Kaepernick senza squadra, gli Stati Uniti si dividono (anche) sul football

La sua protesta contro l'inno, giustificata "dall'oppressione delle minoranze", non piace alla Nfl, un fortino di miliardari bianchi e conservatori. Spike Lee guida la protesta: "Una squadra per Colin o boicottiamo il campionato"

La sua protesta silenziosa, inizialmente, non fu compresa. Poi, una volta raggiunto l'intero Paese, è stata sostenuta o disprezzata, a seconda dei punti di vista. Ora, Colin Kaepernick è senza squadra, boicottato dalla Nfl, una lega di miliardari bianchi e conservatori, ma ha dato inizio a un movimento pacifico di protesta e, per questo, ha vinto. Ne è convinto Josh Levin, direttore editoriale di Slate, che ha dedicato la cover story al giocatore di football americano che, esattamente un anno fa, prese la semplice e radicale decisione di non alzarsi al momento dell'esecuzione di The Star-Spangled Banner, l'inno statunitense, un momento sacro per ogni sportivo, prima di qualsiasi evento nel Paese. 

Per settimane, il suo gesto nelle partite della pre-season non fu notato, oppure non gli fu dato peso. Quando finalmente gli fu chiesto il motivo, spiegò di voler protestare contro la brutalità della polizia, colpevole di numerosi episodi di violenza ai danni della comunità afroamericana, che avevano sollevato le proteste delle associazioni per i diritti civili. Da allora, ha seguito l'esecuzione dell'inno sempre seduto o poggiando un ginocchio a terra.

Nonostante i sedici passaggi da touchdown e soltanto quattro intercetti per i San Francisco 49ers nell'ultima stagione, il quarterback classe 1987 è senza contratto. Già a marzo, era chiaro che i proprietari delle franchigie del campionato non volessero avere nulla a che fare con lui, vista anche la vittoria di Donald Trump alle presidenziali. Bleacher Report scrisse che la gran parte dei decision-makers della lega non sopportava la protesta di Kaepernick e che non voleva in alcun modo difenderla o sostenerla. Trump, parlando in terza persona, disse che "i proprietari della Nfl non vogliono prenderlo (fargli un contratto, ndr) perché non vogliono ricevere un cattivo tweet da Donald Trump".

Kaepernick non può essere comunque descritto come una figura impopolare. Ha ottenuto il plauso dell'ex presidente Barack Obama e di molti giornalisti e fan di football, che hanno reso la sua maglia la più venduta nel negozio online della Nfl. Di certo, è una figura che divide e non può sorprendere che una lega come la Nfl, "un fortino di reazionari", un sistema chiuso e controllato da miliardari bianchi, lo abbia messo ai margini. Secondo un sondaggio della Quinnipiac University, il 63% degli statunitensi bianchi disapprova la protesta, sostenuta invece dal 74% degli afroamericani. La base dei sostenitori di football è prevalentemente bianca e, questo, ha un ulteriore peso sulla decisione dei proprietari: John Mara, che detiene i New York Giants, ha detto che "molti" fan hanno minacciato di non andare mai più allo stadio, se un giocatore dovesse protestare contro l'inno.

A novembre, il Guardian scrisse che i proprietari delle franchigie della Nfl hanno donato oltre 8 milioni di dollari ai repubblicani nel biennio 2015-16, contro i 189.610,72 dollari per la causa democratica. Il Daily Beast, poi, scrisse che circa il 7% dei soldi spesi per le cerimonie d'inaugurazione del presidente Trump proveniva da sette proprietari di franchigie Nfl, che avevano donato un milione di dollari ciascuno. Ora che il tasso di approvazione per Trump è sceso a livelli molto bassi, la Nfl resta un fortino del presidente.

I sostenitori di Kaepernick affermano che il quarterback meriti la possibilità di continuare a giocare e hanno organizzato una manifestazione davanti al quartier generale della Nfl, il 23 agosto a New York, guidata dal regista Spike Lee e da molte organizzazioni per i diritti civili, che minacciano il boicottaggio delle partite del campionato. Sabato 19 agosto, intanto, decine di poliziotti di New York hanno manifestato a favore del giocatore.

I coach di almeno due delle 32 squadre del campionato, secondo la Espn, avrebbero voluto mettere sotto contratto Kaepernick, ma i proprietari si sarebbero opposti. Alla fine di luglio, il proprietario dei Miami Dolphins, Stephen Ross, che ha difeso pubblicamente il diritto di protestare dei suoi giocatori, ha detto di non credere al boicottaggio nei confronti del giocatore, perché "proprietari e allenatori fanno di tutto per vincere". La realtà è che giocatori meno forti di lui hanno ottenuto dei nuovi contratti e che, come ha scritto FiveThirtyEight, "nessun quarterback sopra la media è rimasto quest'anno cos" a lungo senza squadra come Kaepernick", uno che alle spalle ha sei playoff da titolare e una presenza al Super Bowl, ovvero la finale del campionato, dove portò i 49ers nel 2013.

Kaepernick resta un reietto nonostante non abbia intenzione di portare avanti la sua protesta contro l'inno, se la sua carriera dovesse proseguire. Secondo i media, il giocatore "non vuole più che il suo modo di protestare distolga l'attenzione dai cambiamenti positivi che crede di aver provocato" e crede che "la discussione nazionale sulla diseguaglianza sociale e il sostegno di altri atleti rappresentino il successo del messaggio diffuso". Quel messaggio, e quella protesta, andranno avanti senza di lui, anche se Kaepernick non sempre ne è stato un portavoce coerente e perfetto, come sottolineato da Levin, che ha ricordato la sua maglietta con l'immagine di Fidel Castro e i calzini raffiguranti maiali con il cappello della polizia.

Dando vita a un movimento, ha messo la propria carriera a rischio più di qualsiasi collega che ne ha seguito l'esempio; ne è stato il parafulmine. In un campionato differente, con tifosi e proprietari differenti, Kaepernick sarebbe potuto diventare un eroe. La National Football League, invece, lo ha fatto fuori. A meno che qualcuno voglia accogliere la richiesta dei sostenitori di Kaepernick, dandogli una nuova opportunità.

Altri Servizi

Wall Street cauta dopo l'incontro Trump-Kim

Nella notte italiana, lo storico incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano
iStock

Trump stringe la mano a Kim: avremo una magnifica relazione

Un nuovo capitolo per i rapporti tra Stati Uniti e Corea del Nord

L'incontro tra Donald Trump e il leader della Corea del Nord, Kim Jong Un, si è aperto a Singapore con una stretta di mano e un colloquio bilaterale durato circa quaranta minuti. "Sono veramente felice, avremo un'ottima discussione e credo sarà un successo. Credo sarà veramente positivo e la nostra relazione sarà magnifica, non ho dubbi", ha detto il presidente americano. Kim ha risposto: "Non è stato facile arrivare fino a qui, ci sono stati ostacoli ma li abbiamo superati per essere qui".

Kim si impegna per la denuclearizzazione, Trump: "Solo dopo rimuoveremo le sanzioni"

Lo storico incontro si è concluso positivamente, ma gli interrogativi restano

La completa denuclerarizzazione della penisola coreana, promessa dal presidente nordcoreano, Kim Jong Un, "sarà verificata e dovrà iniziare immediatamente". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa a conclusione del vertice con il leader nordcoreano a Singapore, sottolineando che "le sanzioni saranno rimosse quando saremo sicuri che il nucleare non sarà più un fattore rilevante". Detto questo, gli Stati Uniti sono "ansiosi di poterle eliminare".

Elon Musk, l'irriverente amministratore delegato di Tesla, ha scritto un memo ai dipendenti del produttore di auto elettriche comunicando loro esuberi corrispondenti al 9% della forza lavoro. Attualmente l'azienda californiana ha circa 46.000 dipendenti, quindi il taglio di personale equivale a circa 4.100 persone.

Summit Trump-Kim: il vincitore è la Cina

Per gli esperti, troppe concessioni degli Usa alla Corea del Nord. Giappone e Corea del Sud gli sconfitti. La Russia osserva: "il diavolo sta nei dettagli" (che mancano)
AP

Quello tra Donald Trump e Kim Jong Un è stato certamente un incontro "storico", un buon inizio di un lungo iter diplomatico volto a portare alla denuclearizzazione della penisola coreana e magari alla fine ufficiale della Guerra di Corea (iniziata nel 1950 e finita nel 1953 ma solo con un armistizio). Tuttavia, tra il leader americano e quello nordcoreano, è il secondo che sembra avere avuto la meglio. E la Cina di Xi Jinping ha vinto indirettamente su tutti mentre il Giappone di Shinzo Abe e la Corea del Sud di Moon Jae-in emergono come gli sconfitti. E' questa l'impressione generale tra gli esperti americani di politica estera.

Dimon e Buffett contro le guidance trimestrali sugli utili delle aziende Usa

I numeri uno, rispettivamente, di JPM e Berkshire Hathaway fanno pressing: il focus suia sul lungo termine

Con l'intento di spostare l'attenzione verso la crescita di lungo termine, James Dimon e Warren Buffett stanno facendo pressing sulle aziende americane affinché valutino se smettere di fornire le guidance trimestrali sui rispettivi conti. Per il Ceo di JP Morgan e il numero uno di Berkshire Hathaway, quella pratica incoraggia a concentrarsi in modo "non salutare" sui profitti di breve termine.

Fed: Powell potrebbe segnalare una recessione all'orizzonte

Mercoledì atteso un rialzo dei tassi. Possibili quattro strette nel 2018, Focus sulla curva dei rendimenti e sulla rapidità con cui la disoccupazione continuerà a calare
AP

Dopo soli quattro mesi dal suo arrivo al vertice della Federal Reserve, il governatore Jerome Powell potrebbe ritrovarsi questa settimana nella posizione scomoda di dovere segnalare una recessione all'orizzonte. Lo scrive il Wall Street Journal in vista della riunione della banca centrale, che inizierà domani e si concluderà mercoledì 13 giugno con un quasi certo rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,75-2%. Si tratterebbe del settimo aumento del costo del denaro dal dicembre 2015, quando fu annunciata la prima stretta dal giugno 2006.

AT&T e Time Warner: la decisione sulle nozze condizionerà l'M&A

L'annuncio di un giudice federale atteso il 12 giugno intorno alle 22 italiane. Ricadute per la sfida di Comcast a Disney e l'acquisto di Aetna da parte di CVS

E' iniziato il conto alla rovescia per la decisione di un giudice federale sulle nozze da 85,4 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner. Da quella decisione, attesa martedì 12 giugno, dipenderanno accordi di fusione e acquisizione che sono destinati a rivoluzione il settore delle tlc e quello dei media. 

Argentina: accordo con Fmi per aiuti da 50 miliardi di dollari

Piano in tre anni. Buenos Aires vuole accere alla prima tranche e trattare il resto del prestito come precauzione. In cambio, riduzione più rapida del deficit, autonomia banca centrale e target "realistici" inflazione

Il Fondo monetario internazionale è pronto a concedere all'Argentina fino a 50 miliardi di dollari di aiuti in tre anni. Un accordo tra l'istituzione di Washington e la nazione sudamericana è stato annunciato nella notte. Esso è giunto più rapidamente delle attese, che erano per un'intesa in arrivo entro sei settimane dall'8 maggio scorso, la data in cui il presidente argentino Mauricio Macri comunicò di avere chiesto sostegno al Fondo.

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.