Kraft offre 143 mld di dollari a Unilever, che rifiuta proposta d'acquisto

Il formaggio da spalmare Philadelphia e i biscotti Plasmon finirebbero sotto lo stesso tetto dei prodotti per il corpo Dove e delle minestre Knorr. Ostacoli antitrust e politici in vista. Buffett e 3G Capital pronti ad alzare l'offerta

Due dei più grandi produttori al mondo di beni al consumo si preparano a una potenziale battaglia. L'anglo-olandese Unilever non ha accettato un'offerta di acquisto per 143 miliardi di dollari da parte dell'americana Kraft Heinz, il colosso nato nel 2015 e controllato da Warren Buffett e 3G Capital.

L'uomo a capo della conglomerata Berkshire Hathaway e il fondo brasiliano sperano di sfruttare il calo della sterlina dovuto alla Brexit, cosa che rende asset britannici più abbordabili agli occhi di acquirenti non britannici con a disposizione ricche risorse. Se mai verrà realizzata, sarebbe la seconda operazione di M&A della storia dopo l'acquisto da parte di Vodafone della tedesca Mannesmann per 183 miliardi di dollari; era il 2000. Un accordo porterebbe sotto lo stesso tetto i prodotti di Unilver come i saponi Dove e le minestre Knorr e quelli di Kraft come il formaggio da spalmare Philadelphia e i biscotti Plasmon.

La proposta di Kraft Heinz
Kraft ha messo sul piatto 50 dollari in contanti e azioni, un premio del 18% rispetto al valore del titolo Unilever del giorno precedente alla conferma dell'offerta fatta. Unilever ha risposto dicendo che quanto proposto "sottovaluta di gran lunga" il gruppo, che "ha rifiutato l'offerta perché non vede alcun senso, né finanziario né strategico", per i suoi soci. Anche per questo l'azienda anglo-olandese non crede che ci siano le basi per "discussioni ulteriori".

Kraft punta a trattare
Kraft la pensa diversamente: la sua offerta è "completa" e volta a unire due gruppi "con una missione di crescita di lungo termine". Il gruppo ha spiegato che "anche se Unilever non ha accettato la proposta, siamo impazienti di lavorare per raggiungere un accordo sui termini di una transazione". Kraft ha precisato però che non c'è alcuna certezza che una offerta formale sia fatta al consiglio di amministrazione di Unilever. In base alle legge del Regno Unito, Kraft Heinz ha tempo fino al 17 marzo per presentare una offerta; se non lo farà, non potrà avvicinarsi a Unilver per sei mesi.

Ostacoli antitrust e politici all'operazione
L'operazione avrebbe senso: Kraft genera i suoi profitti soprattutto in Usa mentre Unilver è più esposta ai mercati emergenti (dove genera il 58% dei ricavi). Gli ostacoli tuttavia sono molteplici, a cominciare da quelli antitrust. Ci sono poi quelli politici: per il momento i governi di Regno Unito e Olanda non si sono pronunciati ma le avance di Kraft arrivano in un anno in cui ci saranno le elezioni in Olanda, dove Unilver ha radici profonde. Anche la struttura organizzativa di Unilver complica il quadro: ha quartieri generali sia a Londra sia ad Amsterdam, le città dove l'azienda è per altro quotata.

Kraft può offrire di più
A Buffett e 3G Capital, impegnati in una riduzione enorme dei costi in Kraft, non resta che alzare l'offerta. Due fattori portano a credere che questo scenario sia possibile: l'oracolo di Omaha e il fondo brasiliano potrebbero iniettare nuovi capitali nel gruppo, che dal 2013 ha raddoppiato i margini operativi lordi proprio grazie alla riduzione dei costi.

Mentre Kraft vola al Nasdaq (+7,4%) e Unilever fa altrettando al Nyse (+12,4%), Mondelez International soffre sul listino tecnologico Usa (-1,5%): era vista come una potenziale preda di Kraft. Nello stesso comparto, vari gruppi americani hanno deluso i loro azionisti: nel giorno della notizia del tentato merger, General Mills (-3%) ha abbassato le stime per l'anno fiscale; Campbell Soup (-6,6%) ha chiuso un trimestre deludente e J.M. Smucker (-3,6%) si aspetta un futuro peggiore.

Altri Servizi

Usa: il segretario al Tesoro brinda al dollaro forte

Per Mnuchin, intervistato dal Wall Street Journal, è il segno della fiducia nell'economia americana. Il presidente Trump aveva detto che il biglietto verde è "troppo forte"
Wikimedia Commons

Nella sua prima intervista da quando è diventato segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin ha detto che un dollaro forte è il segno della fiducia nell'economia Usa. Le sue parole contrastano con quelle del presidente Donald Trump, che aveva detto che la divisa Usa è "troppo forte".

Amministrazione Trump "molto delusa" per l'estradizione di de Sousa

L'ex agente della Cia condannata per il rapimento di Abu Omar sarà consegnata dal Portogallo all'Italia, dove deve scontare una pena di 4 anni. Sarebbe la prima a 'pagare' per il programma delle 'extraordinary renditions' degli Stati Uniti

L'amministrazione Trump è "profondamente delusa" per l'imminente estradizione di Sabrina de Sousa, l'ex agente della Cia condannata dal Tribunale di Milano per il rapimento di Abu Omar, che sarà consegnata dal Portogallo alle autorità italiane nei prossimi giorni.

La Fed segnala un rialzo dei tassi "relativamente presto"

Una stretta a marzo resta possibile. Incertezza legata ai cambiamenti della politica fiscale di Trump. Lanciato un avvertimento: gli stimoli e i tagli alle tasse promessi "potrebbero non materializzarsi"

Forse un rialzo dei tassi nella riunione di marzo non ci sarà ma di sicuro verrà preso in considerazione. E' questo il messaggio che emerge dai verbali pubblicati oggi dalla Federal Reserve e relativi al meeting del 31 gennaio e primo febbraio scorsi. Allora molti membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale americano dissero che potrebbe essere "appropriato" aumentare di nuovo il costo del denaro "relativamente presto". Cosa ciò significhi non è dato sapere ma chiaramente la Fed vuole preparare il mercato una possibile stretta futura.

Sono passati 51anni dalla morte di Malcolm X

L'attivista per i diritti degli afroamericani fu assassinato il 21 febbraio 1965 a New York

Cinquantuno anni fa, il 21 febbraio 1965, moriva uno dei più importanti leader per i diritti degli afroamericani e i diritti umani in genere che il ventesimo secolo ricordi: Malcolm X. L'attivista fu assassinato durante un comizio a Manhattan all'età di 39 anni, con sette colpi di pistola, dai membri dell'associazione della quale era un tempo portavoce: la Nation of Islam.

Wall Street digerisce le minute della Fed

La Federal Reserve ha pubblicato i verbali della riunione del 31 gennaio e del primo febbraio. Atteso un rialzo dei tassi "relativamente presto"
AP

Tiffany: l'italiano Trapani entra nel cda

L'ex Ceo di Bulgari aiuterà nella ricerca del nuovo amministratore delegato della catena americana di gioiellerie

La catena di gioiellerie Tiffany ha siglato un accordo con l'investitore attivista Jana Partners in base al quale aggiungerà tre direttori indipendenti nel suo consiglio di amministrazione, che sarà composto da 13 persone e non più 10. Tra di loro, non più tardi dei sei marzo prossimo ci sarà anche l'italiano Francesco Trapani, ex Ceo di Bulgari.

Washington Post, nuovo slogan anti-Trump sul sito: "La democrazia muore nell'oscurità"

La scritta è apparsa sotto il nome della testata. Per Steve Bannon, il superconsigliere del presidente, invece, "l'oscurità è una cosa buona"
AP

"La democrazia muore nell'oscurità". Da ieri sera, questa scritta appare, in corsivo, sotto il nome della testata della versione online del Washington Post, che porta a un ulteriore livello lo scontro con Donald Trump. Per Steve Bannon, il superconsigliere del presidente degli Stati Uniti, invece, "l'oscurità è una cosa buona".

Apple: da aprile apre il campus futuristico voluto da Steve Jobs

Ci vorranno sei mesi per trasferire gli oltre 12.000 dipendenti. L'edificio di vetro alimentato interamente da energie rinnovabili
Apple

I dipendenti di Apple inizieranno a trasferirsi nel nuovo quartier generale dal prossimo aprile. Ci vorranno sei mesi per il trasferimento di oltre 12.000 persone nel cosiddetto Apple Park, il campus nel cuore della Santa Clara Valley (California) voluto dal fondatore ed ex numero uno Steve Jobs come "centro di creatività e collaborazione".

Scoperti sette pianeti simili alla Terra

Ruotano introno alla stella TRAPPIST-1 e sono abbastanza vicini al nostro sistema solare. Potrebbero ospitare acqua allo stato liquido e forse anche la vita

La scoperta di oggi della NASA non solo ci dà la possibilità di sognare, ma potrebbe essere l'inizio di uno studio per capire se esiste la vita all'esterno della Terra. L'agenzia spaziale americana ha annunciato che un team internazionale di scienziati ha scoperto un sistema di sette pianeti rocciosi, di dimensioni simili alla Terra che ruotano attorno a una stella nana, TRAPPIST-1.