Kerry all’Iran: “sì al dialogo, ma non all’infinito”

Il Segretario di Stato Usa in visita ufficiale in Arabia Saudita ha ribadito che sul nucleare iraniano la soluzione diplomatica è per Washington la prima opzione ma non l'unica, e che si può negoziare solo "per un tempo limitato"

Sulla questione del nucleare iraniano c’è ancora spazio per la diplomazia, ma si tratta di uno spazio limitato. Questo il messaggio lanciato ieri sera da John Kerry durante la sua visita in Arabia Saudita, settima tappa della sua prima missione all’estero come Segretario di Stato.

Da un lato Kerry ha manifestato l’intenzione di coltivare il negoziato con Teheran tramite il cosiddetto PS+1, il gruppo composto dai cinque Stati membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’Onu (Usa, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia) e “allargato” alla Germania; dall’altro ha tentato di scongiurare l’impressione che questa trattativa sia anche stavolta destinata a trascinarsi a vuoto facendo guadagnare al regime iraniano altro tempo utile alla costruzione di armamenti nucleari.

In questo senso un buon assist gli è stato fornito dal suo omologo ospitante, il principe Saud al-Faisal, ministro degli esteri saudita “a vita” (è in carica dal 1975). Questi, durante la conferenza stampa congiunta, ha rimproverato la “poca serietà” sin qui dimostrata dal governo iraniano nella ripresa dei negoziati, ed ha osservato, con metafora di gusto squisitamente mediorientale, che non ci si può permettere di “fare come i filosofi che possono discutere all’infinito su quanti angeli ci possano stare su di una capocchia di spillo”.

E’ noto che l’Arabia Saudita, uno dei principali alleati degli Usa nella regione, da anni fa pressione per ottenere che le ambizioni di Teheran sul nucleare vengano stroncate sul nascere. Anni fa WikiLeaks aveva fatto trapelare un cablo nel quale l’ambasciatore saudita a Washington riferiva insistenti richieste di Re Abdullah Secondo affinché gli americani si decidessero a “decapitare il serpente” bombardando gli impianti nucleari iraniani.

Una settimana fa i rappresentanti del “P5+1” si sono incontrati in Kazakistan con i rappresentanti del governo iraniano, dando inizio ad un nuovo negoziato volto ad appurare se Teheran è in grado di dimostrare che i propri impianti nucleari sono realmente civili e non nascondono finalità militari. L’incontro ha prodotto soltanto la decisione di far confrontare sulla questione degli“esperti” di entrambi le parti.

“La finestra per una soluzione diplomatica è ancora aperta ma, per definizione, non può rimanerla a tempo indeterminato” ha ammonito Kerry ieri sera. “Il negoziato non può limitarsi a produrre altro negoziato, e non può diventare un espediente dilatorio, che non farebbe che far peggiorare ulteriormente la situazione”.

Oltre al proprio omologo saudita, Kerry ha incontrato ieri anche i ministri degli esteri di Kuwait, Bahrain ed Oman: tutti Stati del Golfo Persico che ben difficilmente potrebbero subire passivamente la realizzazione del nucleare militare iraniano senza dotarsi a propria volta di armamenti del genere.
La sua missione diplomatica, la prima da quando è subentrato ad Hillary Clinton, prosegue ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, dove egli è giunto ieri sera, e si concluderà domani a Doha, in Qatar. Non è invece inclusa nel suo tour una visita in Israele, che è invece in programma direttamente da parte del presidente Obama per il prossimo 20 marzo.

Altri Servizi

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Russiagate, il WP rivela incontro tra Roger Stone e un russo

Il consigliere di lungo corso di Trump ha incontrato Henry Greenberg che gli aveva promesso materiale scottante su Hillary Clinton
©AP

Nuove rivelazioni sul Russiagate. Roger Stone, consigliere informale di Donald Trump e suo confidente di lunga data, ha infatti rilasciato un’intervista al Washington Post nella quale ha ammesso di aver incontrato nel maggio 2016 un emigrato russo che gli avrebbe promesso informazioni "compromettenti" sull’allora candidata democratica Hillary Clinton.

Europa e Usa insieme per discutere del piano di pace in Medio Oriente di Trump

Londra sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle potenze europee (e arabe) e gli uomini del presidente Usa che si occupano del dossier, ovvero Kushner e Greenblatt, che nei prossimi giorni saranno in Israele, Egitto e Arabia Saudita
iStock

In attesa del piano di pace per il Medio Oriente della Casa Bianca, il Regno Unito sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle principali potenze europee e arabe con il 'peace team' del presidente statunitense Donald Trump, guidato dal genero Jared Kushner e da Jason Greenblatt. A scriverlo è il giornalista israeliano Barak Ravid, collaboratore del sito Axios.

Apple annuncia partnership sui contenuti con Oprah Winfrey

La regina dei talk show americana creerà "programmi originali"
AP

Apple unisce le forze con Oprah Winfrey creando una partnership per la produzione di programmi per un nuovo servizio di video su abbonamento. L'accordo con la regina dei talk show americani è la dimostrazione di come il produttore dell'iPhone punti sempre di più sui contenuti. Winfrey - che ha dato una spinta al titolo Weight Watchers da quando ne è diventata socia e testimonial - creerà "programmi originali che abbracciano la sua capacità senza eguali di connettere varie audience in giro per il mondo", ha spiegato Apple.

Usa 2018: si voterà anche per dividere la California in tre Stati

Gli elettori dello Stato, al momento, bocciano la proposta, secondo l'ultimo sondaggio

Alle elezioni statunitensi di metà mandato a novembre, i californiani dovranno anche decidere se dividere la California in tre Stati. La campagna referendaria 'Cal-3' ha infatti consegnato alle autorità quasi 420.000 firme valide, più di quelle necessarie per sottoporre il quesito alle elezioni.

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, promulgherà la legge sull'immigrazione che il Congresso deciderà di approvare tra le due in discussione; lo ha riferito la Casa Bianca, nonostante Trump, poche ore prima, avesse espresso in tv la sua contrarietà alle proposte di legge che saranno votate nei prossimi giorni alla Camera e che hanno l'obiettivo di trovare anche una soluzione per i Dreamers, ovvero gli immigrati arrivati da bambini, senza documenti, protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Trump (ma lo stop è bloccato in tribunale).

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton