La Fed promette "pazienza" sui tassi e flessibilità sul bilancio

A fronte di un'economia mondiale che rallenta, Powell si adegua. Wall Street festeggia

Qualcuna la considera una capitolazione, una arresa alle forze del mercato e magari al pressing di Donald Trump. A prescindere dall'interpretazione, un fatto è certo: nel giro di oltre un mese, la Federal Reserve ha notevolmente aggiustato il tiro a fronte di un contesto macroeconomico incerto fatto da "correnti contrastanti", da un rallentamento dell'economia mondiale (e cinese), dal rischio di nuove tensioni commerciali tra Usa e Cina che per ora non sta pesando sui rispettivi Pil e da uno shutdown record del governo federale che lascerà qualche segno sull'economia statunitense.

Nella sua prima riunione del 2019, la banca centrale americana ha lasciato i tassi invariati al 2,25-2,5% e ha ribadito che sarà "paziente" nel ritoccare il costo del denaro. Per questo gli investitori hanno brindato spingendo il Dow Jones Industrial Average sopra i 25mila punti per la prima volta in due mesi. Solo a dicembre - quando aveva annunciato la quarta stretta del 2018 - la Fed aveva detto di prevedere due aumenti dei tassi nel 2019 ma il mercato, come allora, ne mette in conto a malapena uno.

L'eliminazione dal suo comunicato di due concetti parla da sola: è scomparso il linguaggio relativo a "qualche ulteriore rialzo graduale" dei tassi e quello con cui la Fed diceva che i rischi per l'outlook economico Usa erano "equilibrati". Non solo. La banca centrale ha lasciato aperta la porta tanto a una stretta quanto a un taglio dei tassi. Tutto "dipenderà interamente dai dati" macroeconomici, ha detto il governatore Jerome Powell, molti dei quali nell'ultimo mese non sono stati pubblicati per via dello shutdown del governo federale.

Inoltre, cosa attentamente monitorata dagli investitori, il governatore ha detto che "nelle riunioni a venire" la Fed deciderà come gestire la riduzione del suo bilancio (gonfiato negli anni della crisi dagli acquisti di Treasury e bond ipotecari). "Nessuna decisione è stata ancora presa" ma "alcuni cambiamenti potrebbero essere necessari", ha ribadito Powell; la banca centrale Usa sta pensando di mettere fine alla normalizzazione del suo bilancio prima del previsto, lasciandolo più ampio di quanto stimato in passato. Il successore di Janet Yellen non ha voluto dare numeri sul valore ideale del bilancio stesso ma ha aggiunto che le stime del mercato "in generale" sono in linea alle sue. L'attesa è che si scenda a 3.500 miliardi di dollari dagli attuali 4.000 miliardi contro i 4.500 miliardi massimi raggiunti dopo la crisi.

Powell ha comunque usato toni ottimisti sull'economia americana, che secondo lui continuerà a crescere nel 2019 anche se meno rispetto allo sprint del 2018.

Altri Servizi

liveblog4testing

subtitle

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP