New York: Festa della Repubblica all'insegna di Expo e sport

Le celebrazioni iniziano un giorno d'anticipo con una caccia al tesoro. Seguono eventi al sapore d'Italia e ispirati all'esposizione internazionale che si terrà a Milano nel 2015

Anche New York festeggia la festa della Repubblica italiana e lo fa con un giorno di anticipo. La metropoli americana continua la tradizione di festeggimaneti voluta dal Consolato generale, che per quest'anno ha organizzato per domenica primo giugno una caccia al tesoro speciale, tricolore. Dal due giugno poi via a una serie di eventi all'insegna di sport, esibizioni, concerti, tasting ed eventi al sapore d'Italia. Tutti avranno però come comune denominatore l'Expo 2015 di Milano.

1 GIUGNO
"Ho pensato di organizzare un'attività per coinvolgere la comunità nel suo complesso", ha detto il console generale Natialia Quintavalle. "Abbiamo ricevuto una notevole risposta e siamo molto orgogliosi della partecipazione di molte società italiane importanti" come Piaggio, Bulgari, Ferragamo, Valentino, Brooks Brothers, D&G, Max Mara, Maserati, Illy, Davines, Alitalia e Pirelli. "Sono entusiaste del progetto e hanno contribuito con generosità", ha aggiunto Quintavalle, la cui speranza è che andando a caccia del tesoro i partecipanti migliorino la loro conoscenza sui contributi che gli italiani hanno dato a New York".

Chi saprà muoversi con destrezza e rapidità tra i siti artistici e culturali italiani della città arrivando al tesoro finale, si aggiudicherà il simbolo del design Made in Italy a New York: una Vespa S150 rossa.

La festa continuerà nella serata americana con la consegna degli "Italian brand ambassador" Award, destinati per la prima volta a chi con la sua lungimiranza, passione per l'Italia e capacità contribuisce a dare forza al Made in Italy. Saranno presenti il ministro della Salute Beatrice Lorenzin e il viceministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda.

L’Italian Brand Ambassador Award, ha dichiarato Calenda, "non poteva che avere il suo primo atto negli Stati Uniti, da sempre il Paese maggiormente amante e cultore del Made in Italy. Oggi più che mai il Made in Italy è patrimonio della cultura mondiale, e quindi anche i suoi “brand ambassador” devono essere internazionali, solo così potremo ancor di più rafforzare il nostro brand e principalmente penetrare in mercati dove c’è tanta voglia di Italia.

"Il trend di crescita dell’Italia negli Stati Uniti è il nostro fiore all’occhiello"; gli ha fatto eco Riccardo Monti, presidente dell’Agenzia ICE. "Stiamo crescendo in volumi e relazioni e quindi fatturato, l’ “Italian Brand Ambassador” è il momento di sintesi di tutte queste attività".

"E’ la prima volta che assegniamo il premio Italian Brand Ambassador", ha dichiarato il Direttore dell’Agenzia Ice Usa Pier Paolo Celeste, "che costituisce il salto di qualità nel rapporto tra i prodotti italiani e i mercati che li accolgono. I premiati di quest’anno sono personalità centrali di imprese che commerciano beni per fatturati paragonabili a Pil di alcuni Stati nel Mondo. Ecco, questo è il vero grande traguardo – conclude Celeste – Stiamo sempre più entrando nei mercati, oltre che con i prodotti, con l’empatia e la leadership, le vere leve del terzo millennio".

La serata prevederà anche il concerto del ventenne talento italiano del Jazz Gianluca Pellerito, che con il suo quintet non è nuovo a grandi momenti e a grandi platee, avendo esordito a otto anni a Umbria Jazz, a 14 anni è stato il più giovane musicista al mondo a suonare al Blue Note, appena quindicenne si è esibito per l'ex sindaco di New York Michael Bloomberg, a 16 anni si è esibito al Kennedy Center di Washington su invito della famiglia Kennedy, nel 2012 con il suo quintet era a Londra per i Giochi Olimpici, fino all’apertura nel 2013 di Umbria Jazz.

2 GIUGNO

Il due giugno gli eventi speciali dedicati all'Expo - e curati anche dall'Enit, l'Agenzia nazionale del turismo - verranno organizzati in tutte le Rappresentanze diplomatiche all'estero. A New York, il Consolato Generale vedrà la partecipazione del Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri, l'Ambasciatore Michele Valensise.

Il programma newyorchese prevede la "Giornata nazionale dello Sport", organizzata in collaborazione con il Coni Usa alla Scuola d'Italia "G. Marconi"; l'inaugurazione della mostra "Velvet Park" di Teresa Cinque al Consolato al civico 690 di Park Avenue; pranzo rigorosamento italiano ed esposizioni Made in Italy all'Agenzia Ice, dove grazie ad Alberto Zamperla (l'uomo a capo dell'omonima azienda che costruisce e gestice giostre e parchi di divertimento in tutto il mondo, incluso a Coney Island) ci saranno degustazioni educative su vini, formaggi e salumi; la performance di Andrea Mastrovito "Kickstarting #2" all'Istituto italiano di cultura; l'anteprima in Usa del video Ferrari "California T"; il panel su "Giacomo Mattetti, padre della Repubblica" alla Casa Zerilli - Marimò a cui seguirà la proiezione de "Il delitto Matteotti" di Florestano Vancini. La giornata della Repubblica si chiuderà all'insegna della musica: Women of the world canteranno l'Inno di Mameli e l'Inno dell'Unione europea mentre il trio Jazz "Marco Cappelli's italian surf academy" si esibirà in concerto.

A Washington l’Ambasciata d’Italia festeggerà in compagnia del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che giungerà da Roma per testimoniare ai circa 1.500 ospiti attesi l’impegno dell’Italia nel fare di Expo un’occasione unica per un dialogo globale sulla sfida della nutrizione e della sostenibilità alimentare del Pianeta.

“L’evento di Washington", ha spiegato l’ambasciatore d’Italia a Washington, Claudio Bisogniero, si inquadra in uno sforzo complessivo in cui sono impegnate tutte le ambasciate della rete diplomatica italiana in vista della Festa della Repubblica per promuovere EXPO 2015, la manifestazione internazionale più importante dei prossimi anni in Italia e nel mondo nel campo della sostenibilità alimentare. E’ questa una delle maggiori sfide globali del XXI secolo, rispetto a cui l’Italia ha moltissimo da dire sia in termini di salute alimentare che di stili di vita”.

A Expo Milano 2015 l’Ambasciata d’Italia a Washington aveva già dedicato uno spazio centrale nell’ambito della “Giornata Porte Aperte dell’Unione Europea”, evento al quale, lo scorso 10 maggio, avevano partecipato oltre 6.000 visitatori.

Come ormai da tradizione, l’evento a Washington servirà anche a fare squadra tra l’ambasciata e le numerose imprese italiane che contribuiranno a realizzarlo, e che avranno nell’edificio della Cancelleria diplomatica un’esclusiva vetrina per promuovere il Made in Italy: Automobili Lamborghini, BCUBE, Beretta USA, Calligaris, Chrysler Group LLC, Costa Crociere, Dolci Gelati, Don Ciccio e Figli, Enel, Eni, Ferrero, Fiat Chrysler, Finmeccanica North America, Gruppo RINA, Lavazza, Pelliconi, Pirelli, Trevi e Ville d'Italia.

Altri Servizi

Zuckerberg presenta Libra: "Usare denaro sarà facile come condividere foto"

 La criptovaluta disponibile dalla prima metà del 2020

"Con Libra, usare denaro sarà facile come condividere foto". Questo il messaggio con cui il Ceo Mark Zuckerberg ha presentato la criptovaluta di Facebook, che sarà disponibile dalla prima metà del 2020 e con cui spera di rivoluzionare il mondo dei pagamenti. "La missione di Libra è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale per miliardi di persone in tutto il mondo. Aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto" ha scritto Zuckerberg, in un post sul suo profilo Facebook.

La Fed non taglierà i tassi a giugno. Ecco perché

Probabilmente, ci sarà più di una riduzione dei tassi nel 2019. Ma il summit del G20, la volontà di resistere alle pressioni e la riluttanza nel rendere un errore il rialzo di dicembre spingono il Fomc ad attendere
AP

Tutti sono ormai convinti che la Fed, prima o poi, taglierà i tassi nel corso dell'anno: il mercato crede che potrebbero esserci fino a tre tagli nel 2019 e spinge per una riduzione al più presto. La Banca centrale, però, avrebbe intenzione di lasciare invariati i tassi ala prossima riunione del Federal Open Market Committee, il braccio monetario della Banca centrale, in programma il 18 e 19 giugno.

Alla Casa Bianca (da Pence) arriva Salvini, il leader europeo più simile a Trump

Due giorni a Washington per il ministro dell'Interno, che incontrerà il vicepresidente e Mike Pompeo, il segretario di Stato. Non è da escludere un breve incontro con il presidente Trump, secondo Bloomberg
AP

Se c'è qualcuno, in Europa occidentale, che politicamente somigli al presidente statunitense Donald Trump, questi è Matteo Salvini, scrive il Washington Post. Nei suoi comizi parla contro le frontiere aperte, di mettere "prima gli italiani"; fa un uso frenetico dei social media, su cui parla della minaccia portata dagli immigrati, e presenta il suo taglio alle tasse come una cura "alla Trump" contro la stagnazione.

Attese a Washington oltre 300 aziende per dire no ai dazi di Trump contro la Cina

Parteciperanno ad audizioni sui dazi del 25% proposti da Trump su 300 miliardi di dollari. Ross: presidente pronto ad adottarli

Centinaia di aziende sono arrivate a Washington per dire no ai dazi del 25% ventilati da Donald Trump su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Insieme, la Corporate America sosterrà che le tariffe doganali proposte dal presidente Usa fanno male al business. Esse potrebbero essere adottate dopo il G20 di fine mese in Giappone; Trump ha infatti più volte minacciato la loro entrata in vigore se il presidete cinese Xi Jinping non lo incontrerà al summit di Osaka in calendario dal 28 al 29 giugno.

Il sindacato non entra nello stabilimento Volkswagen in Tennessee

I lavoratori della fabbrica di Chattanooga hanno votato contro lo Uaw
Ap

Lo United Auto Workers (Uaw) ha subito un'altra pesante sconfitta nello stabilimento Volkswagen di Chattanooga, in Tennessee, dove i lavoratori hanno respinto per la seconda volta gli sforzi del sindacato statunitense per entrare nella fabbrica e organizzare i colletti blu.

In tribunale, Facebook dà la colpa agli utenti: "Avete distrutto voi la vostra privacy"

Pubblicamente, Zuckerberg dà molta importanza alla difesa della privacy degli iscritti, ma in tribunale si difende affermando che sul social network la riservatezza non esiste
AP

Nell'aprile 2018, il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, si sedette davanti ai membri delle due Camere statunitensi, a cui disse che la sua società rispettava la privacy dei circa due miliardi di utenti. Zuckerberg menzionò la privacy più di due decine di volte, come quando disse alle commissioni di Giustizia e del Commercio del Senato che "abbiamo una responsabilità più ampia sulla protezione della privacy delle persone, che va oltre" le regole stabilite dall'autorità per la difesa della riservatezza. Davanti alla commissione Energia e Commercio della Camera, dichiarò: "Crediamo che tutti, nel mondo, abbiano diritto al controllo della privacy". Un anno dopo, Zuckerberg ha affermato in alcune interviste di voler ricostruire la sua società intorno alla difesa della riservatezza.

Mattel non vuole le nozze tra Barbie e Bratz

Il produttore di giocattoli ha responto per la terza volta dal 2015 la proposta di MGA Entertainment

Il matrimonio tra Barbie e Bratz non s'ha da fare. Almeno secondo Mattel, che ha respinto per l'ennesima volta le avance di MGA Entertainment. E il titolo corre al Nasdaq dell'8,8% a 11,76 dollari.

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, il braccio monetario della Banca centrale
AP

Wall Street attende le decisioni della Fed

Gli analisti credono che, per ora, i tassi resteranno invariati
AP

KKR lancia Opa su Axel Springer, valutato 6,8 miliardi di euro

La vedova del fondatore del gruppo proprietario del sito Business Insider e del giornale Bild favorevole. Si punta al delisting

Il fondo americano di private equity KKR ha lanciato un'offerta per comprare i titoli in circolazione del gruppo media tedesco Axel Springer, proprietario del sito Business Insider e del giornale Bild. KKR ha messo sul piatto 63 euro ad azione, cosa che valuta il gruppo 6,8 miliardi di euro. Si tratta di un premio del 40% sui 45,10 euro a cui il titolo Axel aveva chiuso la seduta il 29 maggio scorso, prima che iniziassero a circolare voci si una possibile transazione.