La commissione Intelligence del Senato conferma Haspel, guida della Cia più vicina

A suo favore ha almeno 5 democratici, il voto in Aula previsto forse già in settimana. Sarebbe la prima donna a guidare l'agenzia d'intelligence
Ap

La commissione Intelligence del Senato ha confermato la nomina di Gina Haspel a capo della Cia. La veterana della Cia, 61 anni, ha ottenuto 10 voti a favore e 5 contrari; la sua conferma in Aula è prevista, forse, già prima della fine di questa settimana. Avendo il voto di almeno 5 democratici, nonostante il suo controverso passato, la sua conferma a questo punto appare scontata; sarebbe la prima donna a ricoprire l'incarico.

Haspel, scelta dal presidente Donald Trump per sostituire Mike Pompeo, divenuto segretario di Stato, ha diretto uno dei primi 'black site' aperti dagli Stati Uniti, ovvero una prigione in Thailandia dove i presunti terroristi venivano torturati, ed è stata accusata di aver ordinato la distruzione di centinaia di videocassette che testimoniavano gli abusi commessi. Sarebbe la seconda persona a ricoprire l'incarico dopo aver trascorso l'intera carriera sotto copertura.

Durante l'audizione, i democratici si sono più volte lamentati per il poco materiale a disposizione sulla lunga e controversa carriera di Haspel, divenuta vicedirettrice della Cia lo scorso anno. Davanti alla commissione, Haspel ha dichiarato che non crede "che la tortura funzioni"; ha poi detto che la decisione di distruggere le cassette "fu giusta, ma non mia", aggiungendo che c'era "grande preoccupazione" per la "sicurezza" degli agenti della Cia ripresi.

Recentemente, un gruppo di 94 ex ambasciatori statunitensi ha inviato una lettera al Senato per chiedere ai membri dell'Aula di non confermare la nomina di Gina Haspel a capo della Cia. Per gli ex ambasciatori, la conferma di Haspel sarebbe "gradita" ai "leader autoritari in tutto il mondo", perché "potrebbero dichiarare che il loro comportamento non è diverso dal nostro"; tra i firmatari c'è anche John Phillips, ambasciatore in Italia dal settembre 2013 al gennaio 2017.

Altri Servizi

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

"Caro Emmanuel, dovresti conoscere bene l’argomento (terrorismo ndr) dal momento che tutti i terroristi sono a Parigi". Donald Trump si sarebbe rivolto con queste parole, parlando della sfida dell’occidente al terrorismo, al suo omologo francese, Macron, durante il G7 canadese tenutosi a La Malbaie l’8 e il 9 giugno scorsi. A ricostruire il dietro le quinte è un articolo del Wall Street Journal che cita fonti diplomatiche europee.

AP

Le due più grandi comunità ebraiche al mondo sono profondamente divise. Tra gli ebrei americani e gli israeliani c'è un divario, specialmente in relazione al presidente americano Donald Trump. E' quanto emerso da un sondaggio dell'American Jewish Committee (AJC).

Usa impongono dazi su 50 miliardi di dollari di importazioni cinesi

Camera di Commercio americana: "Non è il giusto approccio". Pechino promette risposta "immediata" e della stessa portata. Guerra tra le due potenze mondiali sempre più vicina

La guerra commerciale tra Usa e Cina è sempre più vicina. Il presidente americano Donald Trump ha dato il via libera a dazi del 25% contro prodotti tecnologici cinesi per 50 miliardi di dollari e ha messo in guardia la nazione asiatica: eviti di reagire altrimenti Washington farà scattare altre tariffe doganali. Pechino ha ignorato l'avvertimento e ha promesso una risposta "immediata" e di pari portata alla mossa americana. Tutti i "risultati" delle consultazioni che le due nazioni hanno avuto fino ad ora non sono più validi, ha aggiunto il ministero cinese del Commercio.

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia statunitense sul 'caso e-mail' di Hillary Clinton "distrugge totalmente" l'ex direttore dell'Fbi, James Comey. A ribadirlo, su Twitter, è stato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui questo periodo sarà ricordato come "il più buio e pericoloso nella storia americana!".

Con la sua Boring Company, Musk si aggiudica contratto a Chicago

Costruirà sistema sotterraneo di treni super veloci: dall'aeroporto O'Hare al centro della città in 12 minuti anziché 40
AP

Inizia a concretizzarsi il piano con cui l'irriverente Elon Musk dal 2016 promette di ridurre il traffico cittadino rendendo i trasporti più veloci. La sua Boring Company si è aggiudicata un contratto valutato in centinaia di milioni di dollari per costruire un sistema sotterraneo di treni super veloci volto a trasferire la gente dall'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago al centro della città dell'Illinois. Come annunciato dal sindaco della cosiddetta Windy City, Rahm Emanuel, il progetto non prevede nemmeno un dollaro da parte dei contribuenti essendo finanziato privatamente.

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock

Europa e Usa insieme per discutere del piano di pace in Medio Oriente di Trump

Londra sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle potenze europee (e arabe) e gli uomini del presidente Usa che si occupano del dossier, ovvero Kushner e Greenblatt, che nei prossimi giorni saranno in Israele, Egitto e Arabia Saudita
iStock

Apple annuncia partnership sui contenuti con Oprah Winfrey

La regina dei talk show americana creerà "programmi originali"
AP

Trump: "Il report della Giustizia è un disastro totale per Comey e l'Fbi"

Il presidente all'attacco su Twitter dopo il rapporto dell'ispettore generale sulla gestione delle indagini sul 'caso e-mail' di Clinton