Kraft offre 143 mld di dollari a Unilever, che rifiuta proposta d'acquisto

Il formaggio da spalmare Philadelphia e i biscotti Plasmon finirebbero sotto lo stesso tetto dei prodotti per il corpo Dove e delle minestre Knorr. Ostacoli antitrust e politici in vista. Buffett e 3G Capital pronti ad alzare l'offerta

Due dei più grandi produttori al mondo di beni al consumo si preparano a una potenziale battaglia. L'anglo-olandese Unilever non ha accettato un'offerta di acquisto per 143 miliardi di dollari da parte dell'americana Kraft Heinz, il colosso nato nel 2015 e controllato da Warren Buffett e 3G Capital.

L'uomo a capo della conglomerata Berkshire Hathaway e il fondo brasiliano sperano di sfruttare il calo della sterlina dovuto alla Brexit, cosa che rende asset britannici più abbordabili agli occhi di acquirenti non britannici con a disposizione ricche risorse. Se mai verrà realizzata, sarebbe la seconda operazione di M&A della storia dopo l'acquisto da parte di Vodafone della tedesca Mannesmann per 183 miliardi di dollari; era il 2000. Un accordo porterebbe sotto lo stesso tetto i prodotti di Unilver come i saponi Dove e le minestre Knorr e quelli di Kraft come il formaggio da spalmare Philadelphia e i biscotti Plasmon.

La proposta di Kraft Heinz
Kraft ha messo sul piatto 50 dollari in contanti e azioni, un premio del 18% rispetto al valore del titolo Unilever del giorno precedente alla conferma dell'offerta fatta. Unilever ha risposto dicendo che quanto proposto "sottovaluta di gran lunga" il gruppo, che "ha rifiutato l'offerta perché non vede alcun senso, né finanziario né strategico", per i suoi soci. Anche per questo l'azienda anglo-olandese non crede che ci siano le basi per "discussioni ulteriori".

Kraft punta a trattare
Kraft la pensa diversamente: la sua offerta è "completa" e volta a unire due gruppi "con una missione di crescita di lungo termine". Il gruppo ha spiegato che "anche se Unilever non ha accettato la proposta, siamo impazienti di lavorare per raggiungere un accordo sui termini di una transazione". Kraft ha precisato però che non c'è alcuna certezza che una offerta formale sia fatta al consiglio di amministrazione di Unilever. In base alle legge del Regno Unito, Kraft Heinz ha tempo fino al 17 marzo per presentare una offerta; se non lo farà, non potrà avvicinarsi a Unilver per sei mesi.

Ostacoli antitrust e politici all'operazione
L'operazione avrebbe senso: Kraft genera i suoi profitti soprattutto in Usa mentre Unilver è più esposta ai mercati emergenti (dove genera il 58% dei ricavi). Gli ostacoli tuttavia sono molteplici, a cominciare da quelli antitrust. Ci sono poi quelli politici: per il momento i governi di Regno Unito e Olanda non si sono pronunciati ma le avance di Kraft arrivano in un anno in cui ci saranno le elezioni in Olanda, dove Unilver ha radici profonde. Anche la struttura organizzativa di Unilver complica il quadro: ha quartieri generali sia a Londra sia ad Amsterdam, le città dove l'azienda è per altro quotata.

Kraft può offrire di più
A Buffett e 3G Capital, impegnati in una riduzione enorme dei costi in Kraft, non resta che alzare l'offerta. Due fattori portano a credere che questo scenario sia possibile: l'oracolo di Omaha e il fondo brasiliano potrebbero iniettare nuovi capitali nel gruppo, che dal 2013 ha raddoppiato i margini operativi lordi proprio grazie alla riduzione dei costi.

Mentre Kraft vola al Nasdaq (+7,4%) e Unilever fa altrettando al Nyse (+12,4%), Mondelez International soffre sul listino tecnologico Usa (-1,5%): era vista come una potenziale preda di Kraft. Nello stesso comparto, vari gruppi americani hanno deluso i loro azionisti: nel giorno della notizia del tentato merger, General Mills (-3%) ha abbassato le stime per l'anno fiscale; Campbell Soup (-6,6%) ha chiuso un trimestre deludente e J.M. Smucker (-3,6%) si aspetta un futuro peggiore.

Altri Servizi

Dopo il pressing, Trump condanna i suprematisti bianchi

Per il presidente Usa, il razzismo è il male. "Criminali" gli autori delle violenze a Charlottesville. Il segretario alla Giustizia lo aveva difeso. Il sito neonazi Daily Stormer cavalcava l'assenza di un messaggio duro. Il Ceo di Merck lo ha abbandonato
AP

Nel giorno in cui Donald Trump ha deciso di interrompere la sua "vacanza di lavoro" nel suo golf club in New Jersey per fare una tappa di qualche ora alla Casa Bianca prima di recarsi a New York City, l'America e i membri del suo partito hanno continuato a fare pressing su di lui. E lui li ha accontentati denunciando per nome i suprematisti bianchi.

Netflix sfida Amazon e Disney: recluta creatrice di "Grey's Anatomy"

E' corsa ai migliori talenti. Il sito di video in streaming risponde al colosso del commercio elettronico (che ha arruolato il produttore di "The Walking Dead") e a quello dell'intrattenimento (che ha silurato il gruppo)

Tra Netflix e Amazon la sfida è ufficialmente aperta così come tra vecchi e nuovi gruppi media. Il sito di video in streaming ha annunciato di avere reclutato la creatrice delle serie “Scandal” e “Grey’s Anatomy”; una risposta al fatto che tre giorni prima il colosso del commercio elettronico avesse detto di avere arruolato il creatore della serie tv "The Walking Dead".

Charlottesville: il killer ammirava Hitler

Lo ha riferito il suo ex insegnante

James Alex Fields, il ventenne militante dell'alt right che sabato scorso si è lanciato con la propria auto contro i manifestanti anti-razzisti a Charlottesville, uccidendo una persona e ferendone altre 19, aveva espresso posizioni molto radicali e vicine all'ideologia nazista. Lo ha detto in un'intervista a Cnn Derek Weimer, ex insegnante del ragazzo.

Steve Bannon rischia di essere cacciato dalla Casa Bianca

Dopo la condanna della base suprematista da parte di Trump, in molti all'interno del governo sperano che il presidente metta alla porta uno dei suoi più fidati consiglieri. Lo farà?
AP

La morte e la distruzione causata dai migliaia di estremisti bianchi che hanno manifestato sabato 12 agosto a Charlottesville, in Virginia, rappresentano una prova fondamentale per Donald Turmp e per la sua presidenza. Il miliardario ha aspettato 48 ore prima di condannare le violenze e il razzismo e il suprmastismo in modo univico.

L'alt-right sta creando la Silicon Valley ombra

I suprematisti bianchi, banditi da Uber, Airbnb e Twitter, hanno creato i loro servizi paralleli
AP

Dopo gli scontri avvenuti a Charlottesville, in Virginia, nel corso della manifestazione di migliaia di suprematisti bianchi, alcuni servizi della Silicon Valley hanno deciso espellere diverse persone che hanno partecipato alla giornata di violenza. Airbnb in particolare ha escluso tutti i neonazisti che avevano prenotato stanze nella città giorni prima della manifestazione di sabato 12 agosto. Allo stesso tempo anche Uber ha iniziato a comportarsi in modo molto più rigoroso verso gli estremisti di destra. Per questo motivo i gruppi dell'alt-right americana stanno creando servizi che ricalcano quelli della Silicon Valley, ai quali non possono più partecipare.

Corea del Nord ritira minaccia contro Guam, Seul avverte gli Usa

Pyongyang tenta di calmare le tensioni con Washington, che controlla l'isola nel Pacifico. La Corea del Sud avverte: nessuna azione militare senza il nostro consenso

Dopo un duello di parole acceso tra il regime di Kim Jong Un e il presidente americano Donald Trump e all'indomani di nuove sanzioni imposte dalla Cina, la Corea del Nord sembra avere ritirato la sua minaccia contro Guam ossia l'isola nel Pacifico occidentale che è un territorio Usa con circa 7.000 soldati.

Wall Street rimbalza, tensioni Usa-Corea del Nord allentate

Dopo avere archiviato una settimana in calo, gli indici si preparano a un rimbalzo
AP

Da Goldman ad Apple, Corporate America contro il razzismo e l'odio

Il Ceo di GE, Jeff Immelt, condanna le violenze di Charlottesville ma come Dell resta del consiglio per la manifattura di Trump, che invece l'a.d. di Merck ha lasciato

Nel giorno in cui, con 48 ore di ritardo, il presidente americano Donald Trump ha esplicitamente criticato gruppi di suprematisti bianchi responsabili delle violenze di sabato scorso a Charlottesville (Virginia), la Corporate America si è unita nel dire no all'odio e al razzismo.

Facebook sfida YouTube: nasce la piattaforma video Watch

Un nuovo servizio con piccoli show esclusivi, e partner come la Nasa e l'Nba

Facebook ha lanciato una sfida a YouTube, parte di Google (a sua volta controllata da Alphabet). Il più grande social network al mondo ha presentato un nuovo servizio di contenuti video esclusivi: Watch.

Trump vuole inchiesta su furti proprietà intellettuale da parte della Cina

Pechino risponde: non ci sarebbero vincitori in una guerra commerciale. La mossa del presidente Usa mentre cerca dalla nazione asiatica un maggiore pressing sulla Corea del Nord
AP

Donald Trump alza il tiro contro la Cina su tecnologia e proprietà intellettuale. Come aveva fatto sapere la Casa Bianca, il presidente ha firmato un memorandum che riguarda pratiche, politiche e leggi cinesi, con particolare attenzione alle tematiche collegate appunto a innovazione, tecnologia e proprietà intellettuale. Così l'amministrazione americana intende rispondere a presunti furti di proprietà intellettuali, aumentando le pressioni su Pechino in quella che potrebbe trasformarsi in una rappresaglia commerciale in un momento in cui Washington vorrebbe dalla Cina maggiore collaborazione nella gestione della crisi nucleare nordcoreana.