La Cina risponde ai dazi di Trump: nel mirino anche le auto Made in Usa

Aveva detto che sarebbe stata costretta a reagire con delle ritorsioni. Oggi è arrivata la conferma: la Cina ha deciso di rispondere ai dazi del 10% che gli Usa imporranno dal primo settembre su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Lo farà adottando nuovi dazi su 75 miliardi di dollari di importazioni statunitensi, anche sulle auto Made in Usa. I dazi spazieranno dal 5 al 10% ed entreranno in vigore con la stessa tempistica di quelli americani: un primo round dall'1 settembre e un secondo dal 15 dicembre (la data in cui il governo Trump ha deciso di posticipare, per salvare lo shopping natalizio, l'entrata in vigore di dazi su smartphone, laptop, monitor, giocattoli, console per videogiochi e certi capi d'abbigliamento).

Con la sua ultima mossa, la Cina di fatto ha deciso di tassare le rimanenti importazioni americane che ancora non erano oggetto di dazi. Anche questo è una conseguenza delle azioni degli Usa, che con i prossimi dazi finiranno per tassare tutti i prodotti in arrivo su suolo americano dalla Cina. La differenza è che la nazione asiatica importa meno di quanto non facciano gli Usa, di conseguenza la sua capacità di ledere Washington con le tariffe doganali è limitata. Non è un caso che Peter Navarro, il consigliere 'falco' della Casa Bianca, abbia detto a Fox Business che "l'ammontare di denaro che è soggetto a tassi non è tangibile in termini di crescita macro". Secondo lui le ritorsioni cinesi "assolutamente non" rallenteranno la crescita Usa.

Comunque sia, la Cina colpisce l'America tanto cara a Donald Trump, quella degli agricoltori e del settore manifatturiero, aggiungendo per esempio altri dazi del 5% a quelli già esistenti sui semi di soia e sul petrolio. I dazi extra del 25% che aveva deciso di sospendere sulle auto importate dagli Usa riprenderanno il 15 dicembre. Tenuti conto di altri dazi del 10% previsti per certe vetture, le vetture Made in Usa potrebbero subire dazi fino al 50%. Le auto elettriche dell'americana Tesla e quelle delle tedesche Daimler e BMW sono le più vulnerabili a queste mosse. Resta da vedere se la delegazione cinese intende ancora recarsi a Washington a inizio settembre per un nuovo round di negoziati dopo quello di Shanghai di fine luglio.

Altri Servizi

Usa 2020, Biden al bivio. E ora anche la South Carolina è a rischio

L'ex vicepresidente ha dato per scontata la sua vittoria nello Stato, ma gli afroamericani sembrano meno convinti di sostenerlo. Soprattutto dopo il voto in Iowa e New Hampshire

La South Carolina è considerata il vero punto di partenza della campagna elettorale di Joe Biden, il suo muro invalicabile per gli avversari. Un muro, però, che mostra profonde crepe, a due settimane dal voto che potrebbe, al contrario, mettere fine alla corsa presidenziale del candidato che, fino a poche settimane fa, era considerato l'indiscusso favorito per la nomination democratica.

A Wall Street, fa paura il coronavirus

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
AP

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

Oltre mille procuratori americani hanno chiesto le dimissioni di William Barr

Il procuratore generale accusato insieme a Trump di "interferenze nell’amministrazione della Giustizia"
Wikipedia

Più di 1.100 ex procuratori e funzionari del Dipartimento di giustizia, tanto democratici quanto repubblicani, hanno chiesto al procuratore generale William Barr di dimettersi per come ha gestito il caso Stone. La richiesta è arrivata in una lettera aperta in cui sono state condannate "in modo energico le interferenze del presidente Trump e del procuratore generale Barr nell'amministrazione della Giustizia" americana.

Negli Stati Uniti è il Presidents' Day. Le priorità di Trump: "Dio, famiglia e Paese"

Il presidente Usa è stato ieri alla Daytona 500 del campionato Nascar: c'è da difendere la Florida, a novembre
Ap

Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Gli Usa valutano lo stop all'export in Cina di motori GE

In ballo c'è la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C
General Electric

Ci sono 607 miliardari negli Usa: solo 5 sono afroamericani

Business Insider analizza la lista di Forbes dei Paperoni d’America
AP

Iraq, razzi vicino ad ambasciata americana di Baghdad

Non ci sono vittime. Si tratta del 19 attacco che coinvolge gli Usa in quattro mesi

Accordo Usa-talebani per una tregua, passo verso il ritiro dall'Afghanistan

Dopo una "riduzione delle violenze" per sette giorni, nuova intesa e trattative di pace tra ribelli e governo; poi, se non ci saranno intoppi, il ritorno a casa delle truppe Usa. Trump: "È ora di tornare a casa"
AP