La Fifa avverte Trump: con il 'Muslim ban', addio Mondiali 2026

Gli Stati Uniti dovrebbero presentare la propria candidatura per l'evento sportivo più seguito al mondo, forse insieme a Canada e Messico. Il divieto "non aiuterà" nemmeno Los Angeles per le Olimpiadi estive del 2024

Il divieto di ingresso temporaneo per i cittadini di sei Paesi musulmani ordinato dal presidente Donald Trump potrebbe far deragliare la candidatura degli Stati Uniti a ospitare i Mondiali di calcio del 2026. A lanciare l'avvertimento è stato Gianni Infantino, il presidente della Fifa, la federazione internazionale che governa il calcio, dopo un meeting a Londra con i dirigenti delle federazioni calcistiche di tutto il mondo.

Vista la rotazione tra continenti per ottenere l'organizzazione della competizione più seguita al mondo, gli Stati Uniti sono considerati il Paese favorito per l'edizione del 2026, per cui potrebbe presentare la candidatura da solo o con Messico e Canada. Il nuovo ordine esecutivo firmato da Trump sarebbe però incompatibile con le regole per il Paese ospitante di una competizione, ha commentato Infantino. "Qualsiasi squadra, compresi sostenitori e dirigenti, che si qualifichi per la Coppa del Mondo ha bisogno di avere accesso al Paese, altrimenti non ci può essere una Coppa del Mondo".

All'incontro con Infantino c'erano anche i rappresentanti della federazione della Somalia, uno dei sei Paesi colpiti dal divieto di Trump (gli altri sono Iran, Siria, Sudan, Libia e Yemen), che si applicherebbe dal 16 marzo per 90 giorni. Infantino ha fatto notare che anche la candidatura di Los Angeles per le Olimpiadi estive del 2024 potrebbe essere danneggiata dal divieto.

Già Aleksander Ceferin, capo dell'Uefa, che governa il calcio europeo, aveva avvertito gli Stati Uniti, parlando con il New York Times: il divieto "non aiuterà" il Paese a riavere i Mondiali, ospitati per la prima volta nel 1994. Le candidature devono essere presentate entro il dicembre 2018 e il Paese ospitante (o i Paesi) sarà deciso nel maggio 2020.

Altri Servizi

Questa notte la Cena dei Corrispondenti della Casa Bianca. Senza Trump

E' il primo presidente a mancare da 36 anni a questa parte: la sua protesta contro la stampa nell'evento che celebra la libertà d'informazione

Questa sera a Washington (quando in Italia sarà notte inoltrata) si terrà uno degli eventi più attesi dell'anno: la cena dei corrispondenti della Casa Bianca, il gala annuale in cui di solito il presidente degli Stati Uniti si ritrova con tutti i giornalisti che lo seguono ogni giorno e a cui partecipano anche diverse star. E' un evento durante il quale, tradizionalmente, il Commander in Chief tiene un discorso diverso dal solito e fuori dalle righe, e ne approfitta per scherzare: basti pensare alla cena dello scorso anno, quando Barack Obama lasciò cadere il microfono come un consumato showman alla sua ultima trasmissione televisiva (per vedere la scena, si vada alla fine del video in pagina). Per il 44esimo presidente Usa quella era l'ultima Correspondent's Dinner. Quest'anno, però, il presidente Usa non parteciperà. E' stato Donald Trump ad annunciarlo con largo anticipo in un tweet: "Non parteciperò alla cena dell’Associazione dei Corrispondenti della Casa Bianca. Vi auguro ogni bene e di trascorrere una bella serata".

Apple recluta ex dipendenti Nasa e Tesla per la sua auto autonoma

I loro nomi sono spuntati da documenti riguardanti un permesso, concesso dalle autorità californiane ad Apple, per testare la sua vettura che si guida da sola

Apple preme l'acceleratore sul progetto per la produzione di auto che si guidano da sole. Il produttore dell'iPhone ha reclutato ex dipendenti della Nasa, esperti di robotica ed ex staff di Tesla. E' quanto emerge da documenti ottenuti dal Wall Street Journal e da Business Insider riguardanti il permesso, concesso dalle autorità californiane ad Apple, per testare i suoi veicoli autonomi.

Economia Usa cresciuta al passo più lento dal 2014 nel primo trimestre

Le spese dei consumatori aumentate al ritmo più basso dal quarto trimestre del 2009. Come farà Trump ha raggiungere una crescita annua di almeno il 3% come promesso?
Shutterstock

L'economia americana nel primo trimestre del 2017 si è espansa al passo più lento da tre anni, segno delle sfide con cui l'amministrazione Trump - giunta al suo 99esimo giorno - deve fare i conti per spingere la crescita ad almeno il 3% annuo promesso. Anche se è troppo presto per giudicare l'impatto della nuova presidenza Usa sull'economia, c'è il rischio che dati deboli possano portare a un calo della fiducia (per ora alimentata dalle promesse del miliardario di New York diventato leader della Casa Bianca). Il generale, il rallentamento dei consumi è stato controbilanciato almeno in parte dagli investimenti nel settore immobiliare e quello aziendale.

Primi 100 giorni di Trump, sfuma l'obiettivo di riformare la sanità

Manca il consenso in Aula, i repubblicani devono rimandare il voto. Resta in vigore, per ora, l'Obamacare
Ap

Cancellare e sostituire l'Obamacare era uno dei principali obiettivi dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca, ma il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, li festeggerà domani senza averlo raggiunto.

Trump: "Possibile un enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord

Il presidente statunitense intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. "Pensavo sarebbe stato più facile, ho più lavoro di prima. Mi manca la mia vecchia vita"

Donald Trump avverte della effettiva possibilità di un "enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord, anche se lui preferirebbe risolvere la crisi per vie diplomatiche. Il nuovo monito arriva in una intervista rilasciata all'agenzia Reuters in occasione dei primi cento giorni della sua presidenza.

Cento giorni di Trump: tutte le proteste contro il presidente

Donne, immigrati, scienziati: ecco chi ha manifestato contro il 45esimo inquilino della Casa Bianca
AP

Sabato 29 aprile, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, festeggia i suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. Cento giorni scanditi, anche, dalle proteste di chi non si rassegna ad averlo come 45esimo capo di Stato, iniziate il giorno del suo insediamento.

Exxon e Chevron danno segni di ripresa, i conti battono le stime

Nel primo caso, profitti più che raddoppiati. Nel secondo, il gruppo è tornato in utile grazie a una ripresa dei prezzi del petrolio

La ripresa dei prezzi del petrolio ha permesso ai gruppi americani Exxon Mobil e Chevron di tirare il sospiro di sollievo. Nel primo caso, dopo nove trimestri di fila con utili in calo su base annuale, i profitti sono più che raddoppiati nei primi tre mesi del 2017 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Nel secondo, il gruppo è tornato all'utile.

Come sfuggire al traffico? Elon Musk sogna tunnel sotterranei high-tech

Il numero uno di Tesla e SpaceX si dedica a un nuovo progetto con la sua Boring Company. Per lui le auto volanti - che Uber vuole testare entro tre anni - non saranno una soluzione

Mentre Uber dice che testerà le auto volanti entro tre anni, Elon Musk punta a una rete sotterranea di autostrade high tech. Il fondatore e numero uno del produttore di auto elettriche Tesla e della società aerospaziale SpaceX ha presentato un video del progetto della sua ennesima azienda chiamata The Boring Company. In esso si vede una vettura che, al posto di rimanere imbottigliata nel traffico, viene calata dalla strada tradizionale dopo essersi posizionata su una sorta di piattaforma che funge da ascensore. La vettura stessa viene cos" trasferita in un tunnel sotterraneo dove - restando su quella piattaforma - può arrivare a viaggiare fino a 200 chilometri all'ora.

Dal muro con il Messico alla riforma fiscale: i primi 100 giorni di Trump

Un periodo trascorso tra promesse, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni. Tra i momenti più importanti, il record del Dow Jones, la bocciatura della riforma sanitaria alla Camera, gli screzi con gli alleati della Nato, i missili lanciati in Siria

Sabato 29 aprile, sarà il centesimo giorno di Donald Trump alla Casa Bianca. Un periodo che, di solito, permette di dare un primo giudizio sul lavoro, in questo caso, del 45esimo presidente degli Stati Uniti. Un periodo ricco di eventi, notizie, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni, a Washington e nel resto del Paese.

Amazon: nel primo trimestre, utili e ricavi cresciuti più delle stime

La divisione di cloud computing continua a premiare. Svelate per la prima volta le vendite associate alla logistica. Nuovo record per il titolo del gruppo
AP

Amazon ha chiuso il primo trimestre del 2017 con utili saliti annualmente del 41% e ricavi in aumento del 23% superando le stime degli analisti.