La battaglia per difendere Colombo è appena iniziata a New York

Il comitato "Giù le mani da Colombo" vuole proteggere statue e festa
David Guralnick/Detroit News via AP

Nessuno tocchi Cristoforo Colombo: è il grido di battaglia lanciato dall'Italy America Chamber of Commerce (Iacc) di New York, la più antica camera di commercio al mondo, insieme a Guido George Lombardi, presidente del Premio Eccellenza Italiana e amico di Donald Trump. Nel giorno dell'anniversario dello sbarco dell'esploratore genovese a San Salvador (avvenuto il 12 ottobre 1492), è stata organizzata la prima conferenza stampa di "Giù le mani da Colombo", il comitato nato in difesa di una figura controversa ma che storicamente è stata simbolo degli italiani.

Dalle violenze dello scorso agosto di Charlottesville, la città della Virginia dove suprematisti bianchi si erano riuniti per protestare contro la rimozione di una statua sudista, anche le statue di Colombo - da molti visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica - sono finite nel mirino. E il Columbus Day, la commemorazione che su decisione del Congresso Usa del 1934 avviene ogni secondo lunedì di ottobre, è a rischio: a Los Angeles, per esempio, è stato cancellato e sostituito da una parata di "popoli indigeni, aborigeni e nativi".

A New York non è ancora successo, ma il timore è che si possa arrivare a tanto in futuro.Nel frattempo una commissione voluta dal sindaco italoamericano Bill de Blasio per decidere se e quali monumenti sono offensivi si pronuncerà a dicembre, ossia dopo le elezioni che a novembre dovrebbero confermare il primo cittadino; pare che la statua dell'esploratore che si trova a Columbus Circle, l'angolo sudoccidentale di Central Park, non sarà toccata.

"Dobbiamo combattere questa battaglia", ha detto il presidente dell'Iacc, Alberto Milani. "Non si tratta solo di proteggere una figura importante per noi in quanto italiani, ma una figura che ha valore, di per sé, per questo Paese: l'America".

Lombardi, che nei mesi scorsi scrisse a Trump per chiedere di bloccare la campagna contro Colombo, ha ricordato che la capitale degli Stati Uniti porta non solo il nome del presidente George Washington ma anche quello di Colombo, trovandosi nel District of Columbia. "Quando celebriamo Colombo celebriamo non solo l'eredità italiana ma anche lo spirito della scoperta, della cultura e dell'intraprendenza", ha continuato spiegando di aver invitato anche altre minoranze ad unirsi negli sforzi: perché "l'America non è grande per una sola cultura ma lo è perché è un crogiolo di culture".

Come per molte scoperte, anche quella di Colombo avvenne per caso: il navigatore, finanziato dalla corona di Spagna, scoprì il Nuovo Mondo mentre cercava una via d'accesso occidentale all'India. Fidandosi del fatto che la Terra fosse tonda e non piatta - e per questo, circumnavigabile - partì convinto di poter "buscar el levante por el poniente". Aveva ragione, perché in teoria si poteva; si ritrovò, però, un continente allora sconosciuto nel mezzo dell'Oceano.

"Condannare Colombo significa allora che dovremmo condannare tutto il Paese che è nato poi, come se fosse sua la colpa della schiavitù dei neri, il confinamento degli indigeni nelle riserve indiane, tutto quello che è successo durante il formarsi, controverso, di questa nazione", ha aggiunto Milani. Il rischio per lui "è perdere di vista la rivoluzione culturale, geografica, persino culinaria che nacque dal viaggio di questo italiano".

Insomma, Milani difende il diritto degli italiani e degli italoamericani a celebrare le loro origini nel modo che desiderano. Nel frattempo, altre polemiche si sono sollevate negli scorsi giorni, quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha invitato a celebrare il Columbus Day come ogni altro presidente aveva fatto prima di lui. Diversamente da Obama e, prima di lui, da Bill Clinton, il 45esimo Commander in chief non ha ricordato il lato controverso dell'esploratore genovese limitandosi a lodarne la "coraggiosa impresa che ha unito due continenti e ha ispirato molti altri spingendoli a perseguire i loro sogni e il loro credo, anche di fronte al dubbio estremo e alle avversità enormi". 

Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock


Trump condanna razzismo e invita all'unità un anno dopo Charlottesville

Al via a Washington manifestazione di suprematisti bianchi. Prevista contro-manifestazione. Nella città della Virginia dichiarato lo stato di emergenza
AP

Charlottesville. Un anno dopo. Mentre la capitale americana si prepara a ospitare una manifestazione di suprematisti bianchi - gli stessi che l'11 agosto del 2017 crearono caos e violenze mortali nella città della Virginia - Donald Trump invita una nazione forse mai così divisa "all'unità". Il 45esimo presidente americano ha fatto di nuovo ricorso al suo megafono - Twitter - per "condannare tutti i tipi di razzismo e atti di violenza". E per augurare "pace a TUTTI gli americani". Peccato che grand parte dei cittadini Usa creda che da quando Trump è stato eletto le relazioni razziali siano peggiorate.

Abituato ad attaccare i suoi più feroci critici, il Ceo di Tesla ne ha combinata un'altra delle sue. Il tutto mentre il mondo della finanza continua a interrogarsi se e come Elon Musk realizzerà il delisting del gruppo, ipotizzato martedì 7 agosto in una serie di tweet controversi su cui la Sec ha acceso un faro. Intanto il cda di Tesla si prepara a incontrare gli advisor finanziari per discutere dell'operazione.

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa

Non ci sono solo la Cina o l'Unione europea nel mirino (commerciale) degli Stati Uniti. Da quando Donald Trump è diventato presidente americano, era il gennaio 2017, Washington sta analizzando gli accordi commerciali grazie ai quali nazioni più piccole e meno sviluppate da 30 anni esportano in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Dazi Usa per 16 miliardi di dollari su import cinese scattano il 23 agosto

Si aggiungono a quelli del 25% su 34 miliardi entrati in vigore il 6 luglio

Preannunciati il 15 luglio, i dazi americani su prodotti cinesi per 16 miliardi di dollari entreranno in vigore il 23 agosto prossimo. Le tariffe doganali si aggiungeranno a quelle del 25% scattate il 6 luglio scorso per 34 miliardi su 818 articoli Made in China.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

News Corp: nell'anno perdita più che doppia a 1,4 miliardi di dollari

Pesano investimenti per creare una delle più grandi pay-tv d'Australia. il Wall Street Journal ha più abbonati digitali che su carta
iStock

Archiviato il suo quarto trimestre fiscale in perdita, ma soddisfando comunque gli analisti, News Corp ha chiuso l'esercizio 2018 con un buco di 1,4 miliardi di dollari, più che doppio di quello del 2017, e ricavi in rialzo dell'11% a 9,02 miliardi. Per il Ceo Robert Thomson quella dell'anno terminato il 30 giugno scorso è stata "una performance robusta in tutti i nostri business" e con "cambiamenti positivi e profondi nel nostro flusso dei ricavi, che sono stati più globali, digitali e basati sugli abbonamenti". Basti un esempio: The Times, The Sunday Times e The Wall Street Journal "hanno raggiunto nuovi massimi nella loro trasformazione digitale con abbonati digitali che ora superano quelli della versione cartacea" di questi giornali.

Il 're dei bond' Bill Gross bocciato dal suo capo: nel 2018 si è sbagliato

Per il Ceo di Janus Henderson resta però "uno dei migliori investitori della nostra epoca"

Bill Gross si è conquistato negli anni il soprannome di 're dei bond'. Eppure colui che nel settembre 2014 sorprese tutti lasciando la sua Pimco per passare alla rivale più piccola Janus Henderson non sembra più meritarsi un simile soprannome. Almeno per Richard Weil, il Ceo dell'azienda per cui Gross lavora.