La Corporate America sceglie Hillary, ma né lei né Trump piacciono davvero

Nessuno dei due candidati alla presidenza americana ha dato risposte convincenti sul futuro dell'industria, ma tra i due le aziende vorrebbero vedere l'ex segretario di Stato alla Casa Bianca
AP

L'agenda di Hillary Clinton e Donald Trump sul sostegno alle imprese non piace alle aziende americane, perché nessuno dei due candidati alla presidenza americana ha dato risposte convincenti sul futuro dell'industria, ma tra i due la Corporate America vorrebbe vedere l'ex segretario di Stato alla Casa Bianca. E' quanto emerge da un sondaggio del Financial Times, che ha sentito gruppi di pressione che rappresentano circa 37.000 aziende con un giro d'affari complessivo di 8.000 miliardi, chiedendo un parere alla vigilia del voto che decreterà il successore di Barack Obama alla presidenza americana.

Secondo l'indagine, un imprenditore su due preferisce Clinton, una cifra sostanzialmente analoga a quella dello scorso maggio, ma un numero più ampio di persone, il 45%, non è soddisfatto né di un candidato né dell'altro. Questo lascia supporre che, indipendentemente dal verdetto delle urne (i risultati arriveranno verosimilmente nella notte tra l'8 e il 9 novembre, in un orario tutto da capire a seconda di quanto sarà ampio il distacco tra i due candidati), ci sarà un periodo di incertezza post elettorale.

Incertezza che potrà essere ancora maggiore se il risultato del voto non sarà netto, se non addirittura contestato. "Entrambi sono lontani dall'essere il candidato ideale. La scelta è tra due opzioni cattive e tra quale è peggio dell'altra", ha detto Gary Shapiro, presidente della Consumer Technology Association, associazione che ha tra i propri membri Apple, Uber e Best Buy.

"Non siamo felici di Hillary Clinton", in particolare per le posizioni contro il Trans Pacific Partnership, il trattato di libero scambio internazionale che la democratica aveva in precedenza sostenuto, "ma non saremmo molto più a nostro agio con Trump", ha detto uno degli intervistati, spiegando che le aziende americane avrebbero preferito un candidato più a favore delle imprese e del free trade. "E' la prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale che nessuno dei due candidati sostiene apertamente la liberalizzazione commerciale", ha detto.

Indicativo del malumore delle aziende sulle questioni legate al trade è il fatto che solo il 17% delle associazioni che rappresentano aziende del settore commerciale ritiene che Trump sarebbe il miglior presidente, anche se il repubblicano ha promesso di tagliare l'aliquota corporate dal 35 al 15%, mentre la sua avversaria non si è pronunciata in proposito. "Il dubbio è che non abbia le competenze politiche per mettere in atto misure a beneficio delle aziende", ha detto Shapiro, sottolineando che "Donald Trump non sarebbe assunto per una posizione nella maggior parte delle aziende americane, in particolare a causa del suo ego, del suo atteggiamento divisivo, della mancanza di etica e della sua eccessiva autostima".

In buona sostanza, ha sintetizzato Shapiro, "Trump non è uno che fa gioco di squadra". Viceversa, il 39% degli intervistati pensa che Clinton sarebbe il miglior presidente, perché garantirebbe stabilità in virtù della sua maggiore esperienza. "Trump ha dimostrato un livello di imprevedibilità praticamente mai visto nella politica americana", ha detto un altro intervistato, esprimendo comunque dubbi sul fatto che, se eletta, l'ex first lady sarebbe in grado di fare prevalere il proprio pragmatismo.

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP