La Corea del Nord: un test per Trump all'incontro in Usa con il presidente cinese

I due si vedranno al resort del presidente in Florida, luogo non casuale per spegnere con il relax le potenziali tensioni

Fervono i preparativi di quello che si preannuncia come l'incontro internazionale più significativo, e al contempo complesso e delicato, di questi primi mesi di presidenza Trump. Il mese prossimo il 45esimo Commander in Chief incontrerà negli Stati Uniti il presidente cinese Xi Jinping in un momento in cui le tensioni tra le due superpotenze mondiali sono a un livello a cui non si assisteva forse dai tempi dell’amministrazione Reagan.

Leader in cerca di relax a Mar-a-Lago
La scelta, non casuale, delle sede per il primo confronto tra i due leader è ricaduta sul resort privato di Donald Trump a Palm Beach, in Florida, dove il presidente ama spesso passare i suoi weekend. Una scelta che sarebbe stata presa su suggerimento cinese, secondo indiscrezioni trapelate dalla Casa Bianca e riferite dal New York Times; il tentativo è quello di evitare le rigidità protocollari di una visita ufficiale alla Casa Bianca nella speranza di trovare un clima di maggior relax per il confronto tra Trump e Xi. Ma, soprattutto, si vuole così scampare alla necessità di concludere la visita con la sottoscrizione di un qualche accordo formale tra i due Paesi, visto che non sarebbe facilmente raggiungibile.

Il segretario americano di Stato, Rex Tillerson - oggi a Tokyo (Giappone), tra due giorni a Seoul (Corea del Sud) e il 18 marzo a Pechino (Cina) - è in procinto di incontrare in via preliminare Xi e di concordare con lui i punti su cui dovrà concentrarsi il dialogo con Trump.

Casa Bianca divisa in due sulla Cina
Un ruolo non facile, quello di Tillerson, stretto tra le due anime che dividono l’amministrazione sull’approccio da tenere con la potenza asiatica: da un lato una visione fortemente anti-cinese, che considera la Cina una minaccia economica e geopolitica per gli Stati Uniti, incarnata dai più radicali tra i consiglieri del presidente, tra cui Stephen Bannon e l’economista Peter Navarro (in tema commerciale); dall’altro lato l’approccio più cauto e pragmatico suggerito dal genero di Trump, Jared Kushner, marito di sua figlia Ivanka, che ha preso parte al Consiglio sulla sicurezza nazionale di lunedì 13 marzo e durante il quale si è discusso proprio di Corea del Nord e Cina. Il problema è che il giovane è al centro di un potenziale conflitto di interesse di non poco conto: per 400 milioni di dollari, la società immobiliare di famiglia sta per cedere una quota in un grattacielo a Manhattan, New York, al gruppo assicurativo cinese Anbang (lo stesso che ha preso il controllo del famoso Waldorf Astoria, l'albergo esclusivo amato dai diplomatici).

I probabili punti all'ordine del giorno
Tra i punti all'ordine del giorno nell'incontro tra il presidente Usa e quello cinese ci sarà sicuramente la Corea del Nord, che la settimana scorsa ha lanciato quattro missili balistici in direzione del Giappone sollevando le critiche internazionali. L'America ha risposto con il dispiegamento di uno scudo antimissili a terra in Corea del Sud. Entro l'anno prossimo, inoltre, gli Usa avranno pronti in loco una serie di droni capaci di attaccare - se necessario - con missili Stinger e Hellfire. A fare infuriare la Cina, già in allerta con queste mosse, potrebbe essere poi la vendita di armi da parte dell'amministrazione Trump a Taiwan, l'isola già al centro di acute tensioni poi rientrate con la promessa del presidente Usa di rispettare la politica di una sola Cina (quella che prevede come parte del suo terrotorio Taiwan, appunto). A questo si aggiungono le accuse (errate) di manipolazioni monetarie nei confronti di Pechino fatte da Trump e la minaccia di imporre dazi al 45% sulle importazioni negli Usa di merci provenienti dalla Cina.

Dal canto suo Xi si prepara ad affrontare il 19esimo congresso del Partito comunista cinese in autunno. Per questo di fronte al presidente americano non potrà mostrarsi troppo accondiscendente. E per questo è atteso che riproponga quanto Washington ha di fatto ignorato: la promessa di fare sospendere i test missilistici nordcoreani a patto che Usa e Corea del Sud sospendano le esercitazioni militari congiunte. Pyongyang sarà insomma la prova del nove per Washington. E un test notevole per Trump.


Altri Servizi

Apple: dall’iPhone al glucometro senza ago?

Il Ceo Cook visto testare un dispositivo connesso all’Apple Watch. Il target di riferimento: non solo diabetici ma chi vuole essere in salute
iStock

Apple sta forse pensando a mettere piede nel settore della sanità. Il produttore dell’iPhone sembra stia lavorando allo sviluppo di un apparecchio in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. L’amministratore delegato Tim Cook è stato avvistato nel quartiere generale del gruppo a Cupertino, California, mentre testava il prototipo di un dispositivo connesso all’Apple Watch e in grado di tenere traccia delle variazioni della glicemia nel sangue a seconda di fattori quali cibo ed esercizio fisico.

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

Fca punta a soluzione "giusta" del caso emissioni in Usa

Secondo Bloomberg, la Giustizia americana potrebbe fare causa al gruppo questa settimana se i negoziati non portassero a una soluzione. L'azienda: "Sarebbe controproducente". Un'analista: sarebbe uno sviluppo inatteso
AP

Una causa legale ancora non è stata depositata dal governo Usa e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che lo sarà a breve nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles. C'è chi interpreta così, ridimensionandole, le indiscrezioni di Bloomberg che ieri hanno provocato un calo del 3,7% del titolo Fca nel dopo mercato a Wall Street, ampliando la flessione registrata nel corso della seduta (-3,11% a 10,59 dollari) in una giornata per altro in cui la Commissione europea aveva annunciato l'apertura di una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa Ue in materia di omologazione dei veicoli. Secondo Bloomberg, il dipartimento di Giustizia Usa già questa settimana potrebbe fare causa al gruppo guidato da Sergio Marchionne se - e solo se - dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla violazione presunta delle leggi americane sulle emissioni. Fca punta a una soluzione "giusta" del caso.

Fca deposita richiesta di certificazione emissioni diesel in Usa

Mossa frutto di "collaborazione" tra Epa e Carb, autorità che a gennaio avevano accusato il gruppo di una possibile violazione delle leggi. Il gruppo conta di risolvere così le loro preoccupazioni e di aggiornare software di 104.000 auto finite nel mirino
Fca Us

Fiat Chrysler Automobiles ha fatto un passo concreto verso quella che spera sia una soluzione per archiviare le accuse di violazione delle leggi sulle emissioni avanzate all'inizio dell'anno dall'Agenzia per la protezione ambientale (Epa) e la California Air Resources Board (Carb) americane e riguardanti circa 104.000. Se ci riuscisse, eviterebbe anche una causa da parte del dipartimento di Giustizia, ipotesi che nei due giorni scorsi aveva pesato sul titolo.

Cisco annuncia altri 1.100 esuberi

Il gruppo ha chiuso un trimestre migliore del previsto ma l'outlook sui ricavi ha deluso. Tonfo dell'8% del titolo nel dopo mercato

Cisco Systems ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili e ricavi superiori alle stime degli analisti fornendo però un outlook deludente. Inoltre, il gruppo che fornisce soluzioni di rete ha detto che eliminerà altri 1.100 posti di lavoro, che vanno ad aggiungersi ai 5.500 posti già annunciati in un piano di ristrutturazione lo scorso agosto.

I poteri di Mueller, procuratore speciale (ma non indipendente)

Figura più debole del vecchio 'special prosecutor', visto che dipende dal dipartimento di Giustizia. Avrà comunque ampi poteri

La decisione del dipartimento di Giustizia statunitense di affidare all'ex direttore dell'Fbi, Robert Mueller, l'incarico di indagare sui possibili legami tra lo staff del presidente Donald Trump e la Russia è senza dubbio una vittoria per i democratici, un nuovo (grosso) problema per la Casa Bianca e un chiaro segnale che lo scandalo che ha rallentato l'amministrazione non farà altro che ampliarsi nelle prossime settimane. Non è solo la decisione di incaricare un procuratore speciale a preoccupare la Casa Bianca, ma è anche l'uomo scelto per assumere l'incarico: Mueller ha guidato l'Fbi dal 2001 al 2013, è una figura considerata al di sopra delle parti ed è, anche, un grande amico di James Comey, il direttore del Federal Bureau licenziato la scorsa settimana da Trump.

Accordo Trump-Riad: Arabia Saudita comprerà armi Usa per 110 miliardi

L'obiettivo è più ambizioso: arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari in dieci anni. La firma è avvenuta nel corso di una imponente cerimonia nel palazzo reale di Riad.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il re dell'Arabia Saudita Salman hanno firmato un accordo in base al quale Riad comprerà armi e sistemi di difesa dagli Usa per 110 miliardi di dollari. L'obiettivo è più ambizioso: arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari in dieci anni. La firma è avvenuta nel corso di una imponente cerimonia nel palazzo reale di Riad.

Il design italiano sbarca in Usa con "Material Immaterial". Focus su creatività e investimenti

Gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura. In questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia.
America24

Celebrare la sinergia tra il mondo del design italiano e gli Stati Uniti: questo l'obiettivo dell’evento "Material Immaterial", organizzato dal periodico italiano di design "Interni" in collaborazione con il Consolato generale d'Italia a New York. Perché se gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura, è anche vero che, in questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia.

Il Washington Post apre un nuovo fronte sul Russiagate: un consigliere di Trump è persona di interesse nelle indagini

Non è dato sapere di chi si tratti, ma le indicazioni raccolte dal quotidiano sembrano portare a Jared Kushner, marito di Ivanka Trump, genero del presidente e uno dei suoi più stretti collaboratori.
AP

L'ex direttore dell'Fbi, licenziato da Trump, testimonierà in Congresso sul Russiagate

"Comey merita l'opportunità di raccontare la sua versione dei fatti, e il popolo americano merita l'opportunità di ascoltarla", ha detto la commissione Servizi. Non è ancora stata fissata alcuna data per l'audizione.