La Corte Suprema sta con Trump, stop (per ora) a ingresso di rifugiati

Terzo intervento ad interim del massimo organo giudiziario americano in vista di una decisone sulla costituzionalità del travel ban. Intanto pressing della Casa Bianca per ridurre sotto 50mila il numero di rifugiati da ammettere nei prossimi 12 mesi

Il massimo organo giudiziario americano si è schierato a favore di Donald Trump, impedendo a molti rifugiati di mettere piede negli Stati Uniti. Il tutto mentre la Casa Bianca, ha rivelato il New York Times, spinge per abbbassare al di sotto di 50mila il numero di rifugiati da accogliere nel corso del prossimo anno fiscale, il minimo da almeno 1980.

La decisione della Corte Suprema
Con un ordine di emergenza, la Corte Suprema ha accettato una richiesta fatta dalla squadra del presidente Usa per bloccare la decisione di un tribunale federale che, se messa in pratica, avrebbe permesso a circa 24mila rifugiati già sottoposti a controlli di entrare in Usa.

In una nota di poche righe e senza dissidenti, la Corte Suprema ha sospeso la decisione della Corte d'Appello del nono circuito (che ha sede a San Francisco), presa la settimana scorsa: in base ad essa un tribunale delle Hawaii aveva correttamente deciso che il cosiddetto "travel ban" - che impedisce l'ingresso in Usa dei cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane - non poteva essere attuato contro i rifugiati che avevano ricevuto rassicurazioni formali da parte di agenzie di ricollocamento o che erano parte del programma Usa di ammissione di rifugiati.

La pronuncia della Corte Suprema vale solo per i rifugiati e non per la decisione aggiuntiva della Corte d'Appello del nono circuito secondo cui il "travel ban" non può essere esercitato contro la famiglia allargata di una persona originaria di una delle sei nazioni prese di mira ma formalmente residente Usa; il riferimento è a nonni, zii e zie, cugini e cognati. Il dipartimento di Giustizia aveva deciso di contestare solo la porzione della decisione riguardante i rifugiati e ieri nella serata americana la Corte Suprema si è schierata dalla sua parte.

Per Trump si tratta di una vittoria parziale dal momento che il 10 ottobre prossimo la Corte Suprema sentirà le parti coinvolte nella disputa legale riguardante il travel ban, di cui valuterà la costituzionalità. Trump vorrebbe che per 90 giorni i cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen non possano mettere piede in Usa; la durata del divieto salirebbe a 120 giorni per i rifugiati. Così facendo, sostiene il presidente Usa, il Paese avrebbe tempo per valutare le procedure di controllo.

L'ultimo intervento ad interim fatto dalla Corte Suprema in vista dell'appuntamento del mese prossimo è il terzo dallo scorso 26 giugno, quando disse che il travel ban annunciato con un ordine esecutivo il 6 marzo (e rivisto rispetto a quello originario, che includeva anche l'Iraq) poteva entrare in vigore ma non contro persone che avevano relazioni in "bona fide" con persone o organizzazioni in Usa. Il 19 luglio il massimo organo giudiziario Usa intervenne una seconda volta vietando all'amministrazione Trump di impedire i viaggi ai membri di una famiglia allargata.

Sopra o sotto 50mila?
Quanto al tetto di rifugiati da ammettere in Usa, secondo il NY Times alla Casa Bianca c'è chi preme affinché scenda al di sotto delle 50mila unità previste da Trump all'inizio del suo mandato da presidente. Quella cifra era di suo pari a meno della metà dei 110mila rifugiati che l'ex presidente Barack Obama disse dovevano essere ammessi nel 2016. Ancora una decisione non è stata presa ma pare che sia Stephen Miller, consigliere di Trump dalla linea dura in tema di immigrazione, a premere affinché il numero di ammessi sia inferiore ai 50mila; Miller è arrivato a proporre 15mila. Per legge, Trump deve consultare il Congresso e prendere una decisione entro il primo ottobre, quando inizierà il nuovo anno fiscale. Se la cifra fosse ridotta, sarebbe la seconda volta in due settimane che il presidente ha usato la sua autorità per ridurre il generale flusso di migranti in Usa. Ha già infatti deciso di smantellare il Deferred Action for Childhood Arrivals, programma in vigore dal 2012 e voluto da Obama per proteggere dall'espulsione le persone che furono portate illecitamente in Usa quando erano bambini. Trump ha lasciato al Congresso il compito di legiferare sul caso.

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Ford riprende la produzione di pickup F-Series, lo stop peserà su utili Q2

Il gruppo ha confermato le guidance per l'intero esercizio

Ford sta per riprendere prima del previsto la produzione di uno dei suoi veicoli più popolari e redditizi parte della famiglia di pick-up truck F-Series. Lo stop c'era stato dopo un incendio che il 2 maggio aveva colpito un suo fornitore, Meridian Magnesium Products of America con sede in Michigan, causando una carenza di componentistica.

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock