La Fed segnala una stretta a dicembre ma l'inflazione preoccupa

C'è chi teme anche la creazione di "squilibri" finanziari dovuti al rally dei prezzi delle varie asset class. Un loro cambio di rotta repentino lederebbe l'economia. Taglio delle tasse visto come più probabile

La Federal Reserve ha segnalato che un rialzo dei tassi potrebbe arrivare a dicembre nonostante l'inflazione resti al palo, cosa che sta iniziando a preoccupare alcuni dei suoi membri insieme alla formazione di potenziali "squilibri" finanziari. Mentre il mercato calcola il 91,5% di probabilità che nella riunione del mese prossimo i tassi vengano alzati di 25 punti base all'1,25-1,50%, la banca centrale americana ha spiegato - attraverso i verbali del meeting del 31 ottobre e 1 novembre scorsi - che una stretta sarà probabile "nel breve termine".

Il vero tallone d'Achille della Fed continua a essere l'inflazione, che da ormai cinque anni non cresce al tasso annuo del 2% come la banca centrale vorrebbe. Dal documento è trapelato che qualcuno nell'istituto si aspetta che un simile trend continui anche nel 2018, cosa che mette necessariamente in dubbio il passo con cui continuerà la normalizzazione della politica monetaria in Usa. Teoricamente la Fed prevede per l'anno prossimo tre strette, tante quelle che si attende per il 2017.

Anche se il mercato del lavoro continua a rafforzarsi, con datori di lavoro che faticano a trovare il personale che desiderano e che dunque sono costretti ad alzare i salari, non si sono venute a creare le pressioni inflative sperate. "Ciò potrebbe essere il riflesso non solo di fattori transitori ma anche dell'influenza di sviluppi che potrebbero risultare più persistenti" del previsto. Il giorno prima della diffusione dei verbali, l'uscente governatore Janet Yellen ha spiegato che "non è certo" che l'insieme di fattori che stanno tenendo a freno l'inflazione sia transitorio come lei e altri avevano sostenuto citando per esempio un calo dei prezzi degli abbonamenti ai piani telefonici; l'andamento del dato, ha fatto capire, potrebbe indicare che "c'è qualcosa di endemico o di lunga durata a cui dobbiamo prestare attenzione". Ora il timore espresso da alcuni dei suoi colleghi è che un'inflazione al palo "possa portare a un declino delle aspettative di lungo termine, se non lo ha già fatto".

Oltre all'inflazione, c'è un altro fattore che la Fed terrà conto quando dovrà decidere se stringere di nuovo la cinghia. Nell'ultima riunione dell'istituto non è mancato chi ha parlato di un "potenziale aumento di squilibri finanziari" alla luce "delle valutazioni elevate degli asset e della volatilità bassa". Il timore è che un "repentino cambio di rotta dei prezzi degli asset possa avere effetti dannosi per l'economia". Mentre gli indici a Wall Street ieri hanno raggiunto nuovi record, nella Fed c'è chi ha detto che il rally si potrebbe spiegare con "la percezione da parte degli investitori che una riforma fiscale stia diventando più probabile".

Lo pensano anche alcuni membri dell'Fomc: "Alcuni partecipanti giudicano che le prospettive per un taglio significativo delle tasse siano recentemente migliorate". Parlando di un taglio potenziale delle aliquote, nelle cosiddette minute la banca centrale che fino al prossimo febbraio sarà guidata da Yellen ha parlato di aziende che sembrano "più fiduciose sulle prospettive economiche e dunque più propense ad avviare un'espansione". In quel contesto, "gli investimenti fissi aziendali potrebbero ricevere una spinta se la legislazione dovesse essere adottata".

Molto dipende dai repubblicani che controllano il Congresso e dal pressing che su di loro il presidente Donald Trump eserciterà per portare a casa entro Natale - come ha ripetutamente promesso - la sua prima vittoria legislativa in quasi un anno alla Casa Bianca. Se così non sarà non è affatto escluso un sell-off a Wall Street. Ciò andrebbe ad aggiungersi a una Fed destinata a cambiare volto. Da febbraio la 'colomba' Yellen cederà il testimone alla sua versione repubblicana, Jerome Powell. Ma altre poltrone dentro la Fed sono destinate a essere riempite su volere di Trump.

AP
Altri Servizi

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Scelta da Trump per diventare ambasciatrice Onu, Nauert si ritira

La portavoce del dipartimento di Stato, ex conduttrice di Fox News, lascia l'amministrazione dopo due anni. Pompeo: decisione "personale". Lei: è "nell'interesse della mia famiglia". Sarebbe stata messa sotto torchio al Senato per la conferma
U.S. Department of State

La portavoce del dipartimento di Stato nominata a dicembre da Donald Trump per diventare ambasciatrice alle Nazioni Unite, si è ritirata. E dopo due anni, ha lasciato l'amministrazione Usa. Ironia della sorte vuole che a fermare l'ascesa di Heather Nauert al Palazzo di vetro, almeno secondo Bloomberg, sia stato un passo falso commesso in passato: ha arruolato una baby sitter straniera che viveva legalmente negli Stati Uniti ma che non era autorizzata a lavorare. Nell'America del 45esimo presidente americano, in cui la retorica contro gli immigrati è usata per giustificare la costruzione del muro tra Usa e Messico, quella di Nauert è una pecca che politicamente avrebbe creato non poco imbarazzo all'amministrazione Trump. Anche se va detto che Trump ha assunto migranti privi di permesso di soggiorno nei suoi vari campi da golf.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.

I mercati sperano in un accordo Usa-Cina ma "resta ancora molto da fare"

Segnali incoraggianti dopo il sesto round di trattative. Da Pechino, i negoziati si spostano di nuovo a Washington. Trump: "Mai così vicini a un'intesa"

Da Pechino a Washington sono giunti segnali incoraggianti sull'ultimo round, il sesto, di trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Trump attacca Maduro e corteggia il voto latinoamericano

Il presidente Usa alla Florida International University per parlare a due platee: gli espatriati e i generali venezuelani

Il presidente statunitense Donald Trump, durante un discorso in programma a Miami, chiederà a Nicolas Maduro di lasciare il potere in Venezuela. Lo farà parlando a due diversi pubblici: i generali che mantengono alla guida del Paese il presidente non più riconosciuto dagli Stati Uniti e le decine di migliaia di venezuelani espatriati, che potrebbero essere decisivi, in Florida, alle elezioni presidenziali del 2020.