La Corporate America attende il voto: con il presidente anche nuove regole sulle tasse

Indipendentemente da chi sarà eletto alla Casa Bianca e in Congresso a novembre, le aziende americane dovranno probabilmente fare i conti con nuove regole fiscali. Sulla necessità c'è consenso bipartisan, sul cosa fare un po' meno

Indipendentemente da chi sarà eletto alla Casa Bianca e in Congresso con il voto di novembre, le aziende americane dovranno probabilmente fare i conti con nuove regole fiscali.

Quando il nuovo presidente americano si insedierà, all'inizio dell'anno prossimo, dopo il voto di novembre e il giuramento del 20 gennaio, e il Congresso, a sua volta rinnovato dalle elezioni, si riunirà, un punto su cui ci sarà probabilmente accordo, indipendentemente da chi sarà stato eletto, sarà la necessità di rivedere il sistema di tassazione corporate, risolvendo in particolare il tema dell'enorme quantità di liquidità accumulata all'estero dai colossi della Corporate America, come Google, Apple, Microsoft e Cisco, per evitare di pagare le tasse previste per il rimpatrio del contante detenuto all'estero (la legge attuale prevede un'imposizione fino al 39%).

Il caso più eclatante è quello di Apple, che detiene fuori dagli Stati Uniti oltre 200 miliardi di dollari, ma complessivamente le aziende americane a fine 2015 avevano 1.200 miliardi di dollari "parcheggiati" all'estero, stando ai conti di Richard Lane, analista di Moody's.

Tuttavia, se tra presidente e parlamentari ci sarà accordo sugli intenti, il discorso sarà probabilmente diverso quando si andrà ad esaminare le possibili soluzioni, soprattutto se Casa Bianca e Congresso non saranno controllati dallo stesso partito, come succede ora (il presidente Barack Obama è democratico, mentre Camera e Senato sono in mano ai repubblicani). Difficile fare previsioni in questo senso: per la Casa Bianca i sondaggi Hillary Clinton è in vantaggio, ma tutto può ancora cambiare a favore di Donald Trump, mentre sul Congresso prevedono che ognuno dei due partiti si aggiudicherà una Camera.

"Tutti sono d'accordo nel dire che il sistema attuale non funziona, ma c'è divergenza di opinioni su come aggiustarlo", ha detto l'amministratore delegato di Apple, Tim Cook, che si è comunque detto "ottimista sul fatto che nel 2017 si avrà qualche tipo di riforma della tassazione corporate".

Le ipotesi in campo sono numerose: molti democratici e repuhblicani vorrebbero una trovare un modo per incoraggiare le aziende a rimpatriare la liquidità offshore e il presidente Barack Obama ha ipotizzato una tassa una tantum con aliquota relativamente bassa, che renderebbe meno attraente per le aziende tenere il denaro all'estero. Sulla proposta ha trovato la sponda del candidato repubblicano Donald Trump, che ipotizza una tassa una tantum del 10%, mentre la democratica Hillary Clinton non si è espressa in proposito, concentrandosi invece su una proposta per chiudere le falle del sistema fiscale corporate entro i primi cento giorni di presidenza, qualora fosse eletta.

Secondo alcuni trovare un compromesso non è una cosa impossibile: "Non ci sono divergenze filosofiche. E' questione di numeri e questi parametri sono decisamente negoziabili", ha detto Eric Tode, condirettore del think tank Tax Policy Center. Un altro tema è quello dell'inversione fiscale (la pratica con cui aziende americane acquisiscono rivali straniere per poi spostare la residenza fiscale in Paesi con tassazione più conveniente): Obama ha varato leggi che la limitano e l'ex first lady Clinton vorrebbe rendere ancora più difficile per le aziende trarre beneficio da questa strategia, mentre alcuni think tank si sono espressi a favore della tax inversion.

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP