New York: Festa della Repubblica all'insegna di Expo e sport

Le celebrazioni iniziano un giorno d'anticipo con una caccia al tesoro. Seguono eventi al sapore d'Italia e ispirati all'esposizione internazionale che si terrà a Milano nel 2015

Anche New York festeggia la festa della Repubblica italiana e lo fa con un giorno di anticipo. La metropoli americana continua la tradizione di festeggimaneti voluta dal Consolato generale, che per quest'anno ha organizzato per domenica primo giugno una caccia al tesoro speciale, tricolore. Dal due giugno poi via a una serie di eventi all'insegna di sport, esibizioni, concerti, tasting ed eventi al sapore d'Italia. Tutti avranno però come comune denominatore l'Expo 2015 di Milano.

1 GIUGNO
"Ho pensato di organizzare un'attività per coinvolgere la comunità nel suo complesso", ha detto il console generale Natialia Quintavalle. "Abbiamo ricevuto una notevole risposta e siamo molto orgogliosi della partecipazione di molte società italiane importanti" come Piaggio, Bulgari, Ferragamo, Valentino, Brooks Brothers, D&G, Max Mara, Maserati, Illy, Davines, Alitalia e Pirelli. "Sono entusiaste del progetto e hanno contribuito con generosità", ha aggiunto Quintavalle, la cui speranza è che andando a caccia del tesoro i partecipanti migliorino la loro conoscenza sui contributi che gli italiani hanno dato a New York".

Chi saprà muoversi con destrezza e rapidità tra i siti artistici e culturali italiani della città arrivando al tesoro finale, si aggiudicherà il simbolo del design Made in Italy a New York: una Vespa S150 rossa.

La festa continuerà nella serata americana con la consegna degli "Italian brand ambassador" Award, destinati per la prima volta a chi con la sua lungimiranza, passione per l'Italia e capacità contribuisce a dare forza al Made in Italy. Saranno presenti il ministro della Salute Beatrice Lorenzin e il viceministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda.

L’Italian Brand Ambassador Award, ha dichiarato Calenda, "non poteva che avere il suo primo atto negli Stati Uniti, da sempre il Paese maggiormente amante e cultore del Made in Italy. Oggi più che mai il Made in Italy è patrimonio della cultura mondiale, e quindi anche i suoi “brand ambassador” devono essere internazionali, solo così potremo ancor di più rafforzare il nostro brand e principalmente penetrare in mercati dove c’è tanta voglia di Italia.

"Il trend di crescita dell’Italia negli Stati Uniti è il nostro fiore all’occhiello"; gli ha fatto eco Riccardo Monti, presidente dell’Agenzia ICE. "Stiamo crescendo in volumi e relazioni e quindi fatturato, l’ “Italian Brand Ambassador” è il momento di sintesi di tutte queste attività".

"E’ la prima volta che assegniamo il premio Italian Brand Ambassador", ha dichiarato il Direttore dell’Agenzia Ice Usa Pier Paolo Celeste, "che costituisce il salto di qualità nel rapporto tra i prodotti italiani e i mercati che li accolgono. I premiati di quest’anno sono personalità centrali di imprese che commerciano beni per fatturati paragonabili a Pil di alcuni Stati nel Mondo. Ecco, questo è il vero grande traguardo – conclude Celeste – Stiamo sempre più entrando nei mercati, oltre che con i prodotti, con l’empatia e la leadership, le vere leve del terzo millennio".

La serata prevederà anche il concerto del ventenne talento italiano del Jazz Gianluca Pellerito, che con il suo quintet non è nuovo a grandi momenti e a grandi platee, avendo esordito a otto anni a Umbria Jazz, a 14 anni è stato il più giovane musicista al mondo a suonare al Blue Note, appena quindicenne si è esibito per l'ex sindaco di New York Michael Bloomberg, a 16 anni si è esibito al Kennedy Center di Washington su invito della famiglia Kennedy, nel 2012 con il suo quintet era a Londra per i Giochi Olimpici, fino all’apertura nel 2013 di Umbria Jazz.

2 GIUGNO

Il due giugno gli eventi speciali dedicati all'Expo - e curati anche dall'Enit, l'Agenzia nazionale del turismo - verranno organizzati in tutte le Rappresentanze diplomatiche all'estero. A New York, il Consolato Generale vedrà la partecipazione del Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri, l'Ambasciatore Michele Valensise.

Il programma newyorchese prevede la "Giornata nazionale dello Sport", organizzata in collaborazione con il Coni Usa alla Scuola d'Italia "G. Marconi"; l'inaugurazione della mostra "Velvet Park" di Teresa Cinque al Consolato al civico 690 di Park Avenue; pranzo rigorosamento italiano ed esposizioni Made in Italy all'Agenzia Ice, dove grazie ad Alberto Zamperla (l'uomo a capo dell'omonima azienda che costruisce e gestice giostre e parchi di divertimento in tutto il mondo, incluso a Coney Island) ci saranno degustazioni educative su vini, formaggi e salumi; la performance di Andrea Mastrovito "Kickstarting #2" all'Istituto italiano di cultura; l'anteprima in Usa del video Ferrari "California T"; il panel su "Giacomo Mattetti, padre della Repubblica" alla Casa Zerilli - Marimò a cui seguirà la proiezione de "Il delitto Matteotti" di Florestano Vancini. La giornata della Repubblica si chiuderà all'insegna della musica: Women of the world canteranno l'Inno di Mameli e l'Inno dell'Unione europea mentre il trio Jazz "Marco Cappelli's italian surf academy" si esibirà in concerto.

A Washington l’Ambasciata d’Italia festeggerà in compagnia del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che giungerà da Roma per testimoniare ai circa 1.500 ospiti attesi l’impegno dell’Italia nel fare di Expo un’occasione unica per un dialogo globale sulla sfida della nutrizione e della sostenibilità alimentare del Pianeta.

“L’evento di Washington", ha spiegato l’ambasciatore d’Italia a Washington, Claudio Bisogniero, si inquadra in uno sforzo complessivo in cui sono impegnate tutte le ambasciate della rete diplomatica italiana in vista della Festa della Repubblica per promuovere EXPO 2015, la manifestazione internazionale più importante dei prossimi anni in Italia e nel mondo nel campo della sostenibilità alimentare. E’ questa una delle maggiori sfide globali del XXI secolo, rispetto a cui l’Italia ha moltissimo da dire sia in termini di salute alimentare che di stili di vita”.

A Expo Milano 2015 l’Ambasciata d’Italia a Washington aveva già dedicato uno spazio centrale nell’ambito della “Giornata Porte Aperte dell’Unione Europea”, evento al quale, lo scorso 10 maggio, avevano partecipato oltre 6.000 visitatori.

Come ormai da tradizione, l’evento a Washington servirà anche a fare squadra tra l’ambasciata e le numerose imprese italiane che contribuiranno a realizzarlo, e che avranno nell’edificio della Cancelleria diplomatica un’esclusiva vetrina per promuovere il Made in Italy: Automobili Lamborghini, BCUBE, Beretta USA, Calligaris, Chrysler Group LLC, Costa Crociere, Dolci Gelati, Don Ciccio e Figli, Enel, Eni, Ferrero, Fiat Chrysler, Finmeccanica North America, Gruppo RINA, Lavazza, Pelliconi, Pirelli, Trevi e Ville d'Italia.

Altri Servizi

Impeachment Trump, i repubblicani studiano l'opzione del processo lampo

Incontro tra funzionari della Casa Bianca e senatori sulla strategia da adottare, dopo due settimane di audizioni pubbliche alla Camera
Ap

Un processo 'lampo' di due settimane, per ottenere un'assoluzione che rilanci l'immagine di Donald Trump senza rischiare di trascinare il presidente statunitense in un lungo e pericoloso procedimento. È una delle opzioni al vaglio di senatori repubblicani e funzionari della Casa Bianca, che ieri si sono incontrati per fare un punto sulla strategia da adottare per il possibile impeachment, secondo quanto riportato dal Washington Post.

Wall Street, i negoziati Usa-Cina nell'incertezza

Non è chiaro se le due potenze arriveranno a un accordo entro la fine dell'anno
AP

Buttigieg balza in avanti tra i democratici in Iowa

Stando a un sondaggio, il sindaco di South Bend ha il 25% delle preferenze. Seguono Warren, Biden e Sanders. Staccati gli altri candidati.
Ap

Continua l’ascesa di Pete Buttigieg in Iowa. Nell’ultimo sondaggio condotto dal The Des Moines Register e Cnn tra coloro che andranno a votare alle primarie democratiche nello stato del Midwest, il 37enne sindaco di South Bend, Indiana, ha superato la senatrice Elizabeth Warren e l’ex vice presidente Joe Biden. Con il 25 per cento delle preferenze, Buttigieg si piazza al primo gradino del podio che viene completato da Warren (16%), Biden e il senatore del Vermont, Bernie Sanders (entrambi con il 15%).

Fed, Trump: incontro "molto buono e cordiale" con Powell

Presidente Usa e governatore Fed hanno parlato alla Casa Bianca
AP

Si è appena concluso, alla Casa Bianca, un incontro tra Donald Trump e il governatore della Fed, Jerome Powell, definito dal presidente degli Stati Uniti "molto buono e cordiale". Su Twitter, Trump ha scritto che al centro del dialogo ci sono stati "i tassi d'interesse, la bassa inflazione, la forza del dollaro, il commercio con la Cina e l'Unione europea".

Usa2020, Obama avvisa i Democratici: "Attenti a non spostarci troppo a sinistra"

Messaggio dell’ex presidente americano ai candidati durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberal
Ap

Barack Obama ha voluto dare un consiglio ai candidati per le primarie democratiche in vista delle presidenziali 2020. "Attenti a non spostarci troppo a sinistra", ha dichiarato l’ex presidente americano durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberali.

Altra sconfitta per Trump: rieletto il governatore democratico della Louisiana

John Bel Edwards batte lo sfidante repubblicano, Eddie Rispone.
AP

Dopo il Kentucky, un altro stato tradizionalmente repubblicano ha voltato le spalle al presidente Usa Donald Trump. Il Louisiana ha infatti preferito rieleggere il governatore democratico John Bel Edwards piuttosto che Eddie Rispone, il candidato sostenuto dall’attuale inquilino della Casa Bianca.

Wall Street, si guarda sempre ai rapporti Usa-Cina

Oggi atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
AP

Wall Street, incertezze sull'accordo Usa-Cina

I negoziati tra le due potenze restano al centro delle preoccupazioni degli investitori
AP

Sondland conferma il 'do ut des' con l'Ucraina: "Trump ordinò di fare pressioni"

L'ambasciatore in audizione davanti alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente Usa. "Tutti erano al corrente", a partire dal vice Pence e dal segretario di Stato, Pompeo

Gordon Sondland, l'ambasciatore statunitense presso l'Unione europea, ha confermato l'esistenza di una richiesta di 'do ut des' del presidente Donald Trump all'omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, durante la sua audizione alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente. E ha messo davanti alle loro responsabilità non solo il presidente Trump e il suo avvocato Rudy Giuliani, che ha guidato la politica 'ombra' in Ucraina, ma tutti gli altri massimi componenti dell'amministrazione, a partire dal vicepresidente Mike Pence e dal segretario di Stato, Mike Pompeo: "Tutti erano al corrente. Non era un segreto". 

Impeachment Trump, telefonata con Zelensky "inopportuna"

Terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera Usa, che indaga sul presidente. Ascoltati due testimoni di 'prima mano': il colonnello Vindman e Williams, consigliera del vicepresidente Pence
Ap

Seconda settimana e terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera statunitense, che indaga per il possibile impeachment del presidente Donald Trump. Dopo una prima settimana di testimonianze di diplomatici che hanno descritto la politica statunitense sull'Ucraina come dominata dagli obiettivi politici personali di Trump, oggi i membri della commissione si sono concentrati sulla telefonata del 25 luglio tra il capo di Stato e il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, da cui è scaturita l'indagine per abuso di potere. Oggi, soprattutto, sono stati ascoltati due testimonianze di 'prima mano', come sottolineato da un deputato democratico per smontare la difesa dei repubblicani, che lamentavano la presenza di soli testimoni di seconda o terza mano per indebolire la sussistenza delle indagini.