La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda

Il numero due in comando in Cina ha ammesso che la nazione si trova a fare i conti con una serie di "difficoltà" ma Pechino si sente a suo agio, anche di fronte alle tensioni commerciali con gli Usa. Lo ha spiegato il premier cinese Li Keqiang.

Parlando da una conferenza a Tianjin, in Cina, del World Economic Forum, il numero due al comando della nazione asiatica ha detto che essendo "profondamente integrata nell'economia mondiale, l'economia cinese è inevitabilmente condizionata da cambiamenti notevoli nell'economia globale e nel conteso commerciale. Stiamo avendo difficoltà nel mantenere stabile l'economia cinese".

Tuttavia Pechino ha "preparato gli strumenti sufficienti per gestire rischi e sfide", ha continuato Li, secondo cui "quegli strumenti potenzieranno la resilienza della Cina nell'affrontare le varie sfide".

Delle tensioni commerciali con Washington, lui non ha espressamente parlato ma ha ribadito concetti espressi in passato anche dal presidente Xi Jinping. "E' essenziale preservare i principi base del multilateralismo e del libero commercio", ha dichiarato il premier cinese. E pur riconoscendo spazio per miglioramenti, ha detto che le regole esistenti hanno "prima di tutto dato benefici al progresso di tutti". Secondo lui "l'unilateralismo non offrirà alcuna soluzione fattibile".

Li ha smentito la tesi di chi sostiene che il recentente indebolimento dello yuan contro il dollaro sia voluto da Pechino per favorire il suo export. "Un deprezzamento persistente del farà pù bene che male al nostro Paese", ha aggiunto dichiarando che "la Cina non sceglierà mai la strada di stimolare le esportazioni svalutando la sua valuta".

I suoi commenti seguono la decisione del presidente americano Donald Trump di fare scattare dal 24 settembre dazi del 10% su 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi; saliranno al 25% dal primo gennaio 2019. La Cina ha risposto colpendo importazioni americane per 60 miliardi con dazi del 5-10%.

Ora resta da vedere se Trump attuarà la sua minaccia imponendo altre tariffe doganali per 267 miliardi.

Il leader Usa - di fronte alla corsa dell'azionario e dell'economia Usa - crede che la sua nazione stia vincendo nel braccio di ferro commerciale con la Cina. Ma, come fa notare il New York Times, c'è il rischio che stia gettando le basi per una nuova Guerra Fredda economica e che potrebbe durare ben oltre la presidenza Trump.

Soltanto ieri, il fondatore di Alibaba, Jack Ma, ha spiegato che le tensioni potrebbero durare 20 anni. "Se si vuole una soluzione di breve termine, non c'è soluzione", ha detto l'uomo a capo del colosso cinese del commercio elettronico.

Se Li ha usato parole misurate, la stampa cinese controllata dallo Stato ha usato un linguaggio più duro: Pechino "emergerà pi forte" dalla guerra commerciale con gli Usa. Se Washington "vuole davvero mettere fine al conflitto commerciale, dovrebbe mostrare più franchezza".

Altri Servizi

R.Kelly si è consegnato alla polizia dopo le accuse di molestie

Nei confronti del cantante sono stati formulati dieci capi d’accusa per abusi. Il processo inizierà il prossimo 8 marzo

Il rapper R. Kelly si è consegnato alla polizia di Chicago ed è stato arrestato dopo essere stato incriminato con dieci capi d'accusa per abusi sessuali su quattro donne. Tre delle presunte vittime, che lo hanno denunciato per episodi risalenti a diversi anni fa e che vanno dal 1998 al 2010, erano minorenni all'epoca fatti e avevano tra i 13 e i 16 anni.

Trump attacca i 16 stati Usa che vogliono bloccare il suo muro

Hanno fatto causa: dichiarare l'emergenza nazionale per costruire il muro, come ha fatto il presidente, è inconstituzionale
White House

In una serie di tweet mattutini, il presidente americano ha attaccato i 16 stati americani che ieri hanno unito le forze chiedendo a un tribunale federale di impedire a Donald Trump di procedere con i suoi piani per costruire il muro tra gli Stati Uniti e il Messico. Venerdì scorso il leader statunitense aveva invocato l'emergenza nazionale al confine meridionale del Paese, mossa pensata per aggirare il Congresso e dirottare al muro fondi già destinati ad altri progetti.

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Fed: tensioni commerciali e Brexit minacciano stabilità, outlook fiscale Italia "deteriorato"

Pubblicato il rapporto che anticipa la testimonianza semestrale al Congresso del governatore Powell

La Federal Reserve ha messo in guardia sui potenziali rischi che potrebbero intaccare la stabilità finanziaria internazionale: tra di essi la banca centrale americana cita "una frenata dell'economia globale, incertezze politiche, un intensificarsi delle tensioni commerciali e un aumento dello stress a cui sono sottoposte le economie dei mercati emergenti".

I fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più

Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative, ma servirà l'approvazione del Congresso
Ap

Usa, i fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative New York, 22 feb - Più di un terzo dei fondi federali che il presidente statunitense, Donal Trump, vorrebbe reindirizzare per costruire nuovi muri al confine con il Messico, grazie all'emergenza nazionale dichiarata, non è più disponibile, perché già speso. Lo scrive il sito Roll Call.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

Negli Stati Uniti si festeggia il Giorno dei presidenti. Proteste contro Trump

Manifestazioni contro la decisione di dichiarare lo stato d'emergenza nazionale per aggirare il Congresso e finanziare la costruzione di muri al confine con il Messico

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, ha trascorso il weekend nel suo resort in Florida e oggi, prima di tornare a Washington, andrà a Miami per incontrare la comunità venezuelana.

I legislatori Gb contro Facebook: ha "intenzionalmente" violato le leggi

In un rapporto da 108 pagine, i parlamentari GB accusato il social network di compostarsi come un 'gangster digitale'. Chiesta stretta regolatoria su privacy e antitrust. Al via altre inchieste. Il gruppo: siamo cambiati ma c'è molto da fare
AP

Facebook ha "intenzionalmente e consapevolmente" violato leggi per la tutela della privacy e leggi antitrust nel Regno Unito, infischiandosene della tutela degli utenti come parte degli sforzi volti a massimizzare i ricavi generati dai dati loro associati. E' questa l'accusa pesante lanciata dai legislatori britannici domenica 17 febbraio. E' stato chiesto il lancio di un'inchiesta sulle pratiche dell'azienda americana, che ha risposto negando di avere violato le leggi e sostenendo di avere fatto tanti cambiamenti: "Sebbene ci sia ancora molto da fare, non siamo la stessa azienda di anni fa", ha detto Karim Palant, che lavora per il gruppo nel Regno Unito.

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.

Fed indicisa sulla rotta dei tassi, entro fine anno stop a riduzione suo bilancio

Dai verbali della riunione di gennaio emerge una banca centrale "paziente" ma divisa sul costo del denaro. La fine della normalizzazione del suo bilancio sembra vicina

Nella sua prima riunione del 2019, la Federal Reserve si è presa tempo per studiare la situazione e determinare le sue mosse future: sui tassi, i suoi governatori sono divisi mentre sembra esserci unità nel credere che presto servirà annunciare uno stop alla riduzione, iniziata nel 2017, del suo bilancio gonfiato negli anni della crisi dagli acquisti di Treasury e bond ipotecari. E' questo il quadro che è emerso dai verbali della riunione della banca centrale Usa che si è svolta il 29 e 30 gennaio scorsi.