La guerra ad Amazon dei piccoli rivenditori passa dalla competizione tra corrieri

Le compagnie specializzate nel trasporto merci sono la chiave di volta per salvare i piccoli rivenditori dal colosso dell’e-commerce
AP

Le compagnie specializzate nel trasporto merci, siano esse startup o punti di riferimento del settore delle consegne, sono in lotta per aiutare i piccoli rivenditori a competere con Amazon, il gigante dell'e-commerce che fa del trasporto gratuito entro due giorni uno dei suoi migliori servizi. Come riporta il Wall Street Journal infatti le compagnie che si occupano di logistica e trasporto hanno registrato negli ultimi anni un forte incremento di domande da parte di tutti quei rivenditori la cui sopravvivenza è messa a rischio da Amazon Prime, servizio che fa della consegna gratuita dei prodotti entro 48 ore dall’ordine il suo punto di forza.

Sembra infatti che ci sia una vera e propria corsa da parte dei retailer per offrire una consegna veloce e conveniente a tutti coloro che vedono in Prime un competitor capace di uccidere le vendite online. Stiamo parlando di piccole startup specializzate nella vendita al dettaglio ma anche di compagnie nazionali che non hanno le capacità economiche di Walmart e Amazon e che affidano il trasporto e la consegna delle loro merci a corrieri specializzati.

In sostanza si tratta di un cambio di strategie anche per aziende come FedEx che fino a qualche anno fa preferivano lavorare principalmente con i grandi rivenditori capaci di garantirgli migliaia di spedizioni al giorno. Oggi i corrieri espressi hanno cambiato rotta decidendo di puntare anche su piccole vetrine online che vogliono accedere ad una rete nazionale in grado di garantire al cliente di ricevere l’ordine entro due giorni.

La capacità di Amazon rimane comunque fuori portata anche se, come dichiarato da Stefan Weitz, a capo del reparto prodotti e strategie di Radial, che gestisce gli ordini di circa due dozzine di magazzini e negozi online. Secondo Weitz "non esiste nessun universo in cui si possa battere la capacità di spedizione e consegne di Amazon", ma questo non è un problema poiché lo scopo della sua azienda e "offrire un servizio di pari livello ai propri clienti". Radial, nata dalla fusione di Innotrac Corporation e l'unità di servizi alle imprese di eBay, ha un valore di un miliardo di dollari, è di proprietà di Sterling and Partners, fondo di private equity e lavora con catene nazionali, tra cui Dick Sporting Goods e PetSmart.

Per quanto riguarda FedEx, invece, lo scorso febbraio ha annunciato di aver avviato un nuovo servizio di spedizione per i piccoli rivenditori. L’azienda americana con base in Tennesse è in grado di garantire lo stoccaggio ad un massimo 400 rivenditori in un centro di distribuzione di Indianapolis ed è pronta ad aprirne un altro nel sud della Florida, come dichiarato da Ryan Kelly, Senior Vice President di FedEx. Per quanto riguarda la spedizione poi, una piattaforma tecnologica ridistribuisce l’inventario in altre location in modo tale da poter raggiungere il 98% degli americani entro due giorni dall’ordine.

Si tratta di una grande novità poiché questa tipologia di servizio era offerto fino a pochi mesi fa solo ai grandi magazzini o ad importanti rivenditori in grado di occupare da soli interi impianti di stoccaggio. Ma non finisce qui perché nell’universo dello "shipping" sono entrate anche nuove startup come ShipBob che opera Los Angeles, Chicago e Brooklyn o Red Stag Fulfillment che invece ha nel Tennessee e Utah le sue aree di interesse. Si tratta di aziende che raggruppano centinaia di clienti garantendo loro prezzi più convenienti rispetto a quanto potrebbero ottenere da soli.

Come sottolinea il Wsj Amazon è stata pioniera di molte di queste tattiche e proprio per questo rappresenta un maximum difficilmente raggiungibile. Secondo Satish Jindel, presidente della società di ricerca SJ Consulting Group "Amazon sta riscrivendo le regole della logistica" poiché fanno tutto "dalla A alla Z, dando visibilità al cliente, assicurandosi che il prodotto è disponibile e prendendosi cura dell’ordine".

 

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai sussidi di disoccupazione

In programma anche il dato sulla vendita di case esistenti
iStock

Tiffany: i conti brillano, annuncia piano di buyback da 1 miliardo di dollari

Utili +53% a 142 milioni di dollari. Ricavi +15% a 1 miliardo. Outlook per il 2018 migliorato

Tiffany brilla nel pre-mercato, dove il titolo della catena di gioiellerie vola del 14,5% a 117,10 dollari. Il gruppo ha pubblicato conti che hanno battuto le stime sotto ogni punto di vista e ha annunciato un nuovo piano di riacquisto di titoli propri per 1 miliardo di dollari.

Trump valuta nuovi dazi sulle auto importate

Potrebbero arrivare fino al 25%. L'amministrazione Usa userebbe 'scuse' legate alla tutela della sicurezza nazionale
AP

L'amministrazione Trump sta valutando se imporre nuovi dazi, fino al 25%, sulle auto importate in Usa. La mossa di Washington sarebbe giustificata per motivi di sicurezza nazionale; si tratta degli stessi motivi con cui gli Stati Uniti hanno cercato di convincere - inutilmente - della bontà delle tariffe doganali pari a 25% sull'acciaio e al 10% sull'alluminio scattate il 23 marzo scorso con alcune eccezioni. La Ue, per esempio, ne è stata esonerata fino al primo giugno. Anche Canada e Messico non sono soggetti alla misura sui metalli importati in Usa mentre negoziano sul Nafta.

Donald Trump chiede l'apertura di un'inchiesta sull'Fbi

Il tycoon domanderà al Dipartimento di Giustizia di accertare eventuali infiltrazioni durante la sua campagna del 2016

Donald Trump ha chiesto al Dipartimento di Giustizia americano di aprire un'indagine per verificare se l’Fbi, o lo stesso Dipartimento, si siano infiltrati nella sua campagna nel 2016. Il presidente americano lo ha scritto su Twitter dopo altri cinguetii domenicali in cui ha attaccato nuovamente la stampa e Hillary Clinton.

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Congresso Usa smantella riforma finanziaria post-crisi in favore delle banche più piccole

Alzato a 250 miliardi di dollari da 50 miliardi il valore degli asset che un istituto di credito deve avere per essere soggetto alle regole più severe

Dopo quasi due mesi, anche la Camera Usa ha spianato la strada a un indebolimento della regolamentazione bancaria entrata in vigore dopo la crisi del 2008.

Usa ritirano invito fatto alla Cina per partecipare a esercitazione militare

Si chiama Rimpac, coinvolge 27 nazioni ed è prevista nel Pacifico a giugno. Washington contro la militarizzazione delle isole controverse nel Mar Cinese Meridionale
U.S. Department of Defense

Gli Stati Uniti hanno ritirato l'invito fatto alla Cina di partecipare a una esercitazione militare internazionale prevista il mese prossimo nell'Oceano Pacifico. Così facendo il Pentagono ha lanciato a Pechino un segnale di disapprovazione per quello che Washington considera un rifiuto a fermare la militarizzazione delle isole controverse nel Mar Cinese Meridionale. Il tutto succede mentre la prima e la seconda economia al mondo trattano per evitare una guerra commerciale.

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Wall Street digerisce bene le minute della Fed

Banca centrale disposta a fare correre per un po' l'inflazione sopra il 2%. Ma le incertezze fiscali e commerciali pesano sulla fiducia delle aziende
iStock

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley
ICE

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.