La diplomazia dell'alcol va in scena all'Onu

Un diplomatico americano denuncia colleghi alticci e chiede che nelle stanze dei negoziati siano messi al bando gli ubriachi

Forse pensano che un piccolo drink poteva distendere gli animi in vista di sessioni diplomatiche piuttosto tese. Forse, memori di un famoso detto latino, contano di conquistare in riunione la verità grazie a un goccio di vino. Qualunque sia la loro ragione, sempre più delegati alle Nazioni Unite sembrano alzare troppo il gomito presentandosi non proprio lucidi sul posto di lavoro. E così un ambasciatore americano ha recentemente lanciato un richiamo pubblico in nome della disciplina.

Rifiutando una diplomazia al sapore di alcol, Joseph Torsella - il diplomatico nominato dal presidente Barack Obama il 26 aprile 2011 come rappresentante all'Onu degli Stati Uniti per il management e le riforme - ha preso la parola nel corso di una riunione della commissione Bilancio del Palazzo di Vetro. Ispirandosi al linguaggio diplomatico, Torsella ha chiesto una "inebriation-free zone". Tradotto: lo stato di ebbrezza, men che meno l'ubriachezza, deve restare fuori dalle stanze dell'Onu dove si conducono negoziati. "Conserviamo lo champagne per brindare alla fine delle sessioni di successo", ha detto l'ambasciatore.

Alcuni diplomatici hanno confermato che Torsella non stava affatto esagerando. C'è chi ha ricordato un episodio che ha visto protagonista un collega così ubriaco da avere vomitato, anche se non è chiaro dove. Un altro addetto ai lavori all'Onu ha spiegato che "c'è sempre stata una tradizione responsabile legata a un goccio di alcol per migliorare i negoziati, ma qui non stiamo parlando di un delegato che beve semplicemente un sorso al bar" prima di tornare al lavoro. Infatti, c'è chi ha parlato di delegati che si sono presentati in runione così annebbiati dai fumi dell'alcol da cadere o di persone chiamate a redigere i verbali degli incontri costrette alla sostituzione per avere assaporato qualche bicchiere di troppo. C'è però chi si dissocia dalla proposta di mettere al bando gli ubriachi alle Nazioni Unite. "Non tutti sono ubriachi. Tutti coloro chiamati a negoziare sono sobri".

Eppure il richiamo alla disciplina sembra doveroso, non solo in tema di alcolici. Lo dimostrano le parole dello stesso Torsella. Parlando di una serie di "pratiche sempre più diffuse che hanno contribuito, in riunioni recenti, all'inabilità del Comitato di condurre i suoi lavori importanti con puntualità e precisione", il diplomatico americano ha fatto capire che c'è chi arriva in ritardo ai meeting in cui si decide su tagli alla spesa e contributi da parte degli Stati membri dell'Onu. Tali riunioni spesso si protraggono infatti nella notte e durante i fine settimana. Forse è per questo che, costretti agli straordinari, alcuni diplomatici hanno deciso di berci sopra.

Altri Servizi

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Gli Stati Uniti sono pronti a sviluppare un nuovo missile da crociera capace di trasportare armi convenzionali o testate nucleari, visto che credono che la Russia stia violando l'accordo per l'eliminazione dei missili a raggio corto e intermedio, l'INF, firmato 30 anni fa dal presidente Ronald Reagan e dal segretario generale del Partito comunista sovietico, Mikhail Gorbachev.

Obama paragona Trump a Hitler

Invocando lo spettro della Germania nazista, il 44esimo presidente americano avverte i concittadini: non siate compiacenti
Ap

La democrazia americana è sempre più fragile e potrebbe fare la fine della Germania nazista degli anni '30 del secolo scorso se non si agisce. E' stato sostanzialmente questo il messaggio lanciato da Barack Obama ai suoi concittadini. Senza mai fare alcun nome, il 44esimo presidente statunitense ha di fatto paragonato il suo successore, Donald Trump, ad Adolf Hitler.

Bitcoin: in poche ore supera i 12.000 e i 13.000 dollari per la prima volta

Stephen Roach, ex economista di Morgan Stanley, avverte: è un "concetto tossico per gli investitori". Conto alla rovescia per il lancio di future

Il rally di Bitcoin non sembra conoscere sosta. La valuta virtuale ha prima superato i 12.000 dollari per la prima volta e poi si è spinto oltre i 13.000 dollari continuando a inanellare un record dietro l'altro. La soglia degli 11.000 punti era stata conquistata il 29 novembre, quella dei 10.000 dollari era stata raggiunta meno di 24 ore prima e soltanto a ottobre la criptovaluta valeva 5.000 dollari. Il 2017 era iniziato sotto i mille dollari.

La Casa Bianca cerca di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Trump sulle deduzioni

Gli Stati con tasse altre fanno pressing per non vedere ridotta o eliminata la possibilità di detrarre le imposte statali e locali nella dichiarazione dei redditi
AP

Il consigliere economico della Casa Bianca, Gary Cohn, ha tentato di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Donald Trump e gli Stati americani (soprattutto di orientamento democratico) preoccupati dall'eliminazione o riduzione di una deduzione fiscale che rischia di finire nella riforma fiscale su cui stanno lavorando i repubblicani al Congresso.

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto

A novembre le aziende americane hanno continuato ad assumere continuando la tendenza vista il mese precedente. Il rialzo del mese scorso segna l'86esimo mese di fila in cui i datori di lavoro hanno reclutato personale negli Stati Uniti.

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

Una divisione di Caterpillar ha ammesso di avere truffato clienti facendo manutenzione inutile sui loro vagoni ferroviari.

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Apple sta per acquistare Shazam, la app per riconoscere le canzoni. A sostenerlo è il sito TechCrunch: citando fonti anonime, il sito specializzato in tecnologia riferisce che il produttore dell'iPhone potrebbe pagare centinaia di migliaia di dollari per l'applicazione; se cos" fosse, Apple verserebbe meno del miliardo di dollari circa a cui Shazam fu valutata nel suo ultimo round di raccolta fondi risalente al 2015. Un'intesa potrebbe essere annunciata luned" 11 dicembre.

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Il senatore Franken si dimette, dopo le accuse di molestie. È il secondo parlamentare Usa a lasciare

Otto donne contro di lui; l'ex comico: "Alcune accuse sono non vere; per altre, ricordo i fatti diversamente. Ma sono un sostenitore delle donne". Due giorni prima di lui, l'annuncio del deputato Conyers

Al Franken, il senatore democratico statunitense accusato da otto donne di molestie sessuali, si dimetterà nelle prossime settimane. L'annuncio è stato dato in Aula, dopo che 33 colleghi del suo partito, ieri, avevano pubblicamente chiesto le sue dimissioni.

Da gennaio Trump tornerà a promuovere piano infrastrutturale

Prevede 200 miliardi di dollari di fondi federali e 800 miliardi di investimenti privati su scala statale e municipale
iStock

Non ha ancora portato a casa la riforma fiscale, che già Donald Trump pensa a rilanciare un piano infrastrutturale promesso ancora prima della sua vittoria alle elezioni presidenziali del novembre 2016. Lo riferisce la stampa americana citando funzionari della Casa Bianca; la proposta dovrebbe prevedere spese federali per 200 miliardi di dollari, pensate per innescare investimenti da parte del settore privato a livello statale e municipale per altri 800 miliardi di dollari. Il valore complessivo da mille miliardi di dollari è quello che Trump, già da candidato, disse che avrebbe realizzato nei suoi primi 100 giorni alla Casa Bianca. Così non è stato, visto che poi il Gop si è concentrato (inutilmente) sull'abrograzione della riforma sanitaria voluta da Barack Obama e ora è alle prese con una riforma fiscale che spera di realizzare entro Natale.