La Corporate America delude Wall Street, outlook cupi

Grandi blue chip come Microsoft e Caterpillar soffrono. Quella del quarto trimestre 2014 doveva essere la crescita degli utili più lenta per le aziende parte dell'S&P 500 ma ora il quadro peggiora. Colpa di un dollaro forte

La Corporate America delude Wall Street. Complice un dollaro forte, molte aziende americane hanno pubblicato conti e outlook deludenti tanto che le prospettive sulla crescita degli utili delle società quotate sull'S&P 500 si fanno più deludenti di quanto già non lo fossero. E sale la pressione per un taglio dei costi.

In vista della pioggia di trimestrali relative agli ultimi tre mesi del 2014, gli analisti sentiti da FactSet avevano anticipato un aumento annuale dei profitti dell'1,1%, il tasso di crescita più lento dal terzo trimestre del 2012. Ma ora quel dato è sulla strada giusta per risultare pari a un mero +0,1%. La convinzione è che le aziende dovranno fare i conti con venti contrari

A trascinare al ribasso le stime sono blue chip come Microsoft (-9,25%), che ha visto gli utili trimestrali scendere di oltre il 10% a causa di costi legati all'integrazione e ristrutturazione del business di telefonia mobile acquisito l'anno scorso da Nokia. E come se non bastasse le prospettive per i software per pc sembrano poco brillanti tanto che il gruppo ha tagliato le previsioni di questo business.

Il colosso dei beni al consumo Procter & Gamble (-3,45%) ha diffuso un bilancio inferiore al consensus. Non solo. Il produttore dei pannolini Pampers e dello shampoo Pantene ha spiegato che i suoi sforzi per accelerare le vendite cedendo brand non core sono stati offuscati da "svalutazioni valutarie senza precedenti".

Tra i gruppi che hanno preannunciato un futuro difficile c'è Lockheed Martin (-2,65%): il produttore del famoso F-35 ha registrato utili e ricavi trimestrali in aumento ma i profitti hanno tuttavia deluso.

Anche Caterpillar (-7,18%) ha fornito un outlook deludente: la metà del calo del 9% nelle vendite atteso per quest'anno è legato alla contrazione del greggio, che ha iniziato a pesare sulla domanda di macchinari e motori legati al settore energetico. Il produttore di macchine movimento terra ha registrato una trimestrale sotto il consensus e si aspetta debolezza anche nel comparto dell'attrezzatura mineraria, delle locomotive ferroviarie e delle costruzioni in Cina.

Musica simile da parte di Pfizer (-0,61% a 32,60 dollari): il calo delle vendite trimestrali ha portato il gruppo farmaceutico a fornire stime per il futuro poco incoraggianti. E gli analisti di S&P Capital IQ ora consigliano di "vendere" il titolo in borsa e non più di "tenerlo" anche se l'obiettivo di prezzo è rimasto a 37 dollari.

Pure United Technologies (+0,35%) ha tagliato le stime per il 2015 dopo che il rafforzamento del dollaro ha pesato sui ricavi all'estero derivanti dalla vendita di motori, ascensori e altre attrezzature pesanti.

Bristol-Myers Squibb (-0,75%) ha messo a segno ricavi nel quarto trimestre migliori delle stime grazie alla robusta crescita di farmaci anti-cancro chiave. Il gruppo che si prepara ad essere guidato da Giovanni Caforio - attuale direttore operativo, che sostituirà Lamberto Andreotti - ha tuttavia fornito stime sotto il consensus: gli utili per azione sono visti a 1,55-1,7 dollari contro attese per 1,71 dollari mentre i ricavi sono attesi a 14,4-15 miliardi rispetto a un consensus da 15,61 miliardi.

Altri Servizi

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap