"La La Land" sbanca ai Golden Globe. Meryl Streep attacca Trump

Musical da record con sette premi. "Moonlight" miglior film drammatico. L'attrice boccia la "performance" del presidente eletto che imitò un giornalista disabile in un comizio

La notte dei Golden Globe è stata dominata da "La La Land", dalla diversità e dal discorso critico di Maryl Streep contro Donald Trump, il 45esimo presidente degli Stati Uniti.

I premiati
Il musical pieno di jazz ha vinto ben sette premi, un record per la cerimonia giunta alla sua 74esima edizione e che anticipa di un mese gli Oscar. Era dal 1979 che una pellicola non riceveva più di quattro Globe; in quell'anno "Midnight Express" ne portò a casa sei. "La La Land" ha vinto come migliore musical, attrice (Emma Stone) e attore (Ryan Gosling) protagonista, regia e sceneggiatura (Damien Chazelle), canzone originale (City of Stars) e musica (del compositore Justin Hurwitz).

"Moonlight", la storia di un giovane uomo di colore cresciuto in un'area povera di Miami, avrebbe potuto vincere sei Globe ma ne ha ottenuto solo uno come miglior film drammatico.

Tracee Ellis Ross è stata la prima donna afroamericana a vincere come migliore attrice per la tv (nella serie della Abc "black-ish") dal 1983, quando Debbie Allen fu premiata per "Fame". Senza sorprese, Viola Davis ha vinto come attrice non protagonista in "Fences", film diretto e interpretato da Denzel Washington. A lasciare la bocca aperta ci ha pensato Taylor-Johnson, migliore attore non protagonista di "Animali notturni" di Tom Ford: ha avuto la meglio sul gettonatissimo Mahershala Ali di "Moonlight" (il Remy Danton di "House of Cards, per intenderci). Claire Foy, la Regina Elisabetta della serie "The Crown" prodotta da Netflix, si è aggiudicata il Globe per la migliore serie drammatica.

Le critiche a Trump
Il presentatore e comico Jimmy Fallon ha tenuto a freno le battute di stampo politico: la cerimonia dei Globe "è uno dei pochi posti rimasti in America che ancora onora il voto popolare", ha detto facendo riferimento alle elezioni presidenziali 2016 vinte a sorpresa da Trump; il miliardario ha però ottenuto la maggioranza dei grandi elettori ma non del voto popolare appunto, che ha invece preferito Hillary Clinton.

E' stata Streep a sbottonarsi contro il presidente eletto a 18 giorni da suo giuramento. "Hollywood è piana di stranieri e outsider, e su tu ci butti fuori, non avrai nulla da vedere fatta eccezione per il football e un mix di arti marziali, che non sono arte", ha tuonato l'attrice in lacrime e con una voce flebile (a causa forse di un raffreddore). Salita sul palco per ricevere il Cecil B. DeMille Award, Streep ha spiegato che l'Hollywood Foreign Press Association - l'associazione che sta dietro ai Globe - è parte "dei segmenti della società americana attualmente più denigrati" ossia Hollywood, gli stranieri e la stampa. "Ma chi siamo e cosa è Hollywood?" ha chiesto: "E' solo un insieme di persone che arrivato da altri posti" come lei, cresciuta in New Jersey, o tutte quelle persone che non sono di Los Angeles come Sarah Paulson, Sarah Jessica Parker, Amy Adams, Natalie Portman, Ruth Negga, Viola Davis, Dev Patel e Ryan Reynolds. "Dove sono i loro certificati di nascita?", ha domandato retoricamente richiamando la polemica alimentata da Trump sul vero luogo di nascita di Barack Obama.

In una notte in cui sono state premiate le performance cinematografiche di attori e registi, Streep ha categoricamente bocciato quella di Trump, la persona che "stava chiedendo di sedersi sulla poltrono più rispettata del nostro Paese" e cha ha imitato un giornalista disabile durante un comizio: "Non c'era niente di buono" perché "quell'istinto di umiliare, se fatto da una figura pubblica...dà il permesso ad altri di fare altrettanto". "La mancanza di rispetto, ha continuato l'attrice, "porta alla mancanza di rispetto, la violenza porta alla violenza". Per questo Streep ha chiesto alla stampa di essere oggettiva e critica nei confronti di Trump. E citando Carrie Fisher, la principessa Leila di Star Wars morta il 27 dicembre 2016, Streep ha concluso il suo discorso dicendo: "Take your broken heart, make it into art".

Altri Servizi

Negli Stati Uniti, si festeggia il giorno dei presidenti

Ogni terzo lunedì di febbraio, il Paese celebra i suoi leader. In origine, era solo una festa per commemorare Washington, il primo presidente

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, lo trascorrerà a West Palm Beach, dove è arrivato venerdì, e giocherà a golf; in serata, farà ritorno alla Casa Bianca. Su Twitter, in mattinata, ha augurato "un grande, ma riflessivo, Presidents' Day!". 

La legalizzazione delle scommesse sportive divide gli Stati Uniti

Entro giugno, è attesa una sentenza della Corte Suprema che potrebbe dare il via libera in tutto il Paese, mentre per ora sono consentite solo in quattro Stati. A guidare i contrari è la Ncaa: l'integrità dello sport universitario sarebbe a rischio

In Italia e in molti Paesi d'Europa, le scommesse sportive non sono più un tabù e siamo ormai abituati a vedere le persone scommettere su ogni evento, dalla finale di Champions League alle partite di badminton in Indonesia. Negli Stati Uniti, invece, non è così. Ma le cose potrebbero presto cambiare.

Wall Street, prosegue il momento positivo

Indici verso la migliore settimana in oltre un anno
iStock

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

SpaceX rimanda il lancio di Falcon9

Partirà mercoledì dalla base di Vanderberg e darà il via all'esperimento con cui Musk spera di portare la connessione a banda larga in tutto il mondo
AP

SpaceX ha deciso di rimandare il lancio del suo prossimo razzo Falcon 9, inizialmente previsto per oggi, a mercoledì 21 febbraio così da consentire un ultimo controllo del nuovo cono del muso del razzo.

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

La costruzione di nuove case negli Stati Uniti procede a spron battuto, ma in questa crescita - secondo alcuni esperti del settore immobiliare sentiti da Cnbc - ci sono criticità che prima o poi porteranno a una "profonda crisi". Il problema principale è che si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili, tendenzialmente i più richiesti.

Strage in Florida, Trump attacca l'Fbi su Twitter

Il presidente americano accusa il Bureau investigativo: "Troppo tempo perso a dimostrare la collusione russa con la campagna Trump". Poi risponde anche al generale McMaster

Il presidente americano Donald Trump ha attaccato l’Fbi definendo "molto triste" il fatto che abbia ignorato gli avvertimenti che avrebbero poi portato alla strage di studenti nel liceo della Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. Il tycoon ha usato, come è ormai prassi, il suo account Twitter per scagliarsi contro il bureau investigativo: "Sta trascorrendo troppo tempo nel tentativo di dimostrare la collusione russa con la campagna di Trump. Non c'è nessuna collusione. Ricominci daccapo e ci renda tutti orgogliosi".

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.

AP

Le rotative che ogni giorno portano alla luce i quotidiani potrebbero avere altri 10 anni di vita. A fare questa previsione è stato Mark Thompson, presidente e amministratore delegato di New York Times Company, l'azienda editoriale che pubblica l'omino giornale.