La Camera Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza senza limiti, sconfitta la privacy

Per altri sei anni, consentito spiare gli stranieri all'estero senza mandato, anche quando comunicano con cittadini statunitensi in patria

 La Camera statunitense ha votato a favore del rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. La votazione era stata preceduta dai tweet contraddittori di Donald Trump, che avevano provocato la preoccupazione dei repubblicani, visto che il presidente sembrava inizialmente favorevole a dei limiti, andando contro la posizione della stessa Casa Bianca.

Alla Camera, 256 deputati hanno votato a favore del rinnovo della sezione - con minimi cambiamenti - 164 si sono dichiarati contrari. Poco prima, un emendamento che proponeva dei limiti a difesa della privacy era stato bocciato con una votazione di 233-183. Il rinnovo dovrà poi essere votato dal Senato, che presumibilmente confermerà la decisione della Camera, chiudendo il dibattito su sorveglianza e privacy aperto nel 2013 dalle rivelazioni di Edward Snowden sull'estensione dei controlli delle agenzie di intelligence.

Il voto è una vittoria per l'amministrazione Trump e per l'intelligence, che si sono opposte a una modifica del programma, e anche per la leadership repubblicana, a partire dallo speaker della Camera, Paul Ryan, che ha bloccato la possibilità di discutere le profonde modifiche proposte dalla commissione di Giustizia. L'obiettivo era costringere i deputati a votare per il rinnovo o l'abrogazione totale della sezione 702 e il rischio ha premiato la leadership repubblicana.

Ore prima, il presidente Donald Trump aveva contraddetto la stessa Casa Bianca e i suoi massimi collaboratori per la sicurezza nazionale, con un tweet in cui criticava la legge, che "potrebbe essere stato usata per sorvegliare" il suo staff in campagna elettorale "dalla precedente amministrazione e da altri". Meno di due ore dopo, dopo aver parlato con Ryan - secondo la stampa statunitense - ha pubblicato un altro tweet, in cui ha scritto che "il voto di oggi è sulla sorveglianza all'estero di stranieri malvagi. Ne abbiamo bisogno! Fatevi furbi!".

Da mesi, la Casa Bianca è impegnata per il rinnovo della 702, considerata fondamentale per permettere all'intelligence di prevenire attentati terroristici. Ieri, la portavoce Sarah Huckabee Sanders ha detto che l'amministrazione "si oppone con forza" agli emendamenti a difesa della privacy.

Glenn Greenwald, uno dei giornalisti più attivi contro la sorveglianza di massa, premiato per i suoi articoli che si basavano sulle rivelazioni di Snowden, si è sarcasticamente complimentato su Twitter con Trump, repubblicani, democratici e agenzie d'intelligence per la "loro grande vittoria per assicurare che gli americani possano continuare a essere spiati senza mandato".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Russiagate, Media Usa: il viceministro della Giustizia si dimette prima di essere licenziato

Rosenstein ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca
AP

Il vicesegretario alla Giustizia statunitense, Rod Rosenstein, avrebbe presentato verbalmente le proprie dimissioni al capo di gabinetto, John Kelly, prima di essere licenziato dal presidente Donald Trump. Lo rivela Axios, citando una fonte a conoscenza dei fatti. "Si aspetta di essere licenziato" e, per questo, ha intenzione di dimettersi, ha aggiunto la fonte.

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Nel mondo, la gente ricomincia ad avere la fiducia che aveva nell'economia nazionale prima della grande recessione di dieci anni fa; notevoli, soprattutto, i miglioramenti registrati in Germania, Giappone, Russia e Stati Uniti, secondo l'ultimo studio del Pew Research Center. Nel complesso, però, non si può non sottolineare che continua a regnare un forte pessimismo per il futuro e che è molto diffusa la nostalgia per il passato, soprattutto in Europa.

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Le accuse contro il giudice Brett Kavanaugh sono "totalmente politiche". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, parlando dell'uomo da lui nominato per la Corte Suprema, accusato di tentato stupro da una donna e ora anche di molestie da un'altra donna.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock