La Fed segnala una stretta a dicembre ma l'inflazione preoccupa

C'è chi teme anche la creazione di "squilibri" finanziari dovuti al rally dei prezzi delle varie asset class. Un loro cambio di rotta repentino lederebbe l'economia. Taglio delle tasse visto come più probabile

La Federal Reserve ha segnalato che un rialzo dei tassi potrebbe arrivare a dicembre nonostante l'inflazione resti al palo, cosa che sta iniziando a preoccupare alcuni dei suoi membri insieme alla formazione di potenziali "squilibri" finanziari. Mentre il mercato calcola il 91,5% di probabilità che nella riunione del mese prossimo i tassi vengano alzati di 25 punti base all'1,25-1,50%, la banca centrale americana ha spiegato - attraverso i verbali del meeting del 31 ottobre e 1 novembre scorsi - che una stretta sarà probabile "nel breve termine".

Il vero tallone d'Achille della Fed continua a essere l'inflazione, che da ormai cinque anni non cresce al tasso annuo del 2% come la banca centrale vorrebbe. Dal documento è trapelato che qualcuno nell'istituto si aspetta che un simile trend continui anche nel 2018, cosa che mette necessariamente in dubbio il passo con cui continuerà la normalizzazione della politica monetaria in Usa. Teoricamente la Fed prevede per l'anno prossimo tre strette, tante quelle che si attende per il 2017.

Anche se il mercato del lavoro continua a rafforzarsi, con datori di lavoro che faticano a trovare il personale che desiderano e che dunque sono costretti ad alzare i salari, non si sono venute a creare le pressioni inflative sperate. "Ciò potrebbe essere il riflesso non solo di fattori transitori ma anche dell'influenza di sviluppi che potrebbero risultare più persistenti" del previsto. Il giorno prima della diffusione dei verbali, l'uscente governatore Janet Yellen ha spiegato che "non è certo" che l'insieme di fattori che stanno tenendo a freno l'inflazione sia transitorio come lei e altri avevano sostenuto citando per esempio un calo dei prezzi degli abbonamenti ai piani telefonici; l'andamento del dato, ha fatto capire, potrebbe indicare che "c'è qualcosa di endemico o di lunga durata a cui dobbiamo prestare attenzione". Ora il timore espresso da alcuni dei suoi colleghi è che un'inflazione al palo "possa portare a un declino delle aspettative di lungo termine, se non lo ha già fatto".

Oltre all'inflazione, c'è un altro fattore che la Fed terrà conto quando dovrà decidere se stringere di nuovo la cinghia. Nell'ultima riunione dell'istituto non è mancato chi ha parlato di un "potenziale aumento di squilibri finanziari" alla luce "delle valutazioni elevate degli asset e della volatilità bassa". Il timore è che un "repentino cambio di rotta dei prezzi degli asset possa avere effetti dannosi per l'economia". Mentre gli indici a Wall Street ieri hanno raggiunto nuovi record, nella Fed c'è chi ha detto che il rally si potrebbe spiegare con "la percezione da parte degli investitori che una riforma fiscale stia diventando più probabile".

Lo pensano anche alcuni membri dell'Fomc: "Alcuni partecipanti giudicano che le prospettive per un taglio significativo delle tasse siano recentemente migliorate". Parlando di un taglio potenziale delle aliquote, nelle cosiddette minute la banca centrale che fino al prossimo febbraio sarà guidata da Yellen ha parlato di aziende che sembrano "più fiduciose sulle prospettive economiche e dunque più propense ad avviare un'espansione". In quel contesto, "gli investimenti fissi aziendali potrebbero ricevere una spinta se la legislazione dovesse essere adottata".

Molto dipende dai repubblicani che controllano il Congresso e dal pressing che su di loro il presidente Donald Trump eserciterà per portare a casa entro Natale - come ha ripetutamente promesso - la sua prima vittoria legislativa in quasi un anno alla Casa Bianca. Se così non sarà non è affatto escluso un sell-off a Wall Street. Ciò andrebbe ad aggiungersi a una Fed destinata a cambiare volto. Da febbraio la 'colomba' Yellen cederà il testimone alla sua versione repubblicana, Jerome Powell. Ma altre poltrone dentro la Fed sono destinate a essere riempite su volere di Trump.

AP
Altri Servizi

La Ue gioca d'anticipo sugli Usa, le aziende potranno fare business con l'Iran

Mogherini da New York: verrà creato un 'veicolo speciale' per continuare ad avere a che fare con una nazione che Trump si prepara a punire con nuove sanzioni. Obiettivo: salvare lo storico accordo sul nucleare da cui l'America si è ritirata

L'Unione europea ha preso ulteriormente le distanze da Donald Trump, che lo scorso maggio aveva annunciato il ritiro "unilaterale" degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare italiano siglato nell'estate 2015 e che il novembre prossimo imporrà un secondo round di sanzioni contro il settore energetico di Teheran.

Facebook: i due cofondatori di Instagram se ne vanno

Nel 2012 vendettero la app di condivisione di foto per 1 miliardo di dollari. Ora pensano alla loro prossima avventura

I due cofondatori di Instagram, la app per la condivisione di immagini acquistata da Facebook nel 2012 per 1 miliardo di dollari, hanno dato le dimissioni.

Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap