KKR indica i successori dei suoi fondatori

Mossa storica per il settore di riferimento. A Scott Nuttall e Joseph Bae la gestione quotidiana del gruppo. Henry Kravis e George Roberts restano co-Ceo

Per la prima volta nella sua storia, la società di private equity KKR ha indicato i successori ai suoi fondatori. La mossa rappresenta una novità per il settore di riferimento, dove prevale la segretezza sui piani di successione.

Consapevole che la capacità del gruppo di rastrellare capitali e siglare accordi dipende dall'identità di chi è alla sua guida, il gruppo ha promosso due persone arrivate al suo interno oltre 20 anni fa. Si tratta di Scott Nuttall, 44 anni, e Joseph Bae, 45: sono stati nominati co-presidenti, co-direttori operativi e membri del consiglio di amministrazione di KKR.

Anche se formalmente i fondatori Henry Kravis e George Roberts, sui 70 anni, restano co-presidenti del cda e co-amministratori delegati, ai due giovani manager va la gestione quotidiana di KKR; avranno responsabilità diverse in aree differenti. (Segue)

"L'annuncio di oggi riguarda il futuro ed è garanzia del fatto che abbiamo il team e la struttura di leadership giusti per servire i nostri clienti e partner nei decenni a venire", hanno detto Kravis e Roberts in una nota. "Essendo arrivati nel gruppo oltre 20 anni fa, Joe e Scott hanno fondamenta solide di fiducia, rispetto professionale e amicizia personale che sono cruciali per il successo. Pensano e agiscono globalmente, rappresentano i valori chiave di KKR e sono due dei leader di business di più successo, con risultati comprovati nel gestire team grandi, costruendo business nuovi e guidando valore per i nostri investitori", hanno aggiunto i due fondatori.

Nuttall e Bae hanno a loro volta detto che "KKR è un'azienda davvero speciale e siamo onorati di unirci a Henry e George come parte del team di leadership esecutiva per aiutare a portare KKR al prossimo gradino di crescita e sviluppo".

La transizione ha portato a due uscite da KKR: quella di Alex Navab, che pareva essere tra i possibili successori ai fondatori, lascia la gestione del private equity nelle Americhe; Todd Fisher, a capo dell'amministrazione, se ne va per perseguire altre opportunità.

Altri Servizi

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento