New York: Festa della Repubblica all'insegna di Expo e sport

Le celebrazioni iniziano un giorno d'anticipo con una caccia al tesoro. Seguono eventi al sapore d'Italia e ispirati all'esposizione internazionale che si terrà a Milano nel 2015

Anche New York festeggia la festa della Repubblica italiana e lo fa con un giorno di anticipo. La metropoli americana continua la tradizione di festeggimaneti voluta dal Consolato generale, che per quest'anno ha organizzato per domenica primo giugno una caccia al tesoro speciale, tricolore. Dal due giugno poi via a una serie di eventi all'insegna di sport, esibizioni, concerti, tasting ed eventi al sapore d'Italia. Tutti avranno però come comune denominatore l'Expo 2015 di Milano.

1 GIUGNO
"Ho pensato di organizzare un'attività per coinvolgere la comunità nel suo complesso", ha detto il console generale Natialia Quintavalle. "Abbiamo ricevuto una notevole risposta e siamo molto orgogliosi della partecipazione di molte società italiane importanti" come Piaggio, Bulgari, Ferragamo, Valentino, Brooks Brothers, D&G, Max Mara, Maserati, Illy, Davines, Alitalia e Pirelli. "Sono entusiaste del progetto e hanno contribuito con generosità", ha aggiunto Quintavalle, la cui speranza è che andando a caccia del tesoro i partecipanti migliorino la loro conoscenza sui contributi che gli italiani hanno dato a New York".

Chi saprà muoversi con destrezza e rapidità tra i siti artistici e culturali italiani della città arrivando al tesoro finale, si aggiudicherà il simbolo del design Made in Italy a New York: una Vespa S150 rossa.

La festa continuerà nella serata americana con la consegna degli "Italian brand ambassador" Award, destinati per la prima volta a chi con la sua lungimiranza, passione per l'Italia e capacità contribuisce a dare forza al Made in Italy. Saranno presenti il ministro della Salute Beatrice Lorenzin e il viceministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda.

L’Italian Brand Ambassador Award, ha dichiarato Calenda, "non poteva che avere il suo primo atto negli Stati Uniti, da sempre il Paese maggiormente amante e cultore del Made in Italy. Oggi più che mai il Made in Italy è patrimonio della cultura mondiale, e quindi anche i suoi “brand ambassador” devono essere internazionali, solo così potremo ancor di più rafforzare il nostro brand e principalmente penetrare in mercati dove c’è tanta voglia di Italia.

"Il trend di crescita dell’Italia negli Stati Uniti è il nostro fiore all’occhiello"; gli ha fatto eco Riccardo Monti, presidente dell’Agenzia ICE. "Stiamo crescendo in volumi e relazioni e quindi fatturato, l’ “Italian Brand Ambassador” è il momento di sintesi di tutte queste attività".

"E’ la prima volta che assegniamo il premio Italian Brand Ambassador", ha dichiarato il Direttore dell’Agenzia Ice Usa Pier Paolo Celeste, "che costituisce il salto di qualità nel rapporto tra i prodotti italiani e i mercati che li accolgono. I premiati di quest’anno sono personalità centrali di imprese che commerciano beni per fatturati paragonabili a Pil di alcuni Stati nel Mondo. Ecco, questo è il vero grande traguardo – conclude Celeste – Stiamo sempre più entrando nei mercati, oltre che con i prodotti, con l’empatia e la leadership, le vere leve del terzo millennio".

La serata prevederà anche il concerto del ventenne talento italiano del Jazz Gianluca Pellerito, che con il suo quintet non è nuovo a grandi momenti e a grandi platee, avendo esordito a otto anni a Umbria Jazz, a 14 anni è stato il più giovane musicista al mondo a suonare al Blue Note, appena quindicenne si è esibito per l'ex sindaco di New York Michael Bloomberg, a 16 anni si è esibito al Kennedy Center di Washington su invito della famiglia Kennedy, nel 2012 con il suo quintet era a Londra per i Giochi Olimpici, fino all’apertura nel 2013 di Umbria Jazz.

2 GIUGNO

Il due giugno gli eventi speciali dedicati all'Expo - e curati anche dall'Enit, l'Agenzia nazionale del turismo - verranno organizzati in tutte le Rappresentanze diplomatiche all'estero. A New York, il Consolato Generale vedrà la partecipazione del Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri, l'Ambasciatore Michele Valensise.

Il programma newyorchese prevede la "Giornata nazionale dello Sport", organizzata in collaborazione con il Coni Usa alla Scuola d'Italia "G. Marconi"; l'inaugurazione della mostra "Velvet Park" di Teresa Cinque al Consolato al civico 690 di Park Avenue; pranzo rigorosamento italiano ed esposizioni Made in Italy all'Agenzia Ice, dove grazie ad Alberto Zamperla (l'uomo a capo dell'omonima azienda che costruisce e gestice giostre e parchi di divertimento in tutto il mondo, incluso a Coney Island) ci saranno degustazioni educative su vini, formaggi e salumi; la performance di Andrea Mastrovito "Kickstarting #2" all'Istituto italiano di cultura; l'anteprima in Usa del video Ferrari "California T"; il panel su "Giacomo Mattetti, padre della Repubblica" alla Casa Zerilli - Marimò a cui seguirà la proiezione de "Il delitto Matteotti" di Florestano Vancini. La giornata della Repubblica si chiuderà all'insegna della musica: Women of the world canteranno l'Inno di Mameli e l'Inno dell'Unione europea mentre il trio Jazz "Marco Cappelli's italian surf academy" si esibirà in concerto.

A Washington l’Ambasciata d’Italia festeggerà in compagnia del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che giungerà da Roma per testimoniare ai circa 1.500 ospiti attesi l’impegno dell’Italia nel fare di Expo un’occasione unica per un dialogo globale sulla sfida della nutrizione e della sostenibilità alimentare del Pianeta.

“L’evento di Washington", ha spiegato l’ambasciatore d’Italia a Washington, Claudio Bisogniero, si inquadra in uno sforzo complessivo in cui sono impegnate tutte le ambasciate della rete diplomatica italiana in vista della Festa della Repubblica per promuovere EXPO 2015, la manifestazione internazionale più importante dei prossimi anni in Italia e nel mondo nel campo della sostenibilità alimentare. E’ questa una delle maggiori sfide globali del XXI secolo, rispetto a cui l’Italia ha moltissimo da dire sia in termini di salute alimentare che di stili di vita”.

A Expo Milano 2015 l’Ambasciata d’Italia a Washington aveva già dedicato uno spazio centrale nell’ambito della “Giornata Porte Aperte dell’Unione Europea”, evento al quale, lo scorso 10 maggio, avevano partecipato oltre 6.000 visitatori.

Come ormai da tradizione, l’evento a Washington servirà anche a fare squadra tra l’ambasciata e le numerose imprese italiane che contribuiranno a realizzarlo, e che avranno nell’edificio della Cancelleria diplomatica un’esclusiva vetrina per promuovere il Made in Italy: Automobili Lamborghini, BCUBE, Beretta USA, Calligaris, Chrysler Group LLC, Costa Crociere, Dolci Gelati, Don Ciccio e Figli, Enel, Eni, Ferrero, Fiat Chrysler, Finmeccanica North America, Gruppo RINA, Lavazza, Pelliconi, Pirelli, Trevi e Ville d'Italia.

Altri Servizi

New York vuole obbligare i negozi ad accettare i contanti

Il proponente della legge: "Diritto di scelta per i consumatori"

Per pagare anche una tazzina di caffè o una corsa in taxi, la carta di credito è diventata il metodo di pagamento preferito, se non esclusivo, in molte parti del mondo. Essere costretti a usarla, senza avere l'opzione dei contanti, potrebbe presto essere illegale a New York City.

Ambiente, Trump cancella norma di Obama a difesa dei fiumi

 Accontentati agricoltori e costruttori

L'amministrazione Trump ha messo a punto una norma che eliminerà le protezioni ambientali per corsi d'acqua, paludi e altri corpi idrici, consegnando un'importante vittoria ad agricoltori, produttori di combustibili fossili e grandi costruttori, contrari alle regole imposte dalla presidenza Obama. Dal primo giorno alla Casa Bianca, scrive il New York Times, il presidente Donald Trump diceva di voler abrogare il "Waters of the United States" di Obama, inviso ai proprietari terrieri rurali. La nuova norma, che entrerà in vigore nelle prossime settimane, è solo l'ultimo passo compiuto dall'amministrazione attuale per eliminare o indebolire le leggi o i regolamenti a difesa dell'ambiente voluti da Obama, un pacchetto di regole "orribile", "distruttivo", "uno dei peggiori esempi dell'eccessivo intervento federale", secondo Trump. 

Wall Street, l'Oms rassicura sul coronavirus

Lo considera un'emergenza sanitaria in Cina, non nel. mondo
AP

Telefono Bezos hackerato, l'Onu chiede un'inchiesta sul principe ereditario saudita

 "Voleva influenzare la copertura mediatica dell'Arabia Saudita da parte del Washington Post"
AP

L'Arabia Saudita potrebbe aver hackerato il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, per cercare di influenzare la copertura mediatica del regno da parte del Washington Post, quotidiano detenuto dallo stesso imprenditore statunitense. Lo sostengono le Nazioni Unite, che per questo hanno chiesto agli Stati Uniti l'apertura di un'indagine per verificare il "possibile coinvolgimento" del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

Wall Street avanza dopo la trimestrale Ibm

Da Davos, Trump minaccia dazi sulle auto Ue senza accordo commerciale con Bruxelles
AP

Wall Street, l'attenzione resta sui rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump ha ribadito che la 'fase due' dei negoziati comincerà molto presto
AP

Impeachment Trump, la difesa: "Processo incostituzionale"

Il team legale del presidente risponde alle accuse. Per i democratici, va rimosso perché rappresenta "una minaccia alla sicurezza nazionale"
Ap

I legali del presidente statunitense Donald Trump hanno respinto con decisione le accuse che hanno portato al suo impeachment, definendo il processo contro di lui "incostituzionale" e "un attacco alla libertà di voto degli americani". I democratici, invece, hanno chiesto al Senato di rimuovere la "minaccia alla sicurezza nazionale" che il presidente rappresenta. Nei primi documenti consegnati per il processo in Senato, emergono chiaramente le strategie e le opposte argomentazioni sul destino di Trump, anche in vista delle presidenziali di novembre.

Dibattiti Dem, si cambia: l'Iowa decisivo per la partecipazione dei candidati 'minori'

Oltre ai soliti sei (Biden, Warren, Sanders, Buttigieg, Klobuchar, Steyer), potrà qualificarsi al prossimo confronto chi otterrà almeno un delegato ai caucus che apriranno la corsa alla nomination

I candidati alle primarie democratiche che otterranno un delegato ai caucus dell'Iowa del 3 febbraio potranno partecipare al dibattito in New Hampshire del 7, in previsione delle primarie nel Granite State. È questa la novità decisa dai vertici del partito democratico per dare una possibilità ai candidati meno visibili, penalizzati dalle regole più severe per la qualificazione all'ultimo dibattito che avevano permesso solo a sei candidati di salire sul palco.

Mnuchin avverte l'Italia: dazi Usa se applicherete la digital tax

Il segretario al Tesoro Usa intervistato dal Wall Street Journal: "Cercheremo una soluzione, come con la Francia"

Italia e Regno Unito saranno colpite dai dazi statunitensi, se decideranno di andare avanti con l'imposizione di un'imposta sulle società digitali, che colpirebbe aziende come Alphabet (Google) e Facebook. Lo ha detto il segretario al Tesoro statunitense, Steven Mnuchin, intervistato dal Wall Street Journal durante il World Economic Forum in corso a Davos, in Svizzera.