Kraft offre 143 mld di dollari a Unilever, che rifiuta proposta d'acquisto

Il formaggio da spalmare Philadelphia e i biscotti Plasmon finirebbero sotto lo stesso tetto dei prodotti per il corpo Dove e delle minestre Knorr. Ostacoli antitrust e politici in vista. Buffett e 3G Capital pronti ad alzare l'offerta

Due dei più grandi produttori al mondo di beni al consumo si preparano a una potenziale battaglia. L'anglo-olandese Unilever non ha accettato un'offerta di acquisto per 143 miliardi di dollari da parte dell'americana Kraft Heinz, il colosso nato nel 2015 e controllato da Warren Buffett e 3G Capital.

L'uomo a capo della conglomerata Berkshire Hathaway e il fondo brasiliano sperano di sfruttare il calo della sterlina dovuto alla Brexit, cosa che rende asset britannici più abbordabili agli occhi di acquirenti non britannici con a disposizione ricche risorse. Se mai verrà realizzata, sarebbe la seconda operazione di M&A della storia dopo l'acquisto da parte di Vodafone della tedesca Mannesmann per 183 miliardi di dollari; era il 2000. Un accordo porterebbe sotto lo stesso tetto i prodotti di Unilver come i saponi Dove e le minestre Knorr e quelli di Kraft come il formaggio da spalmare Philadelphia e i biscotti Plasmon.

La proposta di Kraft Heinz
Kraft ha messo sul piatto 50 dollari in contanti e azioni, un premio del 18% rispetto al valore del titolo Unilever del giorno precedente alla conferma dell'offerta fatta. Unilever ha risposto dicendo che quanto proposto "sottovaluta di gran lunga" il gruppo, che "ha rifiutato l'offerta perché non vede alcun senso, né finanziario né strategico", per i suoi soci. Anche per questo l'azienda anglo-olandese non crede che ci siano le basi per "discussioni ulteriori".

Kraft punta a trattare
Kraft la pensa diversamente: la sua offerta è "completa" e volta a unire due gruppi "con una missione di crescita di lungo termine". Il gruppo ha spiegato che "anche se Unilever non ha accettato la proposta, siamo impazienti di lavorare per raggiungere un accordo sui termini di una transazione". Kraft ha precisato però che non c'è alcuna certezza che una offerta formale sia fatta al consiglio di amministrazione di Unilever. In base alle legge del Regno Unito, Kraft Heinz ha tempo fino al 17 marzo per presentare una offerta; se non lo farà, non potrà avvicinarsi a Unilver per sei mesi.

Ostacoli antitrust e politici all'operazione
L'operazione avrebbe senso: Kraft genera i suoi profitti soprattutto in Usa mentre Unilver è più esposta ai mercati emergenti (dove genera il 58% dei ricavi). Gli ostacoli tuttavia sono molteplici, a cominciare da quelli antitrust. Ci sono poi quelli politici: per il momento i governi di Regno Unito e Olanda non si sono pronunciati ma le avance di Kraft arrivano in un anno in cui ci saranno le elezioni in Olanda, dove Unilver ha radici profonde. Anche la struttura organizzativa di Unilver complica il quadro: ha quartieri generali sia a Londra sia ad Amsterdam, le città dove l'azienda è per altro quotata.

Kraft può offrire di più
A Buffett e 3G Capital, impegnati in una riduzione enorme dei costi in Kraft, non resta che alzare l'offerta. Due fattori portano a credere che questo scenario sia possibile: l'oracolo di Omaha e il fondo brasiliano potrebbero iniettare nuovi capitali nel gruppo, che dal 2013 ha raddoppiato i margini operativi lordi proprio grazie alla riduzione dei costi.

Mentre Kraft vola al Nasdaq (+7,4%) e Unilever fa altrettando al Nyse (+12,4%), Mondelez International soffre sul listino tecnologico Usa (-1,5%): era vista come una potenziale preda di Kraft. Nello stesso comparto, vari gruppi americani hanno deluso i loro azionisti: nel giorno della notizia del tentato merger, General Mills (-3%) ha abbassato le stime per l'anno fiscale; Campbell Soup (-6,6%) ha chiuso un trimestre deludente e J.M. Smucker (-3,6%) si aspetta un futuro peggiore.

Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

A mercati chiusi è arrivata quella, superiore alle stime, di Netflix
AP

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Cook: "La realtà aumentata cambierà la nostra vita, ma gli occhiali smart non sono ancora pronti"

L'amministratore delegato di Apple, intervistato dall'Independent, non parla solo di tecnologia: "La vita sarebbe così tanto più facile se solo trattassimo tutti con dignità e rispetto"
iStock

La realtà aumentata (AR) cambierà la nostra vita. Ne è convinto Tim Cook, l'amministratore delegato di Apple, che ha rilasciato un'intervista all'Independent. La società di Cupertino ha realizzato ArKit, una piattaforma che "offre un'opportunità commerciale a tutti i progetti basati sull'AR; senza questa opportunità non ci sarebbero 15 milioni di persone pronte a sviluppare le proprie passioni con la realtà aumentata".

Il Ceo di Blackrock: Bitcoin un "indice del riciclaggio di denaro"

Laurence Fink si unisce a James Dimon, numero uno di JP Morgan, nel criticare la criptovaluta. Lagarde non esclude che l'Fmi possa arrivare a svilupparne una sua

"Un indice del riciclaggio del denaro". Così il Ceo di Blackrock ha definito Bitcoin. E' stato Laurence Fink, l'uomo a capo del più grande gruppo di asset management al mondo, a lanciare l'ultimo attacco contro la criptovaluta già definita una "frode" dall'amministratore delegato di JP Morgan, che dopo l'ennesima critica sulla valuta digitale ha promesso che non si pronuncerà più sull'argomento.

Netflix: gli iscritti al di fuori degli Usa spingono i conti

Nel terzo trimestre conquistati 5,3 milioni di nuovi abbonati di cui 85mila in Usa e 4,45 milioni all'estero. Utili +150% a 130 milioni di dollari; ricavi +30,3% a 2,98 miliardi. Anche l'outlook superara le stime degli analisti
AP

Ecco la startup di New York che porta nel cloud il guardaroba a noleggio

Con 89 dollari al mese, Rent the Runway permette di scegliere quattro capi. Lanciato il primo spot con cui preannuncia la fine delle cabine armadio
Rent the runway

Casa Bianca: taglio aliquote aziendali sosterrà i salari. I democratici: matematica fake

I consiglieri economici di Trump sostengono che riducendola al 20% dal 35%, i redditi delle famiglie saliranno almeno di 4mila dollari l'anno
AP

Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap

L'ansia, un disturbo sempre più diffuso tra gli adolescenti americani

È la storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine ed è la più letta della settimana sul sito nytimes.com

Amazon sbarcherà nel mercato dell'abbigliamento sportivo (con il proprio marchio)

Lo rivela Bloomberg. La società di Bezos starebbe già lavorando con alcuni produttori di Taiwan