Trump sceglie Kudlow come consigliere economico

Il commentatore repubblicano della Cnbc prenderà il posto lasciato da Gary Cohn. Ha criticato i dazi su acciaio e alluminio ma ha promosso la riforma fiscale. Nel dicembre 2007 disse che in Usa non ci sarebbe stata una recessione, poi esplosa

L'economista repubblicano Lawrence Kudlow, 70 anni, ha detto di avere "immediatamente" accettato il ruolo di consigliere economico offertogli ieri dal presidente americano. In una intervista a Cnbc, colui che attualmente è un commentatore di stampo conservatore per quell'emittente ha aggiunto che la sua nomina di direttore del National Economic Council della Casa Bianca potrebbe essere annunciata domani, motivo per cui sarà a Washington dove per altro è organizzato un evento di stampo commerciale. La Casa Bianca ha fatto sapere che "al momento non c'è nessun annuncio sul personale da fare".

Se la nomina sarà confermata, Kudlow prenderà il posto di Gary Cohn, l'ex presidente di Goldman Sachs passato al fianco di Donald Trump nel gennaio 2017 e dimessosi lo scorso 6 marzo dopo avere perso la sua battaglia contro l'introduzione di dazi su acciaio e alluminio importati in Usa. Kudlow ha lavorato per la Casa Bianca durante l'amministrazione Reagan; è stato analista di Wall Street tra gli anni '80 e '90 per poi sviluppare la sua carriera di commentatore televisivo e radiofonico.

Kudlow, che ha agito da consigliere di Trump durante la campagna elettorale, è stato tra i sostenitori della riforma fiscale approvata in Usa prima di Natale ed è d'accordo sulla politica di Trump relativa all'immigrazione (inclusa la costruzione del muro lungo il confine con il Messico). Tuttavia aveva messo in guardia contro le tariffe controverse e sui conti pubblici destinati a peggiorare.

Ieri Trump aveva detto che stava "seriamente" prendendo in considerazione Kudlow, definito un "uomo di talento", come successore di Cohn: "Lo conosco da tanto tempo. Non siamo sempre d'accordo su tutto ma credo che sia una buona scelta: voglio opinioni divergenti". Il leader Usa aveva aggiunto che l'economista "è arrivato a credere che le tariffe sono un modo per negoziare. Sto rinegoziando accordi commerciali e senza tariffe non potremmo andare così bene".

A Cnbc, Kudlow ha detto di avere parlato questa settimana quattro volte con il presidente americano, che gli ha offerto l'incarico mentre - dopo avere cenato da Cipriani a Manhattan - era in viaggio su un auto Uber. La prima telefonata c'è stata domenica scorsa quando, stando a un'intervista al Wall Street Journal, Kudlow credeva che Trump lo avrebbe rimproverato per i suoi commenti sui dazi. E invece, i leader Usa gli ha spiegato le ragioni della loro entrata in vigore. I due si sono sentiti di nuovo nei tre giorni successivi. Secondo Kudlow, Trump gli ha detto "varie volte 'Credo nel commercio globale...ma deve essere equo per proteggere l'America'. La penso così anche io". Sulla Cina, il probabile successore di Cohn ha spiegato di essere "fortemente a favore di tariffe contro la Cina, perché continua a violare la nostra proprietà intellettuale e così via".

Se su questo fronte, lui e Trump la vedono allo stesso modo, i due hanno opinioni diverse sul dollaro: Kudlow crede che il ritorno del "Re Dollaro" porterà più occupazione, maggiori salari e investimenti. Il presidente Usa invece ha fatto capire - con dichiarazioni altamente controverse fatte da Davos lo scorso gennaio - di preferire un biglietto verde debole. Kudlow, che ha condiviso la cautela di Janet Yellen nell'alzare i tassi di interesse, è convinto che la riforma fiscale alimenterà la crescita senza fare surriscaldare l'economia e l'inflazione. Resta da vedere se ha ragione o se si è sbagliato come quando nel dicembre 2007 scrisse che "non c'è una recessione in arrivo. Il boom di Bush è vivo e va bene. Sta finendo il suo sesto anno di fila e continuerà". Quel mese l'economia Usa entrò in recessione, la peggiore dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso.  Alle indiscrezioni sulla nomina di Kudlow, Wall Street non ha reagito, segno che si sta ancora cercando di capire se e quale impatto potrà avere sulle scelte di Trump.

Altri Servizi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga Donald Trump Vs Hillary Clinton sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. Secondo l’ex candidata democratica non ci sono dubbi sulla questione: "È stato un enorme cyber attacco al nostro sistema elettorale, e ha avuto successo". La Clinton, intervenuta sabato pomeriggio all’OzyFest, un festival di incontri e di musica a Central Park, lo definisce ancora. "Un attacco al cuore della nostra democrazia. Il grande mistero è perché il nostro presidente non abbia parlato (nel meeting di Helsinki con Putin, ndr) in favore del suo Paese".

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Il Pentagono ha annunciato che fornirà 200 milioni di dollari in aiuti per la sicurezza all'Ucraina. Il finanziamento è già stato approvato e coincide con una serie di riforme approvate da Kiev per rendere più moderna la difesa. La decisione di Washington irriterà la Russia, che pochi giorni fa aveva dichiarato di essere pronta a lavorare con il dipartimento della Difesa statunitense su una serie di tematiche sulla sicurezza, dopo il vertice tra i presidenti Donald Trump e Vladimir Putin.

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP