La Casa Bianca contro Trudeau

Kudlow: il premier canadese ha "tradito" Trump. Navarro: "ha pugnalato alle spalle il nostro presidente". Usa e Canada sull'orlo di una guerra commerciale

E' scontro diretto tra l'America di Donald Trump e il Canada. Oltre ad avere messo fine all'idillio tra il presidente americano e quello francese, Emmanuel Macron, il G7 canadese ha portato a uno scontro diretto tra Stati Uniti e la nazione guidata da Justin Trudeau. E il rischio è una guerra commerciale tra due Paesi che sono teoricamente alleati e partner.

Dopo l'attacco personale del presidente Usa lanciato nell'ultimo giorno del summit tra le sette principali economie al mondo, è arrivato quello di due uomini con lui in sintonia sulle questioni commerciali: il consigliere economico Larry Kudlow e quello commerciale Peter Navarro.

Mentre Trump era appena arrivato a Singapore per il summit storico con il leader nordcoreano Kim Jong Un, Kudlow ha spiegato che il presidente Usa non ha sottoscritto il comunicato finale del G7 a causa del "tradimento" di Trudeau, accusato di volere fare sembrare Trump debole prima dell'incontro con Kim. L'idea è che Trump non abbia avuto scelta dopo quanto detto in una conferenza stampa dal premier canadese ("I canadesi sono gentili, siamo ragionevoli ma non ci faremo maltrattare"). 

Trudeau "ci ha pugnalato alle spalle" facendo quella dichiarazione dopo che Trump aveva deciso di firmare il comunicato finale del G7 e dopo essere già partito dal Canada verso Singapore.

"Ci eravamo uniti nel comunicato in buona fede", ha spiegato Kudlow parlando durante la trasmissione tv "State of the Union" su Cnn. "Non ci si comporta così, ok? E' un tradimento". Per lui, "Trump non permetterà a un premier canadese di farsi prendere in giro" e "non permetterà alcuna debolezza in un viaggio per negoziare con la Corea del Nord".

All'amministrazione Trump non sono chiaramente piacute le affermazioni di Trudeau fatte di sabato e che il leader Usa ha apparentemente ascoltato dal suo Air Force One. Il premier canadese aveva detto che le contromisure pensate per rispondere ai dazi Usa sull'acciaio e sull'alluminio canadese scatteranno il prossimo primo luglio, come previsto, e che quei dazi non sono altro che un insulto.

Mentre era in volo, Trump aveva scritto in una serie di tweet che Trudeau è "molto disonesto e debole". In un cinguettio diceva: "Sulla base delle false dichiarazioni di Justin alla sua conferenza, e per via del fatto che il Canada sta imponendo tariffe doganali sui nostri agricoltori, lavoratori e gruppi, ho dato istruzioni ai nostri rappresentanti Usa di non sottoscrivere il comunicato mentre studiamo dazi contro le auto che allagano il mercato Usa".

Lo staff di Trudeau ha risposto dicendo che quanto da lui affermato non è stato nulla di nuovo rispetto a quanto già detto in passato. Ma a Ottawa si teme che le speranze per rinegoziare il North American Trade Agreement siano evaporate. Kudlow ha detto che gli Usa "erano vicini" a siglare un nuovo accordo commerciale e che Trudeau dovrebbe rimangiarsi quanto dichiarato.

Dalla parte del leader canadese si è schierato il senatore John McCain, che su Twitter ha scritto: "Ai nostri alleati: la maggioranza bipartisan degli americani resta favorevole al libero commercio, alla globalizzazione e a supporto delle alleanze sulla base di 70 anni di valori condivisi. Gli americani stanno con voi anche se il nostro presidente no".

Intanto anche il 'falco' Navarro ha attaccato Trudeau. Secondo lui, la conferenza del premier canadese è stato il "peggiore errore di calcolo politico" da parte di un leader canadese nella storia moderna. Per Navarro, Trump ha fatto un favore a Trudeau partecipando al G7, tanto più che era persino pronto a firmare un comunicato "socialista". E invece, "Trudeau ha pugnalato il nostro presidente alle spalle". La linea della Casa Bianca non cambia: gli alleati degli Usa "ci stanno derubando" e per aggiustare gli squilibri commerciali Washington deve fare saltare "l'ordine mondiale esistente".

Altri Servizi

La Ue gioca d'anticipo sugli Usa, le aziende potranno fare business con l'Iran

Mogherini da New York: verrà creato un 'veicolo speciale' per continuare ad avere a che fare con una nazione che Trump si prepara a punire con nuove sanzioni. Obiettivo: salvare lo storico accordo sul nucleare da cui l'America si è ritirata

L'Unione europea ha preso ulteriormente le distanze da Donald Trump, che lo scorso maggio aveva annunciato il ritiro "unilaterale" degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare italiano siglato nell'estate 2015 e che il novembre prossimo imporrà un secondo round di sanzioni contro il settore energetico di Teheran.

Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap