La Fed segnala una stretta a dicembre ma l'inflazione preoccupa

C'è chi teme anche la creazione di "squilibri" finanziari dovuti al rally dei prezzi delle varie asset class. Un loro cambio di rotta repentino lederebbe l'economia. Taglio delle tasse visto come più probabile

La Federal Reserve ha segnalato che un rialzo dei tassi potrebbe arrivare a dicembre nonostante l'inflazione resti al palo, cosa che sta iniziando a preoccupare alcuni dei suoi membri insieme alla formazione di potenziali "squilibri" finanziari. Mentre il mercato calcola il 91,5% di probabilità che nella riunione del mese prossimo i tassi vengano alzati di 25 punti base all'1,25-1,50%, la banca centrale americana ha spiegato - attraverso i verbali del meeting del 31 ottobre e 1 novembre scorsi - che una stretta sarà probabile "nel breve termine".

Il vero tallone d'Achille della Fed continua a essere l'inflazione, che da ormai cinque anni non cresce al tasso annuo del 2% come la banca centrale vorrebbe. Dal documento è trapelato che qualcuno nell'istituto si aspetta che un simile trend continui anche nel 2018, cosa che mette necessariamente in dubbio il passo con cui continuerà la normalizzazione della politica monetaria in Usa. Teoricamente la Fed prevede per l'anno prossimo tre strette, tante quelle che si attende per il 2017.

Anche se il mercato del lavoro continua a rafforzarsi, con datori di lavoro che faticano a trovare il personale che desiderano e che dunque sono costretti ad alzare i salari, non si sono venute a creare le pressioni inflative sperate. "Ciò potrebbe essere il riflesso non solo di fattori transitori ma anche dell'influenza di sviluppi che potrebbero risultare più persistenti" del previsto. Il giorno prima della diffusione dei verbali, l'uscente governatore Janet Yellen ha spiegato che "non è certo" che l'insieme di fattori che stanno tenendo a freno l'inflazione sia transitorio come lei e altri avevano sostenuto citando per esempio un calo dei prezzi degli abbonamenti ai piani telefonici; l'andamento del dato, ha fatto capire, potrebbe indicare che "c'è qualcosa di endemico o di lunga durata a cui dobbiamo prestare attenzione". Ora il timore espresso da alcuni dei suoi colleghi è che un'inflazione al palo "possa portare a un declino delle aspettative di lungo termine, se non lo ha già fatto".

Oltre all'inflazione, c'è un altro fattore che la Fed terrà conto quando dovrà decidere se stringere di nuovo la cinghia. Nell'ultima riunione dell'istituto non è mancato chi ha parlato di un "potenziale aumento di squilibri finanziari" alla luce "delle valutazioni elevate degli asset e della volatilità bassa". Il timore è che un "repentino cambio di rotta dei prezzi degli asset possa avere effetti dannosi per l'economia". Mentre gli indici a Wall Street ieri hanno raggiunto nuovi record, nella Fed c'è chi ha detto che il rally si potrebbe spiegare con "la percezione da parte degli investitori che una riforma fiscale stia diventando più probabile".

Lo pensano anche alcuni membri dell'Fomc: "Alcuni partecipanti giudicano che le prospettive per un taglio significativo delle tasse siano recentemente migliorate". Parlando di un taglio potenziale delle aliquote, nelle cosiddette minute la banca centrale che fino al prossimo febbraio sarà guidata da Yellen ha parlato di aziende che sembrano "più fiduciose sulle prospettive economiche e dunque più propense ad avviare un'espansione". In quel contesto, "gli investimenti fissi aziendali potrebbero ricevere una spinta se la legislazione dovesse essere adottata".

Molto dipende dai repubblicani che controllano il Congresso e dal pressing che su di loro il presidente Donald Trump eserciterà per portare a casa entro Natale - come ha ripetutamente promesso - la sua prima vittoria legislativa in quasi un anno alla Casa Bianca. Se così non sarà non è affatto escluso un sell-off a Wall Street. Ciò andrebbe ad aggiungersi a una Fed destinata a cambiare volto. Da febbraio la 'colomba' Yellen cederà il testimone alla sua versione repubblicana, Jerome Powell. Ma altre poltrone dentro la Fed sono destinate a essere riempite su volere di Trump.

AP
Altri Servizi

Trump presenta lunedì strategia sicurezza nazionale. Cina sarà accusata di aggressione economica

Secondo varie fonti informate sul dossier, Trump proporrà una posizione molto più dura nei confronti della Cina rispetto a quanto fatto dalle precedenti amministrazioni.
White House

Il rapporto tra Washington e Pechino è destinato a diventare più teso. Il presidente americano Donald Trump intente accusare la Cina di "aggressione economica", quando lunedì presenterà la sua strategia per la sicurezza nazionale. Così dovesse essere, sarebbe il segno del crescente malcontento dell'amministrazione americana, finora incapace di usare il legame tra Trump e il suo omologo Xi Jinping per convincere la Cina a rispondere alle preoccupazioni americane sul fronte commerciale.

Gm al momento della verità nel processo (ennesimo) sullo scandalo dei difetti all'accensione

Il 18 dicembre al tribunale fallimentare di Manhattan si apre il processo che stabilirà se il colosso automobilistico possa o meno evitare di pagare fino a un miliardo di dollari in azioni.
iStock

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%, cancellato l'individual mandate previsto dall'Obamacare, previste te dell'8% sugli asset illiquidi e del 15,5% su quelli liquidi per il rimpatrio dei capitali.
AP

Difesa Usa preoccupata dal rischio di incidenti con caccia russi in Siria

Il rischio di scontri tra gli aerei da combattimento russi e quelli americani in Siria preoccupa il Pentagono. Gli incidenti si sono moltiplicati nelle ultime settimane, nonostante gli accordi verbali tra Mosca e Washington.

Giudice Usa blocca Trump: contraccezione resta gratuita

Un giudice federale della Pennsylvania ha bloccato una misura con cui l'amministrazione Trump avrebbe voluto smantellare l'ennesimo pezzo dell'eredità lasciata da Barack Obama.

La rivincita delle Crocs (anche a Wall Street)

Lo stilista Christopher Kane e Balenciaga hanno portato in passerella le ciabatte che sembravano passate di moda. Gli analisti di Stifel scommettono in un rilancio: comprare il titolo

Riforma fiscale sempre più vicina, Rubio voterà sì

Il senatore della Florida si aggiunge quello del Tennessee. La settimana prossima verrà messa al voto in Parlamento. Entro Natale, la firma di Trump (salvo sorprese)
AP

Bloomberg a Trump: la riforma fiscale è una "cantonata economicamente indifendibile"

Per l'ex sindaco di NY, dà alle grandi aziende tagli alle tasse di cui non hanno bisogno, abbassa le aliquote dei contribuenti più abbienti e per permette ai più ricchi di proteggere i loro patrimoni
iStock

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Fitch promuove Fiat Chrysler Automobiles

Il rating passa a BB da BB- con outlook positivo. Atteso un flusso di cassa positivo e sostenibile. In vista dell'addio di Marchionne, prevista una riorganizzazione aziendale