La Camera approva la riforma fiscale, ma deve rivotare

Dibattito pre voto interrotto dalle proteste. Lo speaker Ryan accusato di mentire ma lui ha difeso una legislazione che premia grandi aziende e multimilionari. Casa Bianca sulla difensiva. Focus su Senato

Come previsto, la Camera Usa ha approvato la riforma fiscale che prevede tagli alle tasse da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni e che - tra le altre cose - ridurrà in modo permanente l'aliquota per le aziende al 21% dal 35%.

Con 227 voti a favore (tutti repubblicani tranne 12) e 203 contro (incluso ogni deputato democratico), il testo unico della legislazione (diffuso quattro giorni prima) è passato. Oltre due ore dopo il via libera c'è stata tuttavia una scoperta dell'ultimo minuto che costringe i deputati a rimettere al voto il provvedimento: tre misure minori nel testo devono essere cambiate affinché il testo stesso possa passare al Senato. Il Gop ha minimizzato dicendo che si tratta di un problema minore.

Al Senato il partito repubblicano vanta una maggioranza di 52 seggi e si può permettere solo due defezioni. Per salvare la situazione in caso di emergenza, il vicepresidente Mike Pence è pronto a esercitare il cosiddetto voto "tie-breaking"; per questo ha posticipato il suo viaggio in Medio Oriente.

Nella migliore delle ipotesi, già mercoledì 20 dicembre Donald Trump potrebbe apporre la sua firma sul provvedimento, che così diventerà legge garantendo al presidente americano la sua prima vittoria legislativa da quando il 20 gennaio 2017 mise piede alla Casa Bianca. Lui e il suo partito, tuttavia, dovranno convincere l'opinione pubblica della bontà del provvedimento, ampiamento criticato.

Lo hanno dimostrato le proteste che avevan interrotto il dibattito alla Camera Usa precedente al voto. Nell'aula del Parlamento è stato sentito qualcuno gridare "kill the bill", letteralmente "uccidete la legislazine"; il gruppo di manifestanti è stato immediatamente buttato fuori dalla Camera.

Mentre lo speaker Paul Ryan difendeva una riforma bocciata dal 55% degli americani (stando a un sondaggio di Cnn), una donna ha poi gridato: "Stai mentendo. Stai mentendo. Vergognati. Vergognati". Chiaramente la donna faceva riferimento alle critiche sollevate da analisti ed economisti vari, secondo cui la riforma non si finanzia da sola come l'amministrazione Trump sostiene e non agevola la classe media bensì i multimilionari e le grandi aziende. "Torna a scuola per imperare la matematica. Non sai fare i conti", ha aggiunto la donna, a sua volta cacciata dalla Camera.

Nancy Pelosi, la leader della minoranza democratica alla Camera, ha detto che la proposta di riforma fiscale messa a punto dal Gop "è una truffa" che si tradurrà in "un furto". 

Mentre la Casa Bianca giocava sulla difensiva, i repubblicani alla Camera festeggiavano. Dopo avere portato a casa un numero di voti sufficiente per fare passare la legislazione nella loro aula, i deputati del Gop a Capitol Hill hanno bridato davanti alle telecamere. Ryan ha definito quello odierno "un grande giorno per l'America, per i lavoratori e per l'economia americana".

Sia lui sia Kevin Brady, il repubblicano alla guida della commissione responsabile della stesura della riforma, hanno fornito tre date: dal primo gennaio il sistema tributario di riferimento in Usa cambierà; dal primo febbraio, hanno detto, i salari saliranno "grazie al venire meno dell'imposizione fiscale"; il 15 aprile gli americani faranno le loro dichiarazioni dei redditi usando per l'ultima volta un sistema "orribile".

Mentre loro festeggiavano, alla Casa Bianca la portavoce Sarah Sanders spiegava che l'amministrazione "era impaziente del voto al Senato" e che Donald Trump avrebbe monitorato la situazione (non poteva immaginare che sarebbe poi sorto un piccolo problema di forma alla Camera). Se, come atteso, anche in quell'aula prevarranno i sì, il presidente "avrà garantito la maggiore riforma fiscale della storia Usa".

Prima di essere travolta dalle domande su quanto la riforma dia benefici al presidente Usa, Sanders aveva fornito un lungo elenco di elementi (tra cui un tasso di disoccupazione sceso ai minimi di 17 anni e i record a Wall Street) per dimostrare quello che secondo lei è stato "un anno storico" per Trump. Peccato che secondo sondaggi recenti, l'inquilino della Casa Bianca sia il presidente meno apprezzato alla fine dei primi 12 mesi di mandato nella storia Usa. Inoltre, la riforma è 'venduta' dal governo come se fosse a beneficio della classe media ma in realtà agevola grandi aziende e multimilionari. La linea del governo è sempre la stessa: "Trump ha mantenuto la promessa". Il tempo dimostrerà se la riforma fiscale si finanzierà da sola attraverso una crescita, che persino la Federal Reserve non si aspetta sia pari al 3% annuo come stimato da Trump.

Quanto alla firma finale della riforma la Casa Bianca sembra prendere tempo: "Stiamo ancora analizzando i dettagli. Prima vogliamo essere certi che passi" al Senato. Solo dopo il via libera dei senatori, aveva concluso Sanders, "comunicheremo la tempistica della firma". Ora Trump dovrà aspettare (di nuovo) il voto alla Camera.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati".

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.