La Fed alza i tassi per la terza volta nel 2017, altre tre strette nel 2018

Aumento di 25 punti base all'1,25-1,5%, come ampiamento atteso. Yellen non preoccupata da rally a Wall Street. Bitcoin? Un asset altamente speculativo. Riforma fiscale? Effetti ancora incerti

Gli investitori non avevano (giustamente) dubbi: la Federal Reserve ha annunciato un aumento dei tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. E ha confermato le attese per tre strette nel 2018 e due nel 2019. Non solo. Ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell'economia americana per questo e il prossimo anno e si aspetta un ulteriore calo del tasso di disoccupazione, già ai minimi del dicembre 2000. Il governator Janet Yellen può vantarsi di lasciare la guida della banca centrale con gli Stati Uniti in buona salute e pronti a godere, almeno un po', di una riforma fiscale sempre più vicina ma dagli effetti ancora "incerti".

La banca centrale americana, ancora per un paio di mesi guidata da Yellen, ha alzato il costo del denaro di 25 punti base all'1,25-1,5%. Lo ha fatto al termine dell'ultima riunione dell'anno in corso, la penultima per la prima donna ad essere arrivata a guidarla. Per Yellen, il prossimo appuntamento sarà il 30 e 31 gennaio 2018 quando per altro non è prevista una conferenza stampa. Quella in calendario invece oggi sarà per lei l'ultima occasione di confrontarsi con i giornalisti. Il suo mandato quadriennale scadrà all'inizio di febbraio, quando passerà l'incarico a Jerome Powell (già membro del board della Fed e voluto dal presidente americano Donald Trump).

La normalizzazione della politica monetaria dunque continua. E senza sorprese. E' da un anno che la Fed diceva che nell'anno in corso avrebbe compiuto tre aumenti dei tassi; inoltre, nei verbali della riunione del 31 ottobre e 1 novembre scorsi, diffusi il 22 novembre successivo, emerse che i membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale si aspettavano una stretta "nel breve termine". Che è arrivata.

La decisione di alzare i tassi non è stata all'unanimità: ci sono stati due dissidenti (una prima volta nel 2017) e segno che altri disaccordi potrebbero esserci in futuro visto che l'inflazione al palo continua a essere il tallone d'Achille della Fed; l'istituto tuttavia resta convinto che "i fattori che quest'anno hanno tenuto a freno l'inflazione risulteranno transitori". Charles Evans e Neel Kashkari, rispettivamente presidenti delle sede regionali della Fed a Chicago e Minneapolis, avrebbero preferito mantenere il costo del denaro all'1-1,25%.

In generale comunque, i membri del braccio di politica monetaria della Fed si aspettano che "le condizioni economiche evolvano in modo tale da richiedere un rialzo graduale dei tassi". Tutto, come al solito, dipenderà dai dati macroeconomici in arrivo a cominciare da quelli relativi all'inflazione. Se la piena occupazione è ormai raggiunta, è la stabilità dei prezzi che la Fed non è riuscita ancora a garantire come vorrebbe visto che è da cinque anni e mezzo che l'inflazione non cresce al tasso annuo desiderato del 2%.

Nel giorno in cui il Dow Jones Industrial Average ha messo a segno il 68esimo record del 2017, il governatore della Federal Reserve ha detto di non esserne preoccupata. I prezzi degli asset saranno anche "elevati" ma ciò non rappresenta un grosso rischio. "Quando guardiamo ad altri indicatori dei rischi alla stabilità finanziaria, non c'è una luce lampeggiante rossa né arancione" come a dire che nulla sta indicando che ci si debba preoccupare. "Abbiamo un sistema bancario molto più forte e resiliente e non vediamo un aumento preoccupante a livelli eccessivi del leverage o della crescita del credito". E i Bitcoin? Per lei sono un "asset altamente speculativo" che per il momento non provoca rischi - se non "limitati" alla stabilità finanziaria.

Altri Servizi

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Goldman Sachs: primo rosso trimestrale da 2011, ma conti sopra stime; da riforma 4,4 miliardi di oneri

Il Ceo Blankfein: "Con la prevista accelerata dell'economia globale, i benefici che arriveranno dalla nuova legislazione fiscale e grazie a un franchise di primo piano, siamo ben posizionati per fare significativi progressi sul piano di crescita".

Nei tre mesi a dicembre Goldman Sachs ha virato in rosso, riportando le sue prime perdite trimestrali dal 2011. Come già successo con i conti delle maggiori rivali dell'istituto newyorkese, ha pesato l'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 4,4 miliardi di dollari.

Nuovi permessi ai Dreamers, Trump si arrende (per ora) alla decisione di un giudice

L'amministrazione statunitense ricomincia ad accettare le richieste dei rinnovi, interrotti a ottobre, seguendo l'ordine di un tribunale della California. Non è, però, una marcia indietro del presidente
iStock

Tutto come prima, almeno per ora. Il governo federale degli Stati Uniti ha annunciato che ricomincerà ad accettare le richieste di rinnovo per il Daca, il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), il programma voluto nel 2012 da Barack Obama per permettere agli immigrati irregolari, entrati da bambini nel Paese, di evitare l'espulsione e ricevere un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile.

Alcoa: perdita trimestrale peggiora, pesano chiusure fonderie (anche in Italia)

Rosso da 196 milioni di dollari. Oneri per 391 milioni legati anche all'impianto sardo a Portovesme. Dalla riforma fiscale Usa, impatto negativo per 22 milioni

La chiusura di un paio di fonderie, inclusa quella a Portovesme (Sardegna), e la nuova riforma fiscale Usa hanno pesato sugli utili di Alcoa relativi agli ultimi tre mesi del 2017. L'intero esercizio commerciale è finito in modo migliore di quello precedente grazie all'andamento dei prezzi dell'alluminio.

Apple stima un "contributo diretto" all'economia Usa per 350 miliardi di dollari in cinque anni

Annunciate spese per capitale da 30 miliardi di dollari, la creazione di 20.000 nuovi posti di lavoro e di un altro campus. Pagherà 38 miliardi di dollari per rimpatriare utili parcheggiati all'estero
iStock

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Cnn: Fox fermò lo scoop sulla relazione sessuale tra Trump e una pornostar prima delle elezioni

Venerdì scorso, il Wall Street Journal ha scritto che Stephanie Clifford fu pagata 130.000 dollari nell'ottobre 2016 per restare in silenzio

Russiagate, Bannon "collaborerà totalmente con Mueller"

L'ex stratega della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal procuratore speciale. Il privilegio esecutivo, invece, 'blocca' Bannon davanti alla commissione Intelligence della Camera

Bank of America: utile IV trim. cala, ma batte stime, 2,9 mld oneri da riforma

"Una crescita responsabile ha prodotto risultati solidi nel 2017", ha detto l'amministratore delegato Brian Moynihan.