La Fed annuncia storica riduzione del bilancio, rialzo tassi rimandato

La normalizzazione inizierà a ottobre. Terza stretta prevista forse a dicembre nonostante i danni provocati dagli uragani
AP

Come atteso dal mercato, la Federal Reserve ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse in un intervallo tra 1 e 1,25%, dove erano stati portati lo scorso giugno. E ha annunciato che a ottobre inizierà a ridurre il suo bilancio lievitato a 4.500 miliardi di dollari, dai 900 miliardi del 2008, sulla scia degli acquisti di Treasury e bond ipotecari varati in risposta alla crisi.

Il Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria della banca centrale americana, ha dunque deciso di rimandare la terza stretta dell'anno probabilmente a dicembre, dopo quella di marzo e appunto giugno. Prima dei due rialzi del 2017, ce n'era stata una a dicembre 2016 e, ancora prima, a dicembre del 2015. Prima di allora, l'ultima volta che la Fed aveva alzato i tassi era stata a giugno 2006.

A ottobre la Fed smetterà di reinvestire nell'acquisto di nuovi bond i proventi dei bond acquistati durante la crisi che arriveranno a maturazione; comincerà a lasciare scadere 10 miliardi di dollari di titoli al mese, senza reinvestirli. La somma salirà di 10 miliardi di dollari a trimestre, fino a un massimo di 50 miliardi. Per il governatore Janet Yellen si tratta dell'esercizio forse più complesso nel percorso della normalizzazione della politica monetaria Usa che è complicato da una inflazione che stenta a riprendersi.

La normalizzazione del bilancio "sarà graduale e prevedibile", ha detto il presidente della Federal Reserve Janet Yellen durante la conferenza stampa a commento della riunione del Fomc. "Siamo pronti a riprendere i reinvestimenti dei proventi dei titoli arrivati a scadenza qualora l'outlook economico dovesse deteriorarsi", ha aggiunto spiegando che la Fed "non prevede di alterare i piani sul bilancio". Detto questo, la Fed "non vuole che l'economia si surriscaldi", motivo per cui le scelte saranno conseguenti alle evoluzioni della congiuntura.

Quanto ai tassi, "ulteriori graduali aumenti probabilmente saranno appropriati nel corso dei prossimi anni". Detto questo, la traiettoria dei rialzi dei tassi "resta sostanzialmente invariata". Per Yellen, "l'outlook resta comunque incerto" motivo per cui l'istituto resta pronto a modificare le proprie scelte. "La politica monetaria continua a non essere su una traiettoria prefissata", ha ribadito Yellen.

Se ha lasciato invariate le stime sull'inflazione per l'anno in corso (+1,6%), la Fed ha ridotto quelle della componente "core" del dato (+1,5% da +1,7% previsto in precedenza). Nel 2018, il Pil dovrebbe salire del 2,1% (invariato rispetto a giugno), l'inflazione “core” dovrebbe attestarsi all'1,9% (contro il 2% della stima precedente) e il tasso di disoccupazione è visto al 4,1%, contro il 4,2% di giugno. Per il 2019 la Fed prevede un aumento del Pil del 2% (meglio dell'1,9% di giugno), un tasso di disoccupazione al 4,1% (meno del 4,2% della stima precedente) e un'inflazione "core" al 2%, in linea con la stima precedenti. Per il lungo termine le stime sono per un Pil all'1,8% (dato invariato) e un tasso di disoccupazione al 4,6% (invariato dalla stima precedente).

Altri Servizi

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento