La Fifa avverte Trump: con il 'Muslim ban', addio Mondiali 2026

Gli Stati Uniti dovrebbero presentare la propria candidatura per l'evento sportivo più seguito al mondo, forse insieme a Canada e Messico. Il divieto "non aiuterà" nemmeno Los Angeles per le Olimpiadi estive del 2024

Il divieto di ingresso temporaneo per i cittadini di sei Paesi musulmani ordinato dal presidente Donald Trump potrebbe far deragliare la candidatura degli Stati Uniti a ospitare i Mondiali di calcio del 2026. A lanciare l'avvertimento è stato Gianni Infantino, il presidente della Fifa, la federazione internazionale che governa il calcio, dopo un meeting a Londra con i dirigenti delle federazioni calcistiche di tutto il mondo.

Vista la rotazione tra continenti per ottenere l'organizzazione della competizione più seguita al mondo, gli Stati Uniti sono considerati il Paese favorito per l'edizione del 2026, per cui potrebbe presentare la candidatura da solo o con Messico e Canada. Il nuovo ordine esecutivo firmato da Trump sarebbe però incompatibile con le regole per il Paese ospitante di una competizione, ha commentato Infantino. "Qualsiasi squadra, compresi sostenitori e dirigenti, che si qualifichi per la Coppa del Mondo ha bisogno di avere accesso al Paese, altrimenti non ci può essere una Coppa del Mondo".

All'incontro con Infantino c'erano anche i rappresentanti della federazione della Somalia, uno dei sei Paesi colpiti dal divieto di Trump (gli altri sono Iran, Siria, Sudan, Libia e Yemen), che si applicherebbe dal 16 marzo per 90 giorni. Infantino ha fatto notare che anche la candidatura di Los Angeles per le Olimpiadi estive del 2024 potrebbe essere danneggiata dal divieto.

Già Aleksander Ceferin, capo dell'Uefa, che governa il calcio europeo, aveva avvertito gli Stati Uniti, parlando con il New York Times: il divieto "non aiuterà" il Paese a riavere i Mondiali, ospitati per la prima volta nel 1994. Le candidature devono essere presentate entro il dicembre 2018 e il Paese ospitante (o i Paesi) sarà deciso nel maggio 2020.

Altri Servizi

Visa: conti oltre le stime grazie a "spinta economica" e Visa Europe

Il gruppo che gestisce una rete di pagamenti ha alzato l'outlook per l'intero esercizio fiscale

Grazie a un aumento dei volumi di pagamento, merio anche all'acquisizione di Visa Europe, Visa ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili in netto rialzo tanto che il gruppo che come MasterCard gestisce transazioni di carte di credito e bancomat ha alzato le stime per l'anno: i profitti sono arrivati a quota 2,06 miliardi di dollari, o 86 centesimi per azione, dai 412 milioni, o 17 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'esercizio precedente; gli analisti si aspettavano un risultato pari a 81 centesimi per azione. I ricavi operativi sono balzati del 26% a 4,57 miliardi di dollari, sopra le previsioni per 4,36 miliardi attesi dal mercato.

Wall Street, attenzione rivolta alla Bce

Il governatore Draghi: "pronti ad aumentare" il QE se sarà necessario
AP

Giro di vite in vista sull'immigrazione illegale, Trump studia norme più severe

Al vaglio la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione.
Immigration and Customs Enforcement

Nuovo giro di vite in vista negli Stati Uniti sull'immigrazione illegale. L'amministrazione Trump sta valutando la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione di alcuni immigrati senza regolare permesso di soggiorno.

Microsoft: il cloud computing spinge gli utili oltre le stime

Nel suo quarto trimestre fiscale, il gruppo informatico ha più che raddoppiato i profitti a 6,51 miliardi di dollari. LinkedIn contribuisce 1,1 miliardi.

Nel suo quarto trimestre fiscale, chiuso il 30 giugno scorso, Microsoft ha registrato utili netti per 6,51 miliardi di dollari, o 83 centesimi per azione, più del doppio rispetto ai 3,12 miliardi dello stesso periodo del 2016. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono saliti a 98 centesimi da 69 centesimi, sopra il consenso per 71 centesimi. I ricavi sono aumentati a quota 24,7 miliardi, oltre le stime per 24,27 miliardi.

O.J. Simpson ottiene la libertà vigilata, uscirà dal carcere a ottobre

Accusato dell’omicidio dell’ex moglie, venne assolto. Adesso è in prigione per rapina a mano armata e ha scontato nove dei 33 anni a cui è stato condannato
Ap

Sessions risponde a Trump: resto segretario alla Giustizia

Il presidente Usa ha detto che non lo avrebbe scelto se avesse saputo che si sarebbe astenuto dal Russiagate
Ap

Trump attende, i repubblicani lontani da un'intesa sulla riforma della sanità

Il presidente vuole piegare il Congresso al suo volere, ma il partito non sembra in grado di trovare i voti necessari per l'approvazione di un piano che sostituisca l'Obamacare
Ap

Calcio: la lega italiana in roadshow fa tappa a New York

Presente anche James Pallotta, presidente della Roma: per lui "è questione di settimane per l’ok al nuovo stadio". Totti? Sarà parte della squadra "per sempre"

Alcoa torna all'utile ma taglia l'outlook

il più grande produttore di alluminio al mondo ha però alzato le previsioni sulla domanda
ap

Qualcomm: senza Apple, utili trimestrali -40%

Il produttore dell'iPhone ha bloccato il versamento delle royalties al principale produttore di chip per smartphone
Qualcomm