La fondatrice di Kate Spade morta a 55 anni

La fashion designer ritrovata morta nel suo appartamente a Manhattan. Apparente suicidio

Kate Spade, fashion designer famosissima negli Stati Uniti, è stata trovata morta nel suo appartamento di New York. Aveva 55 anni.

La fondatrice dell'omonimo marchio di borse e abbigliamento di alta gamma si sarebbe suicidata. 

Kate Spade, il cui nome legale era Katherine Noel Brosnahan, è stata trovata dalla donna delle pulizie. Pare abbia usato una sciarpa per impiccarsi nel suo appartamento su Park Avenue, una delle vie più prestigiose di Manhattan. La figlia di 13 anni non era a casa al momento del ritrovamento.

La fashion designer ha lasciato una nota scritta, hanno riferito le autorità. Nata a Kansas City, incontrò Andy Spade, colui che è poi diventato suo marito mentre era studente della Arizona State University, dove si laureò in giornalismo. In una intervista del 2006 disse che si incontrarono "in un piccolo negozio di abbigliamento". La coppia si trasferì a New York dove Brosnahan divenne responsabile per la moda del magazine femminile Mademoiselle. Poi nel 1993, insieme a due altri partner, i due avviarono la famosa linea di borse e accessori.

Brosnahan vendette una quota di maggioranza del suo brand a Neiman Marcus nel 1999. Nel 2006 i grandi magazzini di lusso cedettero poi quel business a Liz Claiborne, che cambiò nome in Kate Spade. Nel 2007 la stilista uscì completamente dal suo marchio, che lo scorso anno è stato venduto al rivale Coach (ora noto come Tapestry) in una operazione da 2,4 miliardi di dollari. Dopo una pausa sabbatica dal settore della moda, vi fece ritorno nel 2016 lanciando un nuovo brand, Frances Valentine.

Al Nyse, il titolo Tapestry ha ceduto lo 0,86% a 44,76 dollari ma era sceso fino a 43,86 dollari non appena era giunta notizia dell'apparente suicidio.

Altri Servizi

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

Facebook ha smentito quando riportato da un sito australiano, secondo cui al Ceo Mark Zuckerberg "non importa" nulla degli editori e che il social network li lascerebbe morire se non cooperano con il gigante tecnologico. Stando alle indiscrezioni del The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch - il manager responsabile delle partnership nel campo dell'informazione (Campbell Brown) avrebbe messo in guardia i gruppi editoriali che non vogliono lavorare con l'azienda californiana. Lo avrebbe fatto la settimana scorsa durante un incontro a Sidney: "Vi terrò per mano mentre il vostro business muore, come si fa in un hospice". Facebook ha reagito dicendo che i commenti "sono stati decontestualizzati".

Fox "resta impegnato" a comprare Sky: chiuso un anno con utili +49%

I conti dell'ultimo trimestre hanno superato le stime.
iStock

Nei tre mesi chiusi il 30 giugno scorso, 21st Century Fox ha registrato profitti e ricavi superiori alle previsioni degli analisti. Il colosso dell'intrattenimento parte della galassia Murdoch ha così archiviato l'intero anno fiscale con utili attribuibili ai soci di 4,48 miliardi, in rialzo del 49%, e ricavi per 30,4 miliardi (+7%).

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Trump vuole una Space Force, Pence: "Sarà la sesta forza armata Usa"

Il vicepresidente, parlando dal Pentagono: "Non vogliamo essere solo presenti nello spazio, ma dominare"

Anche lo spazio è un campo di battaglia e per questo è il momento di istituire un esercito spaziale statunitense. Lo ha annunciato il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, con un discorso tenuto al Pentagono per presentare il piano fortemente voluto dal presidente Donald Trump.

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap