La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda

Il numero due in comando in Cina ha ammesso che la nazione si trova a fare i conti con una serie di "difficoltà" ma Pechino si sente a suo agio, anche di fronte alle tensioni commerciali con gli Usa. Lo ha spiegato il premier cinese Li Keqiang.

Parlando da una conferenza a Tianjin, in Cina, del World Economic Forum, il numero due al comando della nazione asiatica ha detto che essendo "profondamente integrata nell'economia mondiale, l'economia cinese è inevitabilmente condizionata da cambiamenti notevoli nell'economia globale e nel conteso commerciale. Stiamo avendo difficoltà nel mantenere stabile l'economia cinese".

Tuttavia Pechino ha "preparato gli strumenti sufficienti per gestire rischi e sfide", ha continuato Li, secondo cui "quegli strumenti potenzieranno la resilienza della Cina nell'affrontare le varie sfide".

Delle tensioni commerciali con Washington, lui non ha espressamente parlato ma ha ribadito concetti espressi in passato anche dal presidente Xi Jinping. "E' essenziale preservare i principi base del multilateralismo e del libero commercio", ha dichiarato il premier cinese. E pur riconoscendo spazio per miglioramenti, ha detto che le regole esistenti hanno "prima di tutto dato benefici al progresso di tutti". Secondo lui "l'unilateralismo non offrirà alcuna soluzione fattibile".

Li ha smentito la tesi di chi sostiene che il recentente indebolimento dello yuan contro il dollaro sia voluto da Pechino per favorire il suo export. "Un deprezzamento persistente del farà pù bene che male al nostro Paese", ha aggiunto dichiarando che "la Cina non sceglierà mai la strada di stimolare le esportazioni svalutando la sua valuta".

I suoi commenti seguono la decisione del presidente americano Donald Trump di fare scattare dal 24 settembre dazi del 10% su 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi; saliranno al 25% dal primo gennaio 2019. La Cina ha risposto colpendo importazioni americane per 60 miliardi con dazi del 5-10%.

Ora resta da vedere se Trump attuarà la sua minaccia imponendo altre tariffe doganali per 267 miliardi.

Il leader Usa - di fronte alla corsa dell'azionario e dell'economia Usa - crede che la sua nazione stia vincendo nel braccio di ferro commerciale con la Cina. Ma, come fa notare il New York Times, c'è il rischio che stia gettando le basi per una nuova Guerra Fredda economica e che potrebbe durare ben oltre la presidenza Trump.

Soltanto ieri, il fondatore di Alibaba, Jack Ma, ha spiegato che le tensioni potrebbero durare 20 anni. "Se si vuole una soluzione di breve termine, non c'è soluzione", ha detto l'uomo a capo del colosso cinese del commercio elettronico.

Se Li ha usato parole misurate, la stampa cinese controllata dallo Stato ha usato un linguaggio più duro: Pechino "emergerà pi forte" dalla guerra commerciale con gli Usa. Se Washington "vuole davvero mettere fine al conflitto commerciale, dovrebbe mostrare più franchezza".

Altri Servizi

Wall Street, timori per la crescita cinese

L'economia di Pechino cresciuta del 6,2% nel secondo trimestre rispetto a un anno prima, il passo più lento in almeno 27 anni
AP


Migranti, Corte costituzionale del Guatemala blocca il possibile accordo con gli Usa

Washington vuole lasciare ai centroamericani i richiedenti asilo provenienti da El Salvador e Honduras
AP

La Corte costituzionale del Guatemala ha emesso un'ordinanza per impedire al presidente Jimmy Morales di firmare un controverso accordo sull'immigrazione con il presidente statunitense Donald Trump. L'accordo, se firmato, costringerebbe i migranti provenienti da El Salvador e Honduras a chiedere asilo in Guatemala, invece che negli Stati Uniti, il Paese dove vorrebbero dirigersi.

Blackout a New York, città al buio per tre ore

Colpita una parte di Manhattan, oltre 70 mila senza corrente elettrica. Traffico impazzito e diversi problemi ma nessun danno né feriti
Ap

Caos a New York per un blackout che sabato sera ha paralizzato una parte della città per almeno tre ore. Il problema, dovuto a un guasto alla rete elettrica, ha lasciato al buio oltre 70mila persone secondo quanto dichiarato da Con Edison, la società che gestisce i servizi di gas ed elettricità della città. La zona maggiormente colpita è stata quella del West Side, la parte di Manhattan a ovest di Central Park, dove il blackout è iniziato attorno alle sette di sabato sera.

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Scontro Usa-Francia sulla web tax: Trump minaccia dazi

La misura colpisce 30 aziende tra cui le americane Alphabet, Apple Amazon e Facebook ma anche gruppi cinesi, tedeschi, spagnoli e britannici
Ap

Gli Stati Uniti hanno aperto un'inchiesta sulla web tax approvata oggi dal Senato francese, che ha ignorato l'avvertimento arrivato ieri da Washington. Nel mirino c'è l'imposta pari al 3% per le aziende digitali con un fatturato globale di oltre 750 milioni di euro e uno di 25 milioni generato in Francia.

Caso Epstein: si dimette Acosta, segretario al Lavoro Usa

Lo ha annunciato il presidente Trump, che aveva sempre difeso il suo ministro

Il segretario al Lavoro statunitense, Alexander Acosta, si è dimesso. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump, lasciando questa mattina la Casa Bianca, sottolineando che è stata una decisione di Acosta, che gli ha telefonato per annunciargli la sua decisione. "È un brav'uomo e ci mancherà" ha detto Trump. Le dimissioni sono il frutto delle polemiche sul rinvio a giudizio per sfruttamento sessuale di minorenni del miliardario Jeffrey Epstein, che un decennio fa aveva ottenuto un patteggiamento molto favorevole per le stesse accuse grazie ad Acosta, allora procuratore federale.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Netflix perde "Friends", la celebre serie TV passa sul nuovo servizio Hbo Max

L'annuncio di WarnerMedia. Accordo quinquennale a partire dal 2020

Dopo "The Office", Netflix perde i diritti a trasmettere un'altra celebre serie Tv americana: "Friends". WarnerMedia (l'ex Time Warner rilevata da AT&T in una transazione da oltre 80 miliardi di dollari) ha comunicato che le avventure di Jennifer Aniston nei panni di Rachel Green e quelle degli altri cinque suoi amici verranno trasmesse su un nuovo servizio in streaming che verrà lanciato la prossima primavera e che si chiamerà HBO Max.