L'Fbi chiude Megavideo e arresta i suoi manager

Indagine sulla violazione del copyright per il gigante del file sharing

I siti di Megaupload.com, una delle più grandi compagnie di file-sharing al mondo, sono stati chiusi e i manager della società sono stati arrestati con l’accusa di violazione delle leggi sulla pirateria, su ordine delle autorità giudiziarie degli Stati Uniti.

Megaupload è una compagnia di Hong Kong che ha lanciato siti per la condivisione di materiale on-line come MegaVideo, MegaPix, MegaLive e MegaBox. Secondo un indagine condotta dall’ FBI, i siti di Megaupload sono costati oltre 500 milioni di dollari ai legittimi proprietari del copyright di film e altri materiali scaricati on-line. Il dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha comunicato che quattro dei manager della società sono stati arrestati in Nuova Zelanda e che altri due indagati sono irreperibili.

Il sito ha oltre 150 milioni di utenti registrati in tutto il mondo. Molte celebrità hanno dichiarato apertamente di usarlo. Tra loro, ci sono Kim Kardashian, Alicia Keys e Kanye West.

La notizia dell’inchiesta è arrivata all’indomani dell’auto oscuramento di siti quali Wikipedia e Craiglist per protesta contro due proposte di legge antipirateria in discussione al senato e al congresso.

Altri Servizi

Suicidio in carcere per il finanziere Epstein

Stava aspettando l'inizio del processo. Era accusato di avere reclutato e sfruttato sessualmente una "rete di vittime" giovanissime. Fbi e Giustizia indagano. Focus sulle procedure di sicurezza nel centro di detenzione

Probabilmente suicidio. Il finanziere newyorchese che per anni ha sfruttato sessualmente minori anche solo di 14 anni è stato trovato morto nella cella del carcere dove si trovava in attesa che iniziasse il processo a suo carico. Se fosse stato giudicato colpevole, avrebbe dovuto trascorrere il resto della sua vita in carcere visto che la pena sarebbe stata di 45 anni.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

GE rimbalza: Ceo compra 2 mln $ di azioni dopo accusa di frode in stile Enron

Ieri il tonfo maggiore da 11 anni dopo la diffusione di un rapporto redatto da colui che aveva avvertito sullo schema Ponzi creato da Bernie Madoff

La Fda rilancia la lotta per mettere immagini choc sui pacchetti di sigarette

L'agenzia federale perse la battaglia legale contro le multinazionali nel 2012

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Huawei ha aiutato i governi di Uganda e Zambia a spiare oppositori politici (Wsj)

Il colosso cinese, che domina i mercati africani, ha respinto ogni accusa
AP

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Macy's taglia l'outlook dopo conti deludenti

I grandi magazzini soffrono un calo dei turisti dall'estero. Le previsioni potrebbero peggiorare con nuovi dazi targati Trump
Macy's

Wall Street, segnali di recessione

Si è invertita la curva dei rendimenti dei titoli di Stato Usa a 2 e 10 anni
AP