La CNN compra Mashable?

Si è diffusa in queste ore la voce che la celebre emittente televisiva stia per comprare il più potente aggregatore di notizie sul web

Per ora è solo un'indiscrezione non confermata, lanciata dal celebre blogger Felix Salmon sul sito della Reuters: la celeberrima emittente televisiva CNN sarebbe in procinto di comprare il sito Mashable pagandolo oltre 200 milioni di dollari.

Se la notizia venisse confermata, si tratterebbe del secondo evento in pochi giorni di clamorosa fusione tra grandi e vecchi media, dopo che venerdì scorso si è appreso che Chris Hughes, il biondino 29enne che nel 2004 era al fianco di Marc Zuckerberg nel creare Facebook e nel 2008 aveva ideato l'innovativo sito web per la candidatura alla Casa Bianca di Barack Obama, ha acquistato la prestigiosa ma un po' obsoleta rivista The New Republic, mensile (un tempo settimanale) di attualità politica nato nel lontano 1914.

Nel caso CNN-Mashable la dinamica sarebbe inversa, ossia sarebbe la "vecchia" testata ad assorbire la "nuova"; ma questo è tutto sommatom un dettaglio, la costante rimane la strategia di rivitalizzare un media vecchio e ormai zoppicante tramite l'innesto della linfa vitale proveniente dai nuovi media telematici. la CNN, che quando venne creata nel 1980 da Ted Turner fu il primo canale televisivo all-news della storia e rivoluzionò in pochi anni il giornalismo televisivo americano (e di conseguenza, nel decennio successivo, quello di tutto il mondo), vive infatti ormai da diversi anni una grave crisi, essendo stata sorpassata da emittenti concorrenti che ne hanno imitato e rilanciato il format. Che il suo rilancio da parte del gruppo Time-Warner, che la controlla dal 1995, si voglia giocare sulla fusione con i nuovi media si era già capito l'anno scorso, quando l'emittente di Atlanta aveva comprato (ad un prezzo tra i venti e i venticinque milioni) Zite, una applicazione per iPad che (analogamente al prodotto concorrente FlipBoard) consente a ciascun utente di crearsi un social magazine, una sorta di rivista digitale personalizzata, attingendo notizie ed articoli da un elenco di siti web stilato in base alle proprie preferenze. 

Mashable è invece un sito di social news, cioé una sorta di superblog che raccoglie, raggruppa e segnala indicizzandole notizie, articoli e filmati pescati da una miriade di altri siti, sfruttanto prevalentemente i social media e quindi tenendo in maggiore evidenza gli articoli più condivisi (o più graditi usando il pulsante "mi piace"), i viedo più visti, le notizie più cliccate e così via. Il sito, oggi uno dei più visitati al mondo, venne creato nel 2005 dallo scozzese Pete Cashmore, allora appena ventenne (!), e già da una paio d'anni ha intessuto una partnership con CNN (sul cui sito Cashmore scrive come opinionista): la fusione sarebbe quindi un esito naturale.

Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulle tensioni commerciali

In programma anche il dato sulla vendita di case esistenti
iStock

La Corea del Nord smantella sito di test nucleari, Trump apre a denuclearizzazione graduale

Pyongyang ha annunciato l'esito delle operazioni, il presidente Usa ha parlato di "grande cosa per il mondo" se l'incontro con Kim si terrà

La Corea del Nord ha annunciato di aver smantellato "completamente" il proprio sito di test nucleari, a Punggye-ri, nel Nord-Est del Paese, con una serie di esplosioni pianificate che lo hanno reso inutilizzabile. "L'Istituto per le armi nucleari della Corea del Nord ha tenuto una cerimonia per smantellare completamente il sito di test nucleari nel Nord il 24 maggio... per garantire la trasparenza della discontinuità dei test nucleari", si legge in una dichiarazione in inglese pubblicata dall'agenzia di stampa statale KCNA.

Trump cancella l'incontro con Kim: "Persa un'opportunità per la pace"

Il presidente Usa disponibile, ma anche minaccioso nei confronti della Corea del Nord: "Forze Usa pronte più che mai"

Troppa ostilità da parte di Pyongyang negli ultimi giorni, nessuna base per arrivare a un risultato positivo. Per questo, il presidente statunitense, Donald Trump, ha deciso di cancellare l'incontro con il leader nordcoreano, Kim Jong Un, in programma a Singapore il 12 giugno. "Sono stato costretto", ha scritto Trump su Twitter, allegando la lettera con cui ha avvertito tutti della sua decisione. "Il mondo intero, e la Corea del Nord in particolare, ha perso una grande opportunità per una pace duratura, per la prosperità e il benessere. Questa opportunità mancata è un momento veramente triste nella Storia" ha scritto Trump nella lettera a Kim.

Nordcorea, Trump cancella l'incontro con Kim il 12 giugno

Il presidente Usa ha inviato una lettera al leader nordcoreano: "Il mondo ha perso una grande opportunità". Decisione presa per "l'enorme rabbia e l'aperta ostilità" mostrata recentemente da Pyongyang

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha deciso di cancellare l'incontro con il leader nordcoreano, Kim Jong Un, in programma a Singapore il 12 giugno. Il presidente ha inviato una lettera a Kim per spiegargli i motivi della decisione. "Non vedevo l'ora di essere lì con lei. Purtroppo, in base all'enorme rabbia e all'ostilità aperta mostrata nelle sue più recenti dichiarazioni, sento che sia inappropriato, in questo momento, avere questo incontro programmato da tempo. Per questo" ha aggiunto Trump nella lettera, "l'incontro di Singapore, per il bene di entrambe le parti, ma a scapito del mondo, non si terrà".

Trump valuta nuovi dazi sulle auto importate

Potrebbero arrivare fino al 25%. L'amministrazione Usa userebbe 'scuse' legate alla tutela della sicurezza nazionale, che per il segretario al Commercio è sicurezza militare
AP

L'amministrazione Trump sta valutando se imporre nuovi dazi, fino al 25%, sulle auto importate in Usa. La mossa di Washington sarebbe giustificata per motivi di sicurezza nazionale; si tratta degli stessi motivi con cui gli Stati Uniti hanno cercato di convincere - inutilmente - della bontà delle tariffe doganali pari a 25% sull'acciaio e al 10% sull'alluminio scattate il 23 marzo scorso con alcune eccezioni. La Ue, per esempio, ne è stata esonerata fino al primo giugno. Anche Canada e Messico non sono soggetti alla misura sui metalli importati in Usa mentre negoziano sul Nafta.

Tiffany: i conti brillano, annuncia piano di buyback da 1 miliardo di dollari

Utili +53% a 142 milioni di dollari. Ricavi +15% a 1 miliardo. Outlook per il 2018 migliorato

Tiffany brilla nel pre-mercato, dove il titolo della catena di gioiellerie vola del 14,5% a 117,10 dollari. Il gruppo ha pubblicato conti che hanno battuto le stime sotto ogni punto di vista e ha annunciato un nuovo piano di riacquisto di titoli propri per 1 miliardo di dollari.

Elliott conferma quota "significativa" nella tedesca ThyssenKrupp

Continua l'attivismo in Europa dell'hedge fund di Paul Singer, che con l'azienda industriale vuole un "dialogo costruttivo"

L'investitore attivista Elliott Advisors continua a puntare sull'Europa. Il braccio britannico dell'hedge fund americano Elliott Management ha confermato che fondi da esso gestiti sono "soci significativi" nel gruppo industriale tedesco ThyssenKrupp e che "ad oggi" i titoli ordinari in possesso sono tali da "non superare" il limite oltre il quale, stando alla normativa tedesca, è obbligatorio svelare la partecipazione.

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Donald Trump chiede l'apertura di un'inchiesta sull'Fbi

Il tycoon domanderà al Dipartimento di Giustizia di accertare eventuali infiltrazioni durante la sua campagna del 2016

Donald Trump ha chiesto al Dipartimento di Giustizia americano di aprire un'indagine per verificare se l’Fbi, o lo stesso Dipartimento, si siano infiltrati nella sua campagna nel 2016. Il presidente americano lo ha scritto su Twitter dopo altri cinguetii domenicali in cui ha attaccato nuovamente la stampa e Hillary Clinton.

Congresso Usa smantella riforma finanziaria post-crisi in favore delle banche più piccole

Alzato a 250 miliardi di dollari da 50 miliardi il valore degli asset che un istituto di credito deve avere per essere soggetto alle regole più severe

Dopo quasi due mesi, anche la Camera Usa ha spianato la strada a un indebolimento della regolamentazione bancaria entrata in vigore dopo la crisi del 2008.