La Casa Bianca rilancia: "Il presidente Trump ha il rimorso di non aver alzato di più i dazi contro la Cina"

Con i giornalisti, Trump era sembrano più possibilista sui rapporti con Pechino, ma la sua portavoce ha poi detto: "È stato mal interpretato". Al G7, il presidente è isolato, ma per lui "sono solo Fake News"
Ap

Nessun passo indietro, nessun ripensamento. Anzi, il presidente statunitense Donald Trump si rammarica di non aver alzato di più i dazi sui prodotti importati dalla Cina. A specificarlo è stata la Casa Bianca, secondo cui i precedenti commenti di Trump sono stati "mal interpretati".

Durante l'incontro, davanti ai giornalisti, con il premier britannico Boris Johnson al vertice del G7 a Biarritz, in Francia, Trump era apparso più possibilista sui futuri rapporti con la Cina, dopo gli ultimi aumenti dei dazi decisi da Washington e la risposta di Pechino. Alla domanda su possibili "ripensamenti sull'escalation della guerra commerciale", Trump aveva risposto: "Sì, certo, perché no?". A una nuova domanda sullo stesso tema, aveva aggiunto: "Potrebbe anche essere, potrebbe anche essere. Ho ripensamenti su tutto".

La portavoce Stephanie Grisham, ore dopo, ha detto che la risposta del presidente è stata "largamente mal interpretata". In una nota, ha aggiunto che "il presidente ha il rimorso di non aver alzato maggiormente i dazi". I nuovi dazi hanno affossato i mercati e i titoli di Stato, creando tensioni con gli alleati e mettendo gli Stati Uniti, ancora una volta, in una posizione di isolamento al vertice dei Grandi. Vertice durante il quale Trump sta discutendo con gli alleati su Iran, Corea del Nord e Russia, anche se ha cercato di far emergere un quadro rassicurante sui rapporti con gli altri Paesi, affermando che le presunte tensioni sarebbero solo il frutto delle Fake News dei media.

In precedenza, i membri europei del G7 - che comprende Regno Unito, Canada, Germania, Francia, Italia, Giappone e Stati Uniti - avevano ripetutamente espresso preoccupazione per la minaccia della guerra commerciale alla più ampia economia globale. Il primo ministro britannico Boris Johnson era stato l'ultimo a dirlo a Trump, durante una colazione: "Non ci piacciono i dazi in generale, siamo a favore della pace commerciale".

Il padrone di casa del vertice, il presidente francese Emmanuel Macron, ha riconosciuto la necessità di "proteggere le nostre economie dalla concorrenza sleale", ma ha precisato che “le misure unilaterali non servono, e anzi sono controproducenti”. Il presidente francese ha spiegato la necessità di regole nuove, a partire dalla riforma dell'Organizzazione mondiale del commercio, su cui si sta lavorando. Dopo le minacce di Trump di tassare i vini francesi in risposta alla Digital Tax approvata dal governo di Parigi contro le grandi società statunitensi, è emerso che Francia e Stati Uniti stanno trattando. Il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, e il segretario statunitense al Tesoro, Steven Mnuchin, stanno segretamente parlando, con l'obiettivo di trovare un'intesa.

Trump, intanto, ha dichiarato che Stati Uniti e Giappone hanno trovato un accordo "di massima" sul commercio, aggiungendo che "i nostri rapporti con il premier Abe e il Giappone sono i migliori, credo, mai avuti". I media giapponesi hanno riferito che gli Stati Uniti e il Giappone avrebbero concordato un accordo commerciale che manterrà in vigore i dazi statunitensi sulle auto giapponesi, rimuovendo gli ostacoli alle vendite statunitensi di carne bovina e suina in Giappone.

Altri Servizi

Wall Street: attenzione rivolta a dazi, Hong Kong, Brexit

Oggi atteso il dato sul deficit della bilancia commerciale Usa
AP

Wall Street, nuove speranze sui negoziati Usa-Cina

Pechino ha annunciato che le delegazioni dei due Paesi si incontreranno a ottobre
AP

Boeing, nuovi problemi: sospesi i test del 777X

Il colosso aerospaziale statunitense, in difficoltà per il 737 Max - a terra dopo due incidenti mortali - punta sul nuovo jet per il rilancio

Nuovi problemi per Boeing, già in difficoltà per il modello 737 Max, costretto a terra dopo due recenti incidenti mortali. Questa volta, i problemi riguardano il 777X, nuovo modello di jet a lungo raggio su cui il colosso aerospaziale statunitense punta per il rilancio. Giovedì, in occasione dei test di pressurizzazione sul nuovo modello davanti agli ispettori dell'Agenzia federale per l'aviazione Usa (Faa), sono però stati riscontrati problemi tali da costringere a sospendere le prove.

Trump, nuovo ostacolo per i richiedenti asilo: sarà più difficile ottenere un permesso di lavoro

Le attuali norme prevedono tempi certi, entro i quali chi chiede asilo può iniziare a lavorare. L'attuale amministrazione vuole cancellarli
AP

L'amministrazione Trump ha proposto una nuova norma che renderebbe molto più difficile, per i richiedenti asilo, ottenere un permesso per lavorare, in modo da scoraggiare ulteriormente l'arrivo di rifugiati. Le persone che, negli Stati Uniti, hanno presentato domanda di asilo possono richiedere un permesso di lavoro, se sono in attesa di una decisione sul loro asilo da 150 giorni; secondo le attuali regole, ricevono un permesso di lavoro nei successivi 30 giorni.

Candidati Dem a caccia di voti in New Hampshire

La convention statale è stata una vetrina per i pretendenti meno conosciuti e l'occasione, per tutti, di presentarsi come l'anti-Trump
Ap

Le elezioni del 2020 saranno un referendum sul tipo di Paese che gli Stati Uniti vogliono essere. Ne sono convinti i candidati alle primarie democratiche, accorsi in New Hampshire per la convention statale, dove hanno chiesto il sostegno delle migliaia di attivisti presenti, promettendo, ciascuno di loro, di essere il candidato capace di unire il partito e battere il presidente Donald Trump.

Usa 2020, Schultz (ex Ceo Starbucks) ha deciso di non candidarsi

Aveva valutato la possibilità di farlo come indipendente
Starbucks

Howard Schultz ha annunciato che non si candiderà alle prossime elezioni presidenziali statunitensi. L'ex amministratore delegato di Starbucks aveva deciso, mesi fa, di aprire una campagna esplorativa per valutare la candidatura come indipendente.

AP

Ad agosto, le aziende statunitensi hanno continuato ad assumere, ma lo hanno fatto meno del previsto. Negli Stati Uniti il mese scorso sono stati creati 130.000 posti di lavoro, mentre gli analisti ne attendevano 150.000. Il settore privato ha creato 96.000 posti, quello pubblico 34.000. Il dato complessivo dei due mesi precedenti è stato rivisto in ribasso, con una perdita complessiva di 20.000 posti di lavoro. Il rialzo di agosto segna comunque il mese numero 107 di fila in cui i datori di lavoro americani hanno reclutato personale, un nuovo record.

Wall Street, attenzione rivolta al rapporto sull'occupazione

Gli investitori restano vigili sui rapporti Usa-Cina
AP

Wall Street, pesano i nuovi dazi Usa-Cina

Entrati in vigore il primo settembre
AP

Jason Greenblatt lascia l'amministrazione Trump: è stato l'architetto del piano di pace per il Medio Oriente

L'inviato speciale resterà in carica fino alla presentazione della parte politica del piano, che avverrà dopo le elezioni in Israele del 17 settembre
iStock

Jason Greenblatt, l'architetto del piano di pace per il Medio Oriente del presidente Donald Trump, ha deciso di lasciare l'amministrazione statunitense. Dopo le prime indiscrezioni di stampa, lo ha confermato lo stesso presidente, in due tweet: "Dopo quasi 3 anni nella mia amministrazione, Jason Greenblatt lascerà per lavorare nel settore privato. Jason è un grande e fidato amico e un fantastico avvocato, la sua dedizione a Israele e al cercare la pace tra Israele e i palestinesi non sarà dimenticata. Ci mancherà. Grazie Jason!".