Kerry all’Iran: “sì al dialogo, ma non all’infinito”

Il Segretario di Stato Usa in visita ufficiale in Arabia Saudita ha ribadito che sul nucleare iraniano la soluzione diplomatica è per Washington la prima opzione ma non l'unica, e che si può negoziare solo "per un tempo limitato"

Sulla questione del nucleare iraniano c’è ancora spazio per la diplomazia, ma si tratta di uno spazio limitato. Questo il messaggio lanciato ieri sera da John Kerry durante la sua visita in Arabia Saudita, settima tappa della sua prima missione all’estero come Segretario di Stato.

Da un lato Kerry ha manifestato l’intenzione di coltivare il negoziato con Teheran tramite il cosiddetto PS+1, il gruppo composto dai cinque Stati membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’Onu (Usa, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia) e “allargato” alla Germania; dall’altro ha tentato di scongiurare l’impressione che questa trattativa sia anche stavolta destinata a trascinarsi a vuoto facendo guadagnare al regime iraniano altro tempo utile alla costruzione di armamenti nucleari.

In questo senso un buon assist gli è stato fornito dal suo omologo ospitante, il principe Saud al-Faisal, ministro degli esteri saudita “a vita” (è in carica dal 1975). Questi, durante la conferenza stampa congiunta, ha rimproverato la “poca serietà” sin qui dimostrata dal governo iraniano nella ripresa dei negoziati, ed ha osservato, con metafora di gusto squisitamente mediorientale, che non ci si può permettere di “fare come i filosofi che possono discutere all’infinito su quanti angeli ci possano stare su di una capocchia di spillo”.

E’ noto che l’Arabia Saudita, uno dei principali alleati degli Usa nella regione, da anni fa pressione per ottenere che le ambizioni di Teheran sul nucleare vengano stroncate sul nascere. Anni fa WikiLeaks aveva fatto trapelare un cablo nel quale l’ambasciatore saudita a Washington riferiva insistenti richieste di Re Abdullah Secondo affinché gli americani si decidessero a “decapitare il serpente” bombardando gli impianti nucleari iraniani.

Una settimana fa i rappresentanti del “P5+1” si sono incontrati in Kazakistan con i rappresentanti del governo iraniano, dando inizio ad un nuovo negoziato volto ad appurare se Teheran è in grado di dimostrare che i propri impianti nucleari sono realmente civili e non nascondono finalità militari. L’incontro ha prodotto soltanto la decisione di far confrontare sulla questione degli“esperti” di entrambi le parti.

“La finestra per una soluzione diplomatica è ancora aperta ma, per definizione, non può rimanerla a tempo indeterminato” ha ammonito Kerry ieri sera. “Il negoziato non può limitarsi a produrre altro negoziato, e non può diventare un espediente dilatorio, che non farebbe che far peggiorare ulteriormente la situazione”.

Oltre al proprio omologo saudita, Kerry ha incontrato ieri anche i ministri degli esteri di Kuwait, Bahrain ed Oman: tutti Stati del Golfo Persico che ben difficilmente potrebbero subire passivamente la realizzazione del nucleare militare iraniano senza dotarsi a propria volta di armamenti del genere.
La sua missione diplomatica, la prima da quando è subentrato ad Hillary Clinton, prosegue ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, dove egli è giunto ieri sera, e si concluderà domani a Doha, in Qatar. Non è invece inclusa nel suo tour una visita in Israele, che è invece in programma direttamente da parte del presidente Obama per il prossimo 20 marzo.

Altri Servizi

Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione
Ap

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

In Nevada sono già rimasti senza marijuana legale

La cannabis è in vendita dal primo luglio a scopo ricreativo, ma la domanda supera la produzione
AP

L’aumento della domanda di cannabis in Nevada, diventata legale nello stato a novembre grazie al referendum ma in vendita solo dal primo luglio, ha svuotato gli scaffali dei dispensari e costretto i politici locali ad agire d’urgenza. Il governatore repubblicano dello stato, Brian Sandoval, ha attivato misure d’emergenza la scorsa settimana per aumentare la quantità di prodotto nello stato. Tra mercoledì e giovedì, i legislatori hanno annunciato che avrebbero concesso nuove licenze per la distribuzione della cannabis.

Black Lives Matter compie 4 anni e cambia volto con Trump

Dall'hashtag alle proteste di strada. Il movimento denuncia le violenze verso gli afroamericani
Ap

Quattro anni fa nasceva Black Lives Matter, movimento di protesta con lo scopo di accrescere la consapevolezza sulle discriminazioni razziali nei confronti della minoranza afroamericana negli Stati Uniti. “Il movimento iniziò come un desiderio politico degli afroamericani” si legge sul sito dell’organizzazione. “Negli anni a venire siamo riusciti a combattere insieme, e immaginare e creare un mondo libero dalle discriminazioni razziali, dove ogni afroamericano ha il potere economico, sociale e politico di crescere in salute”.

Russiagate: fu Obama a far entrare l'avvocata russa negli Usa

La donna incontrò Donald Trump Jr., che voleva informazioni compromettenti su Clinton

Fu l'amministrazione Obama a garantire l'accesso negli Stati Uniti, senza visto, all'avvocata russa Natalia Veselnitskaya, che nel giugno del 2016 incontrò a New York il figlio dell'attuale presidente, Donald Trump Jr., che si aspettava di ricevere notizie compromettenti su Hillary Clinton. A rivelarlo è The Hill, secondo cui la segretaria alla Giustizia, Loretta Lynch, permise all'avvocata di entrare negli Stati Uniti "in circostanze straordinarie" dopo che la sua richiesta per un visto era stata bocciata.

Un italiano alla guida di Tiffany, Alessandro Bogliolo nuovo Ceo

Ex numero uno di Diesel, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Cambio al vertice di Tiffany & Co, dopo l'uscita di Frederic Cumenal. Il colosso americano dei gioielli di lusso ha scelto l'italiano Alessandro Bogliolo, ex numero uno di Diesel, come nuovo amministratore delegato, incarico che rivestirà dal prossimo 2 ottobre. Come si legge in una nota, Bogliolo, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

OpenGov, startup collegata a Kushner, ha contatti con la Casa Bianca

Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, l'amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.
AP

La startup OpenGov, legata alla famiglia Kushner, ha avuto accesso a una riunione alla Casa Bianca. Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, il suo amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.

Wall Street guarda alle trimestrali Usa

Attesi i risultati di JpMorgan, Citigroup e Wells Fargo
AP

Raul Castro punta l'indice contro Trump: passi indietro dei rapporti diplomatici

Per il presidente cubano la nuova posizione americana rappresenta un inasprimento dell'embargo contro Cuba, in vigore dal 1962, ed è impregnata di "una retorica vecchia e ostile propria della Guerra Fredda".

Il presidente Donald Trump ha fatto marcia indietro nei rapporti con Cuba rispetto all'apertura del suo predecessore, Barack Obama, questo "è un passo indietro" delle relazioni diplomatiche tra Washington e L'Avana, riavviate due anni fa dopo mezzo secolo di gelo, ovvero dalla rivoluzione castrista del 1959.

Si infittisce la trama del Russiagate: lobbista russo all'incontro tra Donald Jr e legale Mosca

Rinat Akhmetshin è un cittadino russo naturalizzato statunitense che all'epoca stava facendo lobbying contro il Magnitsky Act, le sanzioni imposte dagli Usa alla Russia per combattere le violazioni dei diritti umani nel Paese.
AP

Un lobbista russo-americano, veterano dell'esercito sovietico, avrebbe partecipato all'incontro del giugno 2016 tra Donald Trump Jr., figlio maggiore del presidente degli Stati Uniti, e l'avvocatessa Natalia Veselnitskaya, organizzato da quest'ultima con la promessa di fornire a Trump Jr. materiale compromettente su Hillary Clinton.

Rinat Akhmetshin, questo il suo nome, è un cittadino russo naturalizzato statunitense che all'epoca stava facendo lobbying contro il Magnitsky Act, le sanzioni imposte dagli Usa alla Russia per combattere le violazioni dei diritti umani nel Paese.
Sentito dal Washington Post, Akhmetshin ha dichiarato di aver partecipato all'incontro insieme a diverse altre persone.

JPMorgan batte le stime nel secondo trimestre, bene investment e commercial banking

Soddisfazione da parte dell'amministratore delegato Jamie Dimon: "Abbiamo continuato a registrare risultati molto solidi, in un contesto economico globale stabile o in miglioramento".
AP

Secondo trimestre sopra le stime per JPMorgan Chase, prima delle grandi banche americane a pubblicare i conti, anticipando di un'ora circa Citigroup e Wells Fargo. A fare da traino le attività di commercial e investment banking.