La commissione Intelligence del Senato conferma Haspel, guida della Cia più vicina

A suo favore ha almeno 5 democratici, il voto in Aula previsto forse già in settimana. Sarebbe la prima donna a guidare l'agenzia d'intelligence
Ap

La commissione Intelligence del Senato ha confermato la nomina di Gina Haspel a capo della Cia. La veterana della Cia, 61 anni, ha ottenuto 10 voti a favore e 5 contrari; la sua conferma in Aula è prevista, forse, già prima della fine di questa settimana. Avendo il voto di almeno 5 democratici, nonostante il suo controverso passato, la sua conferma a questo punto appare scontata; sarebbe la prima donna a ricoprire l'incarico.

Haspel, scelta dal presidente Donald Trump per sostituire Mike Pompeo, divenuto segretario di Stato, ha diretto uno dei primi 'black site' aperti dagli Stati Uniti, ovvero una prigione in Thailandia dove i presunti terroristi venivano torturati, ed è stata accusata di aver ordinato la distruzione di centinaia di videocassette che testimoniavano gli abusi commessi. Sarebbe la seconda persona a ricoprire l'incarico dopo aver trascorso l'intera carriera sotto copertura.

Durante l'audizione, i democratici si sono più volte lamentati per il poco materiale a disposizione sulla lunga e controversa carriera di Haspel, divenuta vicedirettrice della Cia lo scorso anno. Davanti alla commissione, Haspel ha dichiarato che non crede "che la tortura funzioni"; ha poi detto che la decisione di distruggere le cassette "fu giusta, ma non mia", aggiungendo che c'era "grande preoccupazione" per la "sicurezza" degli agenti della Cia ripresi.

Recentemente, un gruppo di 94 ex ambasciatori statunitensi ha inviato una lettera al Senato per chiedere ai membri dell'Aula di non confermare la nomina di Gina Haspel a capo della Cia. Per gli ex ambasciatori, la conferma di Haspel sarebbe "gradita" ai "leader autoritari in tutto il mondo", perché "potrebbero dichiarare che il loro comportamento non è diverso dal nostro"; tra i firmatari c'è anche John Phillips, ambasciatore in Italia dal settembre 2013 al gennaio 2017.

Altri Servizi

In vigore il blocco di Trump, che impedisce ai migranti irregolari di chiedere asilo in Usa

Proclamazione presidenziale firmata dal presidente: "Le persone possono venire, ma devono farlo legalmente". Intanto, 4.000 migranti centroamericani hanno ripreso la marcia verso il confine, lasciata Città del Messico
Immigration and Customs Enforcement

È entrato in vigore la proclamazione presidenziale, firmata venerdì dal presidente statunitense Donald Trump, che sospende la concessione dell'asilo ai migranti che attraversano il confine con il Messico illegalmente; una mossa decisa per scoraggiare le migliaia di persone attualmente in marcia verso il Paese. Questo significa che i migranti dovranno presentarsi ai posti di frontiera per poter chiedere l'asilo, salvo rare eccezioni. Gli avvocati che difendono i diritti dei migranti si sono messi subito al lavoro per cercare di bloccare l'ordine in tribunale.

Commercio, Trump: "La Cina vuole un accordo, penso che lo troveremo"

Il presidente Usa: "Ma serve commercio reciproco: la Cina è così oggi grazie a noi"

"La Cina vuole un accordo commerciale" con gli Stati Uniti e "penso che lo troveremo". Con queste parole, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha espresso il proprio ottimismo sui rapporti tra le due principali potenze mondiali, parlando con i giornalisti alla Casa Bianca.

Facebook respinge le accuse del Nyt sul tentativo di nascondere gli scandali: "Semplicemente false"

Zuckerberg e Sandberg rispondono al quotidiano, secondo cui i due manager avrebbero cercato di non far emergere le prove contro la società, spargendo poi informazioni false su rivali e critici
Facebook

Wall Street soffre a causa dei titoli tech

Ieri, lo S&P in ripresa dopo 5 cali consecutivi
iStock

La Fda limita la vendita di e-cigarette aromatizzate, vuole il divieto sulle sigarette al mentolo

Battaglia dell'ente regolatorio statunitense contro "l'incredibile" aumento dell'uso delle sigarette elettroniche tra gli adolescenti. La dipendenza dalle sigarette al mentolo più pericolosa di quella dalle sigarette tradizionali

Nyt: Facebook ha cercato di insabbiare gli scandali

Il social network ha cercato di nascondere le prove su Russiagate e scandalo Cambridge Analytica; poi, ha lanciato una campagna per screditare i critici, a partire da Soros
AP

Wall Street, giornata di dati macro

Tra quelli in programma, sussidi di disoccupazione, prezzi all'importazione e vendite al dettaglio
AP

Buffett scommette su Jpm, annuncia quota da 4 miliardi di dollari

L'uomo a capo di Berkshire Hathaway è ottimista sul settore bancario Usa. Punta anche su Oracle. Esce da Walmart
AP

La Ue avverte Trump: se colpirà le auto con dazi, Bruxelles reagirà

La commissaria Malmstrom, da Washington, ha promesso contromosse simili a quelle adottate contro Harley Davidson in risposta alle tariffe doganali che hanno colpito l'acciaio e l'alluminio europei