La Cia ci spia? Identificata la presunta talpa che diede documenti a WikiLeaks

AP

Il governo americano ha identificato la persona sospettata di avere diffuso lo scorso anno una vasta gamma di strumenti con cui la Cia conduce operazioni di spionaggio all'estero. Lo scrive il Washington Post citando interviste e documenti accessibili al pubblico. Si tratta di un ex dipendente dell'agenzia d'intelligence ora 29enne, già detenuto in un carcere di Manhattan (New York) per altri motivi.

Joshua Adam Schulte, questo il nome della 'talpa', aveva lavorato per un gruppo della Cia chiamato Engineering Development Group e pensato per mettere a punto i codici informatici con cui spiare avversari stranieri. Prima ancora era stato nella National Security Agency, la stessa agenzia per cui aveva lavorato Edward Snowden, la 'talpa' che nel 2013 fece esplodere il cosiddetto "datagate" gettando luce sui programmi di sorveglianza degli Stati Uniti. Nel 2016 Schulte decise di lasciare il settore pubblico per quello privato, colpa anche di quella che lui defin" "incompetenza manageriale e burocrazia" dentro la Cia. E' lui ad essere sospettato di avere consegnato una mole enorme di documenti pubblicati lo scorso marzo da WikiLeaks come parte di quello che il sito di Julian Assange ha chiamato "Vault 7" (ad agosto seguì un'altra pubblicazione). Secondo funzionari americani passati e presenti, quella è stata la fuga di notizie più significativa e pericolosa nella storia della Cia. Il legame tra Schulte e l'inchiesta su questo 'leak' non era mai stati riportato.

Stando a ordini di perquisizione ottenuti dal Washington Post, le autorità federali nel marzo 2017 avevano messo le mani su attrezzature informatiche, quaderni e appunti di Schulte trovati nel suo appartamento newyorchese. Quanto raccolto, tuttavia, non è bastato ai procuratori per lanciare un'incriminazione contro l'uomo legata alla consegna illecita di informazioni a WikiLeaks.

I legali di Schulte hanno sostenuto che lui non ha avuto alcun ruolo nella fuga di notizie associata a "Vault 7" anche se dal suo appartamento aveva usato Tor, una tecnologia che consente a utenti internet di nascondere il luogo in cui si trovano. La procura non ha saputo dimostrare che la presunta talpa abbia usato Tor per diffondere informazioni top secret.

Schulte si trova in carcere per possesso, ricezione e trasferimento di materiale pedopornografico. Lui si è detto non colpevole. L'accusa sostiene di avere trovato molti file su un server da lui gestito ma il ragazzo ha sostenuto che dalle 50 alle 100 persone avevano accesso al server, pensato anni fa per condividere film e altri file. WikiLeaks ha scritto un tweet sostenendo che "il governo Usa dice di sospettare che un giovane ex dipendente della Cia di New York sia la fonte di #Vault7 - perché si è lamentato con il Congresso degli abusi nella Cia - ma non ha prove per incriminarlo. Quindi lo hanno messo in una prigione con accuse improbabili di pedopornografia".

Altri Servizi

Wall Street, pesano ancora le tensioni commerciali

Il Dow Jones chiude l'ottava seduta in perdita
iStock

Wall Street teme le tensioni commerciali con la Cina

Oggi un solo dato in programma, quello sull'avvio di nuovi cantieri
iStock

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Ennesima sparatoria negli Stati Uniti. Questa volta è accaduto a Trenton, in New Jersey, durante l’Art all Night festival, una manifestazione culturale locale, iniziata ieri e in procinto di finire oggi, in cui ci sono mostre d’arte e concerti.

Wall Street prova a mettere da parte le tensioni Usa-Cina

Tra i dati in programma oggi, le vendite di case esistenti
iStock

Russiagate, il WP rivela incontro tra Roger Stone e un russo

Il consigliere di lungo corso di Trump ha incontrato Henry Greenberg che gli aveva promesso materiale scottante su Hillary Clinton
©AP

Nuove rivelazioni sul Russiagate. Roger Stone, consigliere informale di Donald Trump e suo confidente di lunga data, ha infatti rilasciato un’intervista al Washington Post nella quale ha ammesso di aver incontrato nel maggio 2016 un emigrato russo che gli avrebbe promesso informazioni "compromettenti" sull’allora candidata democratica Hillary Clinton.

Pompeo avverte l'Iran sul nucleare: "Speriamo che la forza militare non sia mai necessaria"

Gli Stati Uniti, che hanno abbandonato l'accordo sul nucleare firmato da Obama, continuano a minacciare Teheran: "A prescindere dal destino dell'intesa, non sarebbe nel loro interesse sviluppare armi nucleari"
Ap

Usa-Russia, vertice sull'energia a Washington

L'amministrazione Trump ha chiesto (e ottenuto) un aumento della produzione di petrolio degli altri Paesi, visto il rialzo del prezzo della benzina
AP

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP