La Camera approva la riforma fiscale, ma deve rivotare

Dibattito pre voto interrotto dalle proteste. Lo speaker Ryan accusato di mentire ma lui ha difeso una legislazione che premia grandi aziende e multimilionari. Casa Bianca sulla difensiva. Focus su Senato

Come previsto, la Camera Usa ha approvato la riforma fiscale che prevede tagli alle tasse da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni e che - tra le altre cose - ridurrà in modo permanente l'aliquota per le aziende al 21% dal 35%.

Con 227 voti a favore (tutti repubblicani tranne 12) e 203 contro (incluso ogni deputato democratico), il testo unico della legislazione (diffuso quattro giorni prima) è passato. Oltre due ore dopo il via libera c'è stata tuttavia una scoperta dell'ultimo minuto che costringe i deputati a rimettere al voto il provvedimento: tre misure minori nel testo devono essere cambiate affinché il testo stesso possa passare al Senato. Il Gop ha minimizzato dicendo che si tratta di un problema minore.

Al Senato il partito repubblicano vanta una maggioranza di 52 seggi e si può permettere solo due defezioni. Per salvare la situazione in caso di emergenza, il vicepresidente Mike Pence è pronto a esercitare il cosiddetto voto "tie-breaking"; per questo ha posticipato il suo viaggio in Medio Oriente.

Nella migliore delle ipotesi, già mercoledì 20 dicembre Donald Trump potrebbe apporre la sua firma sul provvedimento, che così diventerà legge garantendo al presidente americano la sua prima vittoria legislativa da quando il 20 gennaio 2017 mise piede alla Casa Bianca. Lui e il suo partito, tuttavia, dovranno convincere l'opinione pubblica della bontà del provvedimento, ampiamento criticato.

Lo hanno dimostrato le proteste che avevan interrotto il dibattito alla Camera Usa precedente al voto. Nell'aula del Parlamento è stato sentito qualcuno gridare "kill the bill", letteralmente "uccidete la legislazine"; il gruppo di manifestanti è stato immediatamente buttato fuori dalla Camera.

Mentre lo speaker Paul Ryan difendeva una riforma bocciata dal 55% degli americani (stando a un sondaggio di Cnn), una donna ha poi gridato: "Stai mentendo. Stai mentendo. Vergognati. Vergognati". Chiaramente la donna faceva riferimento alle critiche sollevate da analisti ed economisti vari, secondo cui la riforma non si finanzia da sola come l'amministrazione Trump sostiene e non agevola la classe media bensì i multimilionari e le grandi aziende. "Torna a scuola per imperare la matematica. Non sai fare i conti", ha aggiunto la donna, a sua volta cacciata dalla Camera.

Nancy Pelosi, la leader della minoranza democratica alla Camera, ha detto che la proposta di riforma fiscale messa a punto dal Gop "è una truffa" che si tradurrà in "un furto". 

Mentre la Casa Bianca giocava sulla difensiva, i repubblicani alla Camera festeggiavano. Dopo avere portato a casa un numero di voti sufficiente per fare passare la legislazione nella loro aula, i deputati del Gop a Capitol Hill hanno bridato davanti alle telecamere. Ryan ha definito quello odierno "un grande giorno per l'America, per i lavoratori e per l'economia americana".

Sia lui sia Kevin Brady, il repubblicano alla guida della commissione responsabile della stesura della riforma, hanno fornito tre date: dal primo gennaio il sistema tributario di riferimento in Usa cambierà; dal primo febbraio, hanno detto, i salari saliranno "grazie al venire meno dell'imposizione fiscale"; il 15 aprile gli americani faranno le loro dichiarazioni dei redditi usando per l'ultima volta un sistema "orribile".

Mentre loro festeggiavano, alla Casa Bianca la portavoce Sarah Sanders spiegava che l'amministrazione "era impaziente del voto al Senato" e che Donald Trump avrebbe monitorato la situazione (non poteva immaginare che sarebbe poi sorto un piccolo problema di forma alla Camera). Se, come atteso, anche in quell'aula prevarranno i sì, il presidente "avrà garantito la maggiore riforma fiscale della storia Usa".

Prima di essere travolta dalle domande su quanto la riforma dia benefici al presidente Usa, Sanders aveva fornito un lungo elenco di elementi (tra cui un tasso di disoccupazione sceso ai minimi di 17 anni e i record a Wall Street) per dimostrare quello che secondo lei è stato "un anno storico" per Trump. Peccato che secondo sondaggi recenti, l'inquilino della Casa Bianca sia il presidente meno apprezzato alla fine dei primi 12 mesi di mandato nella storia Usa. Inoltre, la riforma è 'venduta' dal governo come se fosse a beneficio della classe media ma in realtà agevola grandi aziende e multimilionari. La linea del governo è sempre la stessa: "Trump ha mantenuto la promessa". Il tempo dimostrerà se la riforma fiscale si finanzierà da sola attraverso una crescita, che persino la Federal Reserve non si aspetta sia pari al 3% annuo come stimato da Trump.

Quanto alla firma finale della riforma la Casa Bianca sembra prendere tempo: "Stiamo ancora analizzando i dettagli. Prima vogliamo essere certi che passi" al Senato. Solo dopo il via libera dei senatori, aveva concluso Sanders, "comunicheremo la tempistica della firma". Ora Trump dovrà aspettare (di nuovo) il voto alla Camera.

Altri Servizi

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android

Google cambia modello di business in Europa, dove lo scorso 18 luglio la controllata di Alphabet è stata colpita dalla Commissione europea con una multa di 4,34 miliardi di euro per abuso di posizione dominante con Android (il suo sistema operativo per dispositivi mobili).

Il rimbalzo dei ricavi di International Business Machines (Ibm) si è fermato dopo soli tre trimestri. E le vendite legate al cloud computing hanno deluso. Questo spiega perché il titolo del gruppo IT sta scivolando nel dopo mercato a Wall Street (-3,7%).

Trump contro Mattis: "È una sorta di democratico, potrebbe andarsene presto"

Il presidente americano in un’intervista alla Cbs ha parlato del rapporto con il segretario alla Difesa

Donald Trump continua a lanciare messaggi ai membri della sua amministrazione. Ultimo in ordine di tempo è il segretario alla Difesa, il generale Jim Mattis, sul quale il tycoon si è espresso durante un’intervista a "60 Minutes" sulla Cbs. "È una sorta di democratico" ha detto il tycoon che ha ammesso di non sapere se Mattis lascerà o meno il suo incarico.

Facebook riduce a 30 mln il numero di account colpiti da recente attacco hacker

I pirati informatici hanno avuto accesso a email, numeri di telefono e nomi di 15 milioni di persone. L'Fbi indaga. Bocche cucite su chi sia il responsabile dell'intrusione. Intatte le app Messenger, WhatsApp e Instagram
AP

Sono 20 milioni di meno gli account Facebook colpiti dai problemi di sicurezza scoperti il 25 settembre. Il gruppo ha tagliato a 30 milioni da 50 milioni il numero di account di cui gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità associata alla funzione (in inglese "view as") che consente agli utenti di vedere i loro profili come se fossero uno dei loro amici.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).