C'è la mano di Mosca nel doping dilagante in Russia

Un'inchiesta dell'Agenzia mondiale anti-doping conferma quanto raccontato a maggio dalla talpa russa Grigory Rodchenkov, direttore del laboratorio anti-doping della nazione all'epoca delle Olimpiadi di Sochi

Prove schiaccianti confermano quanto aveva detto a maggio la talpa russa Grigory Rodchenkov: c'è il Cremlino dietro le capillari attività di doping durante e prima le Olimpiadi di Sochi del 2014. L'Agenzia mondiale anti-doping (Wada) ha formalmente chiesto al Comitato olimpico internazionale che gli atleti russi non partecipino ai Giochi di Rio, in Brasile, che iniziano il 5 agosto. Il comitato ha deciso di non mettere al bando tutti gli atleti, ma ha ordinato a ciascuno di loro di provare la propria innocenza alle varie federazioni sportive, non considerando validi gli esami delle urine fatti dai laboratori russi. Dei 389 atleti russi 271 sono stati autorizzati a partecipare ai giochi, e 118 sono stati squalificati. 

Rodchenkov, ora in California ma un tempo a capo del laboratorio anti-doping della nazione presieduta da Vladimir Putin, aveva raccontato al New York Times di avere somministrato sostanze dopanti agli atleti di Sochi sotto ordine del ministero dello Sport. 

Richard McLaren, un avvocato canadese a capo del rapporto dall'Agenzia mondiale anti-doping, ha concluso che può confermare “al di là di ogni ragionevole dubbio” che il ministero dello Sport russo si è servito di un complesso sistema di doping che si estendeva ben oltre Sochi. Il governo russo, infatti, “aveva falsificato i risultati degli esami delle urine di atleti in tutti gli sport, prima e dopo quelle olimpiadi”, ha aggiunto McLaren nel suo rapporto. 

Il governo di Putin aveva negato le accuse di Rodchenkov a maggio. Già allora le agenzie antidoping di tutto il mondo si erano messe insieme per convincere il Comitato olimpico internazionale — che fino all'arrivo dell'esito dell'inchiesta aveva difeso l'integrità del Comitato olimpico russo — a cacciare la Russia dalle olimpiadi. Alcuni atleti russi erano già stati espulsi dalle gare di atletica, decisione contestata da Mosca al Tribunale arbitrale dello sport in Svizzera. 

Come aveva rivelato Rodchenkov e come confermato da McLaren, il governo russo aveva aperto e sostituito le bottiglie sigillate (teoricamente impenetrabili, erano state introdotte per la prima volta ai Giochi di Sidney nel 2000) con i campioni di urine degli atleti che avevano vinto medaglie a Sochi. Dietro attività illegali sofisticate, pianificate da anni, ci sarebbe il vice ministro dello sport Yuri Nagornykh — che aveva negato tutto all'epoca dell'articolo del Nyt. Un altro nome menzionato nel report di McLaren è quello di Irina Rodionova — vice direttrice del centro di preparazione sportiva delle squadre nazionali russe — che aveva fornito informazioni a Rodchenkov per sostituire le provette sigillate con dei campioni puliti. Rodionova era anche un membro del comitato olimpico russo.

Nonostante sia stata proprio l’Agenzia antidoping a ordinare l'inchiesta, è stata criticata per non aver reagito ad altre accuse di doping riguardanti la Russia e che risalivano almeno al 2010. Il presidente dell'Agenzia è per altro un membro del Comitato olimpico internazionale e questa vicinanza — dati gli interessi in gioco — potrebbe aver spinto l’Agenzia a non sbirciare negli affari russi anni prima.

Il ministro dello Sport russo ha dichiarato che se l’indagine dell'Agenzia fosse fondata, la responsabilità per l’accaduto sono da attribuire all'Agenzia stessa. Dovevano essere loro, infatti, a monitorare che non ci fossero irregolarità. Il ministro ha aggiunto che prenderà le misure necessarie per punire le persone coinvolte nelle attività di doping nel caso risulti vero quanto emerso dall'inchiesta; il ministro stesso però si rifiuta di riconoscere l’autorità dell’Agenzia e di McLaren nel condizionare l’espulsione o meno della Russia da Rio. 

Il direttore dell’agenzia americana anti-doping ha dichiarato che il report di McLaren rivela un incredibile livello di corruzione nel governo russo. McLaren conferma che la sua investigazione ha trovato documenti scritti, hard drive, file cancellati, migliaia di pagine e condotto analisi forensi ed elettroniche. Si dice “fermamente convinto” della validità del suo rapporto.

Altri Servizi
AP

La crescita globale si sta rafforzando ma servono politiche di sostegno per mantenere lo slancio. Anche perché la produttività è al palo, da ben prima della crisi. E' questo il messaggio di Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale, che dalla capitale americana rilancia il suo mantra: la storia insegna che il protezionismo non ha funzionato. E che è la tecnologia, non la globalizzazione, ad avere causato disuguaglianze. Nella sua Global Policy Agenda, la ricetta per "una economia globale più inclusiva e resiliente" pubblicata nell'ambito dei lavori primaverili dell'istituto di Washington, l'ex ministro francese delle Finanze sottolinea come "le prospettive di breve termine in molte economie avanzate stanno migliorando, con alcune di esse vicine alla piena occupazione. Eppure, un certo numero di economie avanzate sta operando al di sotto del potenziale con l'attività economica frenata dal peso del debito, da sistemi bancari deboli e dall'incertezza sulla crescita futura".

Trump a Gentiloni, Europa forte è importante. In Libia nessun ruolo

Con Italia "amici e partner vitali". Sì a relazioni commerciali "equilibrate, reciproche, eque e a beneficio di ambo i Paesi". Il presidente del consiglio ribadisce impegno finanziario verso la Nato

Un'Europa forte "è importante per gli Stati Uniti", che in Libia non sembrano volere alcun ruolo se non quello di sconfiggere il terrorismo. Sono questi alcuni dei messaggi lanciati ieri da Donald Trump nella conferenza stampa congiunta con Paolo Gentiloni.

Governo Usa: "L'arresto di Assange è una priorità"

Lo ha detto il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions. Trump, mesi fa: "Amo WikiLeaks", nel 2010: "Pena di morte"
Ap

L'arresto del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, è una "priorità" per gli Stati Uniti. Lo ha detto ieri il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, durante una conferenza stampa a El Paso, in Texas. "Aumenteremo ancora i nostri sforzi, e li stiamo già aumentando, contro tutte le fughe di notizie [...] S", è una priorità [arrestare Assange]. Cercheremo di mettere un po' di persone in carcere".

Primo trimestre positivo per General Electric: vira in attivo, fatturato oltre stime

A fare da traino sono state le attività nel settore delle energie rinnovabili, dell'oil & gas, dell'aviazione, della sanità e dei trasporti, ma anche il piano di riduzione dei costi industriali, che prosegue secondo le previsioni.
General Electric

Primo trimestre positivo per General Electric. La conglomerata industriale, che aveva chiuso lo stesso periodo dell'anno scorso in perdita, ha virato in attivo, con utile e fatturato oltre le stime. A fare da traino sono state le attività nel settore delle energie rinnovabili, dell'oil & gas, dell'aviazione, della sanità e dei trasporti, ma anche il piano di riduzione dei costi industriali, che prosegue secondo le previsioni.

United: i bonus diventano legati all'esperienza dei passeggeri

Il Ceo non assumerà automaticamente il ruolo di presidente del cda nel 2018, come previsto. La compagnia aerea si riorganizza dopo le polemiche legate al passeggero prelevato violentemente da un aereo in overbooking
United

Bonus dei dipendenti legati all'esperienza dei passeggeri e niente promozione automatica dell'amministratore delegato. Sono queste le principali modifiche organizzative decise da United Airlines, la compagnia aerea travolta dalle polemiche dopo che la polizia aeroportuale di Chicago aveva prelevato di peso un passeggero da un aereo in overbooking della compagnia. Il risultato? L'uomo ultra sessantenne ha perso due denti, ha subito una concussione oltre a una frattura del naso. L'azienda ha rimborsato tutti i passeggeri di quel volo e ha dato il via a un'inchiesta interna.

Usa, test post-Trump: i repubblicani rischiano in Georgia

Si vota per un seggio alla Camera che il Gop detiene dal 1979. Il malcontento per Trump potrebbe premiare il giovane democratico Ossoff
AP

Dopo la vittoria a fatica in Kansas, la scorsa settimana, i repubblicani statunitensi affrontano un altro test elettorale in Georgia, dove è in palio un posto alla Camera federale. Il giovane democratico Jon Ossoff, 30 anni, potrebbe ottenere un vittoria storica, visto che il seggio del sesto distretto della Georgia, per cui si vota, è in mano ai repubblicani dal 1979; si vota per eleggere il sostituto di Tom Price, che si è dimesso per diventare il segretario alla Salute del presidente Donald Trump.

Trump, ordine esecutivo per difendere prodotti e lavoratori Usa

Il presidente: "I posti di lavoro devono essere offerti prima agli americani", troppi abusi con i visti H-1B. "Grazie a me, vedremo di più la scritta 'Made in USA'"

"I posti di lavoro devono essere offerti prima ai lavoratori statunitensi". Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha cos" annunciato il proprio ordine esecutivo che avrà l'obiettivo di modificare il programma per l'assegnazione dei visti H-1B, che permettono alle aziende statunitensi di assumere lavoratori stranieri che abbiano competenze in settori specifici; si tratta di un visto molto utilizzato dalle società hi-tech, ma che sarebbe stato usato per assumere lavoratori stranieri per posti di lavoro con salari medio-bassi, a scapito degli statunitensi.

Italia: Fmi peggiora stime su deficit e debito, più tasse su patrimoni e immobili

L'istituto di Washington consiglia una riduzione ulteriore del cuneo fiscale. Anche grazie al nostro Paese, stop all'austerità nelle economie avanzate e politica fiscale espansiva in Eurozona nel 2017

Peggiorando le stime su deficit e debito negli anni a venire, il Fondo monetario internazionale preme affinché l'Italia riduca ulteriormente il cuneo fiscale e ricorra a tasse su patrimoni e immobili (il governo Renzi aveva eliminato l'Imu sulla prima casa). Il nostro Paese viene citato dall'istituto di Washington tra quelli che hanno contribuito a mettere fine all'austerità nelle economie avanzate. E grazie anche all'Italia, la politica fiscale nell'Eurozona per il 2017 dovrebbe rimanere espansiva. Inoltre, dice il Fondo, le elezioni in Francia e Germania e magari anche nella nostra nazione potrebbero cambiare il quadro fiscale, ancora alle prese con rischi elevati a causa soprattutto dell'incertezza legata alla politica economica della nuova amministrazione Usa.

Fitch boccia l'Italia, rischi politici aumentati, banche deboli pesano su crescita

Il rating passa a BBB da BBB+, due gradini sopra il livello speculativo. Outlook stabile

Nel giorno in cui il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan ha detto da Washington che l'Italia sta crescendo "ma non abbastanza", Fitch ha bocciato il nostro Paese portandone il rating a "BBB" da "BBB+", due gradini sopra il livello speculativo, con outlook "stabile".

Wall Street: nervosismo aspettando voto in Francia

Ottimismo per la riforma fiscale; gli investitori aspettano le presidenziali francesi
AP