La Corte Suprema sta con Trump, stop (per ora) a ingresso di rifugiati

Terzo intervento ad interim del massimo organo giudiziario americano in vista di una decisone sulla costituzionalità del travel ban. Intanto pressing della Casa Bianca per ridurre sotto 50mila il numero di rifugiati da ammettere nei prossimi 12 mesi

Il massimo organo giudiziario americano si è schierato a favore di Donald Trump, impedendo a molti rifugiati di mettere piede negli Stati Uniti. Il tutto mentre la Casa Bianca, ha rivelato il New York Times, spinge per abbbassare al di sotto di 50mila il numero di rifugiati da accogliere nel corso del prossimo anno fiscale, il minimo da almeno 1980.

La decisione della Corte Suprema
Con un ordine di emergenza, la Corte Suprema ha accettato una richiesta fatta dalla squadra del presidente Usa per bloccare la decisione di un tribunale federale che, se messa in pratica, avrebbe permesso a circa 24mila rifugiati già sottoposti a controlli di entrare in Usa.

In una nota di poche righe e senza dissidenti, la Corte Suprema ha sospeso la decisione della Corte d'Appello del nono circuito (che ha sede a San Francisco), presa la settimana scorsa: in base ad essa un tribunale delle Hawaii aveva correttamente deciso che il cosiddetto "travel ban" - che impedisce l'ingresso in Usa dei cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane - non poteva essere attuato contro i rifugiati che avevano ricevuto rassicurazioni formali da parte di agenzie di ricollocamento o che erano parte del programma Usa di ammissione di rifugiati.

La pronuncia della Corte Suprema vale solo per i rifugiati e non per la decisione aggiuntiva della Corte d'Appello del nono circuito secondo cui il "travel ban" non può essere esercitato contro la famiglia allargata di una persona originaria di una delle sei nazioni prese di mira ma formalmente residente Usa; il riferimento è a nonni, zii e zie, cugini e cognati. Il dipartimento di Giustizia aveva deciso di contestare solo la porzione della decisione riguardante i rifugiati e ieri nella serata americana la Corte Suprema si è schierata dalla sua parte.

Per Trump si tratta di una vittoria parziale dal momento che il 10 ottobre prossimo la Corte Suprema sentirà le parti coinvolte nella disputa legale riguardante il travel ban, di cui valuterà la costituzionalità. Trump vorrebbe che per 90 giorni i cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen non possano mettere piede in Usa; la durata del divieto salirebbe a 120 giorni per i rifugiati. Così facendo, sostiene il presidente Usa, il Paese avrebbe tempo per valutare le procedure di controllo.

L'ultimo intervento ad interim fatto dalla Corte Suprema in vista dell'appuntamento del mese prossimo è il terzo dallo scorso 26 giugno, quando disse che il travel ban annunciato con un ordine esecutivo il 6 marzo (e rivisto rispetto a quello originario, che includeva anche l'Iraq) poteva entrare in vigore ma non contro persone che avevano relazioni in "bona fide" con persone o organizzazioni in Usa. Il 19 luglio il massimo organo giudiziario Usa intervenne una seconda volta vietando all'amministrazione Trump di impedire i viaggi ai membri di una famiglia allargata.

Sopra o sotto 50mila?
Quanto al tetto di rifugiati da ammettere in Usa, secondo il NY Times alla Casa Bianca c'è chi preme affinché scenda al di sotto delle 50mila unità previste da Trump all'inizio del suo mandato da presidente. Quella cifra era di suo pari a meno della metà dei 110mila rifugiati che l'ex presidente Barack Obama disse dovevano essere ammessi nel 2016. Ancora una decisione non è stata presa ma pare che sia Stephen Miller, consigliere di Trump dalla linea dura in tema di immigrazione, a premere affinché il numero di ammessi sia inferiore ai 50mila; Miller è arrivato a proporre 15mila. Per legge, Trump deve consultare il Congresso e prendere una decisione entro il primo ottobre, quando inizierà il nuovo anno fiscale. Se la cifra fosse ridotta, sarebbe la seconda volta in due settimane che il presidente ha usato la sua autorità per ridurre il generale flusso di migranti in Usa. Ha già infatti deciso di smantellare il Deferred Action for Childhood Arrivals, programma in vigore dal 2012 e voluto da Obama per proteggere dall'espulsione le persone che furono portate illecitamente in Usa quando erano bambini. Trump ha lasciato al Congresso il compito di legiferare sul caso.

Altri Servizi

Trump: Putin è sincero, nessuna interferenza nelle elezioni americane

Sull'Air Force One, il presidente Usa ha parlato con i reporter in viaggio con lui in Asia. La Cia non cambia posizione: Putin è colpevole. E poi tra i due spunta un accordo per la pace in Siria.
AP

Le Ivy League e il denaro nei paradisi fiscali

I Paradise Papers hanno rivelato un giro di miliardi off-shore per non pagare le tasse. E adesso il Congresso vuole iniziare a tassare anche le donazioni, dopo anni di opposizione da parte dei repubblicani
iStock

Una seconda ginnasta olimpionica denuncia gli abusi sessuali subiti

Aly Raisman, dopo McKayla Maroney, accusa l'ex medico della nazionale statunitense, Larry Nassar

Pirelli riparte da Alice nel Paese delle Meraviglie per tornare a farci sognare

Ventotto immagini di Tim Walker per raccontare la storia di Lewis Carroll solo con modelli, attori e artisti neri. Tronchetti Provera: “Vogliamo parlare di libertà di espressione e di libertà in ogni senso, portare questo messaggi"

Russiagate, spunta un presunto piano per consegnare Gulen a Erdogan

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo di Flynn, ex consigliere di Trump

Russiagate, Papadopoulos avrebbe mentito per proteggere Trump

Lo rivela una fonte di Abc News. Intanto, ha un nome la "nipote di Putin" (che non lo è) citata dall'ex consigliere in alcune e-email

News Corp torna all'utile, al lavoro con Google e Facebook per attirare abbonati

Nel suo primo trimestre fiscale, profitti superiori alle stime. Bene anche i ricavi. Il Wall Street Journal contava 1,318 milioni di utenti digitali attivi quotidianamente nei tre mesi al 30 settembre
iStock

Walt Disney: i conti deludono, annuncia nuova trilogia di Guerre Stellari

Ricavi sotto le stime. Pesa un forte calo della divisione cinematografica; si salva quella dei parchi e dei resort nonostante l'effetto negativo sulle attività in Florida dato dall'uragano Irma. No comment su trattative con 21st Century Fox
AP

Ceo di AT&T: regolatori Usa non hanno mai chiesto vendita Cnn

Fonte del governo conferma: mai forzata una tale cessione. Washington preferirebbe che il deal saltasse
iStock

Riforma fiscale: Gop al Senato non taglia aliquota aziendale fino al 2019

Si tratta di un anno dopo il piano della Camera. L'approvazione della legislazione diventa complicata
Shutterstock