La Corte Suprema sta con Trump, stop (per ora) a ingresso di rifugiati

Terzo intervento ad interim del massimo organo giudiziario americano in vista di una decisone sulla costituzionalità del travel ban. Intanto pressing della Casa Bianca per ridurre sotto 50mila il numero di rifugiati da ammettere nei prossimi 12 mesi

Il massimo organo giudiziario americano si è schierato a favore di Donald Trump, impedendo a molti rifugiati di mettere piede negli Stati Uniti. Il tutto mentre la Casa Bianca, ha rivelato il New York Times, spinge per abbbassare al di sotto di 50mila il numero di rifugiati da accogliere nel corso del prossimo anno fiscale, il minimo da almeno 1980.

La decisione della Corte Suprema
Con un ordine di emergenza, la Corte Suprema ha accettato una richiesta fatta dalla squadra del presidente Usa per bloccare la decisione di un tribunale federale che, se messa in pratica, avrebbe permesso a circa 24mila rifugiati già sottoposti a controlli di entrare in Usa.

In una nota di poche righe e senza dissidenti, la Corte Suprema ha sospeso la decisione della Corte d'Appello del nono circuito (che ha sede a San Francisco), presa la settimana scorsa: in base ad essa un tribunale delle Hawaii aveva correttamente deciso che il cosiddetto "travel ban" - che impedisce l'ingresso in Usa dei cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane - non poteva essere attuato contro i rifugiati che avevano ricevuto rassicurazioni formali da parte di agenzie di ricollocamento o che erano parte del programma Usa di ammissione di rifugiati.

La pronuncia della Corte Suprema vale solo per i rifugiati e non per la decisione aggiuntiva della Corte d'Appello del nono circuito secondo cui il "travel ban" non può essere esercitato contro la famiglia allargata di una persona originaria di una delle sei nazioni prese di mira ma formalmente residente Usa; il riferimento è a nonni, zii e zie, cugini e cognati. Il dipartimento di Giustizia aveva deciso di contestare solo la porzione della decisione riguardante i rifugiati e ieri nella serata americana la Corte Suprema si è schierata dalla sua parte.

Per Trump si tratta di una vittoria parziale dal momento che il 10 ottobre prossimo la Corte Suprema sentirà le parti coinvolte nella disputa legale riguardante il travel ban, di cui valuterà la costituzionalità. Trump vorrebbe che per 90 giorni i cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen non possano mettere piede in Usa; la durata del divieto salirebbe a 120 giorni per i rifugiati. Così facendo, sostiene il presidente Usa, il Paese avrebbe tempo per valutare le procedure di controllo.

L'ultimo intervento ad interim fatto dalla Corte Suprema in vista dell'appuntamento del mese prossimo è il terzo dallo scorso 26 giugno, quando disse che il travel ban annunciato con un ordine esecutivo il 6 marzo (e rivisto rispetto a quello originario, che includeva anche l'Iraq) poteva entrare in vigore ma non contro persone che avevano relazioni in "bona fide" con persone o organizzazioni in Usa. Il 19 luglio il massimo organo giudiziario Usa intervenne una seconda volta vietando all'amministrazione Trump di impedire i viaggi ai membri di una famiglia allargata.

Sopra o sotto 50mila?
Quanto al tetto di rifugiati da ammettere in Usa, secondo il NY Times alla Casa Bianca c'è chi preme affinché scenda al di sotto delle 50mila unità previste da Trump all'inizio del suo mandato da presidente. Quella cifra era di suo pari a meno della metà dei 110mila rifugiati che l'ex presidente Barack Obama disse dovevano essere ammessi nel 2016. Ancora una decisione non è stata presa ma pare che sia Stephen Miller, consigliere di Trump dalla linea dura in tema di immigrazione, a premere affinché il numero di ammessi sia inferiore ai 50mila; Miller è arrivato a proporre 15mila. Per legge, Trump deve consultare il Congresso e prendere una decisione entro il primo ottobre, quando inizierà il nuovo anno fiscale. Se la cifra fosse ridotta, sarebbe la seconda volta in due settimane che il presidente ha usato la sua autorità per ridurre il generale flusso di migranti in Usa. Ha già infatti deciso di smantellare il Deferred Action for Childhood Arrivals, programma in vigore dal 2012 e voluto da Obama per proteggere dall'espulsione le persone che furono portate illecitamente in Usa quando erano bambini. Trump ha lasciato al Congresso il compito di legiferare sul caso.

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

Usa-Russia, vertice sull'energia a Washington

L'amministrazione Trump ha chiesto (e ottenuto) un aumento della produzione di petrolio degli altri Paesi, visto il rialzo del prezzo della benzina
AP

I due maggiori produttori di petrolio e gas al mondo si siederanno allo stesso tavolo, la prossima settimana. Il segretario statunitense dell'Energia, Rick Perry, ospiterà a Washington l'omologo russo, in una fase in cui i rapporti tra le due potenze sono costantemente sotto i riflettori.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.