Trump sceglie Kudlow come consigliere economico

Il commentatore repubblicano della Cnbc prenderà il posto lasciato da Gary Cohn. Ha criticato i dazi su acciaio e alluminio ma ha promosso la riforma fiscale. Nel dicembre 2007 disse che in Usa non ci sarebbe stata una recessione, poi esplosa

L'economista repubblicano Lawrence Kudlow, 70 anni, ha detto di avere "immediatamente" accettato il ruolo di consigliere economico offertogli ieri dal presidente americano. In una intervista a Cnbc, colui che attualmente è un commentatore di stampo conservatore per quell'emittente ha aggiunto che la sua nomina di direttore del National Economic Council della Casa Bianca potrebbe essere annunciata domani, motivo per cui sarà a Washington dove per altro è organizzato un evento di stampo commerciale. La Casa Bianca ha fatto sapere che "al momento non c'è nessun annuncio sul personale da fare".

Se la nomina sarà confermata, Kudlow prenderà il posto di Gary Cohn, l'ex presidente di Goldman Sachs passato al fianco di Donald Trump nel gennaio 2017 e dimessosi lo scorso 6 marzo dopo avere perso la sua battaglia contro l'introduzione di dazi su acciaio e alluminio importati in Usa. Kudlow ha lavorato per la Casa Bianca durante l'amministrazione Reagan; è stato analista di Wall Street tra gli anni '80 e '90 per poi sviluppare la sua carriera di commentatore televisivo e radiofonico.

Kudlow, che ha agito da consigliere di Trump durante la campagna elettorale, è stato tra i sostenitori della riforma fiscale approvata in Usa prima di Natale ed è d'accordo sulla politica di Trump relativa all'immigrazione (inclusa la costruzione del muro lungo il confine con il Messico). Tuttavia aveva messo in guardia contro le tariffe controverse e sui conti pubblici destinati a peggiorare.

Ieri Trump aveva detto che stava "seriamente" prendendo in considerazione Kudlow, definito un "uomo di talento", come successore di Cohn: "Lo conosco da tanto tempo. Non siamo sempre d'accordo su tutto ma credo che sia una buona scelta: voglio opinioni divergenti". Il leader Usa aveva aggiunto che l'economista "è arrivato a credere che le tariffe sono un modo per negoziare. Sto rinegoziando accordi commerciali e senza tariffe non potremmo andare così bene".

A Cnbc, Kudlow ha detto di avere parlato questa settimana quattro volte con il presidente americano, che gli ha offerto l'incarico mentre - dopo avere cenato da Cipriani a Manhattan - era in viaggio su un auto Uber. La prima telefonata c'è stata domenica scorsa quando, stando a un'intervista al Wall Street Journal, Kudlow credeva che Trump lo avrebbe rimproverato per i suoi commenti sui dazi. E invece, i leader Usa gli ha spiegato le ragioni della loro entrata in vigore. I due si sono sentiti di nuovo nei tre giorni successivi. Secondo Kudlow, Trump gli ha detto "varie volte 'Credo nel commercio globale...ma deve essere equo per proteggere l'America'. La penso così anche io". Sulla Cina, il probabile successore di Cohn ha spiegato di essere "fortemente a favore di tariffe contro la Cina, perché continua a violare la nostra proprietà intellettuale e così via".

Se su questo fronte, lui e Trump la vedono allo stesso modo, i due hanno opinioni diverse sul dollaro: Kudlow crede che il ritorno del "Re Dollaro" porterà più occupazione, maggiori salari e investimenti. Il presidente Usa invece ha fatto capire - con dichiarazioni altamente controverse fatte da Davos lo scorso gennaio - di preferire un biglietto verde debole. Kudlow, che ha condiviso la cautela di Janet Yellen nell'alzare i tassi di interesse, è convinto che la riforma fiscale alimenterà la crescita senza fare surriscaldare l'economia e l'inflazione. Resta da vedere se ha ragione o se si è sbagliato come quando nel dicembre 2007 scrisse che "non c'è una recessione in arrivo. Il boom di Bush è vivo e va bene. Sta finendo il suo sesto anno di fila e continuerà". Quel mese l'economia Usa entrò in recessione, la peggiore dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso.  Alle indiscrezioni sulla nomina di Kudlow, Wall Street non ha reagito, segno che si sta ancora cercando di capire se e quale impatto potrà avere sulle scelte di Trump.

Altri Servizi

Wall Street, i negoziati Usa-Cina nell'incertezza

Non è chiaro se le due potenze arriveranno a un accordo entro la fine dell'anno
AP

Impeachment Trump, i repubblicani studiano l'opzione del processo lampo

Incontro tra funzionari della Casa Bianca e senatori sulla strategia da adottare, dopo due settimane di audizioni pubbliche alla Camera
Ap

Un processo 'lampo' di due settimane, per ottenere un'assoluzione che rilanci l'immagine di Donald Trump senza rischiare di trascinare il presidente statunitense in un lungo e pericoloso procedimento. È una delle opzioni al vaglio di senatori repubblicani e funzionari della Casa Bianca, che ieri si sono incontrati per fare un punto sulla strategia da adottare per il possibile impeachment, secondo quanto riportato dal Washington Post.

Impeachment, Trump sfida i democratici: "Voglio il processo in Senato"

Il presidente all'attacco su Fox News. La Camera potrebbe votare la sua messa in stato d'accusa prima di Natale

"Voglio il processo in Senato". Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha confermato, durante un'intervista a Fox News, di volere l'impeachment e il processo, come dichiarato ieri da un suo portavoce.

Usa 2020, Bloomberg lancia ufficialmente la sua candidatura alle primarie democratiche

L'ex sindaco di New York ha rotto gli indugi: "Posso battere Trump"
iStock

L'ex sindaco di New York, Michael Bloomberg, ha lanciato ufficialmente la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali del 2020.

Amazon fa causa al Pentagono per l'appalto da 10mld assegnato a Microsoft

Secondo l’azienda di Jeff Bezos nella procedura ci sono state "chiare deficienze, errori e innegabili pregiudizi"

Amazon ha deciso di far causa al Pentagono dopo aver perso, a vantaggio di Microsoft, l’appalto da 10miliardi dollari per la fornitura di servizi di cloud computing. La notizia, riportata dal Washington Post, è stata confermata dallo stesso colosso dell’e-commerce tramite una nota in cui ha sottolineato che nel processo di assegnazione del contratto JEDI (Joint Enterprise Defense Infrastructure, il progetto che porterà sul cloud la gestione dei dati del Pentagono), conclusosi lo scorso ottobre, ci sono state "chiare deficienze, errori e innegabili pregiudizi".

Casa Bianca: accordo con la Cina possibile, ma non ignoreremo le proteste a Hong Kong

Secondo il consigliere O'Brien, l'intesa sulla 'Fase uno' potrebbe essere raggiunta entro la fine dell'anno, ma Washington non ignorerà le manifestazioni a favore della democrazia nell'ex colonia britannica
AP

La cosiddetta 'Fase uno' dell'accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina potrebbe essere firmata entro la fine dell'anno. Lo ha detto il consigliere per la Sicurezza nazionale, Robert O'Brien, parlando ai giornalisti durante una conferenza stampa a Halifax, in Canada. Il consigliere ha assicurato che il presidente Donald Trump non ignorerà le proteste in corso a Hong Kong, come invece temuto da molti.

Wall Street verso nuovi record

Prosegue la fiducia sui mercati, in attesa di un accordo tra Usa e Cina
AP

Sondland conferma il 'do ut des' con l'Ucraina: "Trump ordinò di fare pressioni"

L'ambasciatore in audizione davanti alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente Usa. "Tutti erano al corrente", a partire dal vice Pence e dal segretario di Stato, Pompeo

Gordon Sondland, l'ambasciatore statunitense presso l'Unione europea, ha confermato l'esistenza di una richiesta di 'do ut des' del presidente Donald Trump all'omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, durante la sua audizione alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente. E ha messo davanti alle loro responsabilità non solo il presidente Trump e il suo avvocato Rudy Giuliani, che ha guidato la politica 'ombra' in Ucraina, ma tutti gli altri massimi componenti dell'amministrazione, a partire dal vicepresidente Mike Pence e dal segretario di Stato, Mike Pompeo: "Tutti erano al corrente. Non era un segreto". 

Impeachment Trump, nuovi documenti rivelano contatti tra Giuliani e Pompeo

Il dipartimento di Stato ha rilasciato 100 pagine che mostrano ripetuti contatti tra l’avvocato del presidente americano e il segretario di Stato

Il Dipartimento di Stato americano ha rilasciato venerdì notte una serie di documenti che rivelano ripetuti contatti tra l’avvocato personale di Donald Trump, Rudy Giuliani, e il segretario di Stato, Mike Pompeo. Come si legge su Politico, si tratta di 100 pagine, il cui contenuto rimane riservato, consegnate all’American Oversignht, un ente di controllo indipendente, dopo un’esplicita richiesta effettuata dallo stesso ente in base alla legge sulla libertà di informazione.

Usa 2020, Bloomberg ha speso 30mln per una settimana di spot tv

Secondo il New York Times si tratta di ritratti biografici di 60 secondi che verranno trasmessi su 100 emittenti in una ventina di Stati
iStock

Manca solo l’annuncio ufficiale ma la discesa in campo per la presidenziali del 2020 di Michael Bloomberg sembra ormai scontata, tant’è che la macchina elettorale è già in moto. Come riporta il New York Times, il miliardario ex sindaco di New York ha infatti speso almeno 30 milioni di dollari per acquistare una settimana di spot elettorali in vista della sua candidatura, tra i democratici, per la corsa alla Casa Bianca.