianchi, lo abbia messo ai margini. Secondo un sondaggio della Quinnipiac University, il 63% degli statunitensi bianchi disapprova la protesta, sostenuta invece dal 74% degli afroamericani. La base dei sostenitori di football è prevalentemente bianca e, questo, ha un ulteriore peso sulla decisione dei proprietari: John Mara, che detiene i New York Giants, ha detto che "molti" fan hanno minacciato di non andare mai più allo stadio, se un giocatore dovesse protestare contro l'inno.

A novembre, il Guardian scrisse che i proprietari delle franchigie della Nfl hanno donato oltre 8 milioni di dollari ai repubblicani nel biennio 2015-16, contro i 189.610,72 dollari per la causa democratica. Il Daily Beast, poi, scrisse che circa il 7% dei soldi spesi per le cerimonie d'inaugurazione del presidente Trump proveniva da sette proprietari di franchigie Nfl, che avevano donato un milione di dollari ciascuno. Ora che il tasso di approvazione per Trump è sceso a livelli molto bassi, la Nfl resta un fortino del presidente.

I sostenitori di Kaepernick affermano che il quarterback meriti la possibilità di continuare a giocare e hanno organizzato una manifestazione davanti al quartier generale della Nfl, il 23 agosto a New York, guidata dal regista Spike Lee e da molte organizzazioni per i diritti civili, che minacciano il boicottaggio delle partite del campionato. Sabato 19 agosto, intanto, decine di poliziotti di New York hanno manifestato a favore del giocatore.

I coach di almeno due delle 32 squadre del campionato, secondo la Espn, avrebbero voluto mettere sotto contratto Kaepernick, ma i proprietari si sarebbero opposti. Alla fine di luglio, il proprietario dei Miami Dolphins, Stephen Ross, che ha difeso pubblicamente il diritto di protestare dei suoi giocatori, ha detto di non credere al boicottaggio nei confronti del giocatore, perché "proprietari e allenatori fanno di tutto per vincere". La realtà è che giocatori meno forti di lui hanno ottenuto dei nuovi contratti e che, come ha scritto FiveThirtyEight, "nessun quarterback sopra la media è rimasto quest'anno cos" a lungo senza squadra come Kaepernick", uno che alle spalle ha sei playoff da titolare e una presenza al Super Bowl, ovvero la finale del campionato, dove portò i 49ers nel 2013.

Kaepernick resta un reietto nonostante non abbia intenzione di portare avanti la sua protesta contro l'inno, se la sua carriera dovesse proseguire. Secondo i media, il giocatore "non vuole più che il suo modo di protestare distolga l'attenzione dai cambiamenti positivi che crede di aver provocato" e crede che "la discussione nazionale sulla diseguaglianza sociale e il sostegno di altri atleti rappresentino il successo del messaggio diffuso". Quel messaggio, e quella protesta, andranno avanti senza di lui, anche se Kaepernick non sempre ne è stato un portavoce coerente e perfetto, come sottolineato da Levin, che ha ricordato la sua maglietta con l'immagine di Fidel Castro e i calzini raffiguranti maiali con il cappello della polizia.

Dando vita a un movimento, ha messo la propria carriera a rischio più di qualsiasi collega che ne ha seguito l'esempio; ne è stato il parafulmine. In un campionato differente, con tifosi e proprietari differenti, Kaepernick sarebbe potuto diventare un eroe. La National Football League, invece, lo ha fatto fuori. A meno che qualcuno voglia accogliere la richiesta dei sostenitori di Kaepernick, dandogli una nuova opportunità.

Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock


Trump condanna razzismo e invita all'unità un anno dopo Charlottesville

Al via a Washington manifestazione di suprematisti bianchi. Prevista contro-manifestazione. Nella città della Virginia dichiarato lo stato di emergenza
AP

Charlottesville. Un anno dopo. Mentre la capitale americana si prepara a ospitare una manifestazione di suprematisti bianchi - gli stessi che l'11 agosto del 2017 crearono caos e violenze mortali nella città della Virginia - Donald Trump invita una nazione forse mai così divisa "all'unità". Il 45esimo presidente americano ha fatto di nuovo ricorso al suo megafono - Twitter - per "condannare tutti i tipi di razzismo e atti di violenza". E per augurare "pace a TUTTI gli americani". Peccato che grand parte dei cittadini Usa creda che da quando Trump è stato eletto le relazioni razziali siano peggiorate.

Abituato ad attaccare i suoi più feroci critici, il Ceo di Tesla ne ha combinata un'altra delle sue. Il tutto mentre il mondo della finanza continua a interrogarsi se e come Elon Musk realizzerà il delisting del gruppo, ipotizzato martedì 7 agosto in una serie di tweet controversi su cui la Sec ha acceso un faro. Intanto il cda di Tesla si prepara a incontrare gli advisor finanziari per discutere dell'operazione.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa

Non ci sono solo la Cina o l'Unione europea nel mirino (commerciale) degli Stati Uniti. Da quando Donald Trump è diventato presidente americano, era il gennaio 2017, Washington sta analizzando gli accordi commerciali grazie ai quali nazioni più piccole e meno sviluppate da 30 anni esportano in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Dazi Usa per 16 miliardi di dollari su import cinese scattano il 23 agosto

Si aggiungono a quelli del 25% su 34 miliardi entrati in vigore il 6 luglio

Preannunciati il 15 luglio, i dazi americani su prodotti cinesi per 16 miliardi di dollari entreranno in vigore il 23 agosto prossimo. Le tariffe doganali si aggiungeranno a quelle del 25% scattate il 6 luglio scorso per 34 miliardi su 818 articoli Made in China.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

News Corp: nell'anno perdita più che doppia a 1,4 miliardi di dollari

Pesano investimenti per creare una delle più grandi pay-tv d'Australia. il Wall Street Journal ha più abbonati digitali che su carta
iStock

Archiviato il suo quarto trimestre fiscale in perdita, ma soddisfando comunque gli analisti, News Corp ha chiuso l'esercizio 2018 con un buco di 1,4 miliardi di dollari, più che doppio di quello del 2017, e ricavi in rialzo dell'11% a 9,02 miliardi. Per il Ceo Robert Thomson quella dell'anno terminato il 30 giugno scorso è stata "una performance robusta in tutti i nostri business" e con "cambiamenti positivi e profondi nel nostro flusso dei ricavi, che sono stati più globali, digitali e basati sugli abbonamenti". Basti un esempio: The Times, The Sunday Times e The Wall Street Journal "hanno raggiunto nuovi massimi nella loro trasformazione digitale con abbonati digitali che ora superano quelli della versione cartacea" di questi giornali.

Il 're dei bond' Bill Gross bocciato dal suo capo: nel 2018 si è sbagliato

Per il Ceo di Janus Henderson resta però "uno dei migliori investitori della nostra epoca"

Bill Gross si è conquistato negli anni il soprannome di 're dei bond'. Eppure colui che nel settembre 2014 sorprese tutti lasciando la sua Pimco per passare alla rivale più piccola Janus Henderson non sembra più meritarsi un simile soprannome. Almeno per Richard Weil, il Ceo dell'azienda per cui Gross lavora.