New York: Festa della Repubblica all'insegna di Expo e sport

Le celebrazioni iniziano un giorno d'anticipo con una caccia al tesoro. Seguono eventi al sapore d'Italia e ispirati all'esposizione internazionale che si terrà a Milano nel 2015

Anche New York festeggia la festa della Repubblica italiana e lo fa con un giorno di anticipo. La metropoli americana continua la tradizione di festeggimaneti voluta dal Consolato generale, che per quest'anno ha organizzato per domenica primo giugno una caccia al tesoro speciale, tricolore. Dal due giugno poi via a una serie di eventi all'insegna di sport, esibizioni, concerti, tasting ed eventi al sapore d'Italia. Tutti avranno però come comune denominatore l'Expo 2015 di Milano.

1 GIUGNO
"Ho pensato di organizzare un'attività per coinvolgere la comunità nel suo complesso", ha detto il console generale Natialia Quintavalle. "Abbiamo ricevuto una notevole risposta e siamo molto orgogliosi della partecipazione di molte società italiane importanti" come Piaggio, Bulgari, Ferragamo, Valentino, Brooks Brothers, D&G, Max Mara, Maserati, Illy, Davines, Alitalia e Pirelli. "Sono entusiaste del progetto e hanno contribuito con generosità", ha aggiunto Quintavalle, la cui speranza è che andando a caccia del tesoro i partecipanti migliorino la loro conoscenza sui contributi che gli italiani hanno dato a New York".

Chi saprà muoversi con destrezza e rapidità tra i siti artistici e culturali italiani della città arrivando al tesoro finale, si aggiudicherà il simbolo del design Made in Italy a New York: una Vespa S150 rossa.

La festa continuerà nella serata americana con la consegna degli "Italian brand ambassador" Award, destinati per la prima volta a chi con la sua lungimiranza, passione per l'Italia e capacità contribuisce a dare forza al Made in Italy. Saranno presenti il ministro della Salute Beatrice Lorenzin e il viceministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda.

L’Italian Brand Ambassador Award, ha dichiarato Calenda, "non poteva che avere il suo primo atto negli Stati Uniti, da sempre il Paese maggiormente amante e cultore del Made in Italy. Oggi più che mai il Made in Italy è patrimonio della cultura mondiale, e quindi anche i suoi “brand ambassador” devono essere internazionali, solo così potremo ancor di più rafforzare il nostro brand e principalmente penetrare in mercati dove c’è tanta voglia di Italia.

"Il trend di crescita dell’Italia negli Stati Uniti è il nostro fiore all’occhiello"; gli ha fatto eco Riccardo Monti, presidente dell’Agenzia ICE. "Stiamo crescendo in volumi e relazioni e quindi fatturato, l’ “Italian Brand Ambassador” è il momento di sintesi di tutte queste attività".

"E’ la prima volta che assegniamo il premio Italian Brand Ambassador", ha dichiarato il Direttore dell’Agenzia Ice Usa Pier Paolo Celeste, "che costituisce il salto di qualità nel rapporto tra i prodotti italiani e i mercati che li accolgono. I premiati di quest’anno sono personalità centrali di imprese che commerciano beni per fatturati paragonabili a Pil di alcuni Stati nel Mondo. Ecco, questo è il vero grande traguardo – conclude Celeste – Stiamo sempre più entrando nei mercati, oltre che con i prodotti, con l’empatia e la leadership, le vere leve del terzo millennio".

La serata prevederà anche il concerto del ventenne talento italiano del Jazz Gianluca Pellerito, che con il suo quintet non è nuovo a grandi momenti e a grandi platee, avendo esordito a otto anni a Umbria Jazz, a 14 anni è stato il più giovane musicista al mondo a suonare al Blue Note, appena quindicenne si è esibito per l'ex sindaco di New York Michael Bloomberg, a 16 anni si è esibito al Kennedy Center di Washington su invito della famiglia Kennedy, nel 2012 con il suo quintet era a Londra per i Giochi Olimpici, fino all’apertura nel 2013 di Umbria Jazz.

2 GIUGNO

Il due giugno gli eventi speciali dedicati all'Expo - e curati anche dall'Enit, l'Agenzia nazionale del turismo - verranno organizzati in tutte le Rappresentanze diplomatiche all'estero. A New York, il Consolato Generale vedrà la partecipazione del Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri, l'Ambasciatore Michele Valensise.

Il programma newyorchese prevede la "Giornata nazionale dello Sport", organizzata in collaborazione con il Coni Usa alla Scuola d'Italia "G. Marconi"; l'inaugurazione della mostra "Velvet Park" di Teresa Cinque al Consolato al civico 690 di Park Avenue; pranzo rigorosamento italiano ed esposizioni Made in Italy all'Agenzia Ice, dove grazie ad Alberto Zamperla (l'uomo a capo dell'omonima azienda che costruisce e gestice giostre e parchi di divertimento in tutto il mondo, incluso a Coney Island) ci saranno degustazioni educative su vini, formaggi e salumi; la performance di Andrea Mastrovito "Kickstarting #2" all'Istituto italiano di cultura; l'anteprima in Usa del video Ferrari "California T"; il panel su "Giacomo Mattetti, padre della Repubblica" alla Casa Zerilli - Marimò a cui seguirà la proiezione de "Il delitto Matteotti" di Florestano Vancini. La giornata della Repubblica si chiuderà all'insegna della musica: Women of the world canteranno l'Inno di Mameli e l'Inno dell'Unione europea mentre il trio Jazz "Marco Cappelli's italian surf academy" si esibirà in concerto.

A Washington l’Ambasciata d’Italia festeggerà in compagnia del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che giungerà da Roma per testimoniare ai circa 1.500 ospiti attesi l’impegno dell’Italia nel fare di Expo un’occasione unica per un dialogo globale sulla sfida della nutrizione e della sostenibilità alimentare del Pianeta.

“L’evento di Washington", ha spiegato l’ambasciatore d’Italia a Washington, Claudio Bisogniero, si inquadra in uno sforzo complessivo in cui sono impegnate tutte le ambasciate della rete diplomatica italiana in vista della Festa della Repubblica per promuovere EXPO 2015, la manifestazione internazionale più importante dei prossimi anni in Italia e nel mondo nel campo della sostenibilità alimentare. E’ questa una delle maggiori sfide globali del XXI secolo, rispetto a cui l’Italia ha moltissimo da dire sia in termini di salute alimentare che di stili di vita”.

A Expo Milano 2015 l’Ambasciata d’Italia a Washington aveva già dedicato uno spazio centrale nell’ambito della “Giornata Porte Aperte dell’Unione Europea”, evento al quale, lo scorso 10 maggio, avevano partecipato oltre 6.000 visitatori.

Come ormai da tradizione, l’evento a Washington servirà anche a fare squadra tra l’ambasciata e le numerose imprese italiane che contribuiranno a realizzarlo, e che avranno nell’edificio della Cancelleria diplomatica un’esclusiva vetrina per promuovere il Made in Italy: Automobili Lamborghini, BCUBE, Beretta USA, Calligaris, Chrysler Group LLC, Costa Crociere, Dolci Gelati, Don Ciccio e Figli, Enel, Eni, Ferrero, Fiat Chrysler, Finmeccanica North America, Gruppo RINA, Lavazza, Pelliconi, Pirelli, Trevi e Ville d'Italia.

Altri Servizi

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap