La Camera approva la riforma fiscale, ma deve rivotare

Dibattito pre voto interrotto dalle proteste. Lo speaker Ryan accusato di mentire ma lui ha difeso una legislazione che premia grandi aziende e multimilionari. Casa Bianca sulla difensiva. Focus su Senato

Come previsto, la Camera Usa ha approvato la riforma fiscale che prevede tagli alle tasse da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni e che - tra le altre cose - ridurrà in modo permanente l'aliquota per le aziende al 21% dal 35%.

Con 227 voti a favore (tutti repubblicani tranne 12) e 203 contro (incluso ogni deputato democratico), il testo unico della legislazione (diffuso quattro giorni prima) è passato. Oltre due ore dopo il via libera c'è stata tuttavia una scoperta dell'ultimo minuto che costringe i deputati a rimettere al voto il provvedimento: tre misure minori nel testo devono essere cambiate affinché il testo stesso possa passare al Senato. Il Gop ha minimizzato dicendo che si tratta di un problema minore.

Al Senato il partito repubblicano vanta una maggioranza di 52 seggi e si può permettere solo due defezioni. Per salvare la situazione in caso di emergenza, il vicepresidente Mike Pence è pronto a esercitare il cosiddetto voto "tie-breaking"; per questo ha posticipato il suo viaggio in Medio Oriente.

Nella migliore delle ipotesi, già mercoledì 20 dicembre Donald Trump potrebbe apporre la sua firma sul provvedimento, che così diventerà legge garantendo al presidente americano la sua prima vittoria legislativa da quando il 20 gennaio 2017 mise piede alla Casa Bianca. Lui e il suo partito, tuttavia, dovranno convincere l'opinione pubblica della bontà del provvedimento, ampiamento criticato.

Lo hanno dimostrato le proteste che avevan interrotto il dibattito alla Camera Usa precedente al voto. Nell'aula del Parlamento è stato sentito qualcuno gridare "kill the bill", letteralmente "uccidete la legislazine"; il gruppo di manifestanti è stato immediatamente buttato fuori dalla Camera.

Mentre lo speaker Paul Ryan difendeva una riforma bocciata dal 55% degli americani (stando a un sondaggio di Cnn), una donna ha poi gridato: "Stai mentendo. Stai mentendo. Vergognati. Vergognati". Chiaramente la donna faceva riferimento alle critiche sollevate da analisti ed economisti vari, secondo cui la riforma non si finanzia da sola come l'amministrazione Trump sostiene e non agevola la classe media bensì i multimilionari e le grandi aziende. "Torna a scuola per imperare la matematica. Non sai fare i conti", ha aggiunto la donna, a sua volta cacciata dalla Camera.

Nancy Pelosi, la leader della minoranza democratica alla Camera, ha detto che la proposta di riforma fiscale messa a punto dal Gop "è una truffa" che si tradurrà in "un furto". 

Mentre la Casa Bianca giocava sulla difensiva, i repubblicani alla Camera festeggiavano. Dopo avere portato a casa un numero di voti sufficiente per fare passare la legislazione nella loro aula, i deputati del Gop a Capitol Hill hanno bridato davanti alle telecamere. Ryan ha definito quello odierno "un grande giorno per l'America, per i lavoratori e per l'economia americana".

Sia lui sia Kevin Brady, il repubblicano alla guida della commissione responsabile della stesura della riforma, hanno fornito tre date: dal primo gennaio il sistema tributario di riferimento in Usa cambierà; dal primo febbraio, hanno detto, i salari saliranno "grazie al venire meno dell'imposizione fiscale"; il 15 aprile gli americani faranno le loro dichiarazioni dei redditi usando per l'ultima volta un sistema "orribile".

Mentre loro festeggiavano, alla Casa Bianca la portavoce Sarah Sanders spiegava che l'amministrazione "era impaziente del voto al Senato" e che Donald Trump avrebbe monitorato la situazione (non poteva immaginare che sarebbe poi sorto un piccolo problema di forma alla Camera). Se, come atteso, anche in quell'aula prevarranno i sì, il presidente "avrà garantito la maggiore riforma fiscale della storia Usa".

Prima di essere travolta dalle domande su quanto la riforma dia benefici al presidente Usa, Sanders aveva fornito un lungo elenco di elementi (tra cui un tasso di disoccupazione sceso ai minimi di 17 anni e i record a Wall Street) per dimostrare quello che secondo lei è stato "un anno storico" per Trump. Peccato che secondo sondaggi recenti, l'inquilino della Casa Bianca sia il presidente meno apprezzato alla fine dei primi 12 mesi di mandato nella storia Usa. Inoltre, la riforma è 'venduta' dal governo come se fosse a beneficio della classe media ma in realtà agevola grandi aziende e multimilionari. La linea del governo è sempre la stessa: "Trump ha mantenuto la promessa". Il tempo dimostrerà se la riforma fiscale si finanzierà da sola attraverso una crescita, che persino la Federal Reserve non si aspetta sia pari al 3% annuo come stimato da Trump.

Quanto alla firma finale della riforma la Casa Bianca sembra prendere tempo: "Stiamo ancora analizzando i dettagli. Prima vogliamo essere certi che passi" al Senato. Solo dopo il via libera dei senatori, aveva concluso Sanders, "comunicheremo la tempistica della firma". Ora Trump dovrà aspettare (di nuovo) il voto alla Camera.

Altri Servizi

Wall Street chiusa per il Martin Luther King Day

Non sono in calendario dati e trimestrali, riflettori puntati sul salone dell'Auto di Detroit
AP

Spotify vuole rivoluzionare le Ipo a Wall Street: per banche commissioni più basse

I tre adviser di Spotify, Goldman Sachs, Morgan Stanley e Allen & Co, si divideranno probabilmente commissioni per 30 milioni di dollari, cifra che potrebbe cambiare in base alle dimensioni della società al momento del debutto e al successo della quotazio
iStock

Spotify ha rivoluzionato il mondo della musica con il proprio servizio di streaming. Ora la società svedese si prepara a fare lo stesso anche con Wall Street: le banche che stanno lavorando alla quotazione del gruppo, che seguirà una procedura inconsueta, riceveranno commissioni molto più basse rispetto a quelle consuete.

Per Astaldi contratto da 108 milioni di dollari per costruire una tratta autostradale in Usa

È prevista la costruzione di 8 chilometri di nuova autostrada lungo il tracciato State Road 429–State Road 46 (Wekiva Parkway, Sezione 7A), compresi 12 ponti e tutte le opere connesse.

Contratto negli Stati Uniti per Astaldi. La società, uno dei principali contractor in Italia e tra i primi 25 a livello europeo nel settore delle costruzioni, si è aggiudicata un appalto da 108 milioni di dollari per la realizzazione di una tratta dell'autostrada Wekiva Parkway, in Florida.

La nipote di Martin Luther King difende Trump: "Non è razzista e le sue politiche aiutano gli afroamericani"

Nel giorno in cui si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, la figlia del fratello minore del premio Nobel per la Pace difende il presidente, che dice: "Il sogno di Martin Luther King è il nostro sogno, è il sogno americano".

La nipote di Martin Luther King difende Donald Trump. Alveda King, figlia del fratello minore del premio Nobel per la Pace, ex deputata democratica statale in Georgia e ora dichiaratamente repubblicana e collaboratrice di Fox News, ha preso le parti del presidente degli Stati Uniti, sottolineando le opportunità economiche che sta dando agli afroamericani.

Trump all'attacco: non sono razzista, su immigrazione democratici mi ostacolano

Il presidente ha spiegato di voler concludere un accordo sull'immigrazione, ma di essere ostacolato dagli avversari democratici: "Noi siamo pronti, desiderosi e capaci di ottenere un accordo sui Daca", ha detto.
AP

"Non sono razzista. Sono la persona meno razzista che abbiate intervistato, questo lo posso dire per certo". Donald Trump, parlando dalla Florida, prova ancora a gettare acqua sul fuoco delle polemiche, come aveva già fatto venerdì, e a placare il vespaio scatenato da alcune sue presunte frasi molto poco "politically correct" su Paesi come Haiti riportate la settimana scorsa dal Washington Post.

Con Trump, gli Usa puntano a più pene di morte per punire crimini violenti

Il favore dell'opinione pubblica americana per questo tipo di pena è tuttavia ai minimi di 45 anni fa
Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions Ap

Dagli Stati Uniti sono arrivati i primi segnali di come, per punire crimini violenti, il dipartimento di Giustizia nell'era Trump voglia un uso maggiore della pena di morte rispetto ad amministrazioni precedenti. E questo, nonostante il favore dell'opinione pubblica verso questa misura sia calato: secondo un sondaggio di Gallup risalente a ottobre, l'ultimo disponibile sull'argomento, il 55% degli americani adulti è favorevole a spedire nel braccio della morte gli autori di omicidi; si tratta di minimi di 45 anni fa.

Fca scommette su Jeep e Ram. Marchionne, "non abbiamo bisogno di nessuno"

Il gruppo tira dritto da stand alone. Target 2017 e 2018 confermati. Dividendo? Meglio un buyback. Un futuro in politica? "Nemmeno di notte"
Fca

Detroit - Per avere più chiarezza sul futuro di Fiat Chrysler Automobiles in Italia bisognerà aspettare il nuovo piano industriale, che verrà presentato il primo giugno prossimo con ogni probabilità a Balocco. Ma la rotta del gruppo, specialmente in Usa, sembra comunque già tracciata e destinata a passare attraverso i veicoli che rendono di più: pickup truck e Suv. "L'azienda ci ha visto lungo spostando la sua attenzione dalle auto ai light truck in Usa", ha detto alla stampa Sergio Marchionne, confermando i target del 2017 e del 2018, anno in cui potrebbe esserci lo spinoff di Magneti Marelli con quotazione solo a Milano.

Bannon cacciato da Breitbart News dopo scontro con Trump su libro controverso

Costretto alle dimissioni da alcuni finanziatori del sito dell'alt-right sulla scia dei botta e risposta provocati da 'Fire and Fury'
AP

Steve Bannon, ex consigliere di Donald Trump, lascerà la sua posizione di executive chairman di Breitbart News. Lo ha annunciato il sito dell'alt right americana. L'addio di Bannon - che è stato forzato da una delle principali finanziatrici del sito e di Bannon, Rebekah Mercer - arriva dopo la scomunica da parte del presidente americano del suo ex braccio destro, reo di avere rilasciato dichiarazioni pesanti nel libro 'Fire and Fury: Inside the Trump White House' di Michael Wolff.

Boeing sfida Airbus: consegne record nel 2017, ordini ai massimi di sette anni

Il gruppo Usa dice di avere battuto i rivali per il sesto anno di fila; la conferma, la settimana prossima con i dati dell'azienda europea
iStock

Boeing ha detto di avere consegnato nel 2017 più aerei commerciali di ogni altro gruppo rivale per il sesto anno di fila mettendo a segno un record settoriale pari a 763 unità, una in più del suo massimo precedente risalente al 2015. Il target aziendale per 760-765 pezzi è stato dunque superato ma bisogna attendere la settimana prossima per conoscere i dati dell'arcirivale europea di Boeing, Airbus (che a ottobre si aggiudicò i jet della canadese Bombardier rinnovando la sfida con il competitor americano).

SpaceX difende il lancio di un satellite top secret Usa, giallo su sua scomparsa

Si chiama Zuma ed è stato prodotto da Northrop Grumman. L'azienda di Elon Musk: tutto è stato fatto correttamente
AP

Space Exploration Technologies (SpaceX), il gruppo aerospaziale del fondatore di Tesla Elon Musk, ha detto di avere fatto tutto correttamente quando domenica scorsa ha lanciato un satellite spia per conto del governo americano; eppure si intensifica il giallo sull'apparente scomparsa del satellite stesso, nome in codice Zuma.