La Corea del Nord annuncia la distruzione del sito per i test nucleari, Trump ringrazia

Altro gesto distensivo di Pyongyang, dopo la liberazione di tre detenuti statunitensi, in vista del vertice del 12 giugno tra il leader Kim e il presidente statunitense

La Corea del Nord "sta prendendo i provvedimenti tecnici" necessari per distruggere il suo sito per i test nucleari e inviterà i media stranieri all'evento, per "mostrarlo in modo trasparente". Lo ha annunciato l'agenzia di stampa governativa nordcoreana Kcna. "Una cerimonia per la distruzione del sito per i test nucleari è in programma fra il 23 e il 25 maggio, a seconda delle condizioni del tempo" ha riportato l'organo di stampa, citando un comunicato del ministero degli Esteri.

Poco dopo l'annuncio, è arrivato il ringraziamento su Twitter del presidente statunitense, Donald Trump, che ha apprezzato la decisione di Pyongyang in vista dell'incontro con il leader Kim Jong Un a Singapore il 12 giugno. "Grazie, un gesto molto intelligente e cortese!". Il giorno prima, gli Stati Uniti avevano offerto alla Corea del Nord aiuti economici e "garanzie" in cambio dell'impegno di Pyongyang per una "denuclearizzazione rapida" e "completa" durante il vertice.

In occasione dello storico summit intercoreano del 27 aprile, il leader nordcoreano Kim Jong Un aveva proposto a Seul di chiudere a maggio il suo unico sito noto di test nucleari, Punggye-ri, nei pressi della frontiera con la Cina, teatro dei sei test nucleari compiuti da Pyongyang. La sua esistenza è venuta alla luce nell'ottobre 2006 con il primo test nucleare, ai tempi di Kim Jong Il, il defunto padre di Kim; da allora è sorvegliato da immagini satellitari. Secondo alcuni esperti, però, si tratterebbe di una concessione di facciata, perché il sito potrebbe essere già inutilizzabile dopo il crollo avvenuto in seguito all'ultimo test.

Un altro gesto distensivo di Pyongyang è stato quello di rilasciare tre cittadini statunitensi detenuti in Corea del Nord da oltre un anno, tornati negli Stati Uniti il 10 maggio. Il presidente Trump li ha accolti alla base militare di Andrews. "È davvero una grande notte per queste tre persone speciali" ha detto il presidente, che ha poi ringraziato il leader nordcoreano, Kim Jong Un: "Lo ringrazio [...] Apprezziamo davvero molto che abbia consentito il rilascio prima dell'incontro".

La Corea del Nord ha spesso usato dei detenuti come moneta di scambio, ma Trump ha assicurato che non farà alcun passo indietro sulle sanzioni, se Kim non abbandonerà il suo programma nucleare e non rinuncerà alle sue armi nucleari. "Speriamo che tutto si risolverà ai più alti livelli" ha dichiarato Trump. "È stata una grande cosa, molto importante per me e penso davvero che abbiamo un'ottima chance di fare qualcosa di molto significativo". Ora, nessun cittadino statunitense risulta essere in un carcere nordcoreano.

Altri Servizi

Wall Street: continuano le tensioni commerciali. Focus su Fca

Titolo del gruppo auto sotto pressione dopo il cambio ai vertici dovuto a gravi problemi di salute che hanno colpito Marchionne
AP

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga Donald Trump Vs Hillary Clinton sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. Secondo l’ex candidata democratica non ci sono dubbi sulla questione: "È stato un enorme cyber attacco al nostro sistema elettorale, e ha avuto successo". La Clinton, intervenuta sabato pomeriggio all’OzyFest, un festival di incontri e di musica a Central Park, lo definisce ancora. "Un attacco al cuore della nostra democrazia. Il grande mistero è perché il nostro presidente non abbia parlato (nel meeting di Helsinki con Putin, ndr) in favore del suo Paese".

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Il Pentagono ha annunciato che fornirà 200 milioni di dollari in aiuti per la sicurezza all'Ucraina. Il finanziamento è già stato approvato e coincide con una serie di riforme approvate da Kiev per rendere più moderna la difesa. La decisione di Washington irriterà la Russia, che pochi giorni fa aveva dichiarato di essere pronta a lavorare con il dipartimento della Difesa statunitense su una serie di tematiche sulla sicurezza, dopo il vertice tra i presidenti Donald Trump e Vladimir Putin.

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

La politica dei dazi commerciali, che Donald Trump ha imposto e vuole imporre, continua a creare problemi al tycoon. Tanto nei rapporti con gli altri leader mondiali quanto in quelli all’interno della Casa Bianca. Secondo Politico, che cita funzionari americani vicini alla vicenda, dopo l’ennesima minaccia del tycoon di imporre tariffe sulle auto importate dall’Europa, l’amministrazione statunitense appare quanto mai divisa.

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi