Kaepernick senza squadra, gli Stati Uniti si dividono (anche) sul football

La sua protesta contro l'inno, giustificata "dall'oppressione delle minoranze", non piace alla Nfl, un fortino di miliardari bianchi e conservatori. Spike Lee guida la protesta: "Una squadra per Colin o boicottiamo il campionato"

La sua protesta silenziosa, inizialmente, non fu compresa. Poi, una volta raggiunto l'intero Paese, è stata sostenuta o disprezzata, a seconda dei punti di vista. Ora, Colin Kaepernick è senza squadra, boicottato dalla Nfl, una lega di miliardari bianchi e conservatori, ma ha dato inizio a un movimento pacifico di protesta e, per questo, ha vinto. Ne è convinto Josh Levin, direttore editoriale di Slate, che ha dedicato la cover story al giocatore di football americano che, esattamente un anno fa, prese la semplice e radicale decisione di non alzarsi al momento dell'esecuzione di The Star-Spangled Banner, l'inno statunitense, un momento sacro per ogni sportivo, prima di qualsiasi evento nel Paese. 

Per settimane, il suo gesto nelle partite della pre-season non fu notato, oppure non gli fu dato peso. Quando finalmente gli fu chiesto il motivo, spiegò di voler protestare contro la brutalità della polizia, colpevole di numerosi episodi di violenza ai danni della comunità afroamericana, che avevano sollevato le proteste delle associazioni per i diritti civili. Da allora, ha seguito l'esecuzione dell'inno sempre seduto o poggiando un ginocchio a terra.

Nonostante i sedici passaggi da touchdown e soltanto quattro intercetti per i San Francisco 49ers nell'ultima stagione, il quarterback classe 1987 è senza contratto. Già a marzo, era chiaro che i proprietari delle franchigie del campionato non volessero avere nulla a che fare con lui, vista anche la vittoria di Donald Trump alle presidenziali. Bleacher Report scrisse che la gran parte dei decision-makers della lega non sopportava la protesta di Kaepernick e che non voleva in alcun modo difenderla o sostenerla. Trump, parlando in terza persona, disse che "i proprietari della Nfl non vogliono prenderlo (fargli un contratto, ndr) perché non vogliono ricevere un cattivo tweet da Donald Trump".

Kaepernick non può essere comunque descritto come una figura impopolare. Ha ottenuto il plauso dell'ex presidente Barack Obama e di molti giornalisti e fan di football, che hanno reso la sua maglia la più venduta nel negozio online della Nfl. Di certo, è una figura che divide e non può sorprendere che una lega come la Nfl, "un fortino di reazionari", un sistema chiuso e controllato da miliardari bianchi, lo abbia messo ai margini. Secondo un sondaggio della Quinnipiac University, il 63% degli statunitensi bianchi disapprova la protesta, sostenuta invece dal 74% degli afroamericani. La base dei sostenitori di football è prevalentemente bianca e, questo, ha un ulteriore peso sulla decisione dei proprietari: John Mara, che detiene i New York Giants, ha detto che "molti" fan hanno minacciato di non andare mai più allo stadio, se un giocatore dovesse protestare contro l'inno.

A novembre, il Guardian scrisse che i proprietari delle franchigie della Nfl hanno donato oltre 8 milioni di dollari ai repubblicani nel biennio 2015-16, contro i 189.610,72 dollari per la causa democratica. Il Daily Beast, poi, scrisse che circa il 7% dei soldi spesi per le cerimonie d'inaugurazione del presidente Trump proveniva da sette proprietari di franchigie Nfl, che avevano donato un milione di dollari ciascuno. Ora che il tasso di approvazione per Trump è sceso a livelli molto bassi, la Nfl resta un fortino del presidente.

I sostenitori di Kaepernick affermano che il quarterback meriti la possibilità di continuare a giocare e hanno organizzato una manifestazione davanti al quartier generale della Nfl, il 23 agosto a New York, guidata dal regista Spike Lee e da molte organizzazioni per i diritti civili, che minacciano il boicottaggio delle partite del campionato. Sabato 19 agosto, intanto, decine di poliziotti di New York hanno manifestato a favore del giocatore.

I coach di almeno due delle 32 squadre del campionato, secondo la Espn, avrebbero voluto mettere sotto contratto Kaepernick, ma i proprietari si sarebbero opposti. Alla fine di luglio, il proprietario dei Miami Dolphins, Stephen Ross, che ha difeso pubblicamente il diritto di protestare dei suoi giocatori, ha detto di non credere al boicottaggio nei confronti del giocatore, perché "proprietari e allenatori fanno di tutto per vincere". La realtà è che giocatori meno forti di lui hanno ottenuto dei nuovi contratti e che, come ha scritto FiveThirtyEight, "nessun quarterback sopra la media è rimasto quest'anno cos" a lungo senza squadra come Kaepernick", uno che alle spalle ha sei playoff da titolare e una presenza al Super Bowl, ovvero la finale del campionato, dove portò i 49ers nel 2013.

Kaepernick resta un reietto nonostante non abbia intenzione di portare avanti la sua protesta contro l'inno, se la sua carriera dovesse proseguire. Secondo i media, il giocatore "non vuole più che il suo modo di protestare distolga l'attenzione dai cambiamenti positivi che crede di aver provocato" e crede che "la discussione nazionale sulla diseguaglianza sociale e il sostegno di altri atleti rappresentino il successo del messaggio diffuso". Quel messaggio, e quella protesta, andranno avanti senza di lui, anche se Kaepernick non sempre ne è stato un portavoce coerente e perfetto, come sottolineato da Levin, che ha ricordato la sua maglietta con l'immagine di Fidel Castro e i calzini raffiguranti maiali con il cappello della polizia.

Dando vita a un movimento, ha messo la propria carriera a rischio più di qualsiasi collega che ne ha seguito l'esempio; ne è stato il parafulmine. In un campionato differente, con tifosi e proprietari differenti, Kaepernick sarebbe potuto diventare un eroe. La National Football League, invece, lo ha fatto fuori. A meno che qualcuno voglia accogliere la richiesta dei sostenitori di Kaepernick, dandogli una nuova opportunità.

Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.