La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda

Il numero due in comando in Cina ha ammesso che la nazione si trova a fare i conti con una serie di "difficoltà" ma Pechino si sente a suo agio, anche di fronte alle tensioni commerciali con gli Usa. Lo ha spiegato il premier cinese Li Keqiang.

Parlando da una conferenza a Tianjin, in Cina, del World Economic Forum, il numero due al comando della nazione asiatica ha detto che essendo "profondamente integrata nell'economia mondiale, l'economia cinese è inevitabilmente condizionata da cambiamenti notevoli nell'economia globale e nel conteso commerciale. Stiamo avendo difficoltà nel mantenere stabile l'economia cinese".

Tuttavia Pechino ha "preparato gli strumenti sufficienti per gestire rischi e sfide", ha continuato Li, secondo cui "quegli strumenti potenzieranno la resilienza della Cina nell'affrontare le varie sfide".

Delle tensioni commerciali con Washington, lui non ha espressamente parlato ma ha ribadito concetti espressi in passato anche dal presidente Xi Jinping. "E' essenziale preservare i principi base del multilateralismo e del libero commercio", ha dichiarato il premier cinese. E pur riconoscendo spazio per miglioramenti, ha detto che le regole esistenti hanno "prima di tutto dato benefici al progresso di tutti". Secondo lui "l'unilateralismo non offrirà alcuna soluzione fattibile".

Li ha smentito la tesi di chi sostiene che il recentente indebolimento dello yuan contro il dollaro sia voluto da Pechino per favorire il suo export. "Un deprezzamento persistente del farà pù bene che male al nostro Paese", ha aggiunto dichiarando che "la Cina non sceglierà mai la strada di stimolare le esportazioni svalutando la sua valuta".

I suoi commenti seguono la decisione del presidente americano Donald Trump di fare scattare dal 24 settembre dazi del 10% su 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi; saliranno al 25% dal primo gennaio 2019. La Cina ha risposto colpendo importazioni americane per 60 miliardi con dazi del 5-10%.

Ora resta da vedere se Trump attuarà la sua minaccia imponendo altre tariffe doganali per 267 miliardi.

Il leader Usa - di fronte alla corsa dell'azionario e dell'economia Usa - crede che la sua nazione stia vincendo nel braccio di ferro commerciale con la Cina. Ma, come fa notare il New York Times, c'è il rischio che stia gettando le basi per una nuova Guerra Fredda economica e che potrebbe durare ben oltre la presidenza Trump.

Soltanto ieri, il fondatore di Alibaba, Jack Ma, ha spiegato che le tensioni potrebbero durare 20 anni. "Se si vuole una soluzione di breve termine, non c'è soluzione", ha detto l'uomo a capo del colosso cinese del commercio elettronico.

Se Li ha usato parole misurate, la stampa cinese controllata dallo Stato ha usato un linguaggio più duro: Pechino "emergerà pi forte" dalla guerra commerciale con gli Usa. Se Washington "vuole davvero mettere fine al conflitto commerciale, dovrebbe mostrare più franchezza".

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

I timori di un rallentamento dell'economia globale hanno messo a tappeto gli indici a Wall Street, che hanno archiviato una seduta con cali vicini al 2%. Per la prima volta dal marzo 2016 tutti e tre gli indici principali sono finiti in correzione, status definito da un calo di almeno il 10% rispetto ai massimi recenti. I listini sono per altro protagonisti del peggiore inizio di dicembre dal 1980.