"La La Land" sbanca ai Golden Globe. Meryl Streep attacca Trump

Musical da record con sette premi. "Moonlight" miglior film drammatico. L'attrice boccia la "performance" del presidente eletto che imitò un giornalista disabile in un comizio

La notte dei Golden Globe è stata dominata da "La La Land", dalla diversità e dal discorso critico di Maryl Streep contro Donald Trump, il 45esimo presidente degli Stati Uniti.

I premiati
Il musical pieno di jazz ha vinto ben sette premi, un record per la cerimonia giunta alla sua 74esima edizione e che anticipa di un mese gli Oscar. Era dal 1979 che una pellicola non riceveva più di quattro Globe; in quell'anno "Midnight Express" ne portò a casa sei. "La La Land" ha vinto come migliore musical, attrice (Emma Stone) e attore (Ryan Gosling) protagonista, regia e sceneggiatura (Damien Chazelle), canzone originale (City of Stars) e musica (del compositore Justin Hurwitz).

"Moonlight", la storia di un giovane uomo di colore cresciuto in un'area povera di Miami, avrebbe potuto vincere sei Globe ma ne ha ottenuto solo uno come miglior film drammatico.

Tracee Ellis Ross è stata la prima donna afroamericana a vincere come migliore attrice per la tv (nella serie della Abc "black-ish") dal 1983, quando Debbie Allen fu premiata per "Fame". Senza sorprese, Viola Davis ha vinto come attrice non protagonista in "Fences", film diretto e interpretato da Denzel Washington. A lasciare la bocca aperta ci ha pensato Taylor-Johnson, migliore attore non protagonista di "Animali notturni" di Tom Ford: ha avuto la meglio sul gettonatissimo Mahershala Ali di "Moonlight" (il Remy Danton di "House of Cards, per intenderci). Claire Foy, la Regina Elisabetta della serie "The Crown" prodotta da Netflix, si è aggiudicata il Globe per la migliore serie drammatica.

Le critiche a Trump
Il presentatore e comico Jimmy Fallon ha tenuto a freno le battute di stampo politico: la cerimonia dei Globe "è uno dei pochi posti rimasti in America che ancora onora il voto popolare", ha detto facendo riferimento alle elezioni presidenziali 2016 vinte a sorpresa da Trump; il miliardario ha però ottenuto la maggioranza dei grandi elettori ma non del voto popolare appunto, che ha invece preferito Hillary Clinton.

E' stata Streep a sbottonarsi contro il presidente eletto a 18 giorni da suo giuramento. "Hollywood è piana di stranieri e outsider, e su tu ci butti fuori, non avrai nulla da vedere fatta eccezione per il football e un mix di arti marziali, che non sono arte", ha tuonato l'attrice in lacrime e con una voce flebile (a causa forse di un raffreddore). Salita sul palco per ricevere il Cecil B. DeMille Award, Streep ha spiegato che l'Hollywood Foreign Press Association - l'associazione che sta dietro ai Globe - è parte "dei segmenti della società americana attualmente più denigrati" ossia Hollywood, gli stranieri e la stampa. "Ma chi siamo e cosa è Hollywood?" ha chiesto: "E' solo un insieme di persone che arrivato da altri posti" come lei, cresciuta in New Jersey, o tutte quelle persone che non sono di Los Angeles come Sarah Paulson, Sarah Jessica Parker, Amy Adams, Natalie Portman, Ruth Negga, Viola Davis, Dev Patel e Ryan Reynolds. "Dove sono i loro certificati di nascita?", ha domandato retoricamente richiamando la polemica alimentata da Trump sul vero luogo di nascita di Barack Obama.

In una notte in cui sono state premiate le performance cinematografiche di attori e registi, Streep ha categoricamente bocciato quella di Trump, la persona che "stava chiedendo di sedersi sulla poltrono più rispettata del nostro Paese" e cha ha imitato un giornalista disabile durante un comizio: "Non c'era niente di buono" perché "quell'istinto di umiliare, se fatto da una figura pubblica...dà il permesso ad altri di fare altrettanto". "La mancanza di rispetto, ha continuato l'attrice, "porta alla mancanza di rispetto, la violenza porta alla violenza". Per questo Streep ha chiesto alla stampa di essere oggettiva e critica nei confronti di Trump. E citando Carrie Fisher, la principessa Leila di Star Wars morta il 27 dicembre 2016, Streep ha concluso il suo discorso dicendo: "Take your broken heart, make it into art".

Altri Servizi

Alphabet: i conti tengono nonostante la fuga degli inserzionisti da YouTube

Utili in rialzo del 29% nel primo trimestre e ricavi in aumento del 22%. Il cost-per-clickè sceso del 21% sui siti Google
Shutterstock

Alphabet ha chiuso il suo primo trimestre fiscale con utili per 5,43 miliardi, in rialzo dai 4,2 miliardi dello stesso periodo del 2016 (+29%). Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono passati a 7,73 dollari da 6,02 dollari ma gli analisti si aspettavano quota 7,39 dollari. I ricavi sono aumentati del 22% a 24,75 miliardi, oltre le attese per 24,22 miliardi.

Il legname canadese nel mirino di Trump, gli Usa vogliono dazi al 20%

Dopo le proteste dei produttori di latte Usa per la politica dei prezzi di Ottawa, Washington apre un nuovo fronte nella guerra contro i prodotti provenienti dall'estero. Il governo canadese: "Decisione iniqua e punitiva"

Donald Trump apre un nuovo fronte nella guerra commerciale contro i prodotti provenienti dall'estero venduti negli Stati Uniti. Il bersaglio questa volta è il legname canadese, per il quale la Casa Bianca è pronta a introdurre un dazio punitivo del 20 per cento sulle importazioni (la media di un intervallo che va dal 3% al 24%). La decisione è preliminare: ne ha parlato lo stesso presidente americano ieri durante un incontro con i giornalisti delle testate d'ispirazione conservatrice; la notizia è stata confermata in una intervista al Wall Street Journal dal segretario al Commercio Wilbur Ross.

Amazon: nel primo trimestre, utili e ricavi cresciuti più delle stime

La divisione di cloud computing continua a premiare. Svelate per la prima volta le vendite associate alla logistica. Nuovo record per il titolo del gruppo
AP

Amazon ha chiuso il primo trimestre del 2017 con utili saliti annualmente del 41% e ricavi in aumento del 23% superando le stime degli analisti.

La ricetta di McDonald's per il rilancio funziona, lo dimostra la trimestrale

Le vendite nei ristoranti aperti da almeno un anno sono cresciute a livello globale e in Usa, il mercato di riferimento
iStock

Un'offerta più ampia di hamburger di varie dimensioni, bibite in vendita per un solo dollaro e caffè a due dollari hanno permesso a McDonald's di chiudere un trimestre con conti superiori alle stime del mercato. E negli Stati Uniti è in atto la tanto attesa ripresa.

Trump promette taglio tasse corporate al 15%, resta nodo coperture. Mnuchin: riforma storica

Si rispolvera la teoria che l'economista Arthur Laffer aveva delineato nel 1974: i tagli delle tasse si "pagheranno" da soli con la crescita economica innescata dalla riduzione fiscale.

La tanto attesa proposta di Donald Trump sulla riforma fiscale americana sarà presentata oggi, attorno alle 19.30 italiane. Qualche dettaglio, confermato per altro dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin durante un evento a Washington, si sa già: il presidente proporrà un alleggerimento della tassazione dei profitti generati all'estero e una riduzione dell'aliquota corporate dal 35 al 15%, un taglio maggiore di quello al 28% ipotizzato, senza successo, da Barack Obama e di quello al 25% suggerito dai repubblicani nel 2014.

United: i bonus diventano legati all'esperienza dei passeggeri

Il Ceo non assumerà automaticamente il ruolo di presidente del cda nel 2018, come previsto. La compagnia aerea si riorganizza dopo le polemiche legate al passeggero prelevato violentemente da un aereo in overbooking
United

Bonus dei dipendenti legati all'esperienza dei passeggeri e niente promozione automatica dell'amministratore delegato. Sono queste le principali modifiche organizzative decise da United Airlines, la compagnia aerea travolta dalle polemiche dopo che la polizia aeroportuale di Chicago aveva prelevato di peso un passeggero da un aereo in overbooking della compagnia. Il risultato? L'uomo ultra sessantenne ha perso due denti, ha subito una concussione oltre a una frattura del naso. L'azienda ha rimborsato tutti i passeggeri di quel volo e ha dato il via a un'inchiesta interna.

Trump svela la "maggiore riforma fiscale dal 1986", ma mancano i dettagli

Proposto un taglio dell'aliquota aziendale al 15% dal 35%. Raddoppiato il livello di redditi non tassati per le famiglie. Eliminata la tassa di successione. Obiettivo: spingere crescita (per coprire le entrate che veranno a mancare)

Donald Trump l'ha definita "grandiosa". Il suo consigliere economico la considera "un'opportunità che capita una volta per generazione". Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l'occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare "migliaia di miliardi di dollari" di utili parcheggiati all'estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la "maggiore dal 1986" non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole s" promuovere "uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa" ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento