Khadija Arfaoui, una donna - e una madre - in prima linea all’ONU nella lotta contro l’Isis

La 'Commission on the Status of Women' si riunisce per discutere progressi e sfide future dei diritti delle donne, a tema anche il loro contributo nella lotta all'Isis. Arfaoui, attivista tunisina, ha perso figlio e nuora nell'attentato di Istanbul

A riaprire i battenti delle Nazioni Unite, rimaste chiuse a causa della tempesta di neve che ha investito la costa nord orientale degli Stati Uniti, sono state le donne. Nel Palazzo di Vetro sull’East River di New York si è svolta infatti la riunione della Commissione delle Nazioni Unite sullo status delle donne (CSW), l’evento annuale organizzato dal Consiglio economico e sociale dell’Onu che ha come scopo quello di valutare i progressi ottenuti e individuare le sfide ancora da affrontare lungo il percorso della parità dei generi. Quest’anno ai temi tradizionali se ne è aggiunto uno nuovo, quella della lotta al terrorismo. O meglio, come le donne possano contribuire a questa battaglia. Tra le centinaia di donne arrivate a New York da tutto il mondo spicca sopratutto il contributo offerto da Khadija Arfaoui, nota attivista tunisina per i diritti umani e per la pace, che ha raccontato la propria storia ai microfoni di America24.

 ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

“Mentre combattevo contro il terrorismo non avrei mai pensato che un giorno ne sarei stata colpita io stessa, e nel modo più terribile”, spiega Khadija, membro dell’Associazione tunisina delle donne democratiche e dell’INCAN (International Civil Society Action Network), un’organizzazione che difende e promuove l’attivismo civile. Khadija, un tempo docente presso l’Università di Manouba in Tunisia, ha cominciato a dedicarsi anima e corpo ai diritti umani intorno alla metà degli anni ’80, ma ad aver cambiato la sua vita è stata la notte di capodanno del 2017. Suo figlio, Dali Azzabi, e sua moglie, Senda Nakaa, sono infatti tra le vittime dell’attentato alla discoteca ‘Reina’ di Istanbul, in cui 39 persone sono morte sotto i colpi di kalashnikov di un terrorista dello Stato Islamico. “Avevo parlato con loro solo poche ore prima” - ricorda Khadija - “Li aspettavamo il giorno dopo a casa, e avevamo anche già preparato il pranzo per il primo dell’anno…”. Dali e Senda, 42 e 32 anni, avevano una figlia di soli cinque mesi, che oggi vive con i nonni materni. Un terremoto. Così Khadija ricorda quella notte. “E’ stato così inaspettato, così orribile… Poi realizzi che è tutto vero, che sono morti. Morti. Morti per davvero: torneranno in una bara. Hanno avuto funerali di Stato, e c’erano proprio tutti: il presidente, il primo ministro, il governo. Tutti i politici, di tutti i partiti, e le anche le Ong”.

 E’ con questo lutto e con la convinzione che sia necessario mettersi in gioco in prima persona per cambiare le cose che Khadija Arfaoui è atterrata, solo 3 mesi dopo, a New York. “Crediamo che le donne non abbiano un ruolo abbastanza importante nella lotta contro la piaga del terrorismo, e vogliamo avere più spazio. Le donne sono l’esempio per eccellenza della non-violenza, guardate le palestinesi e le israeliane: marciano unite, unite in nome della pace”. L’emancipazione delle donne e la parità dei generi sono un elemento imprescindibile secondo l’attivista tunisina per poter combattere violenza e terrorismo: “Finché la discriminazione verso le donne continuerà ad esistere non potremo mai fare passi avanti”, spiega. “Questa violenza terroristica colpisce all'improvviso, uccide le persone, e uccide i nostri uomini: i nostri mariti, figli, fratelli. Per questo dobbiamo reagire. Noi vogliamo riuscire a proteggere i membri delle nostre famiglie dall’odio e dalla morte”.

 E’ nel futuro della sua nipotina di cinque mesi che Khadija ripone le sue speranze; nel suo e in quello di tutte le nuove generazioni. E’ proprio sul terreno dell’educazione infatti che secondo lei si comincia a combattere la lotta contro il terrorismo. “Dobbiamo tenerli al sicuro da tutta questa violenza, perché ovunque ci sono persone che tentano di reclutarli. Ovunque. Dobbiamo invece spingerli verso la letteratura, lo sport, l’arte e l’istruzione in generale. Dobbiamo combattere la povertà e la disoccupazione, ma sopratutto dobbiamo ascoltare i nostri bambini. Troppo spesso infatti non troviamo il tempo per farlo, ma bisogna sempre trovare un momento per ascoltare i propri figli”.


L'intervista di Mario Platero a Khadija Arfaoui

Mario: Buongiorno Khadija

Khadija: Bonjour Mario.

 Mario: Lei è qui per partecipare alla riunione delle Nazioni Unite, e in particolare per occuparsi della lotta contro il terrorismo. Può raccontarci qual’è la sua missione?

 Khadija: Crediamo che le donne non abbiano un ruolo abbastanza importante nella lotta contro la piaga del terrorismo, e vogliamo avere più spazio. Le donne sono l’esempio per eccellenza della non-violenza, un atteggiamento che conservano anche quando appartengono a gruppi differenti e opposti. Prenda le donne palestinesi ed israeliane: marciano unite, unite in nome della pace. Siamo contro il terrorismo e contro la violenza; finché la discriminazione verso le donne continuerà ad esistere però non potremo mai fare passi avanti. E questa discriminazione oggi si può ancora vedere ovunque. i musulmani più radicali continuano a imporre il velo alle donne. Ma io appartengo ad una una società che si oppone al velo, crediamo che non abbia alcun senso.

 Mario: Ecco, come può l’emancipazione della donna tradursi in un’arma contro il terrorismo. Come lo farete qui all’Onu?

Khadija: Noi donne non accettiamo la violenza. Questa violenza terroristica colpisce all'improvviso, nessuno e' sicuro non puoi proteggerti. Uccide le persone, e uccide i nostri uomini: i nostri mariti, figli, fratelli. Per questo dobbiamo reagire. Noi vogliamo riuscire a proteggere i membri delle nostre famiglie dall’odio e dalla morte.

 Mario: Ecco, e lei è stata direttamente colpita da questa orribile violenza.

 Khadija:Mentre combattevo contro il terrorismo non avrei mai pensato che un giorno ne sarei stata colpita io stessa, e nel modo più terribile. Mio figlio e sua moglie erano in salute, gentili e simpatici; si amavano e avevano una bellissima bambina, di cinque mesi. Erano andati ad Istanbul solo per quattro giorni, anche se li avevo avvertiti di non andare, perché era pericoloso… Loro mi hanno risposto che il rischio c'è ovunque, e' vero e non mi sarei mai aspettata che sarebbero stati davvero in pericolo di vita.

 Mario: Suo figlio e sua nuora erano al ‘Reina’ in quell’orrenda notte, e tra le 39 vittime sono stati uccisi anche loro. Che ricordo ha di quella sera?

 Khadija: Istanbul è una città bellissima, e si stavano divertendo molto. Chi se lo sarebbe potuto mai aspettare? Avevo parlato con loro solo poche ore prima, c'e' la loro immagine presa da un canale tv in cui salutano e augurano il buon anno. Li apsettavamo il giorno dopo, avevamo anche già preparato il pranzo per il primo dell’anno… poi tutto questo. So che mio figlio è morto sul colpo, colpito ala testa da due proiettili. Mia nuora poteva scappare, strisciando, dal terrazzo, ma lo ha visto cadere ed è subito tornata indietro per aiutarlo. E così anche lei è stata colpita. Le sue ferite non erano letali, ma è morta dissanguata: i soccorsi infatti sono arrivati solamente dopo un’ora e mezza. Tutto questo per me è stato come un terremoto: così inaspettato, così orribile… Poi realizzi che è tutto vero, che sono morti. Morti. Morti per davvero: torneranno in una bara. Mio figlio maggiore era in Grecia, e' andato lui a Istanbul, a riconoscere i corpi e a riportarli a casa. Hanno avuto funerali di Stato, Mario. Funerali di Stato! C’erano il presidente, il primo ministro, il governo. Tutti i politici, di tutti i partiti, e le Ong…c’erano tutti. E tutti sono rimasti sconvolti; continuo a ricevere messaggi di persone che non conosco che mi dicono: “Non ti abbiamo mai incontrata, ma siamo scioccati e addolorati”. Mio figlio mi mancherà per sempre. Per sempre.

 Mario: C’è anche una bambina, anche lei una vittima del terrorismo. Con chi vive ora? Vive con lei o con gli altri nonni?

 Khadija: La bambina oggi vive con i nonni materni. Abitano in una casa più grande, e vivono nello stesso quartiere di mio figlio e sua moglie.

 Mario: Grazie Khadija, grazie credo anche da tutti i nostri ascoltatori. Il suo è stato un racconto davvero emozionante, e lei ha trovato anche la forza di andare avanti e continuare a combattere. Adesso anche contro il terrorismo. Ecco, con che messaggio vuole lasciarci dalle Nazioni Unite, da questo ombrello che raccoglie l’umanità?

Khadija: Dobbiamo combattere la violenza, ma soprattutto dobbiamo prenderci cura dei nostri bambini, dei nostri giovani. Le madri ricoprono un ruolo importante, ma anche i padri: non possono lasciare solo alle donne la responsabilità di educare i figli. Dobbiamo tenerli al sicuro da tutta questa violenza, perché ovunque ci sono persone che tentano di reclutarli. Ovunque. Dobbiamo invece spingerli verso la letteratura, lo sport, l’arte e l’istruzione in generale. Dobbiamo combattere la povertà e la disoccupazione, ma sopratutto dobbiamo ascoltare i nostri bambini. Troppo spesso infatti non troviamo il tempo per farlo, ma dobbiamo. Bisogna sempre trovare un momento per ascoltare i propri figli.


Altri Servizi

Boston, migliaia di persone marciano contro il razzismo

Una manifestazione per protestare contro un'altra marcia organizzata da un gruppo di destra. Otto arresti. Il tweet di Trump: "Voglio elogiare le persone che si battono contro l'odio e l'intolleranza. Presto saremo un paese unito".

Migliaia di persone hanno manifestato pacificamente a Boston contro il razzismo che dopo la manifestazione di sabato scorso a Charlottesville, in Virginia, è ritornato ad essere argomento centrale del dibattito in America. Secondo la polizia di Boston sono state oltre 40.000, un numero ernome che ha eclissato la prima manifestazione organizzata nella città, quella per la libertà di espressione, voluta da un gruppo di destra.

Lo stratega Bannon fuori dalla Casa Bianca

L'annuncio è stato dato dalla portavoce del presidente Trump, dopo le voci sul licenziamento; secondo altre fonti, sarebbe stato lo stratega a dimettersi
AP

Steve Bannon lascia l'amministrazione Trump. Lo stratega del presidente, fondamentale in campagna elettorale, trascorrerà oggi il suo ultimo giorno di lavoro alla Casa Bianca. A comunicarlo, con una breve dichiarazione, è stata la portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders: "Il capo di gabinetto, John Kelly, e Steve Bannon hanno deciso di comune accordo che oggi sarà l'ultimo giorno di Steve. Siamo grati per il suo servizio e gli auguriamo il meglio".

Oro sopra i 1.300 dollari l'oncia, prima volta da novembre

Dal caos politico legato a Trump all'attacco terroristico a Barcellona. Ecco perché il rally potrebbe non essere finito

Per la prima volta dallo scorso novembre, l'oro ha raggiunto un valore di almeno 1.300 dollari all'oncia. Il contratto dicembre al Comex, divisione del New York Mercantile Exchange, si è spinto fino a 1.306,90 dollari l'oncia. La corsa del metallo prezioso, arrivata al terzo giorno consecutivo, è alimentata dall'avversione al rischio, con gli investitori preoccupati dal rischio che l'agenda pro-crescita e pro-business promessa da Donald Trump possa deragliare visto il caos politico esploso in Usa dopo i commenti controversi del presidente sulle violenze esplose sabato scorso a Charlottesville (Virginia). Quei commenti hanno portato allo sfaldamento di due forum economici voluti da Trump, che di fronte a un esodo di Ceo pare avere rinunciato alla creazione di uno dedicato alle infrastrutture.

La Silicon Valley vende l'antico sogno dell'immortalità

Il filosofo Metzinger ne parla sul Financial Times. Siamo di fronte a una religione senza dio che promettendo il futuro infinito vende i propri prodotti
AP

Sembra che negli ultimi anni le startup e i grandi colossi della Silicon Valley si stia concentrando su un unico tema: vendere il più grande e antico sogno dell'uomo, l'immortalità. Nel 2013 Google ha fondato Calico, che ha come scopo quello di portare l'umanità verso una vita più lunga e in salute. Altri, come Aubrey de Grey, si sono spinti ancora più in là: ha fondato infatti Strategies for Engineered Negligible Senescence, una startup che prevede di risolvere l'invecchiamento trattandolo come un problema ingegneristico. Proprio a Google invece lavora, Ray Kurzweil, che ha fissato per il 2045 l'anno della singolarità, quando potremo fondarci con le macchine e moltiplicare la nostra intelligenza in modo impensabile. Ne scrive sul Financial Times, Thomas Metzinger, filosofo tedesco che insegna alla Johannes Gutenberg University di Magonza, in Germania.

Conto alla rovescia per l'eclissi totale di sole negli Stati Uniti

Tutti quello che c'è da sapere sul fenomeno astronomico più importante degli ultimi cento anni in America

Lunedì 21 agosto in un'ampia parte degli Stati Uniti, che va dall'Oregon fino alla South Carolina, sarà visibile un'eclissi totale di sole.

Fca si unisce a Bmw e Intel per sviluppo guida autonoma

Il gruppo automobilistico italo americano ha firmato un memorandum of understanding con la rivale tedesca e Mobileye, controllata del produttore Usa di microprocessori
AP

Mentre il mercato continua a domandarsi se e quale gruppo cinese abbia fatto un'offerta per rilevare Fiat Chrysler Automobiles (Geely ha negato) e se ci sarano altri spin-off (Magneti Marelli?) dopo quello di Ferrari, il gruppo guidato da Sergio Marchionne continua a siglare intese per rafforzarsi nella tecnologia della guida autonoma. Se nel maggio 2016 Fca era diventata la prima azienda automobilistica a siglare un accordo non esclusivo con Google (Waymo), ora è il primo costruttore automobilistico ad unirsi alla tedesca Bmw e all'americana Intel per lo sviluppo di una piattaforma di guida autonoma all’avanguardia. I tre gruppi hanno infatti siglato un Memorandum of Understanding.

Bannon, Scaramucci, Comey: tutte le teste cadute alla Casa Bianca

In sei mesi Donald Trump ha cacciato sei persone dal suo governo
AP

Lo stratega capo Steven Bannon è solo l’ultimo di una serie di vittime della Casa Bianca di Donald Trump, che ha fatto fuori esperti, funzionari e collaboratori a un ritmo che non si vedeva da anni. Molti media hanno accusato il presidente americano di usare al governo lo stesso stile di un reality show come The Apprentice, che ha condotto per anni, con colpi di scena e cambiamenti improvvisi. Di seguito la lista, incompleta, delle persone messe alla porta nell’ultimo anno.

Mls, errore clamoroso del Var. Espulso Kaka per condotta violenta, ma stava scherzando

L'arbitro Jorge Gonzalez ha sventolato il rosso alla stella brasiliana durante New York Red Bulls e Orlando

Ricardo Kaka è stato espulso. Già questa è una notizia considerando che il giocatore brasiliano ex Milan e Real Madrid, oggi numero dieci di Orlando City, ha ricevuto solo un altro cartellino rosso nella sua carriera. Eppure c’è dell’altro perché l’espulsione del brasiliano, avvenuta "per condotta violenta", è scaturita dopo l’intervento del Var (video assistant referee) che esamina le decisioni degli altri arbitri in campo tramite l'ausilio di filmati, si tratta di quella che in gergo viene definita "moviola in campo".

Gab, il social network dell'estrema destra, ha raccolto un milione di dollari

Una spinta alla raccolta fondi l'hanno data gli ultimi eventi, a partire da Charlottesville: 500.000 dollari ottenuti questa settimana

Molte grandi società hi-tech, a partire dai social network, hanno deciso di bloccare i contenuti e gli account riconducibili ai suprematisti bianchi e agli altri gruppi di estrema destra negli Stati Uniti, soprattutto dopo le violenze di Charlottesville, in Virginia, dove una ragazza antirazzista è stata uccisa. Nel frattempo, il movimento 'alt-right' ha raccolto un milione di dollari per Gab, definito "un network per chi crede nella libertà di parola, nella libertà individuale e nel libero flusso di informazione online", che in realtà è un network di estrema destra, rifiutato dagli 'app stores'. Gab ha annunciato il risultato ottenuto su Twitter, dove ha attaccato "l'immondizia elitaria della Silicon Valley". L'avatar di Gab è la rana 'Pepe', simbolo del movimento 'alt-right'.

Da Goldman ad Apple, Corporate America contro il razzismo e l'odio

Il Ceo di GE, Jeff Immelt, condanna le violenze di Charlottesville ma come Dell resta del consiglio per la manifattura di Trump, che invece l'a.d. di Merck ha lasciato

Nel giorno in cui, con 48 ore di ritardo, il presidente americano Donald Trump ha esplicitamente criticato gruppi di suprematisti bianchi responsabili delle violenze di sabato scorso a Charlottesville (Virginia), la Corporate America si è unita nel dire no all'odio e al razzismo.