Kate Winslet salva la madre di Richard Branson da una casa in fiamme

L'attrice di Titanic era ospite nella villa di Branson su un'isola delle Virgin Islands, quando è arrivato l'uragano Irene

Un’eroina da film. Il ruolo più importante della sua vita. Chissà quante volte vi toccherà sentire queste frasi a proposito di Kate Winslet e della maniera in cui ha salvato la madre di Richard Branson dalle fiamme, ieri all’alba, su una piccola isola nelle Virgin Islands. Sì la Kate Winslet di Titanic e sì il Richard Branson della Virgin. L’attrice era ospite con il fidanzato Louis Dowler, i due figli e altre 20 persone in una villa di Branson quando l’uragano Irene con una furia di fulmini e raffiche di vento, ha provocato un’incendio...

“Davvero grazie a Kate Winslet - ha scritto Branson sul suo blog - per avere aiutato mia madre, che ha 90 anni, ad uscire dalla casa portandola in salvo. Si sarà chiesta quando il regista avrebbe detto ‘cut’”. Secondo ITV, Winslet avrebbe aiutato Eve Branson dopo avere tratto in salvo i propri bambini. "E' rientrata in casa, l'ha presa tra le braccia e poi sono uscite insieme". Branson si trovava sull'isola ma in un altro edificio, lontano dall'incendio.

“L’edificio principale è andato distrutto e le fiamme bruciano ancora. In quella casa c’era il mio ufficio. Ho perso migliaia di fotografie e i miei quaderni di appunti. Ma la mia famiglia e i miei amici sono in salvo e questa è l’unica cosa importante”. Branson sul blog ha pubblicato una serie di fotografie e un filmato sull’incendio.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai sussidi di disoccupazione

Gli analisti temono un netto rialzo delle nuove richieste
AP

Wall Street verso un ribasso dopo la migliore tre giorni dal 1931

Gli Usa attendono che la Camera approvi il piano di stimoli economici da 2.000 miliardi di dollari
AP

Powell: "Lavoriamo per sostenere gli americani, Usa forse già in recessione"

Il governatore della Fed intervistato dalla Nbc. Sull'ipotesi del presidente Trump di far ripartire il Paese entro Pasqua, non si sbilancia: "Seguiamo gli esperti"
AP

Il governatore della Federal Reserve, Jerome Powell, si è rivolto agli americani durante un'intervista alla Nbc, assicurando che la banca centrale statunitense "sta lavorando duramente per sostenervi ora". Il piano di stimoli economici da 2.000 miliardi di dollari approvato la scorsa notte al Senato darà un "sollievo immediato" ai lavoratori colpiti dalla chiusura delle attività provocata dall'epidemia di coronavirus, ha detto Powell.

Coronavirus, Kudlow: "Il terzo pacchetto di aiuti vale più di 2.000 miliardi di dollari"

Il piano è in discussione al Congresso, Trump spera in un'approvazione entro lunedì
Gage Skidmore /Gage Skidmore

Il terzo pacchetto di aiuti discusso al Congresso statunitense per contrastare l'impatto della pandemia di coronavirus vale più di 2.000 miliardi di dollari. Lo ha detto il massimo consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, parlando con i giornalisti prima di un incontro con i senatori repubblicani. Si tratta di un piano che, quindi, vale circa il 10% del Pil statunitense.

Il vicegovernatore del Texas: "Torniamo al lavoro, nonni pronti al 'sacrificio'"

Con le misure contro il coronavirus, l'economia Usa rischia di crollare. Anche il presidente Trump 'insofferente'

Il vicegovernatore del Texas, il repubblicano Dan Patrick, ha dichiarato ieri sera che gli Stati Uniti dovrebbero tornare al lavoro e che le persone con più di 70 anni sono pronte a "correre il rischio" di ammalarsi di Covid-19 per il bene dell'economia del Paese. Patrick, che sta per compiere 70 anni, ha detto che correrà il rischio come cittadino anziano per il bene degli Stati Uniti e di credere che ci siano "molti nonni nel Paese" che la pensano allo stesso modo. "Nessun me lo ha chiesto, ma se lo scambio è correre un rischio sulla mia sopravvivenza" per salvare l'economia per figli e nipoti, "io ci sto". 

Coronavirus, Fed: Qe illimitato, 300 miliardi di prestiti alle imprese

"Acquisteremo asset nella quantità necessaria"; servono, ha scritto la Banca centrale in un comunicato, "misure aggressive"

La Federal Reserve ha annunciato che acquisterà una quantità illimitata di titoli di Stato e titoli garantiti da ipoteche su immobili per sostenere il mercato finanziario, travolto dall'emergenza coronavirus, e facilitare una trasmissione efficiente della sua politica monetaria. Nella nota, la Fed ha comunicato che acquisterà asset "nella quantità necessaria", dopo aver precedentemente fissato un limite a 700 miliardi di dollari, e che aprirà nuove linee di prestito alle imprese, del valore di 300 miliardi di dollari. Nella nota, la Fed ha sottolineato che, per evitare le perdite di posti di lavoro e di reddito, servono "misure aggressive".

Wall Street, peggiore settimana dal 2008. E Goldman Sachs prevede un anno nero

Dai record di metà febbraio, i tre principali indici hanno perso circa il 30%. Secondo la banca statunitense, il Pil crollerà del 24% nel secondo trimestre
AP

Un'altra settimana volatile, un'altra settimana di passione per Wall Street, spaventata dalla pandemia di coronavirus e dagli effetti della Covid-19 sull'economia statunitense e globale. Venerdì, dopo aver aperto in rialzo e aver ondeggiato intorno alla parità per gran parte della mattinata, gli indici hanno girato in negativo dopo che il petrolio ha invertito tendenza. E hanno terminato in netto calo a causa delle forti vendite nel finale, dovute anche all'ordine dello Stato di New York di chiudere tutte le attività non essenziali: il Dow Jones Industrial Average ha perso più del 4%, lo S&P 500 il 4,3%, il Nasdaq il 3,8%.

Coronavirus, Trump contro Gm e Ford: "Cominciate a produrre ventilatori, ora!"

Duro attacco del presidente Usa su Twitter, mentre l'emergenza negli Usa si allarga
Ap

Duro attacco del presidente statunitense Donald Trump contro General Motors e Ford, su Twitter, in un momento in cui il Paese cerca risorse e dispositivi per combattere il nuovo coronavirus. "General Motors deve immediatamente aprire la sua fabbrica stupidamente abbandonata di Lordstown in Ohio, o qualche altra fabbrica, e cominciare a produrre ventilatori, ora! Ford, inizia a fare i ventilatori, velocemente!".

Coronavirus, Usa: accordo in Senato su un piano di aiuti da 2.000 miliardi

Piano senza precedenti nella storia nazionale, che vale il 10% del Pil. Il passaggio alla Camera, però, potrebbe non essere senza ostacoli
Ap

Dopo giorni di trattative, i senatori statunitensi e l'amministrazione Trump hanno raggiunto un accordo sul più grande piano di aiuti nella storia del Paese, che avrà l'obiettivo di mitigare gli effetti devastanti della pandemia di coronavirus sull'economia nazionale; il piano vale circa 2.000 miliardi di dollari, ovvero il 10% del Pil nazionale.