La Fifa avverte Trump: con il 'Muslim ban', addio Mondiali 2026

Gli Stati Uniti dovrebbero presentare la propria candidatura per l'evento sportivo più seguito al mondo, forse insieme a Canada e Messico. Il divieto "non aiuterà" nemmeno Los Angeles per le Olimpiadi estive del 2024

Il divieto di ingresso temporaneo per i cittadini di sei Paesi musulmani ordinato dal presidente Donald Trump potrebbe far deragliare la candidatura degli Stati Uniti a ospitare i Mondiali di calcio del 2026. A lanciare l'avvertimento è stato Gianni Infantino, il presidente della Fifa, la federazione internazionale che governa il calcio, dopo un meeting a Londra con i dirigenti delle federazioni calcistiche di tutto il mondo.

Vista la rotazione tra continenti per ottenere l'organizzazione della competizione più seguita al mondo, gli Stati Uniti sono considerati il Paese favorito per l'edizione del 2026, per cui potrebbe presentare la candidatura da solo o con Messico e Canada. Il nuovo ordine esecutivo firmato da Trump sarebbe però incompatibile con le regole per il Paese ospitante di una competizione, ha commentato Infantino. "Qualsiasi squadra, compresi sostenitori e dirigenti, che si qualifichi per la Coppa del Mondo ha bisogno di avere accesso al Paese, altrimenti non ci può essere una Coppa del Mondo".

All'incontro con Infantino c'erano anche i rappresentanti della federazione della Somalia, uno dei sei Paesi colpiti dal divieto di Trump (gli altri sono Iran, Siria, Sudan, Libia e Yemen), che si applicherebbe dal 16 marzo per 90 giorni. Infantino ha fatto notare che anche la candidatura di Los Angeles per le Olimpiadi estive del 2024 potrebbe essere danneggiata dal divieto.

Già Aleksander Ceferin, capo dell'Uefa, che governa il calcio europeo, aveva avvertito gli Stati Uniti, parlando con il New York Times: il divieto "non aiuterà" il Paese a riavere i Mondiali, ospitati per la prima volta nel 1994. Le candidature devono essere presentate entro il dicembre 2018 e il Paese ospitante (o i Paesi) sarà deciso nel maggio 2020.

Altri Servizi

News Corp: dollaro forte e pubblicità in calo pesano sui conti

Il quarto trimestre fiscale chiuso in perdita, come l'esercizio intero. Per il Wall Street Journal, 1,27 milioni di utenti digitali attivi quotidianamente. Il gruppo lavoro per verificare la veridicità delle notizie
iStock

Oneri dovuti alle attività australiane e britanniche legate alla stampa hanno pesato ancora una vota sui conti di News Corp tanto che il gruppo editoriale ha chiuso in perdita un altro trimestre, l'ultimo dell'esercizio 2017 archiviato a sua volta in rosso.

La "vacanza perfetta" a New York. Nella casa d'infanzia di Trump

A disposione su Airbnb per 725 dollari a notte

La casa d'infanzia di Donald Trump è su Airbnb: d'ora in poi chi verrà a New York potrà soggiornare nella villa dove il presidente degli Stati Uniti ha vissuto per i primi quattro anni della sua vita. Il prezzo? 725 dollari a notte.

Altro terremoto in Uber: il più grande socio fa causa al Ceo cacciato

Kalanick è accusato di avere ancora troppo controllo sul gruppo di cui è co-fondatore e di avere nascosto informazioni al cda, di cui fa parte. Intanto continua la fuga di top manager: se ne va il primo dipendente e Ceo dell'azienda

Nel giorno in cui il primo dipendente e Ceo di Uber ha detto che avrebbe lasciato i suoi incarichi operativi, preferendo concentrarsi sul suo lavoro da membro del cda, il più granze azionista del gruppo ha fatto causa contro il co-fondatore  a cui aveva passato il timore della società e che poi è stato costretto ad andarse per via di una leadership controversa e di problemi nella cultura (sessista) del gruppo: Travis Kalanick. Per questo il socio intende cacciarlo dal consiglio di amministrazione dell'azienda di cui ancora fa parte anche se non è più Ceo.

Walt Disney svela nuovi servizi in streaming e divorzia da Netflix

Il gruppo punta sui video online. Aumenta la quota in un gruppo specializzato nella tecnologia video. Il Ceo: al via "strategia di crescita completamente nuova". Ricavi trimestrali deludenti
AP

Oltre a pubblicare una trimestrale con ricavi deludenti, Walt Disney ha fatto capire di volere accaparrarsi una fetta del mercato dei video in streaming. Per questo il colosso americano dell'intrattenimento ha annunciato il suo divorzio da Netflix.

Netflix: la sua prima acquisizione è un editore di fumetti

Il fumettista Millar, a capo di Millarworld, considerato come "la cosa più vicina allo Stan Lee moderno"
millarworld

Per la prima volta nei suoi 20 anni, Netflix ha annunciato un'acquisizione. Si tratta di Millarworld, editore di fumetti fondato e guidato dallo scozzese Mark Millar, definito dal sito di video in streming come il "creatore leggendario" di personaggi che hanno ispirato film di successo come "The Avengers" e "Logan".

Google sviluppa tecnologia per contenuti media simili a Snapchat

Secondo il WSJ, tratta con Vox, Cnn, Washington Post e Time

Google sta sviluppando una tecnologica per permettere agli editori di creare contenuti visuali simili a quelli che compaiono su Snapchat. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui la controllata di Alphabet sta premendo l'acceleratore per controllare la diffusione di notizie su smartphone.

Google licenzia dipendente sessista, WikiLeaks gli offre un lavoro

Per il fondatore del sito, Julian Assange, "La censura è per perdenti"

WikiLeaks ha offerto un posto di lavoro al dipendente licenziato da Google per avere "perpetrato stereotipi di genere" con un memo in cui sosteneva che le donne non erano fatte per diventare ingegneri e per assumere ruoli di leadership nel mondo tech.

Dieci anni fa l'inizio della crisi, oggi mercati compiaciuti?

Il 9 agosto del 2007 la francese BNP Paribas congelò tre fondi composti da bond garantiti da mutui Usa. La bolla subprime stava per esplodere
AP

Anche a Wall Street viene ricordato il decimo anniversario di un episodio che ha segnato l'inizio della peggiore crisi finanziaria dagli anni '30 del secolo scorso. Il 9 agosto del 2007 la francese BNP Paribas congelò tre fondi composti da bond garantiti da mutui Usa spiegando che valutarli era diventato impossibile a causa della scarsità di trading di quei bond; la banca citò una "evaporazione completa della liquidità". Da lì iniziò una crisi nel settore immobiliare americano che ben pochi avevano previsto. Solo qualche mese prima l'allora governatore della Federal Reserve, Ben Bernanke, disse che gli eccessi nella concessione di mutui subprime non dovevano essere "contenuti".

David Letterman torna in tv, su Netflix

Oltre due anni fa, l'ultima puntata del suo "The Late Show". Dal 2018 sarà protagonista di una nuova serie in sei puntate

Dopo oltre due anni dall'addio al piccolo schermo, David Letterman torna in tv. Questa volta, però, il volto del celebre "The Late Show" lo fa su Netflix. Il conduttore che ha intrattenuto l'America (e non solo) nella fascia oraria notturna per il periodo più lungo in Usa, dal 2018 sarà il protagonista di una nuova serie sul sito di video in streaming che ieri ha annunciato la sua prima acquisizione (l'editore di fumetti Millarworld).

AP

Mentre lo scontro a parole sull'asse Washington-Pyongyang non sembra placarsi, come dimostrato dalle affermazioni prima di Donald Trump e del Pentagono e poi della Corea del Nord che vorrebbe lanciare missili nelle acque vicine all'isola di Guam, il mondo intero si domanda se ci si trovi sull'orlo di una guerra nucleare. Il presidente ha promesso il ricorso al "fuoco e furia" e ha ricordato che gli Usa vantano l'arsenale nucleare "mai così potente". Il 'cane pazzo' James Mattis ha garantito che il regime nordcoreano può essere annientato. E' toccato al pragmatico Rex Tillerson, il capo della diplomazia Usa, a dire che una "minaccia non è imminente" e che si può dormire sonni tranquilli. Poi però il regime di Kim Jong-un ha minacciato di nuovo quello che risulterebbe il primo lancio di missili vicino a un territorio Usa. E forse proprio perché due terzi degli americani non sa trovare sulla mappa la Corea del Nord, l'America resta in allerta. Secondo il New York Times, però, non bisogna avere paura. Per almeno cinque motivi.